CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Federico Paulovich: tra clinic, tour e lezioni on line
Federico Paulovich: tra clinic, tour e lezioni on line
di [user #116] - pubblicato il

Federico Paulovich è uno dei più apprezzati e sorprendenti batteristi della nuova scena italiana. E’ noto a livello internazionale soprattutto per il lavoro con la su band, i Destrage con i quali si è imposto con un batterismo metal modernissimo, colto ed estremamente tecnico.
Ma la personalità artistica e musicale di Federico è molto più ampia e non circoscrivibile unicamente al metal: come session man ha suonato in ambito pop con Loredana Errore (Amici) e in varie trasmissioni televisive (“Sei un mito”,  “Saturday Night Live”); come artista solista è una presenza costante nei più prestigiosi festival internazionale dedicati al basso e alla batteria: “Euro Bass Day” , “Groove Day” “Percfest International Percussion Festival” “La Rioja Drumming Festival” (Spagna), “AUDW Drumtek Festival” (Australia).
Attivissimo come didatta e clinician ha da poco lanciato un suo sito di lezioni on line.
L’abbiamo incontrato recentemente,  al Namm 2018, dove ci siamo fatti velocemente aggiornare sulle sue tante attività. Con la speranza di ritrovarlo presto, per conoscerlo in maniera più approfondita, tra queste pagine.

Federico Paulovich: tra clinic, tour e lezioni on line

Ciao Federico, ci descrivi il tuo progetto didattico on line?
E' stato un lavoro mastodontico (e non è ancora terminato a dire il vero) perchè ho voluto fare tutto con la massima qualità possibile.
Mi piace davvero tanto insegnare e ho pensato che attraverso il sito, anche chi non può fisicamente venire a lezione da me, può comunque usufruire di quanto ho da offrire didatticamente, anche perchè molti concetti sono farina del mio sacco.
Ovviamente ciò non potrà mai sostituire una lezione tenuta di persona e sarebbe ipocrita sostenere il contrario, ma reputo che sia comunque un supporto valido soprattutto per le informazioni che contiene, inoltre offre il vantaggio di poter riguardare gli esercizi quante volte si vuole, cosa che di persona non puoi fare.

Spiegaci com’è strutturato…
Ci sono tre possibiltà di percorso, che si possono perfettamente integrare. La prima è l'abbonamento mensile (acquistabile singolarmente, semestrale o annuale), che dà accesso a una video lezione a settimana di livello base/intermedio, la seconda sono gli 8 corsi di perfezionamento di livello intermedio/avanzato, acquistabili separatamente o in blocco, con pdf in allegato, e la terza è la lezione via Skype.
Tutte le lezioni e i corsi sono in inglese e per questi ultimi ci sono anche i sottotitoli in 5 lingue (italiano, inglese, spagnolo, portoghese, giapponese). Esclusivamente per l'italia abbiamo pensato una serie di bundle associati a dei premi gentilmente offerti dai miei amorevoli sponsor; sono andati abbastanza a ruba ma ne è rimasto ancora qualcuno per chi fosse interessato!
Sono molto contento del risultato finale, il sito è graficamente molto bello e la qualità dei video è davvero alta, spero che questa scelta di qualità verrà apprezzata!
 


Sempre a livello di didattica e insegnamento vedo che sei parecchio attivo anche con le clinic...
Devo dire che negli ultimi anni ho avuto la fortuna di fare parecchie clinic sia in Italia che all'estero e, anche nel 2018, sembra esserci ancora una discreta richiesta.

Come le strutturi?
Cerco di strutturare la clinic basandomi su ciò che vorrei vedere se fossi io tra il pubblico; mi piace che ci sia il giusto mix tra intrattenimento, contenuto didattico, partecipazione del pubblico, domande, scambio di opinioni e aneddoti. 
Non mi risparmio mai, do sempre il 101% e di solito suono parecchio: brani, soli e ampie dimostrazioni degli esercizi che vado a proporre. 
Al contempo però voglio che ciascun partecipante torni a casa con qualcosa di concreto su cui lavorare, che è spesso quello che manca alle clinic: si vedono dei grandi performer, ma a volte il contenuto didattico è poco fruibile. 

Hai dato un nome al format della tua clinic: “Man Vs Click”. Ce ne parli?
Il format oramai è piuttosto collaudato e ci posso applicare diversi contenuti; negli ultimi anni ho portato in giro "Man Vs Click", che, come si evince dal titolo, presenta una serie di esercizi per lavorare sul click, volta a migliorare il proprio timing e ad espandere il proprio vocabolario. 
In passato ho affrontato anche altri argomenti, rispettando però la stessa struttura, così quando mi stuferò di fare questa sul click passerò ad un nuovo argomento, ma lo scheletro della clinic sarà già impostato.

Federico Paulovich: tra clinic, tour e lezioni on line

Spostiamoci sulla tua attività artistica: tra poco parti in tour con i Destrage
Sì ad Aprile finalmente partiremo per il nostro primo tour in Nord America (Canada, USA).

Hai già le idee chiare sulla strumentazione che utilizzerai?
A dire il vero la situazione strumentazione è ancora abbastanza in sospeso.
Per fortuna posso contare sul supporto concreto degli sponsor, soprattutto da parte di Sonor, che ha sempre provveduto a farmi trovare lo strumento che chiedevo quando non potevo portare il mio (Australia, Giappone, Singapore, Stati Uniti per esempio), però al momento non so dirti cosa avrò per le mani se non che sarà il mio solito set 5 pezzi.

Come gestirai i tuoi ascolti? 
Vale lo stesso discorso appena fatto per la strumentazione. Per l'europa abbiamo un sistema di gestione degli ascolti che purtroppo non potremo portarci oltre oceano. Sostanzialmente abbiamo un rack 16 unità con il nostro mixer di palco e le centraline dei vari in-ear. Tutti i segnali del palco entrano negli splitter, per cui una copia va al banco e l'altra rimane nel nostro mixer e ognuno di noi puoi gestire i suoi ascolti autonomamente. 
E' una gran comodità perchè in genere una volta fatti gli ascolti per la prima data vanno solo ritoccati ad ogni nuovo soundcheck. Sarebbe figo riuscire a portarselo ma è troppo ingombrante e il costo per il trasporto aereo è proibitivo, quindi ci dovremo arrangiare di volta in volta. Io mi porterò la mia scheda audio e un mixerino e poi si vedrà...

batteristi federico paulovich interviste
Link utili
Il sito di Federico Paulovich
Il sito dei Destrage
La pagina artista di Federico sul sito delle EKO

Mostra commenti     0
Altro da leggere
Marco Minnemann & i Tempi Dispari - Il 5/16
Niente tempi difficili con Marco Minnemann
Simon Phillips e gli ostinato
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Aaron Spears: pensare solo al groove
Aaron Spears: sospensione & pulsazione
Aaron Spears: rullo alternato fra cassa e mani.
Agostino Marangolo e la batteria di "“Quanno Chiove” di Pino Daniele
Agostino Marangolo: musiche da horror
Doppia cassa: non solo ritmica
Linear Fill: il metodo di batteria
Adam Deitch: batterista e produttore
Adam Deitch: tecnica, mani allo specchio
Batteria: 50 dischi fondamentali
Batteria: 50 dischi fondamentali. Miles Smiles di Miles Davis
Questione di resistenza
Seguici anche su:
News
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live
La chitarra sparafulmini degli ArcAttack
Chris Shiflett vende tutto: "ho troppe chitarre!"
La storia del delay
La truffa delle chitarre online a prezzi bassissimi
Ecco perché finirai per acquistare il solito overdrive
La SG trasformata in headless esiste davvero
Un nuovo modello suggerisce i prossimi titolari di Gibson?
Il collezionismo è la morte delle chitarre (a volte)




Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964