VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Behringer denuncia tutti: facciamo chiarezza
Behringer denuncia tutti: facciamo chiarezza
di [user #116] - pubblicato il

Uno sciame di notizie sul web lascia intendere che Behringer abbia portato in causa blog e concorrenti per diffamazione. Arriva il CEO a spiegare l'accaduto.
Nei giorni scorsi, i forum di tecnologia e musica di mezzo mondo sono stati invasi da notizie riguardanti delle denunce che Behringer avrebbe mosso nei confronti di utenti, blogger e realtà concorrenti. La risposta ufficiale di Uli Behringer fa ora chiarezza sulla questione.

"Sono state inviate delle lettere di cease and desist" spiega Uli Behringer, commentando i recenti accadimenti che hanno visto al centro del ciclone il blog cinese Midifan e Dave Smith Instruments.
L'accusa verso di loro è di aver diffamato il colosso dell'elettronica con una serie di articoli e commenti contenenti insinuazioni esplicite circa l'ipotesi che alcuni prodotti Behringer fossero copiati di sana pianta da cataloghi concorrenti.

"La tecnologia è libera per tutti, a meno che non sia protetta" ribatte Uli, arrivando rapidamente al nocciolo della questione.

Behringer denuncia tutti: facciamo chiarezza

L'azienda è nota per diversi prodotti ispirati da vicino per funzioni ed estetica ai classici del mercato musicale, che Midifan marchia come copie belle e buone. Nei suoi articoli è possibile leggere titoli come "La folle copia più recente di Behringer deriva dall'imitazione di un chip di oltre un decennio fa", ma Behringer si difende: "Fare una copia integrale di un prodotto è ovviamente illegale, ma il reverse engineering è qualcosa che ha luogo ogni giorno ed è accettato come parte del processo di sviluppo di un prodotto".

Il chiarimento avviene attraverso una lunga lettera inviata da Uli Behringer a CDM.
La notizia arriva quasi in contemporanea con altre illazioni circa il recente scambio con Dave Smith Instruments, di cui un dipendente avrebbe diffuso dei commenti diffamatori nei confronti di Berhinger. Quest'ultima spiega che un accordo era stato raggiunto con la lettera firmata dal dipendente in cui assicurava che tale comportamento sarebbe cessato, ma il tutto si è ingigantito fino a far discutere il web della possibilità di una causa in corso quando i commenti non hanno smesso di comparire online.

Behringer si dichiara aperta alla critica costruttiva, ma avverte: "Sebbene ci sia la libertà di parola, le parole hanno delle conseguenze e dal momento che siamo tutti soggetti alla legge, le regole dovrebbero essere applicate equamente a tutti".
L'attacco non è mosso nei confronti di tutti i detrattori e il CEO tiene a sottolineare: "Ancora una volta, capisco che le persone abbiano le proprie opinioni e preferenze e lo rispetto pienamente."
behringer
Link utili
La lettera completa su CDM
Mostra commenti     10
Altro da leggere
Vintage: il synth VST Behringer è gratuito per una buona causa
B1: PA portatili da Behringer
Behringer omaggia Mu-Tron con l’Octave Divider
Behringer clona l'iconico 2500 in Eurorack
Mixer Behringer Xenyx X2222 USB
Behringer X32: il software
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
La mia LadyBird
Gibson Les Paul R0 BOTB
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural
Pedaliere digitali con pedali analogici: perché no?!
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964