CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
DV Mark Micro 50 M: piccola peste
DV Mark Micro 50 M: piccola peste
di [user #40175] - pubblicato il

Piccolo, potente e versatile quanto basta, il DV Mark Micro 50 M è una testata a transistor dalla distorsione abbondante che sa farsi valere in più contesti.
In giro a curiosare per negozi, mi trovo davanti un tot di prodotti DV Mark, un marchio che seguo da un po' con interesse ma che non avevo mai avuto la possibilità di provare. In una camera acusticamente isolata, il negoziante mi mette a disposizione per la prova una testata DV Mark Little 250 GH e una Micro 50 M (purtroppo non ne aveva altre in casa), una cassa Marshall 2x12 (non aveva una cassa DV Mark a disposizione) e una bella Gibson Les Paul Traditional 2018. Ha così inizio la prova.

Tralascio i particolari tecnici sulle due testate, ampliamente disponibili sul sito del costruttore. Tenendo conto del genere che suono (rock blues), inizio con la GH che ritengo per me la più adatta. Trovo Il canale pulito veramente bello: bilanciato su tutte le frequenze, mantiene il pulito anche a volumi elevati. L'equalizzazione funziona molto bene e permette di variare molto. Ho trovato molto efficace anche il riverbero (digitale). Il canale drive invece una delusione, sembra spompo, con poca dinamica e soprattutto, abbassando il potenziometro del volume per passare dal saturo al crunch (cosa che io faccio molto), sento il suono letteralmente cadere. Alla fine, testata bocciata a mio giudizio e per le mie esigenze. Magari è indirizzata più verso il genere di Greg Howe, a cui è dedicata, o magari non sono riuscito io a settarla a dovere.

Passo così alla Micro 50 M che, essendo dedicata al metal, ritengo che non faccia per me. Il canale pulito è più o meno come quello della GH, forse un po' più pieno sui bassi a mia impressione, molto bello. Il canale drive invece è da paura. Innanzi tutto non l’ho trovato estremo come pensavo, ma regolando la manopola del drive si possono ottenere suoni molto diversi e adattabili a vari generi. Insomma è molto sfruttabile e, al contrario della GH, con l’escursione del volume si possono ottenere tante sfumature passando dal saturo a un bel crunch twangoso, mantenendo sempre una grande dinamica del suono.
Alla fine, la Micro 50 M ne esce promossa. Il negoziante me la propone a un prezzo molto allettante. La GAS arriva a fondo scala. Comprata.
Esco dal negozio chiedendomi se ho fatto una minchiata ma, fatto 30, fatto 31, ordino la corrispettiva cassa DV Mark sul solito sito tedesco di commercio on-line.

Prova del nove in sala con la band.
La piccola ha volume, tanto volume. Con la manopola a cinque non ho nessuna difficoltà a reggere il batterista che pesta. Si avverte poi una grande definizione del suono su tutti e due i canali, che nel volume generale esce benissimo. Alla fine è promossa a pieni voti, rimane solo da testarla live ma capiterà a breve.

DV Mark Micro 50 M: piccola peste

Tra i pregi, la testata suona tanto e bene ed è molto adattabile. È leggerissima (anche la cassa con cono in neodimio) e quindi trasportabilissima, in 10 kg si ha un sistema completo e per me che soffro di sciatica è un toccasana. Da molto tempo litigo con i miei vecchi valvolari per ragioni di peso e da molto tempo volevo trovare una soluzione in questo senso. È un prodotto moderno, è un prodotto italiano, pagata un prezzo che sembra onesto per un prodotto di qualità di questo tipo (250€ la testa e 300€ la cassa).

Un difetto potrebbe essere l'equalizzazione condivisa. Come già detto da altri qui su Accordo, il canale drive non è completamente indipendente ma è anteposto al canale pulito come fosse un pedale esterno e questo fa sì che quando viene attivato le due equalizzazioni si sommino. Avrei preferito due equalizzazioni separate (peculiarità della versione Little 250 M) ma è comunque meglio di una equalizzazione unica per tutti e due. Questo rende regolare i suoni macchinoso e poco immediato perché una variazione sul canale pulito si riflette sul canale drive e non vuol dire che vada bene per entrambi, infatti ho tribolato un po' a trovare le regolazioni giuste. Bisogna tenere conto che per il mio genere musicale utilizzo praticamente due o tre suoni, quindi questo problema l’ho aggirato, ma riconosco che se qualcuno ha una necessità di suoni più variegata non è detto che trovi il giusto equilibrio. Questo è un difetto che secondo me limita le potenzialità espressive di una testata che con equalizzazione separata sarebbe molto più sfruttabile.
Con il pedale si possono commutare i canali ma non il riverbero (a me questo non interessa, ma a qualcuno sì)

In definitiva non suona come un valvolare, per un motivo molto semplice: non ha le valvole e gli altri componenti che sono peculiarità di un amplificatore valvolare. Questo è un transistor che presumo lavori in classe D, non emula nessun modello storico ma ha una voce sua ben precisa. Come detto prima, il suono che esce è molto definito (si potrebbe dire tipo hi-fi per rendere l’idea, vedete voi se è un pregio o un difetto) e nel contesto della band esce molto bene, il che è molto importante. Ma, ripeto, non suona, non può e non vuole suonare come un valvolare. È un buon ampli a transistor. Sono il primo a dire che il feeling di un valvolare di qualità è altra cosa ma tenete conto che, se un valvolare suona per un voto 10, questo comunque suona da voto 8.
È leggero e trasportabe ovunque senza dover chiamare un’impresa di traslochi e, essendo a transistor, si presume molto più robusto e affidabile. Ditemi voi se non vi viene mai la paranoia che il vostro super amato valvolare vi molli sul più bello. A me questo è successo e anche ad altri miei amici chitarristi.

DV Mark Micro 50 M: piccola peste

In conclusione questo prodotto per me costituisce un ottimo compromesso che al momento soddisfa tutte le mie esigenze. Poi in futuro (vedi GAS) vedremo.
Ci tengo a dire che queste sono opinioni assolutamente personali che derivano dalle mie impressioni. Un altro che ha testato lo stesso prodotto può ovviamente aver avuto idee totalmente diverse dalle mie. Un plauso va infine al personale DV Mark che è stato molto gentile e disponibile a darmi al telefono un paio di informazioni di cui avevo bisogno.
amplificatori dv mark gli articoli dei lettori micro 50 m
Mostra commenti     7
Altro da leggere
Boss Nextone: analogico e digitale a un nuovo livello
EKO S350V Daphne Blue
6 riff horror per un Halloween spaventoso
TC contro EHX: tre digital delay a confronto
Come impostare un compressore
In vendita gli strumenti di Marty Friedman con i Megadeth
Seguici anche su:
News
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live
La chitarra sparafulmini degli ArcAttack
Chris Shiflett vende tutto: "ho troppe chitarre!"
La storia del delay
La truffa delle chitarre online a prezzi bassissimi
Ecco perché finirai per acquistare il solito overdrive
La SG trasformata in headless esiste davvero
Un nuovo modello suggerisce i prossimi titolari di Gibson?
Il collezionismo è la morte delle chitarre (a volte)




Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964