HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Agostino Marangolo: come suonare
Agostino Marangolo: come suonare "A me me piace o Blues"
di [user #116] - pubblicato il

"A me me piace o Blues" è un inno per tanti musicisti. Una canzone perfetta, suggestiva presente nel disco più amato di Pino Daniele, "Nero A Metà". Oggi, guidati da Agostino Marangolo, il batterista che l'ha incisa, impariamo a suonarne la parte di batteria, caratterizzata da un insidiosissimo intro in sedicesimi, orchestrati con tanti anticipi.
"Nero A Metà" è uno dei dischi più popolari e amati di Pino Daniele.
Uscito nel 1980, questo album ha venduto 300.000 copie e rappresenta, forse, la fotografia più efficace della magistrale capacità di Pino Daniele di contaminare la musica d’autore Italiana con quella partenopea, cucendogli addosso arrangiamenti perfetti e pregni delle più raffinate (e per allora moderne) inflessioni funk, blues, e fusion (nell’accezione più aperta e illuminata del termine.)
In questa operazione magnifica, il merito va anche alla rosa straordinaria di musicisti coinvolti nelle registrazioni di quel disco: James Senese, Enzo Avitabile, Mauro Spina, Ernesto, Vitolo...
Tra questi, dietro le pelli della batteria sedeva, Agostino Marangolo. Nel pezzo "A me me piace o' Blues” diventato una sorta di inno generazionale per tanti musicisti, Marangolo suona una parte di batteria spettacolare, rimasta impressa nell’immaginario di tanti batteristi come uno degli esempi più efficaci di virtuosismo, preziosismo strumentale, calato con maestria e ossequioso rispetto dell’arrangiamento, in una canzone.

Agostino Marangolo: come suonare "A me me piace o Blues"

“Con Pino Daniele mi è capitato di scrivere e suonare alcuni passaggi di batteria che, in qualche modo, hanno fatto la storia. Ancora oggi in tanti mi chiedono ragguagli su come suonare certe parti: la sestina in trentaduesimi di "Chillo è nu buono guaglione"  di Sciò Live; i gruppi di cinque che usavo negli stacchi finali di “Je sto vicino a te”; o l’intro di “A me mi piace O Blues” che si basa su anticipi di sedicesimi. Un tipo di figura ritmica che per un italiano, abituato a “tarantellare” e suonare in battere può non essere immediata.”



Andando a suonare la parte spiegata da Marangolo, l’aspetto più importante da sottolineare è l'andamento degli accenti sullo stacco: questi cascano sul levare del secondo sedicesimo sui primi tre movimenti e sul secondo e quarto sedicesimo, sul quarto movimento.
Per rendere più chiara questa scansione ritmica, Marangolo suona una sequenza di sedicesimi sul charleston accompagnati dalla cassa sul battere ed esegue, sulla seconda misura, gli accenti sopra indicati con la mano sinistra. Ecco la trascrizione:

Agostino Marangolo: come suonare "A me me piace o Blues"

A questo punto, inserisce il groove del brano e sulla seconda misura orchestra gli accenti sul rullante all'unisono con il charleston aperto sui primi tre movimenti e su cassa e piatti sul quarto movimento. Anche il groove sulla prima misura respira su un andamento prevalentemente in levare. 
Ecco come si presenta la parte:

Agostino Marangolo: come suonare "A me me piace o Blues"

Studiando la partitura si osserva come sia sull'incipit della misura di partenza, sia sul secondo movimento del groove, ci sia una legatura di valore fra il quarto sedicesimo e il primo ottavo del movimento successivo. Questa garantisce una tensione ritmica che si scosta dai classici portamenti appoggiati sul battere.



Trascrizioni e analisi musicale di Erik Tulissio
agostino marangolo lezioni di batteria pino daniele
Link utili
Acquista "Nero A Metà"
Altro da leggere
Pubblicità
Pino Daniele: Nero a metà...
Come costruire un assolo di batteria...
Agostino Marangolo e la batteria di "“Quanno Chiove” di...
Agostino Marangolo: musiche da horror...
Pubblicità
Intervista a Dave Abbruzzese: da icona grunge a produttore...
Linear Fill: il metodo di batteria ...
Adam Deitch: batterista e produttore...
Massimo Moriconi: la tecnica serve per fare musica...
Batteria: 50 dischi fondamentali. Miles Smiles di Miles...
Batteria: 50 dischi fondamentali. Nevermind dei Nirvana...
Dei Lazzaretti: chi non va a tempo, suona da solo...
Quando il batterista è diventato protagonista...
Basta primi piano al chitarrista: vogliamo il batterista...
Roberto Gualdi: "Essere se stessi è l'unica vera ricchezza"...
Curiosità, ascolto e studio: così si cresce nella musica...
Davide Ragazzoni: "Artisti, siate come l'aglio"...
Un artigiano della musica...
Non ascoltare il metronomo. Sentilo...
Batteria: 50 dischi fondamentali. "The Madness of Many"...
Lettura & versatilità...
I 5 batteristi migliori dell'Universo...
Paiste Pstx: splash, hats e crash. Attacco e decadimento a...
Commenti
di roccog [user #30468] - commento del 10/08/2018 ore 18:07:37
Emozionante. Pelle d'oca. Una pagina di storia.
E un nodo in gola che ancora non va giù...
Rispondi
di claude77 [user #35724] - commento del 10/08/2018 ore 18:49:02
Da brivido. Semplicemente meraviglia
Rispondi
di bluesfever [user #461] - commento del 10/08/2018 ore 20:58:57
Meraviglia, brani che superano gli anni e le mode, rimangono intatti nella loro freschezza e forza, e che continuano a stupire e ad insegnare.
Rispondi
di qualunquemente1967 [user #39296] - commento del 10/08/2018 ore 22:28:46
Agostino e' semplicemente favoloso ! Da chitarrista ho sempre amato il suo modo estremamente elegante ! Accompagna in modo delizioso sempre al servizio del brano ! Questo intro e' perfetto bellissimo ... non so veramente cosa aggiungere per onorare un batterista di cosi grande spessore musicale artistico ! Grazie Per averci fatto sognare ! Ciao
Rispondi
di silente [user #11800] - commento del 11/08/2018 ore 13:06:29
Assolutamente un grande.
Rispondi
di Baconevio [user #41610] - commento del 13/08/2018 ore 10:18:0
al di là di tutto, è giusto ricordare che il manifesto di pino daniele fu arrangiato dal suo bassista, gigi de rienzo.
Rispondi
di masterdrummer [user #21577] - commento del 13/08/2018 ore 15:15:57
E' il pezzo che ha ispirato e dato il via alla mia brillante carriera di batterista ed in particolare il suono del cowbell e come si incastra nel grove.
Che nostalgia...
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Basso elettrico: studiare con il metronomo
Maurizio Solieri, curiosando "Dentro e Fuori dal Rock'n' Roll"
Doyle Bramhall II, "Shades": splendida ruvidità e genuinità artistica.
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964