CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
A scuola di Djent
A scuola di Djent
di [user #116] - pubblicato il

Andrea Evangelista è un giovane e brillante chitarrista e didatta che dalla prossima settimana ci guiderà alla scoperta del chitarrismo ritmico di band com e Animals As Leaders, Tesseracts, Meshuggah, Monuments e Nevermore. Lo conosciamo meglio in questa intervista in cui Andrea dispensa anche qualche prezioso confezionare un suono giusto per suonare e studiare Djent.
Chi sono i tuoi riferimenti chitarristici?
Sono partito con la vecchia scuola del metal che resta, comunque, un riferimento.
Nel tempo però, mi sono avvicinato molto alle ultime frontiere del chitarrismo Progressive e Metal, tutta la scena Djent. Tosin Abasi o Jeff Loomis per esempio, nomi a cui tra l’altro mi sono ispirato per confezionare queste lezioni. Della scena moderna, pur restando nello stesso filone Djent e Progressive, seguo anche chitarristi più melodici come Plini o Aaron Marshall.

A scuola di Djent

E viceversa, dal punto di vista solistico?
Da un punto di vista più solistico ho grandi riferimenti nel chitarrismo Fusion: Frank Gambale e Guthrie Govan credo mi abbiano profondamente influenzato e stimolato nella creazione del mio fraseggio.
 
Tosin Abasi è forse il chitarrista più rappresentativo della scena Djent...
Sì. Nel suo playing ci sono davvero molti elementi profondamente innovativi. Abasi ha introdotto nella chitarra metal una componente percussiva che non era mai stata sviluppata a questi livelli. Molti chitarristi avevano sperimentato con lo slap in ambiti fusion e funk, ma nessuno aveva elaborato un linguaggio così originale e coerente con l’estetica progressive e metal. Quasi tutto il riffing degli Animals As Leaders, che poi è anche la parte più suggestiva della loro produzione, è costruita con lo slap.

Abasi ti piace anche dal punto di vista solistico?
Abasi è affascinante anche dal punto di vista melodico dove attinge a piene mani a elementi vicini alla fusion con forti richiami al linguaggio di Allan Holdsworth con dissonanze e richiami al jazz.

A scuola di Djent
 
Ascoltando i riff che hai confezionato per queste lezioni, si sentono delle cose armoniche molto particolari...
Le cose più interessanti dal punto di vista armonico arrivano dall’utilizzo delle corde a vuoto che interagiscono con le note in gioco dei vari accordi creando delle dissonanze forti e caratteristiche del genere. Sono importanti anche i cluster formati sugli intervalli più brevi che garantisco sonorità peculiari per questo genere.
 
Parliamo di suono. Nel Djent l’amplificatore valvolare resta ancora la prima scelta?
No, purtroppo – e non me ne vogliano i puristi – in questo genere il valvolare è stato sostituito dal digitale che si è rivelato molto più versatile nella creazione e gestione tanto dei distorti che dei clean super effettati.
 
Ci dai qualche dritta per creare un suono Djent?
Va bene partire da un’equalizzazione a V, tipica del Metal: alte e basse pronunciate e basse scavate. Ma da questa partenza bisogna prendere atto che è necessaria una grande definizione e intelligibilità. Quindi bisogna rinforzare e scolpire le medie, altrimenti la chitarra non buca il mix. Ci sono due controlli poi decisivi: la presence e la depth che sono parametri fondamentali per garantire quella pasta sonora tipica del Djent.
 
djent lezioni
Link utili
La pagina di Andrea
Mostra commenti     1
Altro da leggere
Follie a otto corde con Tosin Abasi
Tosin Abasi – Arpeggi in Sweep Picking
Tosin Abasi – Quadriadi su sette corde col resto di una
Tosin Abasi – Sweep & combinazioni di arpeggi
Tosin Abasi e le pentatoniche da VHS!
Tosin Abasi: Tapping, arpeggi e fantasia!
Tosin Abasi: arpeggi sospesi su sette corde
Marco Sfogli: aria fresca negli arpeggi
Jeff Loomis: Jason Becker e il suo vibrato
Nick Johnston: esercizi, pattern & fraseggi in legato
Alternata: Paul Gilbert Vs John Petrucci
Nili Brosh, una ventata di aria fresca e grande chitarrismo
Come utilizzare gli arpeggi di settima per improvvisare
Costruire un riff: tra accordi & melodia
Pennata alterata: cromatismi e gruppi di sette note
Pennata alternata: lavorare su set ridotti
Seguici anche su:
News
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live
La chitarra sparafulmini degli ArcAttack
Chris Shiflett vende tutto: "ho troppe chitarre!"
La storia del delay
La truffa delle chitarre online a prezzi bassissimi
Ecco perché finirai per acquistare il solito overdrive
La SG trasformata in headless esiste davvero
Un nuovo modello suggerisce i prossimi titolari di Gibson?
Il collezionismo è la morte delle chitarre (a volte)




Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964