CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

Amplificatore mangiapedali

di [user #43238] - pubblicato il
Ciao a tutti accordiani!
Per me quest sito è da sempre una fonte di saggezza e consigli insostituibile, ringrazio anticipatamente chiunque leggerà e mi risponderà.

Sono alla ricerca di un nuovo amplificatore. Suono in un progetto solista (post rock, elettronica, ambient), e amo usare amplificatori valvolari con un buon pulito in cui entrare con una nutrita pedalboard (che include vari overdrive, molti effetti d'ambiente, la loop station e anche un octaver per simulare il basso). Attualmente possiedo un Fender hot rod deville (60W, 2x12), con cui mi son trovato molto bene: fatta eccezione per una certa difficoltà a gestirne le frequenze esteme (in alto e in basso) sono quasi sempre riuscito a tirare fuori un bel suono. Il motivo principale per cui vorrei cambiarlo è il peso (devo già caricare in macchina impianto, sintetizzatore ed altre diavolerie elettroniche per il mio show one man band e, ovviamente, devo fare tutto da solo); inoltre la potenza tende ad essere eccessiva: suono frequentemente in locali medio-piccoli e mi ritrovo a dover fare movimenti millimetrici della manopola del volume tra l'1 e il 2,5 per non passare dall'ampli muto al frastuono.
Alla ricerca di una soluzione ho comprato, attratto dal prezzaccio usato e dai cosigli di un amico, un Laney VC30 112. Che dire: la sua voce british, piena di medie è piacevole e molto musicale, e mi ha fatto capire fino in fondo cosa significhi la voce "scooped" dei Fender.... purtroppo però ho l'impressione che faccia davvero molta fatica a digerire l'octaver (che sul Fender mi piaceva, ben rotondo), e in più ho l'impressione che renda zandarosi i miei drive; dovendo fare un paragone, se il Deville si "limitava". riprodurre il suono della mia pedaliera, il VC30 vuole sempre metterci del suo, e ciò complica la costruzione del suono e la scelta dei pedali, soprattutto per me che non mi limito solo ai suoni di un classico chitarrista rock all'interno di una band. Immagino che parte della problematica sia il passaggio da un 212 (il deville) all'112, ma in passato ho avuto un valveking 112, e se non ricordo male supportava meglio l'effettistica.
Sono quindio alla ricerca della famosa via di mezzo, tra un bestione sovrapotenziato e un cucciolo sottodotato. Necessito di un ampli versatile, per via della sperimentazione sonora che effettuo con i miei pedali. Qualunque consiglio sarà apprezzatissimo
Grazie mille e buona musica.
Dello stesso autore
Perché il fuzz genera un'ottava superiore?
Fuzz Face e Overdrive
Valvole da pub
Campionatori (non looper) per chitarra
Chitarra e voce con un solo amplificatore
Amplificare una chitarra elettrica senza amplificatore
Loggati per commentare

di FranxAJ [user #18541]
commento del 03/02/2019 ore 19:58:36
Un Fender Deluxe Reverb 65? Secondo me sarebbe perfetto per i tuoi suoni.
Oppure come alternativa...un altro Hot Rod ma da "soli" 40 Watt...vai sui III o i IV dove hanno risolto il problema del volume che descrivi ;)
Rispondi
di IlMusicoOneManBand [user #43238]
commento del 03/02/2019 ore 23:17:52
Ciao! Il Deluxe Reverb è un po' fuori portata per me... l'Hot Rod Deluxe rimane sempre un'alternativa
Rispondi
di coldshot [user #15902]
commento del 03/02/2019 ore 20:31:42
Il mio consiglio è : lascia perdere i valvolari e prenditi un Roland jc 40 che è anche stereo e potrebbe esserti utile, storicamente ha un volume pazzesco ma suona bene anche a volumi bassi essendo un transistor, i pedali li divora, quello nuovo ha anche due uscite stereo per entrare nell'impianto, peso 14 chili.
Se usi molti gli effetti l'uso dei valvolari ha ancora meno senso, ti basta una buona piattaforma per i pedali e sei a posto.
Rispondi
di IlMusicoOneManBand [user #43238]
commento del 03/02/2019 ore 23:19:20
Accarezzo spesso l'idea, ma non ho ancora avuto il coraggio di abbandonare i buon vecchi tubi di vetro!! Tra l'altro, ogni volta che ho suonato la mia pedaliera attraverso soldi state, ho avuto l'impressione che ne uscisse come plastificata, ma potrebbe essere la suggestione
Rispondi
di coldshot [user #15902]
commento del 04/02/2019 ore 00:13:22
-------Tra l'altro, ogni volta che ho suonato la mia pedaliera attraverso soldi state, ho avuto l'impressione che ne uscisse come plastificata---------

Probabilmente non erano granchè, il Jazz Chorus sembra una macchina fatta apposta per i pedali e si sono convinto che come in molti sia parecchio una questione di suggestione nel non vedere le valvole.
Comunque se non sei convinto fai bene ad usare altro.
Rispondi
di IlMusicoOneManBand [user #43238]
commento del 04/02/2019 ore 14:51:50
Sicuramente hai ragione sul fattore suggestione. E sicuramente il fender che ho provato non era granché come transistor.

Aggiungo che la configurazione 2x10 non mi convince del tutto, ho sempre preferito i coni da 12, diciamo per lo spettro più ampio di cui ho bisogno per riempire essendo l'unico musicante del progetto
Rispondi
di JoeManganese [user #43736]
commento del 04/02/2019 ore 00:12:39
Coldshot, che piacere sentire che lo consigli. Lo sto mirando da tempo, dovrei andare in negozio con la pedaliera perché il dubbio è proprio su come esce il suono "pedalato". È stereo! Non è pesantissimo e ha una ottima reputazione. Ci attaccherei l Iconoclast Neunaber che fa letteralmente miracoli sugli ampli, dimmi dimmi che esperienza hai sui Roland?
Rispondi
di coldshot [user #15902]
commento del 04/02/2019 ore 00:19:52
Ciao, senti io ho avuto il Jc 77 che comunque ha 2 coni da 10 come il nuovo 40, era un ampli fantastico, un volume da paura e fedelissimo al suono della chitarra senza colorare, come ho appena detto sopra è un ampli fatto apposta per i pedali, questo non l'ho provato ma non ne avrei bisogno, mi fiderei.
Io volevo un ampli stereo però per suonare nel metodo dry / wet però non è possibile con il Jc 40, sarebbe possibile usando entrambi i return però dai due input puoi suonare stereo come fai te, io però preferisco dry / wet appunto quindi per ora ho rinunciato però rimane nei top tre dei miei ampli preferiti, lo vendetti perchè ogni tanto mi piace cambiare però il Fender Hot Rod che avevo in contemporanea impallidiva al confronto e quindi lo diedi via, il fender, io te lo consiglio però se hai modo di provarlo è meglio, potrebbe anche non piacerti.....
Rispondi
di JoeManganese [user #43736]
commento del 04/02/2019 ore 00:45:11
L hot Rod è bellissimo ma come ha detto qualcuno troppo potente e troppo pesante..Al momento esco stereo in saletta con due ampli Marshall 900 e Mesa boogie, ma sempre con Iconoclast davanti, e il suono è identico se esco dalla PA con un preamplificatore tipo Tech21 prima. Questo Roland mi attira parecchio, anche per suonare le mie colonne sonore. Mi domando come digerisce una acustica (ho un vecchio ottimo acoustasonic da 60w ma è mono nonostante il doppio circuito di amplificazione, sti scemi alla fender). Grazie per il link!
Rispondi
di coldshot [user #15902]
commento del 04/02/2019 ore 00:52:45
Boia, magari il risultato a livello di espansione sonora non sarà proprio uguale a suonare due Marshall e un Mesa, anche perchè come ben sai l'effetto stereo per goderlo appieno i due ampli dovrebbero essere un pò distanti uno dall'altro e non è il caso del Roland, però non si può avere tutto come disse quello, io un Jc 40 lo porterei fuori per suonare, due Marshall o un Marshall e un Mesa neanche se mi frustano, l'acustica non saprei però ho letto negli anni di persone che lo usano anche con quella con risultati soddisfacenti per via della sua natura di ampli molto lineare, poi hai due line out quindi volendo vai diretto sull'impianto in stereo....
Rispondi
di JoeManganese [user #43736]
commento del 04/02/2019 ore 01:07:42
1 Marshall 900 e 1 Mesa boogie, entrambi 4x12.. un muro di suono. Sono disposto a pagare per non suonare portandomi dietro anche solo uno di questi giganti. Sono lì, belli paciarotti , inamovibili. Due sfingi.
Rispondi
di coldshot [user #15902]
commento del 04/02/2019 ore 01:11:1
Ebbe' immagino......
Rispondi
di IlMusicoOneManBand [user #43238]
commento del 04/02/2019 ore 10:27:03
Come ti trovi con l'iconoclast?
Rispondi
di JoeManganese [user #43736]
commento del 04/02/2019 ore 11:48:05
Molto bene. È sempre acceso (anche perché non si può spegnere !!) e a parte l'abbinata con il preamp per uscire in PA diretto, da due mesi lo uso anche collegato agli ampli, non so come sia possibile ma il Cab sim migliora lo stadio di preamp anche dei valvolari.
Poi, c'è l'uscita cuffie.. ottima per in ear monitor
Rispondi
di IlMusicoOneManBand [user #43238]
commento del 04/02/2019 ore 12:49:03
Per il suo uso principale (diretto in PA) come rende? E' sufficientemente credibile?
Rispondi
di JoeManganese [user #43736]
commento del 04/02/2019 ore 16:50:34
rende benissimo ma richiede prima un preamplificatore. tipo Tech21 (tagliare la traccia sul PCB per rimuovere del tutto il cabsim del sansamp). Il suono è da studio di registrazione, e l'equalizzatore sull Iconoclast permette di aggiustare al volo le varie carenze bassi medie ecc sulle casse della PA.
Ha anche un ottimo noise gate..
Rispondi
di coldshot [user #15902]
commento del 04/02/2019 ore 00:33:53
Loro due che sicuramente conoscerai sono due tra i più pedals e amps "snob" della rete, però sono bravissimi, hanno fatto questo video un mesetto fa dove suonano il Jazz chorus e ne sono rimasti entusiasti, il titolo del video non c'entra.
vai al link
Rispondi
di IlMusicoOneManBand [user #43238]
commento del 06/02/2019 ore 16:41:56
Avevo visto quel video, in effetti anche io subito erano rimasto un po' stranito dal titolo
Rispondi
di ViQ [user #40842]
commento del 03/02/2019 ore 23:26:12
Potresti anche tenere in considerazione il Peavey Classic. C'è il 50 w, il 30 w e da poco anche il 20 w in formato testata, con il quale mi sto trovando bene.
Rispondi
di IlMusicoOneManBand [user #43238]
commento del 04/02/2019 ore 10:25:40
Sicuramente è un buon candidato!
Rispondi
di IlMusicoOneManBand [user #43238]
commento del 03/02/2019 ore 23:27:57
Intanto grazie a chi mi ha risposto. In questi giorni, giocando di settaggi, son riuscito a tirare fuori un suono piacevole e meno invasivo dal Laney (rinunciare al "canale" bright è stata la scelta migliore). Molto probabilmente non sarà il mio ampli definitivo, per cui spero continuino ad arrivare consigli, ma nel frattempo vorrei provare ad usarlo un po'. Ho l'impressione che il cono sia un po' un punto debole: ovviamente un 1x12 suona più "scatoloso" del vecchio 2x12, ma pensavo ad un upgrade che lo faccia suonare più grossetto, ma possibilmente meno sbavato, avete consigli? So che chiedo molto, ma l'ideale sarebbero bassi il più possibile profondi e non sgranati (deep but tight, per intenderci). So che quando si usa un combetto il suono è per forza più piccolo, quindi non pretendo nessun miracolo, ma credo esista qualcosa meglio dei celestion seventy 80. L'ideale sarebbe qualcosa neodimio, per poter poi riciclare il cono più avanti in qualche cabinet più grosso, ma non è essenziale.
Rispondi
di adriphoenix [user #11414]
commento del 06/02/2019 ore 15:52:48
Eminence Swamp Thang, bella presenza sui bassi e smussato dolcemente sugli alti, sempre molto definito, l'unico problema è il peso...ha un magnete sovradimensionato e come cono si arriva sui 5kg!

Se il volume non è un problema (perchè immagino tu ti possa microfonare) e se suoni spesso in locali medio-piccoli prova un Ibanez TSA 15w (splittabile anche a 5), versione compo o testata se vuoi abbinarlo ad una cassa di tua preferenza. Ha un bel pulito (finali 6v6) con headroom molto alta, un TS9 incorporato, fx-loop ed è costruito molto bene anche per accettare pedalanza varia ;D
vai al link
Rispondi
di IlMusicoOneManBand [user #43238]
commento del 06/02/2019 ore 16:49:11
Caspita 5 kg di cono! Il TSA andrebbe provato, il mio timore è che i 15w siano "pochini" e che i bassi ne risultino ipercompressi o slabbrati. Per la verità devo ancora capirmi col discorso potenza: ho suonato live dove l'ampli era tirato oltre l'headroom e il suono "scorreggiava" e altri in cui l'ampli era tirato oltre l'headroom e il suono era immenso e meraviglioso, con le note che rimbalzavano... e in entrambi i casi entravo diretto nel pre con una pedalanza comprendente big muff, octaver, delay e riverberi non proprio leggeri... immagino sia una questione di qualità dell'amplificatore (fatalità quello che suonava bene era un fender tweed!) ma forse anche di coni... per dire, ho notato bassi più "profondi" in amplificatori con meno bassi, il che apparentemente sembra un compromesso, ma probabilmente è una questione di focalizzazione del suono
Rispondi
di IlMusicoOneManBand [user #43238]
commento del 06/02/2019 ore 16:49:1
Caspita 5 kg di cono! Il TSA andrebbe provato, il mio timore è che i 15w siano "pochini" e che i bassi ne risultino ipercompressi o slabbrati. Per la verità devo ancora capirmi col discorso potenza: ho suonato live dove l'ampli era tirato oltre l'headroom e il suono "scorreggiava" e altri in cui l'ampli era tirato oltre l'headroom e il suono era immenso e meraviglioso, con le note che rimbalzavano... e in entrambi i casi entravo diretto nel pre con una pedalanza comprendente big muff, octaver, delay e riverberi non proprio leggeri... immagino sia una questione di qualità dell'amplificatore (fatalità quello che suonava bene era un fender tweed!) ma forse anche di coni... per dire, ho notato bassi più "profondi" in amplificatori con meno bassi, il che apparentemente sembra un compromesso, ma probabilmente è una questione di focalizzazione del suono
Rispondi
di mattarellox [user #2415]
commento del 04/02/2019 ore 10:18:22
..... Passa al digitale.....
Rispondi
di IlMusicoOneManBand [user #43238]
commento del 04/02/2019 ore 10:25:10
La tentazione è sempre forte, ma non ho mai avuto il coraggio di fare il grande passo. La sensazione è suoni di plastica, vuoi per il preamp digitale o per la mancanza di un vero cabinet. E' anche vero che ogni giorno che passa il digitale migliora
Rispondi
di mattarellox [user #2415]
commento del 04/02/2019 ore 10:52:02
Puoi passare al digitale per quello che riguarda la parte effetti e pre e rimanere con una bella cassa da chitarra con i coni che vuoi
Rispondi
di IlMusicoOneManBand [user #43238]
commento del 04/02/2019 ore 12:47:14
Però a quel punto avrei comunque bisogno di un finale di potenza, e a quel punto son da capo
Rispondi
di mattarellox [user #2415]
commento del 04/02/2019 ore 14:25:04
Finalini di potenza da pedaliera come ce l'ho io. C'è ne sono tanti a disposizione
Rispondi
di Oliver [user #910]
commento del 06/02/2019 ore 21:25:19
Koch TwinTone. Eccellente pulito, ottimo crunch, loop gestibile, 50, 25 e... zero watts, silenziosamente in diretta ;)
1x12", non è leggerissimo ma è compatto e molto più comodo da trasportare rispetto al Fender.
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
News
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
La Strat interamente fatta di pastelli colorati
Guarda John Mayer presentare GarageBand per Apple nel 2004
Ascolta New Horizons: il nuovo singolo di Brian May
I temi chitarristici più caldi del 2018
Impara a suonare e a tenere il palco con Carlos Santana
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964