CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Daniele Gottardo: il controfagotto è la mia otto corde
Daniele Gottardo: il controfagotto è la mia otto corde
di [user #116] - pubblicato il

Daniele Gottardo è uno dei nomi di punta della chitarra moderna internazionale. Un autentico esploratore, virtuoso e visionario che si è meritato apprezzamenti lusinghieri da icone della chitarra come Steve Vai e Jason Becker. Daniele inizia un suo ciclo di appuntamenti didattici qui su Accordo. Parlerà di tecnica, musica, suono.

Abbiamo raggiunto Daniele in studio di registrazione presso il New Frontiers Recording Studio di Rovigo del fonico e produttore Ugo Bolzoni. Daniele è totalmente immerso nella produzione del suo prossimo disco e l’abbiamo letteralmente strappato alle registrazioni degli strumenti classici che saranno protagonisti nel suo nuovo lavoro. Nei prossimi mesi, pubblicheremo anche degli interessanti approfondimenti con il fonico Bolzoni legati alle riprese del suono di chitarra di Daniele e la produzione del disco. Durante le riprese del materiale musicale sconvolgente che Daniele ha suonato e spiegato per noi – e che stiamo trascrivendo - ci siamo persi anche in lunghe chiacchierate su musica, strumenti, chitarre e chitarristi. Eccone un resoconto.

Finalmente vedo dal vivo la tua nuova chitarra. Questa è la seconda Charvel su cui metti le mani, giusto?
Sì, questa è la mia Custom ma prima ne avevo una rossa, di prova, che i ragazzi di Charvel mi avevano spedito un paio di anni fa. Una grande chitarra: ci ho registrato diverse cose e suonato parecchio dal vivo. Visto che mi sono trovato bene, da subito abbiamo iniziato a ragionare all’idea di crearne una espressamente per me, completamente customizzata.
 
Da cosa sei partito iniziando a immaginarla?
Il punto di partenza è stata la mia vecchia Fender rossa, la chitarra che ho suonato per quasi vent’anni, sempre, dal primo giorno in cui ho iniziato! Volevo mantenere un impianto che ne conservasse le caratteristiche di base.
 
Daniele Gottardo: il controfagotto è la mia otto corde

Per esempio?
Beh…per esempio il manico scalloped, però pensato in maniera più moderna e quindi con uno scalloped graduale. Oppure i tasti molto alti, Jumbo. Al contempo ho cercato di affiancargli una suonabilità più attuale che la rendesse più comoda. (LEGGI LA DESCRIZIONE DETTAGLIATA DELLA CHITARRA DI DANIELE GOTTARDO.)
 
Comoda: ma tanto se tanto poi ci monti le 0:11…
Sì, è vero uso una scalatura medio alta di corde. Ma sai: io amo lottare con il mio strumento. Non mi piacciono le chitarre che suonano da sole, perché poi si sente. Io voglio combattere con la chitarra, ci deve essere uno scontro. Perché questo genera una risposta unica in termini di suono, di intenzione! A volte vince la chitarra, e io stecco. Ma a volte vinco io…e riesco a far uscire le cose con il suono che cerco, che inseguo. Se domini, se controlli il tuo strumento si sente. Sono piccoli dettagli, ma fanno la differenza. Però, comunque, questa chitarra mi facilità. Perchè è davvero facile arrivare nelle zone alte del manico.
 
E sui legni, come ti sei orientato?
Ho optato per dei legni che offrissero sonorità più calde. Quindi mogano cotto, il manico in acero caramellizzato. Quindi c'è anche un suono più scuro se vogliamo, più in linea con la direzione musicale che ho intrapreso negli ultimi anni…
 
Ovvero? Parli di un tuo approccio tecnico, esecutivo?
No, parlo del fatto che la mia scrittura musicale, la produzione della mia musica è sempre più protesa a far convivere la chitarra elettrica con strumenti classici: legni, archi…il disco a cui sto lavorando sarà tutto suonato da strumenti classici. Non ci sarà una band tradizionale con basso, batteria ad accompagnarmi. Le caratteristiche sonore di questa chitarra conciliano l’amalgama sonora tra la chitarra elettrica e questi strumenti.

Daniele Gottardo: il controfagotto è la mia otto corde
 
Invece, in un contesto tradizionale come se la cava?
In quel senso, sto rivolgendo sempre di più il mio fraseggio e gusto musicale verso la fusion, il jazz. E il timbro più scuro e caldo di questa chitarra è perfetto in quel contesto.
 
Resta però, comunque una chitarra rock, che suoni con la distorsione, il delay…
Assolutamente, certo. Il carattere è quello così come l’utilizzo che ne faccio. Ma i ragazzi della Charvel sono riusciti a ampliarne la natura, rendendola capace di allargarsi verso una serie di colori e timbriche diverse che mi permettono di aprirmi verso le sonorità appena descritte.
 
Stai suonando molto in questo periodo?
Pochissimo. Negli ultimi mesi sto suonando davvero pochissimo. La produzione del mio prossimo disco mi sta totalmente assorbendo. Ci ho dedicato tutto il tempo e le energie a mia disposizione. Solo per preparare le partiture da affidare ai musicisti classici coinvolti nella registrazione, ci ho investito un mese. Nei provini avevo realizzato gli strumenti classici con virtual instrument, quindi in Midi che avrei dovuto trascrivere negli spartiti da affidare agli esecutori.  Ecco, solo per quantizzare le parti Midi - che ho voluto gestire fuori dalla griglia perché mantenessero un respiro vivo, naturale - ci ho messo più di tre settimane. Un lavoro allucinante!
 
Trovi comunque il tempo per ascoltare musica.
Quello sì, sempre. Anzi, forse proprio per il fatto che ho suonato poco, magari per compensare, ho ascoltato moltissime cose...

Daniele Gottardo: il controfagotto è la mia otto corde

Cosa ascolti?
Un po’ di tutto. Ma in particolare compositori, come Bernard Herrmann per esempio...
 
Grandioso! Quello di “Psycho” di Hitchcock…
Sì, ma oltre alla musica meravigliosa che ha prodotto per i film ne ha scritta tantissima altra di superlativa. Per esempio sto ascoltando e adoro la sua Sinfonietta per Archi…
poi ascolto molti compositori classici dei primi del novecento, francesi, impressionisti come Albert Roussel. Poi ascolto parecchio e mi piace scoprire compositori minori, sconosciuti che non di rado utilizzano soluzioni musicali davvero interessanti. Mi piacciono i compositori barocchi italiani, Arcangelo Corelli su tutti. Oppure tanti compositori veneziani come Benedetto Marcello, Domenico Gallo testimoni di un approccio puro al contrappunto…e io li ascolto, leggo le partiture cerco di capire come ottengono determinati effetti musicali. Sono una fonte preziosa dalla quale traggo idee per le soluzioni musicali dei miei arrangiamenti.
 
Da questi ascolti, escono anche spunti squisitamente chitarristici?
Assolutamente. Molte delle mie idee e soluzioni escono dall’ascolto di altri strumenti. Solo ascoltando musica sinfonica, da camera ho avuto l’ispirazione per coltivare e sviluppare determinati approcci chitarristici.
 
E oltre alla musica classica?
Ascolto cose molto vicine al Jazz, Bebop soprattutto. Mi piacciono anche i chitarristi jazz contemporanei come Julian Lage, Mike Moreno, Kurt Rosenwinkel…

Per cosa li apprezzi?
La timbrica, i fraseggi e l’articolazione sullo strumento. Ma anche sul versante rock, ci sono ottimi chitarristi. Mi viene in mente Mario dei Chon o Tosin Abasi degli Animals As Leaders. Abasi mi piace per le soluzioni timbriche e per l’idea di portare soluzioni di matrice fusion nel metal, con un approccio inedito, moderno. È l’idea di crossover che amo e che, del resto, è quella che inseguo io nelle mie composizioni.
 
Daniele Gottardo: il controfagotto è la mia otto corde

C’è molta contaminazione nel metal contemporaneo…
Assolutamente, come nella fusion del resto. Ed è una cosa che adoro. Fusion, Metal sono generi nei quali non ci sono barriere. Ho sentito band di metal Djent che utilizzano il sax per gli assolo. Trovo sia spettacolare! Così come mi piace l’idea del timbro delle chitarre a sette e otto corde e gli scenari sonori che aprono…

Tu però, non ne hai mai fatto un utilizzo intensivo…
È vero, anche se ho utilizzato un pochino la sette corde nelle ritmiche del mio primo disco…Guarda, della otto corde mi piace il timbro. Ma la direzione musicale che sto prendendo, con l’utilizzo degli strumenti classici, si discosta dalla possibilità di utilizzarla. Pensa che ne mio prossimo disco, ho utilizzato il controfagotto proprio per lavorare su un range di sonorità e parti che sarebbero associabili al lavoro di una chitarra a otto corde in un contesto Djent. Solo che il controfagotto riesce a scendere molto più in basso e diventare ancora più cattivo.

Lo hai distorto?
Sì, stiamo provando a utilizzare la distorsione. Utilizzerò il controfagotto in maniera molto spinta, sarà davvero in primo piano.
 
Daniele Gottardo ha ancora un Guitar Hero?
Sì, lo stesso, da sempre: Ace Frehley!

charvel daniele gottardo interviste
Link utili
Il sito di Daniele Gottardo
Charvel, le chitarre di Daniele Gottardo
Il sito del New Frontiers Recording Studios
Ascolti consigliati sul canale Spotify di ACCORDO
Nascondi commenti     9
Loggati per commentare

di Gasto [user #47138]
commento del 24/05/2019 ore 14:08:54
Non vedo l'ora di sentire il tuo prossimo lavoro Daniele!
Rispondi
di Rothko61 [user #32606]
commento del 24/05/2019 ore 14:53:2
Inizia un ciclo didattico... sono curioso: voglio vedere se ha materiale suonabile da noi umani o se proporrà uno dei suoi fraseggi inarrivabili! ;-)
Rispondi
di Mariano C [user #45976]
commento del 24/05/2019 ore 16:32:28
Corelli, Benedetto Marcello, Julian Lage, Kurt Rosenwinkel, è proprio un golosone negli ascolti
Rispondi
di Merkava [user #12559]
commento del 24/05/2019 ore 16:59:01
chiaramente mancano le basi, Bello Figo innanzi tutto....
Rispondi
di asidisi [user #16165]
commento del 25/05/2019 ore 09:06:29
Fuoriclasse assoluto
Rispondi
di frankpoogy [user #45097]
commento del 25/05/2019 ore 14:33:24
Bravissimo Gottardo, mi piace davvero moltissimo il suo stile... A mio modo di vedere merita alla grande il rilievo internazionale che si è guadagnato. Un applauso ad Accordo per l'avvio di un ciclo didattico con questo fantastico musicista italiano
Rispondi
di Lucifer [user #46960]
commento del 25/05/2019 ore 15:06:32
Non sono mai riuscito a sentire un suo pezzo per intero! Mah!
Rispondi
di AlceVeloce [user #44287]
commento del 31/05/2019 ore 00:19:23
Io continuo a preferire l'immenso Bottarga
Rispondi
di pingone [user #43835]
commento del 01/06/2019 ore 10:33:06
che noia, che barba, che noia (opinione personalissima)
Rispondi
Altro da leggere
Triadi alla Paul Gilbert
Paul Gilbert: super fraseggi in quartine e sestine!
Pennata Alternata con Steve Morse
Tosin Abasi – Arpeggi in Sweep Picking
Tosin Abasi – Quadriadi su sette corde col resto di una
Tosin Abasi e le pentatoniche da VHS!
Tony MacAlpine: arpeggi e salti d'ottava
Marco Sfogli: Modern Sweep
Daniele Gottardo: il punto è avere un messaggio
Bruce Bouillet: string skipping sotto i raggi X
Marty Friedman: un arpeggio di Maj7
Vai: chi suona ciò che non ama, finirà per sentirsi un miserabile
Jeff Loomis: Jason Becker e il suo vibrato
Nick Johnston: esercizi, pattern & fraseggi in legato
Nick Jonston: legati su frigio, cromatismi e scale alterate
Daniele Gottardo suona le chitarre nel prossimo disco di Jason Becker
Come utilizzare gli arpeggi di settima per improvvisare
Jason Becker: nuovo video con Daniele Gottardo
Gretchen Menn: Essere versatili è la via per l'originalità
Nili Brosh: meno esercizi e più metronomo
"Behold Electric Guitar", il nuovo disco di Paul Gilbert
Seguici anche su:
News
E' morto Andre Matos, storico vocalist degli Angra
Il prototipo Ibanez di Herman Li all’asta per una buona causa
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964