CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Dolcetti in Rolls Royce
Dolcetti in Rolls Royce
di [user #116] - pubblicato il

La canzone presentata da Achille Lauro al Festival di Sanremo è stato “dolcettizzata” dal duo strumentale di Gianni Rojatti ed Erik Tulissio. Nella cover, che si mantiene però quasi integralmente vicina all'originale tranne che per un finale stupefacente, anche un omaggio a Steve Vai. Ci siamo fatti raccontare il brano dai due musicisti.

Rolls Royce è la canzone presentata da Lauro alla sessantanovesima edizione del Festival della musica italiana che tanto ha fatto discutere, prima per le accuse di plagio, poi per il fatto che sia stata intesa come un inno all'abuso di sostanze stupefacenti.

I Dolcetti sono un duo strumentale rock progressive formato dalla chitarra di Gianni Rojatti, coordinatore della didattica di Accordo.it, e la batteria di Erik Tulissio, collaboratore di Accordo e direttore e insegnante presso la Dante Agostini Drum School di Udine.
I Dolcetti hanno pubblicato due album, “Metallo Beat” e “Arriver”, e hanno suonato come support band per le tournè italiane di tanti artisti: Steve Vai, The Aristocrats, Kiko Loureiro, Andy Timmons...

L'ultimo lavoro di Rojatti e Tulissio è una cover di "Rolls Royce" di Achille Lauro e ce la siamo fatti raccontare da loro.



Come è sorta l'idea di fare una cover del brano di Achille Lauro?
Gianni: Innanzitutto alla base di un progetto come i Dolcetti c'è la voglia di divertirsi. E così è stato anche in questo caso. Io ed Erik suoniamo insieme da una vita e siamo quella tipologia di amici e musicisti che se ha una sera libera, si incontra per parlare di musica, ascoltarla o per suonare. Ci piace tutta la musica e siamo stati colpiti anche da certe cose della trap. All'interno di questa scena,troviamo che Lauro sia una delle voci più interessanti e con una produzione interessante. Quando a Sanremo ha fatto questa svolta rock con "Rolls Royce" ci è sembrato un brano scritto e arrangiato davvero bene. E da qui la voglia di omaggiarlo e allo stesso tempo stravolgerlo alla maniera dei Dolcetti, con un piglio ironico che, del resto, non manca nemmeno al brano originale. Personalmente, di quel brano mi è piaciuta molto l'intenzione vocale di Lauro che ha cantato con grande espressività e con la chitarra ho proprio cercato di riprendere questa espressività che definirei stralunata.

Qual è lo stravolgimento più evidente presente in questa cover?
Erik Tulissio: Per questo brano abbiamo cercato di rimanere il più fedele possibile all’arrangiamento originale su tutta la parte iniziale, fino alla parte conclusiva del pezzo. Da lì in poi, abbiamo “Dolcettizzato” la canzone, inserendo una parte di matrice progressive che sfocia nell’assolo di chitarra fino al finale.
La parte più assurda del pezzo, secondo me, è quella che introduce l’assolo finale: è una parte in cui la chitarra suona in 7/8, mentre la batteria rimane in 4/4. Una citazione, neppure troppo velata,  di "The Attitude Song" di Steve Vai. Poi i due strumenti, dopo aver tenuto tempi differenti,  si incontrano nuovamente sull’uno dell’assolo. Qui chitarra e batteria dialogano con botte e risposte di fraseggi in un intricato 7/8 nel quale Gianni ed io ci divertiamo a fare quello che più ci piace, ovvero suonare cercando di intuire a vicenda la direzione solistica che ciascuno di noi prende.

Dolcetti in Rolls Royce


 
dolcetti erik tulissio gianni rojatti rolls royce
ABBIAMO BISOGNO DI TE!

Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Competenze e lavoro per produrli comportano costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo difficile. Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere la qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
Link utili
La pagina Facebook dei Dolcetti
Ascolta e acquista Arriver il disco dei Dolcetti
Ascolti consigliati sul canale Spotify di ACCORDO
In vendita su Shop
 
HOTONE AMPERO ONE - PEDALIERA MULTIEFFETTO
di SL MUSIC
 € 279,00 
 
mxr micro amp
di Scolopendra
 € 65,00 
 
Fender Deluxe Series Instrument Cable, Straight/Angle, 18.6', Tweed 5,5 metri
di Centro della Musica
 € 20,00 
 
M-Live Merish 5
di Banana Music Store
 € 1.390,00 
 
PRS SE STANDARD 24 CHITARRA ELETTRICA SOLID BODY TOBACCO SUNBURST STD-24 TR3-WB
di Borsari Strumenti Musicali
 € 579,00 
 
Fender Usa Custom Shop Jimi Hendrix Voodoo Child Stratocaster NOS Olympic White + custodia rigida
di Penne Music
 € 3.549,00 
 
Alvarez AG75WCE
di Le Note delle Stelle
 € 529,00 
 
SEAGULL - 046485 Entourage Concert Hall Cutaway
di Music Works
 € 602,90 
Mostra commenti     5
Altro da leggere
La storia e la chitarra senza regole di Eddie Van Halen nel workshop di Accordo
Esercizi e abitudini di warm up: da Steve Vai a Slash
Musicisti: questione di carattere
Chitarra solista & studio di registrazione
Workshop di chitarra con Gianni Rojatti
Pentatonica, Arpeggi & Modo Eolio
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Frudua GFF Mix Custom
Visualizza l'annuncio
MXR Dyna Comp
Visualizza l'annuncio
Ovation 1619-1 Custom Legend 1981
Seguici anche su:
Altro da leggere
Guitar Man: Joe Bonamassa in un documentario
I 5 acquirenti che non vorresti mai trovare
Lo sapevi che...? La nuova rubrica Instagram di Accordo.it
L’evoluzione inaspettata della mia pedalboard
Sfasciano la chitarra al busker: Jack White gli compra una Custom Shop...
Stompbox AmazonBasics: un grande punto interrogativo
La musica ha bisogno di te
10 frasi da non dire al fonico
Perché la buca a effe ha questa forma?
Il toro, l'orso e la chitarra in tempi di pandemia
Trovate chitarre rubate per 150mila euro (tra cui la Gibson di Elvis):...
Vendita record per la giapponese senza nome di Jimi Hendrix
Slingerland Songster 401 e Audiovox by Tutmarc: le prime chitarre elet...
The Ranch: pedale eco-friendly da Collision Devices
Musica live e distanziamento in epoca Covid-19




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964