CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Metti le cuffie e prova il binaurale
Metti le cuffie e prova il binaurale
di [user #116] - pubblicato il

Gavino Loche e Gabriele Palazzi si prestano per un esperimento di registrazione binaurale: un concerto da ascoltare in cuffia come se fossi davanti al palco.
L’audio binaurale, letteralmente “a due orecchie”, è una tecnica di registrazione del suono innovativa che prende via via sempre più piede in ambiti disparati. Dalla musica ai film, passando per le applicazioni terapeutiche e l’intrattenimento, il binaurale si fa strada per la capacità di creare una suggestione unica, in cui l’ascoltatore si sente immerso in maniera tridimensionale nell’ambiente ritratto.

La registrazione ha lo scopo di ricreare la maniera naturale in cui l’orecchio umano percepisce i suoni intorno a sé e interpreta le rifrazioni sonore che, decodificate dal cervello, creano un’immagine dell’ambiente circostante, dando informazioni sulla direzione e la distanza da cui i suoni provengono.
Tutto ciò è reso possibile dall’utilizzo di particolari microfoni e accessori che imitano i “filtri” generati dalla testa umana e dai padiglioni auricolari. Una volta indossate un paio di cuffie, l’ascoltatore avrà l’impressione di trovarsi esattamente nel punto in cui l’audio è stato ripreso.

Metti le cuffie e prova il binaurale

Grazie a Stefano Arciero, specialista in riprese del suono con tecnica binaurale, abbiamo effettuato un esperimento di registrazione con la collaborazione di Gavino Loche e Gabriele Palazzi. Il duo si è esibito per le nostre telecamere davanti a un sistema Neumann KU-100, la cosiddetta "dummy head" con due orecchie sintetiche e, all'interno, microfoni di alta qualità capaci di interpretare il suono circostante come farebbero due orecchie umane, con una fedeltà impressionante.

Il primo brano eseguito è “Sultans Of Swing”. Per un ascolto adeguato è importante indossare delle buone cuffie: ciò che ascolterete è esattamente quanto abbiamo avvertito noi, seduti di fronte al palco, con le sensazioni di direzionalità e tridimensionalità che ne derivano.



Segue “Mission: Impossible”, tema dell’omonimo film. Il brano, d’impianto più ritmico e dal forte impatto, è l’ideale per godere delle rifrazioni sonore generate dall’ambiente tutto intorno alla “testa” del Neumann.

ku100 microfoni neumann tecniche di registrazione
Mostra commenti     24
Altro da leggere
Miniature Clip Mic System: il sound Neumann in miniatura
NDH 30: cuffie Neumann da studio ancora più performanti
La registrazione digitale tramite computer
La registrazione digitale su nastro
Registrazione analogica: lo sviluppo del nastro
Registrazione analogica: dal nastro a bobine al vinile
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
La straordinaria storia dei Pistole e Rose
I mini-robot Yamaha duettano con la tua musica
PianoVision: impara il piano nel metaverso
Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico
La chitarra torna protagonista con “Kill or be killed” dei Muse
Ecco le Fender dei Minions: prezzi a partire da 48mila dollari
Paul Gilbert: “Perché modificare una chitarra perfetta? Per farla s...
Guitar hero: la mia Top10
Il viaggio infinito e la Top5 dei desideri
La scena EPICA della BC Rich in Stranger Things 4
Un chitarrista, cinque contraddizioni
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964