DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Check Sound: sbattere le corna nell'underground
Check Sound: sbattere le corna nell'underground
di [user #17404] - pubblicato il

"Check Sound" di Daniele Galassi è un libro tanto divertente quanto amaro. Perché è la storia di una band heavy metal italiana che intraprende una lunga e impegnativa gavetta, assolutamente motivata a guadagnarsi una fetta di popolarità.

Questo canovaccio già tradisce difficoltà, imprevisti e le asperità di una scena, quella italiana, che per sua storia, tradizione e cultura non è certo il primo paese su cui investire se si vuole diventare famosi suonando metallo. 
Ma a rendere quasi fantozziano il racconto di "Check Sound" è il fatto che questo si snodi nelle due decadi in cui il web ha letteralmente polverizzato la maniera di fare e promuovere la musica. Così, questo gruppo di ventenni che forma una band a metà degli anni ’90, vede sgretolarsi, passo dopo passo, tutti quei capisaldi che costituivano il loro know-how gestionale di gruppo rock underground. Un esempio? Quello più eclatante del CD, oggetto fisico e concreto che ospitava non solo la musica ma pure la suggestione tangibile di foto, crediti e testi, che si smaterializza in mp3. Processo disgregativo che sembra portarsi a braccetto come conseguenza diretta, il valore sempre più esiguo, impalpabile che si offre alla musica. Un deprezzamento che si riflette anche nell’attività live che i musicisti indipendenti continuano a cercare disperatamente. Ed è proprio la descrizione dei tour promozionali uno degli aspetti più spassosi e insieme feroci di questo libro: perché fotografa le rock band affrontare trasferte e locali contro ogni logica e sensatezza economica o di qualsiasi possibilità di ritorno d’immagine, autorevolezza e popolarità. Ma non per questo, meno motivate di una solo virgola a rispettare l’iconografia del rock e quindi a salire a bordo di furgoncini scassati, girando per l’Europa in tour poco più che improvvisati.

Check Sound: sbattere le corna nell'underground

E poi, l’altro grande terremoto raccontato: quella prima dei siti web e poi dei social che hanno fatta piazza pulita di riviste cartacee e fanzine, rivoluzionando rapporti e comunicazione. Le riflessioni dell’autore circa la promozione delle band sui social sono illuminanti e ben sintetizzate nella descrizione presente in quarta di copertina di “Check Sound”: “Come siamo arrivati a un mondo dove si ottiene più attenzione con la foto di un tagliere di affettati che con musica inedita?”.
Ancora più amare le considerazioni sul fenomeno del Pay To Play che vede la band letteralmente pagarsi slot e aperture su palchi importanti o imbarcarsi in surreali e grottesche avventure discografiche in cui, oltre a pagarsi tutto (dalle registrazioni alla stampa) devono anche acquistarsi le copie da vendere.
Il libro si legge che è un piacere perchè si ride, tanto. E' bravo Galassi che sdrammatizza, ironizza e – a detta di chi scrive - tra le righe fa sempre serpeggiare fortissima la sensazione che - comunque - per quanto tragicomiche siano state le avventure affrontate, il fatto di averle vissute con la chitarra al collo gli conferisce un che di eroico e virtuoso. “Check Sound” è una bella da storia da leggere anche senza tirare in ballo l’analisi di come sia evoluta (male)  la situazione e le possibilità di chi oggi vuole suonare rock o metal. Oppure, può essere un testo utile a chi lavora nel settore musicale per capire l’evoluzione di un mondo che è stato scosso da rivoluzioni importanti e drammatiche. Pari, forse, solo a quelle delle videoteche il giorno dopo l’apertura di Youporn.​

Check Sound: sbattere le corna nell'underground

per ordini e primi due capitoli gratuiti clicca qui
Link utili
Acqusita "Check Sound" sul sito di Prospettivaeditrice
Per ordini e primi due capitoli gratuiti clicca qui
Nascondi commenti     3
Loggati per commentare

di rabbitjoke [user #49842]
commento del 18/11/2020 ore 19:29:42
Bei tempi !! .... epici, eroici....passionali..... sigh ! 😔 Estenderi,purtroppo, a tutti i generi musicali.
Rispondi
Loggati per commentare

di MAURIZIO [user #49375]
commento del 18/11/2020 ore 22:05:45
I tempi sono oramai cambiati radicalmente, nulla sarà più come prima. Pensate che un tempo si diceva "Sound Check"...😂
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 22/11/2020 ore 09:03:24
Si dice sempre "sound check" almeno per chi e' del mestiere.
Rispondi
Altro da leggere
Yamaha FGC-TA: in prova la dreadnought TransAcoustic
La Music Man Kaizen di Tosin Abasi in video
Jeff Beck e la Fender Strat 1957 in video
Maestro raddoppia: cinque nuovi stompbox in arrivo
Come dev'essere la TUA chitarra?
ChordPulse: una band con cui suonare in un attimo
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
GIBSON Les Paul Classic Premium Plus - CherrySunburst TOP AAA
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Seguici anche su:
Altro da leggere
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Versatilità e dubbi: l'ampli definitivo?
Amplificatori: abbiamo incasinato tutto?
SHG 2022 Vintage Vault: Isle Of Tone
Dubbi esistenziali: la chitarra più versatile?
Brian May e i Queen su Radiofreccia
Usato? Siete fuori di testa!
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964