CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Nick Drake e gli altri: Guild, icona al collo dei giganti
Nick Drake e gli altri: Guild, icona al collo dei giganti
di [user #50760] - pubblicato il

Che si tratti di acustiche o di elettriche, i brand ai quali si pensa per primi sono sempre due o tre. Ma sappiamo bene quanta storia e quanta gloria portino con sé alcuni marchi outsider: tra questi, Guild occupa un posto speciale.
Nell'immagine in alto: la copertina di Bryter Layter, il secondo album di Nick Drake. La chitarra è la M-20, una concert size all mahogany

Per quanto l’aggettivo “iconico” abbia, ormai da tempo, frantumato i cabbasisi al punto da essersi svuotato di significato, non è semplice trovare un sinonimo altrettanto efficace per indicare le chitarre Guild. Icone, dunque simboli, impressioni cristallizzate, inscalfibili dal tempo e dalla storia, in particolare quando accostate ad altri simboli, questa volta umani. E se parliamo di Guild e di icone è difficile che la mente non corra a Nick Drake e alla copertina del suo secondo album, Bryter Layter, uscito alla fine del 1970 per la Island. Come non pensare allo strumming leggero e sognante di "Northern Island" (se non la conoscete ripensate alle atmosfere di Pink Moon e Day is Done e vi sarete fatti un’idea) e alla delicata cupezza del cantautore inglese (ma nato in Birmania), uomo fragile come le ali di una farfalla, nato nel ’48 e scomparso così presto da non poter, per pochi mesi, essere incluso nel tetro Club dei 27.
Parallelamente all’eredità artistica di Drake, negli anni successivi alla sua morte sono andati espandendosi l’apprezzamento e l’interesse per la chitarra che teneva tra le braccia sulla cover di Bryter Layter, cioè una concert size interamente in mogano massello. Non tutti sanno che si chiama M-20 ma nessuno ignora che “quella è la chitarra di Nick Drake”. La M-20, che è ancora asset importante della gamma Guild, è costruita in California e costa circa 2mila euro. Oltre alla colorazione natural (evidentemente la più celebre) è a catalogo anche la bella versione vintage sunburst.

Nick Drake e gli altri: Guild, icona al collo dei giganti

Assai meno etereo di Drake, ma altrettanto celebre (non fateci ripetere “iconico” per carità), anche Slash ha suonato spesso chitarre Guild. Per la precisione ha usato un’acustica D-100 (lo testimonia persino una pubblicità del 1997), patinata dreadnought di alta fascia.
Se la D-100 non è più a catalogo, la D-55 sembra qualcosa di molto simile: parliamo di uno strumento da circa 5mila dollari (poco meno se rinunciate all’amplificazione LR Baggs) che, comunque, è un modello nato nel 1968 come custom order e reintrodotto in gamma nel 2017.
Nelle sue performance con Myles Kennedy (per esempio nel brano "Anastasia") Slash una anche la doppio manico Crossroad che - come suggerisce il nome - è un ibrido assai particolare, visto che è contemporaneamente acustica ed elettrica. Le Guild Crossroad sono rare e comunque reperibili solo usate.

Nick Drake e gli altri: Guild, icona al collo dei giganti
Tom Petty con la Guild D-25-12.

Altro alfiere della Guild è stato Tom Petty, nonostante resti legato, nel nostro immaginario, soprattutto alle elettriche Rickenbacker. Nei live, in acustico il biondo di Gainesville ha usato molto D-25 dodici corde, modello non più a catalogo anche se oggi esiste la D-1212 che tra l’altro è un interessante strumento di fascia media (circa mille dollari).



Guild ha recentemente ricordato al mondo, con la sua A20, spinta da video promozionali come quello qui sopra che anche Bob Marley suonava le sue chitarre. Pare che Bob Marley amasse particolarmente questo strumento, con il quale avrebbe registrato l’assolo di "Redemption Song".

Altri grandi nomi che suonano (o hanno suonato) Guild? Beh, ce ne sono molti ma due sono gli endorser per eccellenza: uno è Kim Thayil dei Soundgarden, che con la sua S-100 Polara al collo ha contribuito a scolpire il suono del grunge, l’altro è stato Richie Havens (scomparso nel 2013), protagonista eccellente della scena folk del Greenwich Village e protagonista, con la sua D-40, di una performance memorabile sul palco di Woodstock.
chitarre acustiche curiosità guild
Link utili
Sito del distributore Adagio
Nascondi commenti     5
Loggati per commentare

di claude77 [user #35724]
commento del 26/05/2022 ore 09:56:53
Grazie per il bell'articolo pieno di passione. Non ne ho mai suonata una in realtà, ma dagli artisti che hai citato e soprattuto Drake quel suono di acustica così morbido ed inebriante mi fa impazzire.

Proprio alcuni mesi fa mi sono regalato un'acustica e ho passato il pomeriggio al negozio a provare diversi marche, ma ho girato tra le classice marche: Gibson, Taylor, Martin senza provare una Guild, avessi scritto prima questo articolo!
Ho sentito parlare benissimo della Guild Bob Marley che pare vengano vendute come caramelle.
Rispondi
di Ampless [user #60399]
commento del 26/05/2022 ore 10:06:29
Io lo scorso anno mi sono preso una bellissima Guild D40, una splendida dread, anch'essa in mogano massello, uno splendido strumento con una voce grossa e rombante, la sensazione quando la imbraccio e la suono è di sentire la mia pancia vibrare, per me Guild è promossa a pieni voti, ho provato anche la sorellona maggiore, la D55, un altro bellissimo chitarrone;)
Rispondi
di irmo [user #17391]
commento del 26/05/2022 ore 10:34:15
GUILD è stata la prima chitarra a salire sul palco di Woodstock nel 1969 tra le mani di Ritchy Hevans. Onore al merito.
Rispondi
di lbaccarini [user #14303]
commento del 27/05/2022 ore 23:20:34
Ho posseduto per vari anni una jumbo Guild JF 30 USA dei orimi anni 90. Una chitarra magnifica, probabilmente di tutte quelle che non ho più quella che rimpiango molto. Siamo diventati amici a distanza col ragazzo che l’ha comprata che la adora.
Da poco ho la Guild acustica baritona 8 corde, niente male,
Rispondi
di robbein [user #38556]
commento del 30/05/2022 ore 11:13:3
Mi sembra di ricordare, ma non sono sicuro, che la guild sulla copertina di Bryter Layter non fosse la chitarra suonata sull'album, ma che fosse del fotografo, che la usò per la foto....
Rispondi
Altro da leggere
Un chitarrista, cinque contraddizioni
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy
Su Radiofreccia uno speciale sui Rolling Stones
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
Un chitarrista, cinque contraddizioni
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy
Su Radiofreccia uno speciale sui Rolling Stones
Ikea pensa ai musicisti: arriva Obegränsad
Usato: abbiamo perso la ragione?
PRS è al lavoro su una Tele-style con Myles Kennedy?
Bob Taylor si ritira: annunciato il nuovo CEO e Presidente
Nick Drake e gli altri: Guild, icona al collo dei giganti
Le chitarre Fender diventeranno NFT da collezione?
This Is Spinal Tap: confermato il sequel nel 2024
Marty Friedman: ecco perché la gente skippa gli assolo
Rara Les Paul burst del 1960 spunta da una soffitta: sì, può ancora ...




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964