VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Power Players: immagini rubate della pedalboard Epiphone
Power Players: immagini rubate della pedalboard Epiphone
di [user #116] - pubblicato il

Una pedaliera compatta a marchio Epiphone sorprende il web: tre effetti discreti, uscite DI e accordatore incluso, la Power Players Multi-Effects Pedal compare sui siti di vendita, ma non sul sito del costruttore.
Il catalogo Epiphone si affolla di strumenti da sogno, tirando l’asticella sempre più in alto e spesso accavallandosi con le fasce più accessibili dell’offerta Gibson USA. Gli esordienti però non sono mai usciti completamente dai radar dell’azienda e a dimostrarlo ci sono gamme come la Power Players. Introdotta nell’estate 2022, si tratta di una piccola serie di chitarre elettriche con scala ridotta e caratteristiche rivolte ai musicisti in erba, giovanissimi che si avvicinano per la prima volta allo strumento.
Ora lo stesso marchio ricompare sul web, ma applicato per la prima volta a degli effetti a pedale.

Power Players: immagini rubate della pedalboard Epiphone

Quando si pensa a Epiphone, la mente viaggia immediatamente verso chitarre e bassi, magari amplificatori e accessori, ma difficilmente si pensa a un effetto a pedale. Eppure il gruppo Gibson comprende marchi storici come Maestro, e il passaggio a una gamma accessibile sotto il cappello di Epiphone era nell’aria, probabilmente. La modalità in cui tutto ciò avviene, invece, è completamente inattesa.

Gli effetti Epiphone non arrivano sotto forma di una collezione canonica, bensì nella veste di un singolo dispositivo multi-effetto, una “striscia” in cui sono inseriti diversi circuiti discreti - cioè indipendenti e separati tra loro - messi insieme allo scopo di fornire una strumentazione basica e completa a chi muove i primi passi nella chitarra elettrica e richiede suoni di qualità, senza impazzire con modelli singoli né con le complicazioni di un processore digitale.
Così la Power Players Multi-Effects Pedal, questo il nome del multi-effetto Epiphone, mette in fila un overdrive, un distorsore e un delay con tanto di tap-tempo. Non ci sono display a bordo, eccezion fatta per il piccolo oblò alfanumerico utile a monitorare l’accordatore integrato, e tutte le regolazioni arrivano in forma di manopole relative ai singoli effetti, esattamente come accadrebbe in una pedalbord tradizionale, fatta di pedali singoli.

Anche le connessioni, sul dorso, puntano a una flessibilità paragonabile a quella di una pedaliera classica. Oltre all’input per lo strumento, compaiono quindi prese di send e return per espandere il sistema con effetti addizionali a valle delle distorsioni, e due uscite indipendenti per segnali stereo forniscono il necessario per ampliare le possibilità di wiring anche a livello professionale, o comunque in modo altamente creativo.

A colpire è anche la presenza di due uscite XLR su un fianco, complete di simulazione di cabinet, per impacchettare una macchina sì spartana, ma con tutto il necessario per esercitarsi, registrare o anche esibirsi dal vivo, senza richiedere altro.

Power Players: immagini rubate della pedalboard Epiphone

La pedaliera arriva quasi in sordina, ed è questo a far notizia. Mentre scriviamo queste righe, non c’è ancora traccia del prodotto sul sito Epiphone, ma il Power Players Multi-Effects Pedal ha fatto già capolino su diversi store d’oltre Oceano, con prezzi compresi tra i 159 e i 199 dollari.
Con le feste di Natale che si avvicinano, un dispositivo simile potrebbe rappresentare una soluzione appetibile per chiunque desideri mettere ai propri piedi un rig basico eppure tutt’altro che limitato, trasportabile all’estremo per le sessioni on-the-fly e capace di integrarsi anche in strumentazioni più elaborate. I nostri occhi resteranno quindi puntati in direzione di futuri sviluppi da condividere su Accordo.
epiphone pedaliere multieffetto per chitarra power players multi-effects pedal ultime dal mercato
Link utili
Le chitarre Epiphone Power Players su Accordo
Nascondi commenti     4
Loggati per commentare

di reca6strings [user #50018]
commento del 19/10/2023 ore 12:09:26
E' la Joyo tonechain rimarchiata e più costosa. Al di là di questo: di tali oggetti il web è pieno, ce ne sono di più forniti come effettistica che costano meno (Mosky, Cube sugar, sono i primi che mi vengono in mente). Senza dimenticare che mettendo insieme tre pedalini Mooer spendi meno e scegli quelli che ti piacciono. Per me finirà nel dimenticatoio in un amen.
Buona musica
Rispondi
di Merkava [user #12559]
commento del 19/10/2023 ore 12:59:
ב"ה
La vedo parecchio limitata come possibilita', senza modulazioni o processori di dinamica.
Magari suona bene, ma a questo punto tre pedali NUX o Mooer fanno lo stesso lavoro, sono piu' personali e magari occupano meno spazio
Rispondi
di eko22 [user #15375]
commento del 19/10/2023 ore 15:08:58
Come già detto, pedaliera inutile e secondo me pure bruttina a vedersi.
Rispondi
di Midas77 utente non più registrato
commento del 20/10/2023 ore 12:02:15
Una cacata di pedale tanto per dire "ci sono anch'io nel mercato delle cacate". Punto e stop.
Rispondi
Altro da leggere
Tre pickup e spiccata versatilità per la Cort X700 Triality
Vintage White e oro per la Broadkaster Jr di Chris Rocha
Edge è l’acustica Soundsation con armrest ergonomico
Il Gibson Custom va in Cina con Epiphone: la Firebird I e V del 1963
Il looper di Ed Sheeran diventa realtà, in due versioni
L’assurda acustica con ponte in gomma di Orangewood
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964