VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Airchild: il compressore dei Beatles da J Rockett
Airchild: il compressore dei Beatles da J Rockett
di [user #116] - pubblicato il

Lo Airchild Six Sixty si rifà a un rack storico per i compressori da studio e ne ingabbia sound e approccio in uno stompbox con sole quattro manopole a bordo.
Dal revival del funk alle nuove tendenze del chitarrismo ultra-moderno, il compressore sta ricoprendo un ruolo sempre più di rilievo nella strumentazione dei chitarristi. Poter contare su un circuito performante e facile da regolare è fondamentale se non si ha troppa confidenza con la categoria, e in soccorso vengono progettisti come J Rockett con progetti rivisitati come l’Airchild.

Airchild: il compressore dei Beatles da J Rockett

Lo stompbox si ispira al Fairchild 660, compressore valvolare da studio risalente al 1959 e usato - tra gli altri - negli Abbey Road Studios anche all’epoca della celebre sessione con protagonisti i Beatles.
Il rack è oggi un oggetto del desiderio per gli appassionati di strumentazione analogica con quotazioni sul mercato dell’usato fino a 100mila dollari, facendone uno dei processori più costosi di sempre. La controproposta J Rockett, naturalmente, è assai più accessibile. Pur restando nel campo degli effetti boutique, il pedale offre un’interfaccia semplificata, rivolta al chitarrista, e un prezzo sul cartellino accessibile.



Tutte le regolazioni ruotano intorno a quattro manopole.
Output gestisce il volume generale ed è utile a compensare il valore di Threshold, che gestisce la quantità di compressione applicata al segnale.
Blend miscela il risultato al suono diretto, così da trovare il giusto equilibrio con l’attacco e la reattività naturale dello strumento.
Tone gestisce un’equalizzazione di tipo tilt, che accresce gli acuti diminuendo i bassi quando si ruota in senso orario e facendo l’opposto quando si va in senso antiorario.

Incisivo nell’effetto di compressione, ma rispettoso del timbro originale, lo Airchild si rivela utile anche come strumento di tone-shaping. Output e Tone lavorano anche con il blend al minimo, così da sfruttare il circuito come un booster o un enhancer di frequenze per vivacizzare il segnale senza necessariamente lavorare di compressione.

Airchild: il compressore dei Beatles da J Rockett

Come da tradizione J Rockett, l’Airchild sfoggia una costruzione solida e affidabile, con la compattezza dei jack posizionati sulla parte alta dello chassis e con uno switch true bypass.
Sul sito è visibile a questo link, mentre in Italia è disponibile con la distribuzione di Face.
airchild 660 effetti singoli per chitarra rockett pedals ultime dal mercato
Link utili
Airchild 660 sul sito Rockett Pedals
Sito del distributore Face
Nascondi commenti     0
Loggati per commentare

Al momento non è presente nessun commento
Altro da leggere
1073SPX-D: il rack Neve diventa una scheda audio
Serve davvero cambiare qualcosa?
PRS mostra in video le S2 del 2024 con pickup Core americani
Il Wannabee reinventa Klon e Bluesbreaker in salsa Beetronics
La Gretsch Jim Dandy triplica e si amplifica
Mooer Prime S1: processore modulare ultra-compatto
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural
Pedaliere digitali con pedali analogici: perché no?!
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964