CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

POD 2.0 - La mia prova

di [user #11779] - pubblicato il

 

Lo ammetto, sono sempre stato scettico nell’uso di simulatori ed ampli in “scatola” ma solo gli stolti nella vita non cambiano idea. Da poco entrato a far parte del mio arsenale, il POD 2.0 si è subito ritagliato uno spazio di tutto rispetto. Ebbene si, dopo svariati anni di risparmi, prove ed acquisti che mi hanno portato ad avere una strumentazione versatile e professionale con testa, cassa e pedalini, tra i vari regali che ho ricevuto per la mia laurea spiccava uno scatolo quadrato che  conteneva questo arnese! Avevo sentito parlare delle potenzialità del POD per suonare dal vivo in diretta nel mixer, in sala davanti l’ampli, a casa per studiare in cuffia, per registrare con una buona scheda audio e… per fare il caffè? Per me espresso, corto. Scherzi a parte il caffè come sappiamo non lo fa però è una direct box (così viene definito) che si destreggia bene in tutti i campi; del resto quando è uscito, circa dieci anni fa, il fagiolone rosso costava la bellezza di 1.000.000 delle vecchie lire! Considerando che oggi con circa 150,00 eurini ve lo portate a casa nuovo mi sembra doveroso elencarne i pregi secondo le mie impressioni dopo circa un mese di smanettamenti vari.

Ho collegato la mia Stratocaster direttamente al POD e questo all’input di un combo Marshall transistor da 30 Watt. Ho provato i suoni dei 36 preset e fin qui… beh si, suona; il giocattolo nuovo funziona, ed il bambino che adesso sta scrivendo, tutto sommato si diverte. Ma a me è sempre piaciuto sperimentare come complicarmi la vita così armato di manuale premo il pulsantino “manual” ed inizio a smanettare. Senza alcun effetto, solo un po di riverbero, provo tutti gli amplificatori, Fender, Matchless, Vox, Marshall, Mesa e Soldano e devo dire che i suoni che uscivano dal combo sembravano arrivassero direttamente da un palco! Le sorprese sono continuate con le simulazioni cassa, e devo dire che alcune sono veramente fantastiche; in particolare il Fender Bassman con la cassa 4x10 Fender, il Vox AC30 con gli alnico ed i Marshall, tutti, dal JTM-45 al JCM800 avendo solo cura di accoppiare la giusta cassa, con i Greenback il primo ed i Vintage 30 il secondo. Con la simulazione Fuzz e la cassa 4x12 Greenback ti bussa alla porta zio Jimi e ti chiede: Are You Experienced? Tornando a noi, cambio l’ascia, imbraccio la mia Ibanez e le senzazioni sono le stesse. Gli ampli HI-Gain rendono benissimo, il Mesa Rectifier ed il Soldano SLO 100, Gain quanto basta così squilla il telefono e John Petrucci e Joe Satriani mi chiedono: ti stai divertendo vero?

Ricollego il tutto alla testata, un’ ENGL Screamer 50 con cassa 2x12 ed i suoni sono pressochè simili, basta regolare un po l’equalizzazione sul POD e settare i controlli Treble, Middle e Bass della testata in modo flat. Collegandosi ad una cuffia le sorprese invece non mancano; se infatti si pensa alle uscite cuffia degli ampli ed ai suoni veramente pessimi che ne derivano con il POD i suoni in cuffia sono effettivamente quelli degli ampli descritti e questo grazie al sistema A.I.R. che simula il percorso ampli-cassa-microfono-ambiente.

Per quanto riguarda la sezione effetti, questa comprende un compressor, un tremolo, due chorus, due flanger, un rotary speaker ed un delay; in più quest’ultimo può essere sommato a tutti gli effetti precedentemente descritti. Sono poi presenti anche un noise gate ed un accordatore cromatico. L’unico effetto indipendente è il riverbero di cui è possibile regolare l’ambiente e l’intensità e che può essere sommato a tutti i precedenti. La qualità degli effetti è solo discreta, se si pensa di paragonarli a singoli pedali analogici o unità rack ben più costose, però nel complesso con le simulazioni di ampli e casse e con regolazioni non troppo “invadenti” completano a dovere il suono finale. Gli unici nei, a mio avviso, sono la possibilità di utilizzare il compressor da solo o con il delay, non permettendo quindi di sommarlo al chorus o al flanger (sonorità a me tanto care per i clean pieni e corposi) e la mancanza di uno switch che permetterebbe l’esclusione della sezione preamp nel caso in cui si voglia utilizzare esclusivamente come multieffetto nel send-return di un amplificatore.

Mi dispiace non aver ancora provato l’aggeggio con una pedaliera midi per il cambio dei banchi e canali (rispettivamente 9 e 4 per un totale di 36 preset) e con un pedale espressione che permetterebbe l’uso del volume e del wah. Nel complesso le mie impressioni sono più che positive considerando che i veri vantaggi si vedono nello studio (semplice e pratico) ed a prove in saletta con il resto del gruppo; lasciare a casa i pesanti ampli valvolari ed uscire solo con la chitarra ed una borsa con il POD e due cavi è davvero una cosa non da poco, sopratutto se si pensa ai suoni che si possono ottenere! Ciao a tutti ed ovviamente buona musica. 

Dello stesso autore
Due classici "Overdrive"
Cambio testata
Quale investimento?
AC30 CC2 e pedali
La vecchia (ottima) ENGL Screamer 50 o il nuovo Marshall 1987x?
Come ti saturo.. il Muff
Migliorare una cassa. Si può?
Ancora la solita... distorsione!
Loggati per commentare

Grazie pod
di francescoRELIVE [user #13581]
commento del 13/01/2009 ore 17:1
La mia schiena ringrazia, i suoni vanno bene per tutto. Ovvio che le valvole sono un altra cosa... Io uso il pod xt live, davvero una manna per comodità di spazio, tempo di cablaggio e orecchie di tutti!
Rispondi
Io ne ho provati un
di sepp [user #10489]
commento del 13/01/2009 ore 17:2
Io ne ho provati un po' di questi "aggeggi", ma alla fine gli ho sempre rivenduti...la mia impressione è che dopo un po' ci si scoccia di stare sempre li a smanettare, prova così...prova colà!!! Cio' pero' non toglie che sia un ottimo compromesso!!!
Rispondi
Re: Io ne ho provati un
di triumph utente non più registrato
commento del 13/01/2009 ore 17:3
E' vero che possono stufare i mille settaggi ma, dico ma, se trovi quelli giusti per te deve essere una vera manna:) Saluti
Rispondi
Re: Io ne ho provati un
di sepp [user #10489]
commento del 13/01/2009 ore 17:3
Eh, ma per trovali! Poi si sa noi non ci accontentiamo mai e va a finire che si passa più tempo a smanettare che a suonare!!!
Rispondi
Re: Io ne ho provati un
di peppe80 [user #11779]
commento del 13/01/2009 ore 18:3
E' vero alla fine ci si scoccia a smanettare, infatti la cosa migliore da fare non è provare ma trovare pochi buoni suoni. Io utilizzo solo i primi tre banchi, uno per i suoni Mesa Boogie, uno per i Fender ed uno per i Marshall. Pensa a cosa costerebbe avere a casa un Dual Rectifier, un Fender Deluxe del 1965, un JTM-45, un Plexi ed un JCM-800; nomino questi perche giusto loro sono gli ampli che utilizzo e che vorrei comprare, spazio e soldi permettendo!
Rispondi
Re: Io ne ho provati un
di Robertocaster [user #1945]
commento del 29/04/2009 ore 14:3
Usiamo le stesse cose :-)
Rispondi
POD XT
di sangueimpazzito [user #15005]
commento del 13/01/2009 ore 18:1
Da circa 1 anno sono possessore di un POD XT, comprato usato, e devo dire che alla distanza sono ancora pienamente soddisfatto. Lo uso con delle buone cuffie quando non posso rompere le palle al palazzo, oppure con una cassa amplificata FBT. In particolare ho trovato fondamentale l'acquisto della cassa amplificata (nn ricordo se 30 o 60W) perchè: 1. le simulazioni degli ampli del POD sul fender valvolare non mi piacevano per niente, ne veniva fuori un mix inascoltabile, 2. ho trovato che rispetto al fender valvolare l'abbinamento POD più cassa fosse meglio (a) per la maneggevolezza (in uno zaino ci faccio stare tutto, e comunque l'uso che ne faccio è solo casalingo), (b) per la possibilità di controllare il volume, che col fender devo per forza attaccarci un pedale o andare sul canale distorto (ma qui sarò impedito io). Penso che POD più cassa attiva sia in grado di battersi con i migliori ampli a transistor (dopo l'acquisto ho venduto il microcube perchè ormai inutile .. nn che il microcube sia un buon ampli, eh :) ), e che gli effetti del POD e le sue possibilità siano infinite. Quindi il POD continua a donarmi scoperte e soddisfazione, anche se la mia chitarra è per lo più attaccata all'ampli valvolare e a qualche pedalino.
Rispondi
ciao io volevo chied
di punk1986 [user #19108]
commento del 29/04/2009 ore 13:3
ciao io volevo chiedere quale è la versione più aggiornata del pod e qnt può costare...grazie^_^
Rispondi
pod 2.0line6
di punk1986 [user #19108]
commento del 29/04/2009 ore 13:5
è caduto x terra...nn si accende più conoscete qualche centro o negozio nelle mie vicinanze che lo possa aggiustare:-(
Rispondi
Se si fanno dei pres
di Robertocaster [user #1945]
commento del 29/04/2009 ore 14:3
Se si fanno dei preset sensati... (ovvero ampli, cassa, mic e qualche effetto) è una bomba. Se ci si mette a cazzeggiare smanettando a caso non si conclude nulla.
Rispondi
Io lo presi usato nel ...
di Jumpy [user #1050]
commento del 27/04/2014 ore 22:22:33
Io lo presi usato nel 2007 (lo pagai sui 100€ tramite amici comuni) e lo uso ancora.
E' un po' il coltello svizzero dei chitarristi ed escono fuori suoni credibili e direttamente utilizzabili già dai preset di fabbrica.
Lo gestisco con una Behringer FCB1010 che permette anche di usare il wah-wah e, secondo me, nell'insieme, sono un setup completo per chi non ha particolari esigenze.
Credo sia normale, per com'è concepito l'apparecchio, che settaggi estremi o spippolamenti a casaccio portino a risultati poco verosimili e suoni "brutti".
L'approccio migliore, secondo me, è regolarsi come se si avesse davanti il vero ampli emulato e non vedere tutte le varie manopoline come interruttori on/off ma piuttosto andarsi a cercare, come un ampli vero appunto, le sfumature intermedie ;)
Rispondi
di burchio [user #48651]
commento del 26/12/2018 ore 17:02:06
Buona sera, mi ricollego a questo articolo in quanto sono entrato in possesso del Line 6 POD 2.0, e mi chiedevo se qualcuno può gentilmente fornirmi il manuale completo in italiano. Ho provato a cercare su internet ma si trova solo un estratto sul sito strumentimusicali.net . Grazie se qualcuno mi potrà aiutare
Rispondi
di peppe80 [user #11779]
commento del 04/01/2019 ore 08:14:42
Ciao burchio io dovrei averlo in qualche archivio in formato pdf. Devo cercarlo e se lo trovo posso inviartelo. Avrei pero bisogno di un indirizzo e-mail.
Rispondi
di burchio [user #48651]
commento del 04/01/2019 ore 13:27:09
Grazie mille Peppe, l'indirizzo è: fminici@libero.it
grazie davvero
Rispondi
di peppe80 [user #11779]
commento del 04/01/2019 ore 15:41:2
Provvedo in serata a cercarlo e ti rispondo! :)
Rispondi
di burchio [user #48651]
commento del 04/01/2019 ore 20:15:49
Ti ringrazio anche qui. Gentilissimo, manuale ricevuto
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
Quanto conta l'immagine di un musicista
David Gilmour racconta la Black Strat
Phil Demmel mostra le sue due Fury
Boomwhackers: la didattica innovativa
Cool Gear Monday: la SG Custom 1967 di Jimi Hendrix
"Asbury Park: Lotta, Redenzione, Rock and Roll" al cinema il 22-23-24 ...
Frank Gambale: un ottimo manuale per imparare a improvvisare
PRS: La S2 Vela diventa Semi-Hollow
Scale a tre note per corda: da Paul Gilbert a Andy Timmons
Registrare e rimandare il suono dell'ampli con un looper
Nux Solid Studio SS5: microfonare la chitarra... con un pedale
La storia dietro la Gretsch più desiderata del Custom Shop
Marco Primavera: la batteria dei Thegiornalisti
Capotasto: storia e utilizzo e in più la prova del nuovo G7th Perform...
Waves Audio Submarine

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964