DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Blackstar HT Club 50 (watt) da paura
Blackstar HT Club 50 (watt) da paura
di [user #34908] - pubblicato il

Blackstar ha saputo ritagliarsi una posizione nel mercato dell'amplificazione offrendo combo e testate per un prezzo contenuto e con ogni cosa al proprio posto. La HT Club 50 sprigiona cinquanta watt di potenza interamente valvolare con la voce versatile della tecnologia proprietaria ISF.
Blackstar ha saputo ritagliarsi una posizione nel mercato dell'amplificazione offrendo combo e testate per un prezzo contenuto e con ogni cosa al proprio posto. La HT Club 50 sprigiona cinquanta watt di potenza interamente valvolare con la voce versatile della tecnologia proprietaria ISF.

Qualche tempo fa la redazione di Accordo aveva pubblicato un articolo su questo amplificatore. Nel pezzo si parlava, però, di questo amplificatore solo a livello tecnico teorico sia sul funzionamento sia sul suono che avrebbe dovuto avere, dato che non era ancora uscito sul mercato. Ormai è un anno che la Blackstar HT Club 50 è nei negozi e quindi c'è stata la possibilità di provarla in modo abbastanza approfondito. La testata si presenta bene, esteticamente parlando, e si mostra con uno stile vintage.

Blackstar HT Club 50 (watt) da paura

Sul pannello frontale si trovano:
- lo switch del power (ovviamente)
- lo switch dello standby (presente anche nella versione da 5W ma non in quella da 20W)
- il master ottimo per evitare una discrepanza troppo accentuata tra il volume del clean e il volume del distorto, ma ottimo anche per coloro che magari per necessità momentanee o perché suonano in casa non hanno la possibilità di alzare di molto il volume, ma vogliono ottenere comunque un ottimo suono valvolare
- il riverbero attivabile e disattivabile solo da footswitch (altrimenti rimane attivo, ma non è un problema: basta portare il potenziometro a 0). È digitale ma ha comunque un suono molto apprezzabile, caldo e non è mai troppo invadente. Nel pannello posteriore è possibile variarne il tipo (vedi descrizione pannello posteriore)
- l'ISF (Infinite Shape Feature), un controllo di tono brevettato da Blackstar che va a lavorare ulteriormente sull'equalizzazione per avere così un suono più american o più british
- l'equalizzazione con i potenziometri per i bassi, medi e alti
- il controllo del canale overdrive con i due potenziometri (Volume e Gain) più la possibilità di cambiare, tramite il pulsante, il tono del canale distorto potendo scegliere tra Classic Overdrive e High Gain Lead
- stessa cosa per il canale pulito con i due potenziometri per le regolazioni (Tone e Volume) più la possibilità, tramite pulsante, di cambiare il tono dell'amplificatore potendo scegliere tra British Class-A e Dynamic US.

Blackstar HT Club 50 (watt) da paura

Il pannello posteriore presenta:
- ingresso footswitch (incluso all'acquisto)
- Send/Return con possibilità di collegamento stereo (tramite quei jack con un plug stereo e dall'altra parte due plug mono) più la possibilità il livello +4dBV o -10 dBV
- come precedentemente accennato, la possibilità di cambiare il timbro del riverbero Dark/Light
- l'uscita emulata per le cuffie o per delle registrazioni veloci. Simula una cassa 1x12 collegata alla testata
- I tre speaker output (1x8Ohm o 2x16Ohm, 1x16Ohm)
- e in fine la presa per l'alimentazione.

Alcuni erroneamente pensano che l'HT Club 50 non sia totalmente valvolare ma che sia ibrida almeno per quanto riguarda la distorsione. La testata è puramente e totalmente valvolare e si sente. Grazie a un preamplificatore basato su due valvole ECC83 e un finale di potenza dotato di una coppia di EL34, la testata è in grado di erogare cinquanta watt di potenza. Il suo suono è eccezzionale.
Anche la 20W monta una coppia di EL34 al finale e una coppia di ECC83 al preamplificatore. Come è possibile? Le due EL34 sono inserite in parallelo e questo rende il suono della 20W più freddo rispetto alla 50W.
I bassi emessi dalla testata HT50 Club non sono mai pesanti e invadenti, anzi sono molto belli e profondi. Anche in modalità Hi-Gain, con il potenziometro del gain al massimo, il suono rimane comunque intellegibile. La testata risponde molto bene se collegata a dei pedali sia che questi siano in ingresso o nel send/return. Quest'ultimo dovrebbe essere seriale.
La sua cassa di serie è la Blackstar HTV-412 (4x12) ma risponde molto bene anche con la Blackstar HTV-212, una 2x12 con i coni Celestion Seventy 80.

In questo video si sente abbastanza bene il suono della testata, che comunque è da provare dal vivo perché la compressione dell'audio data da YouTube ne uccide la dinamica e tutte quelle micro sfumature che la rendono unica.


I controlli risultano molto sensibili e questo la rende versatile, ma può anche renderla estremante "delicata di settaggio", dato che con una lieve rotazione di potenziometri si percepisce già un cambiamento.
Sebbene Blackstar sia una marca giovane non ha nulla da invidiare ad altre firme più famose. Quindi, quando la andrete a provare non scartatela subito per partito preso solo perché sopra non c'è scritto "Marshall", "Mesa" o "Vox", ma ascoltatela e lasciatevi emozionare. Poi, se non incontra i gusti personali, è un altro discorso.

Nota della Redazione: Accordo è un luogo che dà spazio alle idee di tutti, ma questo non implica la condivisione di ciò che viene scritto. Mettere a disposizione dei musicisti lo spazio per esprimersi può generare un confronto virtuoso di idee ed esperienza diverse, dando a tutti l'occasione per valutare meglio i temi trattati e costruirsi un'opinione autonoma.

Blackstar HT Club 50 (watt) da paura
amplificatori blackstar club 50 ht
Link utili
Blackstar HT Club 50 su Accordo
Mostra commenti     11
Altro da leggere
Il mito del Jazz Chorus in edizione limitata
Amped 2: testiamo in anteprima l’amplificatore stomp Blackstar
Amped 1 è l’amplificatore universale da pedaliera di Blackstar
Ascolta i St. James EL34 e 6L6 a confronto
Gear: la Flop Ten di una vita - Parte 2
Blackstar St. James: 50w non sono mai stati così leggeri
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Blanco non sente la voce e sfascia tutto: povera stella
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964