CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
La vita in studio prima dei mixer
La vita in studio prima dei mixer
di [user #116] - pubblicato il

Il sound engineer Gianni Ruggiero racconta come funzionava una sessione di registrazione a più strumenti prima che i grandi banchi mixer entrassero negli studi. La vita del tecnico non era facile come oggi.
L'invenzione della sovraincisione ha spalancato le porte delle moderne tecniche di registrazione. Poter incidere uno strumento alla volta e poi unire tutto in due tracce stereo era una rivoluzione, permetteva di correggere errori, di ripetere solo una take venuta male senza buttare via tutto il lavoro e doppiare strumenti all'infinito. Come si dice in questi casi, però, non è sempre oro ciò che luccica, e il multitraccia poteva diventare anche una gran seccatura per il tecnico che aveva a che fare, soprattutto se visto con gli occhi di oggi.

La vita in studio prima dei mixer

Siamo abituati a pensare alla regia di una sala d'incisione come a un enorme computer, con un mixer dai canali infiniti, una scheda audio dalle possibilità virtualmente illimitate e con una DAW che permetta di tagliuzzare ogni nota per lavorare solo sui dettagli che convincono di meno senza rischiare di rovinare il resto. Prima del digitale, l'unica cosa che si poteva fare grazie ai grandi mixer era ascoltare un missaggio preliminare con cui costruire un bilanciamento grossolano degli strumenti prima di andare a rifinire il tutto. Prima dei mixer, neanche questo era possibile, e le sessioni di registrazione procedevano quasi alla cieca.

Gianni Ruggiero, nella nostra visita agli studi Phonotype di Napoli, ci ha raccontato com'era la vita del tecnico del suono ai tempi dei primi multitraccia. Da ragazzo, ci dice di aver lavorato con un Philips a quattro tracce (di cui una guasta), e che non è stata affatto una passeggiata.


Abbiamo conosciuto Gianni in questo articolo, e nelle prossime settimane ci guiderà alla scoperta dello studio di registrazione, tra storia e tecniche. Prima di entrare nel vivo abbiamo voluto condividere questa "pillola retrò", che può far riflettere molto chiunque si avvicini oggi alla registrazione, sia essa in studio o casalinga, dando per scontata tutta la potenza e la versatilità che solo le moderne tecnologie sono riuscite a fornire, e che un tempo non ci si sognava neanche.
gianni ruggiero interviste phonotype tecniche di registrazione
Link utili
Il primo studio di registrazione in Italia
Mostra commenti     16
Altro da leggere
Pentatoniche, bending e note da brividi: armonica che incanta
Billy Corgan: il colore cambia il suono di una chitarra
Luca De Gennaro Incontra Beatrice Antolini a Music Show Milano
Intervista a Blanco White
Che cos'è una band 2.0
Maurizio Solieri, curiosando "Dentro e Fuori dal Rock'n' Roll"
Seguici anche su:
News
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live
La chitarra sparafulmini degli ArcAttack
Chris Shiflett vende tutto: "ho troppe chitarre!"
La storia del delay
La truffa delle chitarre online a prezzi bassissimi
Ecco perché finirai per acquistare il solito overdrive




Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964