HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Arrogantia la chitarra perfetta?
Arrogantia la chitarra perfetta?
di [user #116] - pubblicato il

In redazione c’è giunta una chitarra che definire particolare è riduttivo. L’Arrogantia è il frutto di diversi anni di studio su quelle che dovrebbero essere le caratteristiche dello strumento ideale. Il risultato non poteva essere certo tradizionale.
Su quale sia lo strumento migliore al mondo, con le caratteristiche di bellezza e fascino unite a versatilità e tone più incredibili si potrebbe parlare per anni senza giungere a una vera e propria conclusione. Il progetto Arrogantia, però, in maniera bonaria ne siamo sicuri, vuole cercare di mettere fine alle diatribe. Certo, sappiamo bene che ciò non è possibile e che molto probabilmente questa solid body per molti è l’oggetto più lontano che mai dall’idea di perfezione. Questo non toglie certo il merito a Emanuele Chiarlone, la mente che si nasconde dietro il progetto, di avere messo in opera qualcosa di diverso, innovativo e pure strano. 

Già il colpo d’occhio lascia sorpresi. Non c’è nulla che richiami alla mente qualcosa di già visto. Ogni forma è però studiata per soddisfare una necessità. Il body a goccia è scavato con dovizia per permettere la giusta posizione quando si suona da seduti. Allo stesso tempo il corno superiore è allungato quanto basta per bilanciare al meglio la chitarra quando la si appende a una tracolla. I legni utilizzati sono il classico mogano con top in acero marezzato, il primo in un pezzo unico, il secondo book matched. 

Il manico a 24 tasti è avvitato e realizzato in un unico pezzo di acero quarter sawn. Questo, però, prosegue sotto al pickup al manico fino quasi a metà body. Questo permette di avere un maggior contatto tra le parti, che si traduce in un maggior sustain, senza la perdita di attacco tipica del bolt-on. 

L’hardware è tutto marcato Schaller e si compone di meccaniche autobloccanti staggered, che così non necessitano di alberini abbassacorde, La paletta allo stesso tempo, però, è molto ribassata rispetto al pieno della tastiera, questo crea un ventaglio tra le corde che dà loro parecchia tensione, alleviata poi dallo zero fret utilizzato assieme al capotasto TusQ. La scala da 24,75’’ termina nel ponte sempre Schaller, in questo caso di tipo Vintage. La tipologia del ponte è proprio l’unica cosa di vintage sull’Arrogantia, giunta in redazione nell’allestimento Virtus, con doppio humbucker. 

L’elettronica è tutta Di Marzio. Al ponte troviamo un Evolution, in abbinata a un The Cruiser, mini humbucker a doppia lama realizzato dalla Di Marzio. Questo è leggermente inclinato così da coprire la zona che va dal 4° al 5° armonico delle corde. Una soluzione che permette di far captare al magnete un campo di frequenze più vasto. Il microfono al ponte è splittabile tramite un mini selettore posto tra i controlli di tono e di volume. Il pick up al ponte è splittabile tramite uno switch posto tra le due manopole. La posizione, forse, non è comodissima, ma è solo questione di abitudine. 

Arrogantia la chitarra perfetta?

Il selettore a tre vie, invece, è posizionato in linea con il pick up al ponte ed è comodissimo da utilizzare. Sul sito troverete un sacco di altre informazioni sulla filosofia costruttiva dell’Arrogantia, noi invece iniziamo a occuparti del sound. 

Innanzitutto va detto che la scelte delle geometrie paga. Sia da seduti che in piedi lo strumento non infastidisce mai. Questa è un’ottima notizia, tanto per le braccia quanto per la schiena. L’ampio arm-rest permette movimenti agevoli e il 24esimo tasto lo si raggiunge con una facilità davvero estrema. 

Il profilo modern C con il radius da 16’’ garantisce una comodità estrema nel muoversi su e giù per la tastiera, senza fatica, ponte e meccaniche poi sembrano poter garantire la giusta stabilità all’accordature.

Arrogantia la chitarra perfetta?

Dentro nel Marshall l’Arrogantia ci riporta verso la tradizione. Il clean al manico è cicciotto, ma ha un che di stratocasteroso, con quel sound un po’ nasale. Certo i materiali sono diversi, il pick up è un mini-humbucker, ma il risultato è questo. Anche quando si passa al crunch la situazione resta invariata. Questa però non è certo una nota negativa, anzi è proprio un punto a favore. Tanto è innovativa nell’aspetto e nella liuteria, tanto è legata ai suoni classici quando la sia attacca all’amplificatore. Anche la scelta di accoppiare l’Alnico II a un corpo in mogano bello spesso sappiamo già dove sta andando a parare. Il sound, quando ci spostiamo al ponte, infatti, prende la robustezza e lo spessore tipico degli humbucker, con quella dose di basse in più e l’output rinvigorito che riesce a far ballare le valvole. 

Aumentiamo il gain e la situazione si fa ancora più calda. L’Arrogantia sa tirare fuori le unghie e mettere in campo un grind tosto e una sana dose di sustain, merito sicuramente ​della costruzione così particolare del manico. Messa alla prova anche con il guadagno a palla ha saputo snocciolare le note una a una senza impastare tutto e rendere il risultato incomprensibile. 






Il progetto, come ogni innovazione, non è certo esente da aspetti migliorabili. Siamo sicuri che una chitarra come questa è la classica “o la odi o la ami”, perché non ammette vie di mezzo. È uno strumento artigianale, realizzato in Italia e customizzabile a piacere. Viene offerto compreso di custodia rigida al prezzo di 2600 euro circa, in linea con la produzione boutique di questo genere. A prescindere dal gusto estetico che non può che essere personale, avere a che fare con qualcosa che non sia una classica copia di qualcosa di già visto è sempre un piacere, che vogliamo condividere con voi. 
 
arrogantia chitarre elettriche virtus
Link utili
Visita il sito di Arrogantia
Altro da leggere
Pubblicità
Una Stratocaster entrata nel mito e il suo...
Migliorare l'accordatura sulla Les Paul...
Stupende chitarre, meravigliose rovine:...
Marvit Mahat: la Les Paul parla napoletano...
Pubblicità
Commenti
di guitarilvio [user #18810] - commento del 17/02/2017 ore 09:02:23
Ho avuto il piacere di provarla, veramente una gran chitarra
Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 17/02/2017 ore 11:51:30
Grazie
Rispondi
di guitarilvio [user #18810] - commento del 17/02/2017 ore 12:38:53
Appena ho un pò di tempo cerco di provarla con il mio ampli ;-)
Rispondi
di kawaninja [user #46308] - commento del 17/02/2017 ore 15:37:02
Silvio,a te andrebbe meglio la virtus ;-)
Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 18/02/2017 ore 08:22:54
Chiamami che vengo a sentirvi!!
Rispondi
di BBSlow [user #41324] - commento del 17/02/2017 ore 09:05:25
Le chitarre vanno provate, ma a vederla così a me piace.
Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 17/02/2017 ore 11:59:26
...che di sesti tempi è già tanta roba....
;-)
grazie mille.
Rispondi
di zanzacris [user #11650] - commento del 17/02/2017 ore 09:30:21
Molto bella....e il timbro, dl video, sembra molto buono
Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 17/02/2017 ore 12:02:14
zanzacris.. sei un intenditore!
;-)
Rispondi
di screamyoudaddy [user #37308] - commento del 17/02/2017 ore 09:47:4
Piaciuto molto il suono, solo l'ultima parte molto distorta non mi ha fatto impazzire, ma forse c'era troppo Gain nel l'ampli, cosa che in generale non amo. Veramente comoda a vedersi per arrivare fino a fondo tastiera.
Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 17/02/2017 ore 12:01:36
Funzionalità prima ancora del design. Questo è stato il primo dei comandamenti seguiti.
Con tutti i rischi del caso..
Grazie screamyoudaddy!
Rispondi
di telecrok [user #37231] - commento del 17/02/2017 ore 09:54:20
Siamo sempre lì, è una missione impossibile fare lo strumento perfetto, perfetto per tutti intendo e questa chitarra è l'ennesimo esempio di quanto il problema sia quanto mai soggettivo così come la sua eventuale soluzione.
Sicuramente costruita con la massima cura, precisione e materiali sceltissimi ma è la "sua" chitarra ideale e si vede.
Comunque sia complimenti per la realizzazione e la maestria anche se dal vero non l'ho vista e toccata, potrebbero bastare le immagini, da queste traspare con una certa evidenza che si tratta di un prodotto di qualità superiore.
Mi piace molto la soluzione zona paletta manico con accesso al bullone trussrod, bella quella rampa e soprattutto di facile accesso, inoltre la paletta è niente male direi.
Buona fortuna.
Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 17/02/2017 ore 11:52:34
Grazie infinite per gli auguri.
Rispondi
di nawa utente non più registrato - commento del 17/02/2017 ore 10:15:40
la vendetta del tasto zero :-)
Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 17/02/2017 ore 11:53:26
esattamente !
:-)
Rispondi
di maxventu [user #4785] - commento del 17/02/2017 ore 11:01:02
una nuova creatura italiana, un progetto originale artigianale sono SEMPRE un'ottima notizia, in bocca al lupo al Liutaio, e complimenti per le scelte. Alcune delle quali davvero raffinate ed esclusive.
Se proprio devo trovare un particolare che personalmente non mi fa impazzire, per lo meno dalle foto, è la forma del body, soprattutto nella parte finale, oltre il ponte per intenderci, con quella punta.
E' possibile provarla in qualche negozio in zona Milano ?
Saluti!
Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 16/03/2017 ore 20:09:43
Ciao maxventu, scrivo a te per scrivere a tutti, visto che mi chiedevi se fosse stato possibile provarla nella tua città...
Il 26 marzo prossimo sarò presente al Custom Shop di Milano.
Spero che possiate prendervi la domenica "libera" per venire a conoscermi!
Grazie a tutti quelli che vorranno venire salutarmi...
Rispondi
di maxventu [user #4785] - commento del 17/03/2017 ore 12:26:57
Ciao e Grazie ! Non sono sicuro di riuscire a venire al Custom Shop causa impegni pregressi, ma se dovessi esserci, la vorrò sicuramente provare !
Grazie mille !
saluti
Max
Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 17/02/2017 ore 11:58:4
ciao maxventu, grazie davvero molto per gli auguri.
Per quanto riguarda il body, come per qualunque altra scelta progettuale all'interno dell'ambizioso progetto (se hai/ avete voglia, date un occhio al sito dove spiego l'intera filosofia con cui ho voluto realizzare la Arrogantia) ,ha una sua ben precisa motivazione. La forma è funzionale all'ergonomia in questo caso e al raggiungimento del sustain prefissato, ma tenendo ben chiari i pesi e i bilanciamenti necessari.
No, non è ancora disponibile su Milano, ma se ti facesse piacere mangiare un boccone con me a pranzo, con la tua prima gita fuori porta potresti venirmi a trovare, te lo offro volentieri; dopotutto sono solo un ora e mezza o poco più...
e se sarete più di uno....affitterò un capannone!
ciao
Rispondi
di maxventu [user #4785] - commento del 18/02/2017 ore 00:05:2
Grazie mille davvero!
Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 18/02/2017 ore 08:24:57
...a te per l'interesse e gli apprezzamenti.
Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 17/02/2017 ore 12:03:51
scusate mi sono loggato come Manueflavia ma evidentemente sono Arrogantia..
Rispondi
di jakeelee [user #34260] - commento del 17/02/2017 ore 14:36:15
Mi trovo d'accordo con Maxventu. Non mi piace la forma del body.
Invece trovo il suono fantastico sia distorto che pulito.
I miei migliori in bocca al lupo ad Arrogantia.
Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 17/02/2017 ore 18:23:04
non auguro a questo povero lupo di crepare (visto il periodo nefasto per la specie...) ma ti ringrazio di cuore per l'augurio.
Rispondi
di kawaninja [user #46308] - commento del 17/02/2017 ore 15:25:58
solo una piccola puntualizzazione...
la Virtus utilizza al ponte un Di Marzio evolution,non l'alnico 2,prerogativa del set up Hereditas..
poi tengo a sottolineare la qualità costruttiva (avendo visto nascere il progetto e seguito tutte le lavorazioni) sicuramente sopra la media!
una chitarra assolutamente da provare ;-)
Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 17/02/2017 ore 18:24:28
grazie kavaninja!
Rispondi
di yasodanandana [user #699] - commento del 17/02/2017 ore 16:07:37
ottimo suono..

è più bella imbracciata che vista da sola..

per me che sono in costante palm muting probabilmente sarebbe comodissima. Sembra, a occhio, che la mano cada naturalmente in tale posizione senza doversi spostare di lato..

bene!!
Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 17/02/2017 ore 18:26:31
la comodità e la suonabilità generale sono stati il motivo della forsennata ricerca per cercare di migliorare quanto di già esistente.
Grazie per l'approvazione del suono.
ciao
Rispondi
di yasodanandana [user #699] - commento del 18/02/2017 ore 04:24:24
no no .. approvo tutto e aspetto di vedere una versione baritona. :-)
Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 18/02/2017 ore 08:18:46
...nella forsennata ricerca di suonabilità e comodità (senza trascurare aspetti timbrici naturalmente) ho trovato risposta nella scala corta. Mi sa che per vedere una Arrogantia baritona ci vorrà un pò di tempo....
ma grazie ancora ;-)
Rispondi
di yasodanandana [user #699] - commento del 18/02/2017 ore 14:43:54
:-)
Rispondi
di daron_poshikyan [user #45372] - commento del 17/02/2017 ore 18:45:3
il battipenna mi ricorda molto quello della red special
Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 17/02/2017 ore 19:02:56
Bravissimo daron poshikyan! Per me la Red Special è stato il faro da seguire per tutti questi anni. Il genio di Brian May è da invidiare e l'ho voluto "onorare" mutuando qualche sua geniale intuizione e seguendo il suo ineguagliabile gusto.
Rispondi
di PegasusVanDerKlyne [user #19758] - commento del 19/02/2017 ore 16:59:21
Vero... Avevo pensato alla stessa cosa!

Personalmente lo trovo molto elegante e... confortevole ;-)
Rispondi
di tylerdurden385 [user #30720] - commento del 17/02/2017 ore 19:09:23
E' bella e nel video suona benissimo. Se dovesse pure piacermi addosso non esiterei a comprarla. In bocca al lupo per il progetto e chissà che tra qualche tempo...
Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 17/02/2017 ore 19:33:2
... e io sarei lì a confezionartela....
a presto!
Rispondi
di sidale [user #29948] - commento del 18/02/2017 ore 00:45:35
Gran bel suono complimenti al liutaio.
Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 18/02/2017 ore 08:21:0
...e grazie a te per i complimenti. Sono assolutamente ben accetti e carburante per l'anima .
Rispondi
di Inglese [user #31999] - commento del 18/02/2017 ore 13:24:29
Sentendola suonare solo in video mi sembra versatile e ben compita (in termini di suono) e considerando che Accordo offre numerose recensioni registrate nello stesso posto, con la stessa mano credo realistico anche il confronto con altri strumenti e questa chitarra mi ha colpito molto più di altre.
Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 18/02/2017 ore 13:59:35
E io ti ringrazio sinceramente per questa tua opinione.
Rispondi
di coltrane [user #15328] - commento del 18/02/2017 ore 18:40:10
chitarra ideale per chi scusate?
Rispondi
di PegasusVanDerKlyne [user #19758] - commento del 19/02/2017 ore 02:31:10
Se potessi creare una chitarra "perfetta" lo farei con le seguenti caratteristiche:

- Body "Stratocaster" (un classico... il più comodo in assoluto)
- Manico/tastiera "Ibanez Jem" (veloce e assolutamente confortevole dal I al XXIV tasto)
- Pickup "Humbucker" (AlNiCo neck position - Single Coil middle position - Ceramico bridge position)

Il suono?! Se potessi sceglierlo vorrei la voce di una GIBSON LPCUSTOM*

Il resto... è secondario ;-)

Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 19/02/2017 ore 08:33:59
Beh, la Arrogantia rispecchia grosso modo la tua descrizione.
Il Body: è a spalla mancante come la Strato e ha un invito sia per l'avambraccio che per il petto, ma molto più pronunciati proprio perché , se parliamo di comfort, la Strato è di gran lunga migliorabile ( vorrei che la potessi provare per verificare quanto stia dicendo);
Manico Ibanez: anche qui mette molto male "spiegare " il manico ma ti basti sapere che gli spessori sono ibanez ma la percezione sotto le dita secondo me è molto più Gibson ( vuoi per via della tastiera molto compatta, del "finto" binding laterale e per la scala ) e per quanto riguarda la comodità del raggiungimento della seconda ottava... beh, senza peccare di presunzione, ma ritengo sia molto più facilitato il manico della Arrogantia ( anche qui vorrei farvelo provare, ma se ne avete voglia, sulla mia pagina Facebook, c'è un bel video dimostrativo a riguardo e foto esplicative di come è stato realizzato il tacco);
Pick-ups: con l'allestimento Hereditas hai l'Alnico, con l'allestimento Virtus hai i ceramici. Con l'allestimento Cupiditas hai... quello che ritieni sia più giusto per te tranne che, per ferma convinzione e scelta progettuale non ci saranno mai Humbucker al manico, ne pick-up centrali ( con i suoni abbondantemente suppliti da alcune configurazioni selezionabili);
Suono: con un body in mogano ( pezzo unico) e top in acero marezzato ( bookmatched) con masse complessive importanti ( spessori totali di 2 mm in più di una Les Paul ma peso complessivo di una Strato senza aver inserito oscene camere tonali nel body) e un pick-up Humbucker Alnico II Pro Slash al ponte.... se non ha voce Gibson Custom, diciamo che non ha niente da invidiargli..
Ma tutto questo è solo una mia opinione che non vuole cercare di far cambiare idea a nessuno (anche se mi piacerebbe un po'...😉). Chiedo solo alle persone che potrebbero essere interessate e magari non troppo distanti dalla Liguria, di provare a venirne a toccare una con mano e confutare quanto detto. Dopotutto, come un grande artista una volta mi disse: " le chitarre sono come gli abiti, vanno indossate prima di giudicarle". E io, se vorrete, sarò qui a farvele indossare. Ciao!
Rispondi
di PegasusVanDerKlyne [user #19758] - commento del 19/02/2017 ore 12:43:15
Lo sai che mi hai convinto :-) Se avessi un po' di disponibilità economica ci farei un bel pensierino. Ma il costo, finita, per una configurazione Virtus? Esiste anche con Fretboard in ebano?
Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 19/02/2017 ore 13:27:22
2690€ con custodia e spedizione. Stesso prezzo per entrambe le configurazioni. Uso sempre e soltanto ebano ( quella in video è ebano macassar, ha delle particolari striature, ma è sempre ebano, mentre quella in foto è ebano africano nero.)
E complimenti per la tua elasticità mentale, solo gli stolti non cambiano mai idea....😉
A presto!
Rispondi
di PegasusVanDerKlyne [user #19758] - commento del 19/02/2017 ore 16:47:31
Apprezzo fortemente la grande cura e attenzione che riservate ai vostri strumenti; si percepisce immediatamente l'alta qualità che vi caratterizza.

Sono assai attratto dalla suonabilita' e dal confort, studiato, che divengono punti peculiari per ARROGANTIA*

A livello di design, sarà che sono un inguaribile romantico, continuo a preferire i classici... ma questo è un gusto personale. Sono però assolutamente convinto della grande affidabilità e delle prestazioni che ogni vostra creazione può offrire.

Il costo mi sembra proporzionato per un prodotto di livello così elevato con features, semplicemente, uniche.

Eventualmente, accettate anche pagamenti + permute?

Mi complimento con voi per l'impegno che dimostrate nel portare avanti, con forte accento sull'innovazione, la tradizione liuteristica italiana.

;-)



Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 19/02/2017 ore 17:32:18
Preferisco non gestire permute.
Grazie ancora per le splendide parole.
A presto!
Rispondi
di PegasusVanDerKlyne [user #19758] - commento del 19/02/2017 ore 18:13:21
Grazie per la tua cortesia :-)

Vorrà dire che il mio prossimo acquisto liuteristico sarà uno dei tuoi gioielli con la A*👌
Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 19/02/2017 ore 18:49:28
E io sarò qui.🤗
Rispondi
di telecrok [user #37231] - commento del 20/02/2017 ore 11:42:44
Vivi in Liguria?
Io sto a Genova, dove hai il laboratorio?.
ciao
Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 20/02/2017 ore 12:38:14
A Cairo Montenotte, strada sant'Anna 6 (SV)
È molto semplice arrivare.
Ora a disposizione da provare ho un'allestimento Hereditas ( quella naturale senza colori, presente in foto) e tra circa una settimana dovrei finire un'altra Virtus...
Fammi sapere se vorrai venire a trovarmi! Grazie per l'interesse. Ciao
Rispondi
di telecrok [user #37231] - commento del 20/02/2017 ore 14:46:54
Ok, senz'altro.
grazie della dritta
Rispondi
di lmur1986 [user #46433] - commento del 20/02/2017 ore 17:18:30
Da apprezzare sicuramente chi produce "a mano" specialmente in un settore dove i grossi pesci tendono sempre a mangiare quelli piccoli (ad eccezione fatta di quelli che realmente sono proprio in gamba) ; parlo con cognizione di causa , ho avuto modo di provare la chitarra in questione in un musicstore di Cairo Montenotte e ovviamente esprimo il frutto dei miei gusti e di ciò che con la mia piccola esperienza posso valutare.
Lo strumento in questione sinceramente non mi ha entusiasmato , ritengo che nonostante la qualità non sia "ne carne , ne pesce" per una serie di motivi che per costruzione, scelta di alcuni componenti e per feeling ho riscontrato.
Anche il prezzo mi lascia abbastanza perplesso , nonostante gli strumenti di liuteria, non tutti ovviamente, ben sappiamo che tipo di qualità abbiano , (non discuto sui materiali) ma credo che come primi strumenti di una produzione che ovviamente solo con tempo ed esperienza possa soltanto migliorare debbano esordire sul mercato a cifre molto più ragionevoli.
In bocca al lupo !
Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 20/02/2017 ore 18:37:0
Grazie Imur per gli auguri, li accetto più che volentieri.
Permettimi di sottolineare quello che anche tu hai scritto, ossia che i gusti personali ovviamente influiscono inevitabilmente e legittimamente sui giudizi.
Però consentimi di ribadire che le scelte dei materiali con cui è realizzata la Arrogantia, come dici anche tu, non credo si possano discutere molto dal momento che utilizzo solo ed esclusivamente materiali ed hardware senza scendere ad alcun compromesso. Nessuno. Neppure quello dei costi che, come potrai immaginare sono molto alti se si fanno certe scelte ( potrei usare legni di seconda scelta che mi costerebbero un terzo, oppure fare body e manico incollandoli, oppure usare meccaniche e ponti più o meno sconosciuti, oppure ancora evitare il carbonio nel manico, battipenna custom, potrei usare pick-up privi di referenze o condensatori ceramici, fret di marchi sconosciuti e non Dunlop e potrei andare avanti mezza giornata..)
In più aggiungo che la costruzione necessità di un mese di lavoro circa e se si decide, come me, di pagare anche le tasse fatturando ogni più piccola vendita, il prezzo difficilmente riuscirà ad essere più competitivo.
Conosco liutai che impiegano 20 minuti a limare con mole rotative dei manici, io per raggiare il mio, a controllo numerico impiego più o meno 5 ore ma la tolleranza resta nell'ordine del decimo non del millimetro. Capisco anche che non a tutti possa interessare.
Non pretendo si condivida tutto ciò che faccio ma almeno si prenda atto che non si può paragonare uno strumento realizzato più o meno industrialmente con uno che esige le attenzioni che porgo io al mio. Non fosse altro per il particolare processo costruttivo che gli appartiene. Ma ovviamente ogni scarrafone è bello a mamma sua e la tua opinione per me è importante almeno quanto una lusinga.
Con la speranza di conoscerti e forse un giorno di farti cambiare idea ti saluto cordialmente
Rispondi
di lmur1986 [user #46433] - commento del 20/02/2017 ore 19:16:55
Ci mancherebbe figurati, io non ho discusso dei materiali ma di altro ; conosco personalmente liutai che costruiscono fior fior di strumenti da anni ed anni e che al momento del "debutto" giustamente hanno dovuto vendere al prezzo giusto , senza la pretesa di partire con delle chitarre da 5.000.000 delle vecchie lire ed alle spalle poca esperienza.
Chitarre che poi nel corso degli anni si fanno pagare anche il doppio, ma hanno maturato esperienza, competenze tali da poterselo permettere.
Poi ci mancherebbe come lei dice le chitarre sono paragonabili ad abiti da provare ad indossare ; ma un prezzo elevato di un abito sartoriale creato da un sarto che si immette sul mercato da poco , secondo me , non avrà molto riscontro.
Ovviamente parere personale.
Saluti!
Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 20/02/2017 ore 19:34:17
Permettimi solo di dire che per prezzi alti , con strumenti di vera liuteria, si dovrebbe intendere ben oltre ai 2690€ che , sebbene siano un numero importante, non saranno mai sufficienti a ripagare le fatiche di un mese di duro lavoro.
Solo costruendo uno strumento, dalla tavola grezza all'ultima corda montata, si riesce a giudicarne realmente il valore finale. Se conoscessi i costi delle materie prime per realizzare una mia chitarra sono certo che sbarreresti gli occhi, così come se ti dicessi a quanto sto lavorando all'ora...
Ti assicuro, libero di pensarla come credi, che lo sto facendo per pura ed esclusiva passione non certo con intenti di arricchimento.
Potrei fare altre scelte!per contenere i costi ( come suggerito anche da altri) ma non ho intenzione di seguire quella strada. Non è la mia.
Ti ringrazio però davvero molto per il tempo speso a venire a provarla ( so quanto è prezioso di sti tempi) e terrò a cuore il tuo giudizio esattamente come farò con ogni altro.
Ciao!
Rispondi
di Repsol [user #30201] - commento del 21/02/2017 ore 08:43:08
So che è facile dare consigli, senza peró sapere cosa sta alla base di certe scelte progettuali. Quindi più che un consiglio, un suggerimento, uno spunto di riflessione...Per renderla ancora più appetibile, togliamo quei DiMarzio e ci mettiamo dei Lollar, Fralin, Klein...fatto 30 facciamo 31!
Oppure rendiamola davvero esclusiva con dei bei I-Spira customizzati ad hoc.
Per il resto...strumento eccelso. Davvero complimenti
Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 21/02/2017 ore 13:15:20
Ciao Repsol, grazie per l'idea è per i complimenti.
Per ora avrei intenzione di lasciare invariati i due allestimenti , entrambi di qualità elevatissima e frutto di scelte , ti assicuro, molto ben ponderate.
Sicuramente col terzo allestimento ( Cupiditas) si può ordinare qualunque configurazione, secondo le proprie attitudini/preferenze.
In futuro sicuramente aumenterò le configurazioni predefinite e quasi certamente utilizzerò i marchi da te citati.
Grazie ancora , a presto!
Rispondi
di Repsol [user #30201] - commento del 21/02/2017 ore 23:36:29
Si in effetti non avevo considerato che con il terzo allestimento si puó personalizzare a piacimento. Mea culpa...ci avevi già pensato!
In bocca al lupo x tutto, lo meriti.
Rispondi
di jdessi [user #27382] - commento del 24/02/2017 ore 12:04:25
A me piace. Ma non posso permettermela. In ogni caso è entrata ufficialmente a far parte della lista delle chitarre che acquisterò quando farò sei all'enalotto.
Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 24/02/2017 ore 13:06:21
Grazie jdessi, però dai, non è "da super enalotto", è un'alternativa a qualunque custom shop, anzi costa molto meno di una qualunque custom shop con una serie di contenuti che penso tante custom shop si possono scordare....
Ma questa è solo la mia opinione😉....
A parte le battute, davvero grazie per la considerazione.
Rispondi
di jdessi [user #27382] - commento del 24/02/2017 ore 13:16:31
SI, ti do ragione, non è da Enalotto e costa meno di una custom shop. E la preferisco anche a molte custom shop. Ma allo stato attuale non me la posso proprio permettere...
Rispondi
di Arrogantia [user #40490] - commento del 24/02/2017 ore 13:26:53
Magari ci facciamo una versione Cupiditas come quella che sto realizzando su specifiche di un attuale cliente:
Body interamente in mogano, verniciato tinta unita;
Ponte fisso;
Pick-up ed elettronica EMG preassemblata.
Riusciamo così a tenere i costi molto più bassi😜.
Grazie ancora per la preferenza, ti saluto cordialmente.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Una Stratocaster entrata nel mito e il suo inseparabile compagno
Zoom AC2 Acoustic Creator
StroboClip HD: il clip con accordature "addolcite"
AC Noises Vola: personalità con rispetto
Da Black Widow il modeling analogico e valvolare
I più commentati
Migliorare l'accordatura sulla Les Paul
Stupende chitarre, meravigliose rovine: l'approccio migliore al restauro
AC Noises Vola: personalità con rispetto
Una Stratocaster entrata nel mito e il suo inseparabile compagno
Seymour Duncan PowerStage 170: l'ampli in pedaliera
I vostri articoli
Una Stratocaster entrata nel mito e il suo inseparabile compagno
Stupende chitarre, meravigliose rovine: l'approccio migliore al restauro
Valeton Dapper Mini: come suonare leggeri
Beatles: gli insospettabili Stratocaster Hero
Una Les Paul travestita da Duo Jet
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964