HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Eastwood: quando il guitar-making incontra il crowdfunding
Eastwood: quando il guitar-making incontra il crowdfunding
di [user #116] - pubblicato il

Il progettista propone delle chitarre e dei bassi unici nel loro genere. Il pubblico versa degli anticipi per bloccare il proprio strumento e, se la soglia prestabilita viene raggiunta, si dà il via ai lavori senza sprechi né invenduti. È il modello di Custom Shop sostenibile di Eastwood.
Eastwood è una firma nota tra gli appassionati di chitarre e bassi in stile retrò. Dal 2002, l'azienda canadese attrae la curiosità del mercato con una linea di strumenti del tutto singolari. Mentre le mode impongono forme sempre più aggressive e timbriche all'avanguardia, Mike Robinson e la sua squadra raccolgono l'eredità delle meteore degli anni '50 e '60. Un'attenta progettazione e una costruzione di stampo industriale riportano in vita i più curiosi modelli Airline, Valco, Supro e altre perle d'annata con caratteristiche costruttive moderne e prezzi contenuti.

L'azienda ha sempre dimostrato un approccio sopra le righe alla progettazione e costruzione di strumenti musicali, e non stupisce che abbia deciso di fare da apripista per un concetto inedito di Custom Shop basato sul principio del crowdfunding.

Eastwood: quando il guitar-making incontra il crowdfunding

Il crowdfunding è un modello di business basato sulla richiesta diretta da parte del pubblico, il primo esempio di produzione di massa in cui la domanda anticipa fisicamente l'offerta.
Sono i clienti stessi a finanziare i progetti e le catene produttive effettuando dei veri e propri pre-ordini per gli oggetti proposti dal venditore, garantendo da parte loro un budget di partenza che copra gran parte dei costi e faccia, in un certo senso, da paracadute per l'imprenditore. In questo modo, il professionista ha la certezza di avere già dei clienti per il suo prodotto prima ancora di crearlo e, in alcuni casi, grazie a loro lo migliora e lo tara in base alla domanda.

Questa realtà non sarà nuova per chi è appassionato di tecnologia. È possibile trovare infatti diversi siti che fanno da piattaforma per delle start up o per piccoli imprenditori intenti a proporre le proprie idee, come i celebri Kickstarter o Indiegogo.
La trovata di Eastwood è sfruttare la base del crowdfunding e unirla a lotti di chitarre e bassi di numero ridotto, una dimensione finora esistente solo nel mondo della liuteria e del custom di fascia alta. Se da una parte la produzione presso gli stessi stabilimenti che sfornano gli strumenti "di serie" assicura costi contenuti per il prodotto finito, dall'altra la partecipazione del pubblico alla fase progettuale garantisce un successo assicurato per i modelli realizzati.

Il processo funziona più o meno così. Eastwood propone la realizzazione di un preciso modello, e chiede ai clienti di depositare una caparra (solitamente tra i 100 e i 300 dollari) come impegno all'acquisto e come base per affrontare i lavori. Una volta raggiunta la soglia necessaria a giustificare l'investimento, si procede alla realizzazione pratica degli strumenti. I clienti versano il resto della somma richiesta per lo strumento (stabilita fin dall'inizio) e ricevono comodamente a casa il proprio esemplare. Qualora la soglia non dovesse essere raggiunta entro un tempo dato, Eastwood restituisce il deposito iniziale e si procede verso il prossimo progetto.

Eastwood: quando il guitar-making incontra il crowdfunding

La pagina del Custom Shop Eastwood è attiva da diversi mesi e si è ampliata fino a comprendere un catalogo particolarmente variegato. In lista ci sono repliche di strumenti d'epoca, identici sotto ogni aspetto se non per alcuni aggiornamenti funzionali, ma anche disegni inediti, solo ispirati ai classici della categoria.

È il caso della chitarra tenore a quattro corde, uno dei prodotti distintivi del catalogo Eastwood, che viene riproposta nello shape Flying V e sta raccogliendo fondi proprio mentre leggete queste righe. La campagna si concluderà a metà maggio, ma è bastato che poco più di una dozzina di appassionati effettuassero il loro deposito per superare già da ora il margine richiesto per l'inizio dei lavori.

Non mancano le collaborazioni con i maggiori liutai contemporanei, purché ben fondati nel retrò. La Backlund 400, per esempio, ha raccolto cinque volte la somma necessaria al successo della campagna.

Anche i fan possono avanzare richieste di replicare precisi modelli d'epoca, come la curiosa Morris del 1975, con forme ispirate ai mandolini della scuola americana. Per coprire i costi di gestione erano richiesti 1800 dollari. Ha raccolto quasi dieci volte tanto.

Eastwood: quando il guitar-making incontra il crowdfunding

Quelle che vedete sul sito ufficiale sono delle vere e proprie piccole partite di chitarre custom, ma con processi costruttivi solitamente riservati alla produzione su larga scala e con costi ridimensionati di conseguenza. Quello intrapreso da Eastwood è un modello di business nuovo e attento al mercato. Non si basa su ricerche di gradimento, bensì sulle richieste reali del pubblico. Con costruzioni mirate di questo tipo non accadrà mai che in deposito restino dei modelli di minor successo o con finiture che nessuno vuole, a vantaggio di tutti.
bassi elettrici chitarre elettriche eastwood
Link utili
Eastwood Guitars
Eastwood Custom Shop
Kickstarter
Indiegogo
Flying TV
Backlund 400
1975 Morris Custom
Altro da leggere
Pubblicità
Hybla, più che una offset...
1997-2017: 20 anni di John Suhr...
Arrogantia: quando il peccato diventa virtù...
John Mayer e PRS al lavoro su una...
Pubblicità
Commenti
di francesco72 [user #31226] - commento del 07/04/2017 ore 19:22:13
bell'idea, tra l'altro dando un'occhiata ai progetti mi pare che i prezzi siano abbordabili (in dollari), non saranno pezzi unici ma sono di certo pochi esemplari. Dal sito, però, non ho capito se spediranno anche in Europa, per cui ho chiesto anche per capire quanto aumenteranno i prezzi, vedremo.
Ciao
Rispondi
di djangolives [user #4893] - commento del 08/04/2017 ore 16:22:01
uno dei loro vantaggi è proprio quello di spedire anche dall'Europa, evitando così dazi ed altre rotture. almeno finché Liverpool sarà Europa...
Rispondi
di djangolives [user #4893] - commento del 08/04/2017 ore 16:27:05
occhio anche alle sezioni B Stock e Discontinued models: si trovano articoli con piccoli difetti o gli ultimi pezzi di modelli fuori produzione a prezzi molto interessanti. In più, periodicamente, offrono settimane durante le quali non si pagano le spese di spedizione: a quel punto il prezzo indicato sui prodotti disponibili è proprio il netto
Rispondi
di francesco72 [user #31226] - commento del 10/04/2017 ore 09:04:03
grazie per entrambe le segnalazioni, per inciso sei stato più veloce della eastwood. A questo punto mi toccherà tornare a visitare il sito e pianificare un acquisto entro i prossimi 23 mesi.
Ciao
Rispondi
di RedPuma [user #43439] - commento del 14/04/2017 ore 13:01:15
La Backlund 400, appena l'ho vista l'ho adorata, pare un'astronave!
Peccato che io sia mancino... beh, con il 521% di preordini raccolto in crowdfunding ecco la rossa mancina. HANNO FATTO ANCHE QUELLA!!! Oddio... sento che sto per comprarla.
W il Crowdfunding e W la Eastwood!
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Hybla, più che una offset
Il single coil "e mezzo" di Rivet Pickups
TOP-GT: l'ampli smart da scrivania di Joyo Audio
Okko rinnova il Diablo con una star del web
Pedaltrain Nano+ e Volto, leggeri ma tosti
I più commentati
Hybla, più che una offset
Per chitarristi moderni e temerari
Il bias delle valvole spiegato
La Fender Collection sbarca su iOS
Bogner e Neve a Oxford per il fuzz in ferrosilicio
I vostri articoli
Una Telecaster trentenne made in Japan
Decal? Meglio in stile lawsuit!
Squier Strat extreme makeover
Sembra Telecaster ma non è
La diversificazione degli effetti a pedale negli anni ottanta
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964