HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Effedot A2CP 28G CE: bada al sodo
Effedot A2CP 28G CE: bada al sodo
di [user #116] - pubblicato il

La A2CP, realizzata da Effedot, è una chitarra acustica che punta su un sound efficace, senza troppi fronzoli, con un prezzo davvero contenuto ma caratteristiche di tutto rispetto. L’abbiamo messa nelle mani di Paolo Pilo per una recensione estemporanea.
Le Effedot sono chitarre progettate in Italia e realizzate da un costruttore cinese selezionato con cura da Reno Brandoni, che molti hanno sicuramente potuto incontrare allo scorso Custom Shop a Milano. L’obbiettivo di questi strumenti è quello di essere social, popolari, offerti quindi a un prezzo davvero basso e competitivo. La distribuzione a cura di Aramini è stato il tassello mancante che ha portato in giro per i negozi italiani i vari modelli proposti.

Quello che abbiamo tra le mani fa parte della seconda serie. È una auditorium elettrificata e a spalla mancante. È realizzata con soli legni laminati, abete per il top e palissandro indiano per fondo e fasce. Il tutto unito da un binding elegante, nero, che contorna tutta la cassa ed è ripreso dal motivo attorno alla buca. Il manico in mogano con una tastiera in palissandro, stesso legno utilizzato per il ponte e per abbellire la paletta.

Effedot A2CP 28G CE: bada al sodo

Dei 20 tasti 14 sono lasciati fuori dalla cassa, questo unito alla spalla mancante e al manico con capotasto da 46mm restituisce grande comodità. Anche la action bassa aiuta molto a trasmettere feeling. Da non dimenticare anche il manico sottile che gioca a favore.

Le caratteristiche sono di tutto rispetto e vengono ulteriormente impreziosite dal sistema di amplificazione montato di serie. Il Sonitone di Fishman è uno tra i sistemi più utilizzati e sa dare un’ottima riproduzione del sound unplugged dello strumento, soprattutto quando viene installato con cura.

Imbracciando la A2CP si notano nella buca le particolari incatenature. Queste anziché essere alleggerite assottigliandone lo spessore sono traforate a laser. Questa procedura ottiene un ottimo risultato sia dal punto di vista sonoro che economico. La lavorazione consente di avere un top leggero e vibrante, ma allo stesso tempo realizzato in pochissimo tempo.

Questo si traduce in una voce corposa, carica soprattutto sulle medio alte. Le basse sono presenti ma non sono preponderanti. Questo aiuta soprattutto quando si vuol far emergere la melodia in un brano. Allo stesso tempo pestando di più con il pollice o col plettro si riescono a recuperare le frequenze che stavano un po’ sopite nello strumming.



Per un prezzo che non supera i 300 euro, la Effedot è una chitarra davvero speciale. Realizzata con cura da progettisti di tutto rispetto, con una grandissima esperienza e costruita con qualità. Siamo sicuri saranno strumenti in grado di fare la felicità di chi vuole una chitarra con un buon sound ma senza svenarsi eccessivamente.
Per prezzi e disponibilità, visita il sito di Aramini Strumenti Musicali, distributore del marchio sul territorio Italiano. Per maggiori informazioni sulle Effedot, visita il sito ufficiale a questo link.
a2cp28gce chitarre acustiche effedot
Link utili
Sito Effedot
Sito del distributore Aramini
Altro da leggere
Pubblicità
Fender T Bucket 400CE dreadnought fiammante...
Così nascono le chitarre Martin...
Cort AS M5 bella e possibile...
GPCXAE una Martin in bianco e nero...
Pubblicità
Commenti
di giuseppe40 [user #18743] - commento del 03/05/2017 ore 16:19:55
anche se il suono del video sembra più compresso del solito, dato quanto si dice in giro sono chitarre che vanno provate quanto prima! Purtroppo sento anche poca differenza tra suono plugged e unplugged ... Sembrano davvero valide e mi piace l'idea che c'è alla base.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Elvis: un grandissimo chitarrista che non sapeva suonare
Amplifcatori: più potenza non serve quanto credi
Dentro l’OUT Side Studio: pedali e pedaliere
Wheely Guitars: alta liuteria in sedia a rotelle
Se tutti suonassero l'ukulele...
I più commentati
Elvis: un grandissimo chitarrista che non sapeva suonare
A&R e case discografiche: il complesso lavoro dell'Artist & Repertoire
Fender torna agli anni '50 tra P90 e hardware dorato
Dentro l’OUT Side Studio: pedali e pedaliere
Amplifcatori: più potenza non serve quanto credi
I vostri articoli
Il silenzio in pedaliera
Se tutti suonassero l'ukulele...
Amplifcatori: più potenza non serve quanto credi
Harley Benton TE-70 Rosewood Deluxe: Telecaster a portata di tutti
La breve storia di Valco: 1942 - 1968
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964