HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Tornano le Yamaha CSF
Tornano le Yamaha CSF
di [user #116] - pubblicato il

Le piccole CSF1 e CSF3 aggiornano le Parlor di casa Yamaha con nuovi legni e bracing scalloped. Due video ufficiali le mostrano all'opera.
Le Parlor Yamaha tornano con aggiornamenti tecnici e stilistici dopo 15 anni dalla loro dismissione. La serie CSF si rifà il look per il 2018 con i modelli CSF1 e CSF3.

Entrambe le chitarre, sotto la scintillante finitura gloss, celano ora un bracing di tipo scalloped arricchito da una serie di rinforzi sulla scia delle tecniche adottate da Yamaha sugli strumenti di fascia più alta. Le revisioni sarebbero responsabili di una proiezione importante e di un suono dettagliato quanto profondo.

Tornano le Yamaha CSF

La CSF1 è progettata per rivolgersi agli studenti e ai musicisti in cerca di una chitarra pratica e versatile, da portare su un palco come in una festa tra amici.
Ha un top in abete sitka con fasce e fondo in mogano laminato. Il manico è in nato, con tastiera e ponte in blackwood. Una striscia di abalone corre intorno alla rosetta e un binding ne circonda le curve.

La CSF3 alza leggermente l'asticella e ammicca ai più esperti con una cassa in mogano massello e un ricco binding in mogano.

Entrambi i modelli adottano un'elettronica passiva basata su un pickup Yamaha SRT Zero Impact, ed entrambi contano 20 fret su un diapason da 23,7 pollici per una suonabilità morbida e un tono caldo, senza rinunciare all'attacco e alla risposta rapida di una configurazione 14-fret.

Le Yamaha CSF siedono nella fascia media di mercato e sono entrambe accompagnate da una nuova custodia semirigida per unire protezione e trasportabilità.
Un breve video promo le ha presentate così al pubblico.



Dopo la loro comparsa al Namm 2018, sono state anche protagoniste di una prova sul campo tra le braccia di Marco Filippini alla Namm House, nell'ambito di una serie di video preparati da Yamaha e Line 6 in occasione della fiera statunitense.



Prossimamente disponibile anche in Italia, tutta la serie può essere vista sul sito ufficiale a questo link.
chitarre acustiche csf1 csf3 namm show 2018 yamaha
Link utili
Serie CSF sul sito Yamaha
Altro da leggere
Pubblicità
Alvarez Delta: una 00 come si deve...
Cordoba Mini II: nylon-string da viaggio in...
La famiglia Cobain perde storica la Martin...
Niente Gibson: Yamaha assimila Ampeg...
Pubblicità
Commenti
di telecrok [user #37231] - commento del 15/02/2018 ore 09:39:00
belle
Rispondi
di MuddyWaters [user #47880] - commento del 15/02/2018 ore 09:57:10
Belle sono belle e a me piacciono. Ma non sono delle parlor e si vede chiaramente che alla Yamaha hanno deciso di utilizzare le dime che hanno per fare le chitarre classiche anche per fare le acustiche.
Rispondi
di LuigiFalconio85 [user #42411] - commento del 15/02/2018 ore 13:29:22
Belle...ma se avessero avuto la spalla mancante forse il pensierino ce lo avrei fatto...
Rispondi
di aleck [user #22654] - commento del 15/02/2018 ore 16:33:47
Bellissime! :-) Mi ricordano le Seagull Folk, altre ottime chitarre. La forma inusuale (quasi da classica) è molto molto comoda da imbracciare.
Rispondi
di telecrok [user #37231] - commento del 16/02/2018 ore 10:06:21
Ormai è evidente che l'obbiettivo per tutti i costruttori è realizzare delle chitarre con volumi minori, meno ingombranti delle Dread. e anche delle acustiche tradizionali, con forme da classica o parlor dove la sfida vera è ottenere volume, profondità e sustain con casse il più possibile strette oltre che piccole, ottenendo chitarre leggere e comodissime.
La risposta a questa ricerca sono i materiali, legni risonanti con stagionature al di fuori di ogni sospetto, con profili sottili e altamente vibranti, con catenature poco invasive.
La parola d'ordine é "semplicità". Un ritorno alle origini.
Solo i più bravi riusciranno nell'intento.
Queste Yamaha sono belle, ben realizzate, con verniciature all'altezza della situazione, parsimoniose, minimali, bisognerebbe provarle per vedere se hanno raggiunto un buon risultato, ma almeno una parte dell'opera è stata fatta, l'estetica è veramente accattivante.
Rispondi
di superloco [user #24204] - commento del 05/03/2018 ore 09:14:00
a quel prezzo si può comprare di meglio.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Ecco perché finirai per acquistare il solito overdrive
RedSeven: sbirciamo dietro la griglia del nuovo hi-gain italiano
Cort fonde due miti vintage nella Sunset TC
Strymon Riverside: semplice ed efficace
Marshall Origin 20H: prime impressioni
I più commentati
Ecco perché finirai per acquistare il solito overdrive
Marshall Origin 20H: prime impressioni
Cort fonde due miti vintage nella Sunset TC
Solar aggiorna il catalogo per destrorsi e mancini
Sincero e scatenato
I vostri articoli
Marshall Origin 20H: prime impressioni
Zoom Guitar Lab 3.0: arriva l'editor
Di Pinto Galaxie IV: brillantini, modding e switch sbagliati
Customizzazione di un VHT Special 6 Ultra
Cosa determina davvero il suono di un pickup
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964