CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Tech 21 Acoustic Fly Rig: mezzo chilo di tutto
Tech 21 Acoustic Fly Rig: mezzo chilo di tutto
di [user #116] - pubblicato il

In poco più di mezzo chilo Tech 21 ha posizionato tutto quello che occorre per amplificare al meglio una chitarra acustica. L’Acoustic Fly Rig è infatti l’evoluzione del modello dedicato alle elettriche, con features diverse e dedicate ovviamente al mondo dell’acustica. Lo abbiamo provato con Michele Quaini nell’OUT Side Studio.
Il Fly Rig di Tech 21 è un multieffetto compatto che racchiude al suo interno tutto ciò che serve per  salire sul palco senza patemi d’animo, con un’unico oggetto pronto a sopperire a gear ben più complessi. La versione in prova oggi è quella dedicata alla chitarra acustica, evoluzione del modello per chitarra elettrica che si presenta nello stesso formato ma in una colorazione arancione rame. 

Si divide in quattro differenti sezioni, ognuna dedicata a uno o più effetti. Si parte da destra con il compressore. Questo può essere regolato sia nella quantità di compressione che nel livello di uscita. Si passa poi al SansAmp, un vero e proprio preamplificatore analogico, che ricalca il circuito del modello stand alone. I controlli qui sono molti di più e si parte dal classico volume, passando per la sezione di equalizzazione, con l’aggiunta di un low pass filter e un notch che permette di prevenire risonanze indesiderate. 

Tra comp e pre si inserisce anche il boost che permette un guadagno fino a 12dB, con un controllo dedicato. Per finire troviamo la sezione di effetti di ambiente, modulazione e ritardo. Nello specifico abbiamo a disposizione un riverbero con decay regolabile e che offre la possibilità tramite uno switch di selezionare larg o small room. Il delay invece simula un analog e può essere regolato nel time (anche tramite TAP tempo dedicato) numero e livello di ripetizioni. 

Il chorus, selezionabile in alternativa al DLY è invece preimpostato e ha un sound molto aperto quasi da 12 corde. 

Il Fly RIG ha ingresso jack e uscita sia jack che XLR. La prima, se si seleziona il pulsante dedicato, cambia il livello di uscita adeguandolo a quello delle cuffie che è possibile inserire direttamente nell’apparecchio utilizzandolo così per direttamente senza bisogno di mixer o amplificatore. L’uscita DI con connessione XLR invece ha, come per ogni direct box che si rispetti, la possibilità di scollegare la messa a terra ed evitare eventuali ronzii. Restano infine da citare il pulsante per invertire la fase del segnale in uscita e bloccare sul nascere eventuali larsen e il comodo accordatore cromatico on-board.

Il Fly Rig una volta inserito tra chitarra e sistema di amplificazione, o registrazione, si dimostra molto trasparente lasciando quasi invariata la voce della Martin. Attivando il Sansamp invece si inizia ad avvertire qualche cambiamento. Il sound ha un carattere diverso, rafforzato sulle medie e anche sulle basse. Basta intervenire sull’EQ per sistemare al meglio ogni frequenza. I controlli intervengono in maniera precisa, anche se le manopole piccole potrebbero far pensare a una cerca scomodità nell’azione. 

Tech 21 Acoustic Fly Rig: mezzo chilo di tutto

La sezione di compressione è leggermente invasiva se la si sfrutta in maniera pesante, ma se applicata nelle giuste dosi è perfetta per limare arpeggi e strumming ed evitare picchi di volume esagerati. Anche qui abbiamo a che fare con un circuito interamente analogico, un bene per il sound complessivo che non viene snaturato, salvo nei settaggi estremi. 

Il boost è una vera comodità. Quando si utilizza l’acustica all’interno di un brano può capitare di avere bisogno di una spinta ulteriore al suono vuoi per un solo o semplicemente per una parte suonata a dita che ha bisogno di essere sostenuta. Qui viene in aiuto il boost che può raggiungere i 12dB senza fatica, con un occhio sempre al larsen che può essere in agguato. 

Finiamo con gli effetti. Questi sono digitali e fanno il loro dovere alla grande. Il chorus pre-impostato è molto aperto e tende molto a somigliare al sound di una 12 corde intervenendo come un pitch shifter. Ottimo anche il riverbero che offre la possibilità di scegliere due differenti camere. È risonante, non impasta e si rivela perfetto tanto per suonare da soli che all’interno della band in quanto riesce a restare brillante. 

Concludiamo con il delay che simula un effetto analogico. Grazie al TAP tempo si può scegliere con precisione il setup più congeniale e questo è un bene. Il DLY forse non è tra gli effetti più usati sull’acustica, sopratutto nei live, ma è una risorsa davvero interessante. Valido nell’uso come slapback, ma anche in maniera più evidente con ripetizioni allo stesso volume del segnale wet. 



Con un prezzo che si attesta intorno ai 399€ l’Acoustic Fly Rig non è tra i prodotti più economici di questo tipo in commercio, ma allo stesso tempo offre una qualità innegabile e un’ottima robustezza. Un sistema perfetto per chi spesso si porta sul palco un’acustica e ha bisogno di un rig completo. 


Tech 21 è un marchio distribuito da Backline
 
acoustic fly rig effetti e processori tech 21
Link utili
Visita il sito Tech 21
Visita il sito di Backline
Mostra commenti     2
Altro da leggere
Due stompbox classici tornano con Danelectro
Dark Sun: delay e riverbero in uno da Seymour Duncan
MXR Custom Badass Modified OD: alternativa al TS?
Wah Joyo con pedale volume incorporato
Pugilist: da Fender una distorsione cattiva e pungente
Space Commander: gli anni ’80 si fanno in tre
Seguici anche su:
News
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
La Strat interamente fatta di pastelli colorati
Guarda John Mayer presentare GarageBand per Apple nel 2004
Ascolta New Horizons: il nuovo singolo di Brian May
I temi chitarristici più caldi del 2018
Impara a suonare e a tenere il palco con Carlos Santana
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964