HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
"Metodo di Vibrafono": ottima didattica per uno strumento che ne aveva poca
di [user #116] - pubblicato il

"Metodo di Vibrafono" è un manuale che, snodandosi attraverso due serie di lezioni ben definite, guida lo studente attraverso altrettanti percorsi di studio legati a questo strumento: il primo orientato e concentrato sull’affinamento della tecnica; il secondo sull’avvicinamento stilistico al jazz, con una spiccata attenzione rivolta all’improzzisazione.
I due percorsi sono circoscritti nei due DVD che compongono il cuore del manuale.
Ciascun DVD è composto da otto video, della durata media di 10 minuti,  che fanno riferimento ad altrettante lezioni. Di "Metodo di Vibrafono" , convince proprio  l’efficace supporto reciproco tra video e spiegazione cartacea. I video sono delle lezioni austossusistenti, in cui con tono chiaro e affabile l'autore Andrea Dulbecco tratta in maniera precisa vari temi, alternando alla spiegazione l’esecuzione di parti ed esercizi al vibrafono. Nella parte scritta, ogni video trova nel relativo paragrafo/lezione un funzionale riassunto e un corredo di spartiti e progressioni di accordi esaminati nei video.
Si assiste alla lezione nel supporto dinamico e vivace del video; si studia, fissano i concetti e si ripassa nella praticità delle lezioni scritte.
Il target specifico a cui questo manuale sembra rivolgersi è quello dei musicisti che o alle prime armi, o provenienti dall’ambito classico, vogliono avvicinarsi a un approccio più moderno e vicino al jazz.

"Metodo di Vibrafono": ottima didattica per uno strumento che ne aveva poca

Questo approccio moderno è incentivato da Dulbecco che costantemente sprona gli studenti a un contatto personale con lo studio. “Ogni studente deve diventare il maestro di se stesso” spiega Dulbecco” Nessuno meglio di noi può capire e riconoscere le lacune e le esigenze del nostro playing e di conseguenza elaborare un metodo di studio funzionale a sanarle.”
Moltissimi i temi trattati nella parte del manuale dedicata alla tecnica: metodologia di studio, progressioni armoniche, l'impostazione del Burton Grip, esercizi di agilità, studi sugli arpeggi...
Altrettanto ricca la sezione dedicata al vibrafono jazz: improvvisazione sugli accordi; cura della pronuncia; il blues; armonizzazione di un tema e sostituzioni...
Ma, vero fiore all’occhiello del manuale, sono proprio i consigli che Dulbecco elargisce: l’importanza degli ascolti; la consapevolezza che la capacità di improvvisare non sia una dote esclusiva ma un talento che può essere coltivato e affinato con lo studio; l’elaborazione di un metodo di studio personale; la corretta armonizzazione tra l’approccio più istintivo e quello più accademico.
Del resto, Andrea Dulbecco è un eccellenza del vibrafono riconosciuta a livello internazionale. Un musicista attivo e con un curriculum strepitoso che inevitabilmente riesce a trasmettere ai suoi allievi l'importanza di un approccio allo studio che non sia meramente accademico.

"Metodo di Vibrafono": ottima didattica per uno strumento che ne aveva poca

"Metodo di Vibrafono" e un ottimo manuale didattico che ha due meriti: il primo di colmare il vuoto di una quasi totale mancanza di letteratura didattica per il vibrafono; il secondo, di fornire ai musicisti principianti ma già ben instradati al suo studio - o provenienti dalla classica -  una via d’accesso al jazz efficace, facile e accattivante.
Da ultimo, doveroso  ribadire una raccomandazione che Dulbecco non si stanca di ripetere nel manuale:  per chi voglia affrontare con piena consapevolezza questo testo è necessaria la conoscenza del pianoforte. Il vibrafono è strettamente imparentato con il pianoforte. Conoscere, anche minimamente  il pianoforte sarà indispensabile per capire più facilmente e in maniera più veloce molte delle progressioni presentate in questo manuale.

"Metodo di Vibrafono" è untesto stampato da Volontè&Co.

recensioni vibrafono
Link utili
"Metodo di Vibrafono" sul sito di Volontè&Co
Altro da leggere
Pubblicità
Roberto Gualdi: "Diario di bordo dal Messico"...
Fare i dischi. E poi studiare....
Tecnica: metronomo e cura della dinamica...
Linear Fill: il metodo di batteria ...
Pubblicità
Mario Guarini: "Now It's My Turn"...
Massimo Moriconi: la tecnica serve per fare musica...
Adam Deitch: tecnica, mani allo specchio...
Batteria: 50 dischi fondamentali...
Batteria: 50 dischi fondamentali. Miles Smiles di Miles...
Questione di resistenza...
Federico Paulovich: tra clinic, tour e lezioni on line...
Roberto Gualdi: istinto, personalità & felicità...
Bosphorus: una storia di amicizia, passione e qualità....
Commenti
Al momento non è presente nessun commento
Commenta
Loggati per commentare





A lezione con Ellade Bandini
Cinque groove una storia
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: Il ballabile più mosso
Ellade Bandini: lo swing di Euro
Ellade Bandini: i The Champs & la Rumba Rock
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
Top Set
Il setup di Damien Schmitt
Thomas Lang ci racconta il suo setup nel tour con Paul Gilbert
9 giorni a Natale: il drumkit mostruoso che vorrei
L'epidemia dei setup clone
Il Setup di Aaron Spears
Il setup di Tony Royster Jr.
Il Setup di Charlie Benante
Interviste
Federico Malaman: strumenti Signature e consapevolezza del suono
Curiosità, ascolto e studio: così si cresce nella musica
Sincero e scatenato
Dei Lazzaretti: chi non va a tempo, suona da solo
Fare la cosa giusta
Federico Paulovich: tra clinic, tour e lezioni on line
Lezioni di Ableton
Paolo Caridi: nuovi progetti e nuovi endorsment
Quale legno scegliere per i fusti della batteria?
Intervista a Damien Schmitt
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964