HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Salen: Strandberg sfida la tradizione californiana
Salen: Strandberg sfida la tradizione californiana
di [user #116] - pubblicato il

Manico squadrato per accompagnare il pollice, fanned fret e pickup inclinati per compensare l'intonazione multi-scala, la Salen non è la solita T-style.
A una prima occhiata, la Salen può apparire una semplice revisione di una delle solid body più tradizionali in circolazione. Basta aguzzare la vista invece per scoprire un vero concentrato di tecnologia focalizzato su suono, precisione e suonabilità.

La forma del corpo messa a punto da Strandberg Guitars è studiata per un’ergonomia totale, con cavità utili a imbracciare lo strumento in qualsiasi modo, che sia a tracolla, sulla coscia destra o tra le gambe. Nella Salen, il progetto si adatta alla più classica delle elettriche californiane, ma porta con sé tutti i canoni che rendono interessante il catalogo Strandberg.

Si tratta di una chitarra multi-scala, cioè con una distanza tra capotasto e ponte diversa se misurata sul lato dei cantini o delle corde più grosse allo scopo di equilibrare la resa dello strumento su tutta l’escursione e rendere l’intonazione più accurata rispetto a quella ottenibile con un manico tradizionale, anche grazie ai tasti fanned.
Il manico EndurNeck brevettato dal marchio mette sul piatto un curioso profilo asimmetrico disegnato per assecondare e accompagnare i movimenti naturali del musicista attraverso tutta l’escursione. Completa il tutto l’assenza della paletta, con le corde ancorate appena oltre il capotasto per una maggior tenuta d’accordatura e leggerezza dell’insieme.

Salen: Strandberg sfida la tradizione californiana

Nella Strandberg Salen, l’unica cosa davvero tradizionale è l’elettronica, che conta su una coppia di single coil Suhr Classic T per un tono caldo e aggressivo al tempo stesso. Anche qui, tuttavia, si notano delle peculiarità.
Con i fanned fret e il ponte in alluminio aeronautico a sellette singole compensate, le geometrie della chitarra si alterano e anche la risposta delle armoniche sulle singole corde si modifica in maniera sensibile. Per questo, Strandberg ha rivisto anche il posizionamento dei pickup, rendendo quello al ponte perfettamente perpendicolare all’asse delle corde e inclinando di qualche grado quello al manico, in modo che i cantini risultino più vicini alla “non-paletta”.



Per una suonabilità moderna, il potenziometro del volume è posizionato nelle immediate vicinanze del ponte, così da risultare a portata di dita anche quando si plettra. Il controllo dei toni è invece montato su una placca in metallo più in basso, dove trova posto anche il selettore a tre posizioni.



La Salen è disponibile in ontano con tastiera in pau ferro e in frassino con tastiera in acero birdseye. È possibile acquistarne direttamente dal sito ufficiale a questo link, anche nella versione Deluxe arricchita da un top in acero.
chitarre elettriche salen strandberg
Link utili
Salen sul sito Strandberg Guitars
Altro da leggere
Pubblicità
L'incompresa Les Paul Classic...
La passione segreta di Slash per la...
Come suona la chitarra in una camera anecoica...
Chi ha inventato davvero il tapping...
Pubblicità
Commenti
di fender66 [user #1640] - commento del 08/08/2018 ore 11:56:59
Esteticamente possono piacere o no, io le trovo interessanti. Il suono mi sembra notevolissimo!!
Rispondi
di Guadalupe [user #43362] - commento del 08/08/2018 ore 16:12:01
Suono eccezionale anche se iper-effettato, e dispiace che abbiano suonato per il 90% solo col PU al ponte, pochi secondi inizio demo con il PU al manico. Resta una gran chitarra sulla quale sbav-O da tempo...chissà...
Rispondi
di Guadalupe [user #43362] - commento del 08/08/2018 ore 16:14:01
Niente mi correggo...ho visto ora il primo video ...
Shame on ME
Rispondi
di maxnumero1 [user #44328] - commento del 08/08/2018 ore 13:30:13
da ignorante:manco morto....
Rispondi
di mdg [user #41663] - commento del 08/08/2018 ore 14:04:32
Molto interessante il profilo asimmetrico del manico, per suonare meglio gli assolo...
Rispondi
di Steven63 [user #37046] - commento del 08/08/2018 ore 14:46:09
Potrebbe anche suonare benissimo, ma come direbbe mia figlia: BRUTTIFFIMA!!!
Rispondi
di MM [user #34535] - commento del 08/08/2018 ore 15:38:46
Tra le chitarre fuori dagli schemi, è una di quelle che non mi dispiace.
Rispondi
di francesco72 [user #31226] - commento del 08/08/2018 ore 15:41:15
A me piace la linea del bosy, però mi sembra quella che un accordiano presentò anni fa come tesi di laurea in design. Gliel'avranno copiata o ha venduto il progetto (spero per lui la seconda)?
Ciao
Rispondi
di catoblepa [user #33960] - commento del 08/08/2018 ore 16:43:43
bei suoni bravo chitarrista e bella chitarra
mi associo a MM: Tra le chitarre fuori dagli schemi, è una di quelle che non mi dispiace affatto
@ Francesco72 non ricordo quella che dici tu ma mi ricorda abbastanza la ego guitar di Marconi Lab ... quale sia venuta prima non lo so questa però mi sembra più onesta come prezzo
saluti
Rispondi
di francesco72 [user #31226] - commento del 08/08/2018 ore 20:13:59
Ho controllato, assomiglia abbastanza a quella che citi tu ed a quella che dicevo io, pur con qualche differenza; la somiglianza maggiore è nella parte inferiore dietro del corpo che, evidentemente, è ergonomicamente efficente, diventerà forse lo standard del futuro. Ecco quella che ricordavo: vai al link
Quanto al paragone dei prezzi è vero che la Ego è mediamente più cara ed arriva anche a 3.600, ma parte da 1.400.
Ciao
Rispondi
di catoblepa [user #33960] - commento del 09/08/2018 ore 01:10:21
ciao Francesco
purtroppo il link da un errore
... strano che sia sparito l'articolo che dici tu
comunque si mi piace molto
si la ego parte da 1400 col modello base ma poi impenna di brutto e i pezzi che si incastrano non mi fanno impazzire esteticamente ... questa la trovo più 'pulita'
comunque, almeno per i miei gusti un gran suono e una bella ergonomia
il design della Telly of the future?

... stupenda quella della foto più in alto ...

Rispondi
di francesco72 [user #31226] - commento del 09/08/2018 ore 10:39:34
Ciao, effettivamente ho verificato ed lik non funziona, comunque puoi trovare l'articolo col "cerca" sul sito, io ho digitato "tesi laurea".
Al di là del costo, comunque, a me questa chitarra piace più della ego perchè ha forme più lineari e pulite, poi ho controllato sul sito e ce ne sono veramente per tutti i gusti.
Se sia la telecaster del futuro non lo so, ma se vogliono promuoverla così, io abbasserei un po' l'output del p.u. al ponte: così com'è ci puoi suonare il glam metal.
Ciao
Rispondi
di lomba [user #3864] - commento del 08/08/2018 ore 19:13:02
è stupenda, magari avrà un suono solo similtelecaster ma la trovo fighissima
!;
Rispondi
di francesco72 [user #31226] - commento del 08/08/2018 ore 20:24:36
Beh, moooolto simil, ha un graffio che la telecaster lo vede col binocolo. A me piace molto, comunque.
Ciao
Rispondi
di telecrok [user #37231] - commento del 09/08/2018 ore 12:55:01
Bisogna vedere che Telecaster
Gran bella chitarra, l'estetica a mio parere è passata i secondo piano, gli interessa l'ergonomia e la suonabilità, roba da studio, per professionisti.
Rispondi
di VgS Master [user #48819] - commento del 18/10/2018 ore 12:11:34
Beddo quello al ponte, cos'è?
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Viking: guerriero semiacustico oltre le epoche
L'incompresa Les Paul Classic
di Sykk
Inventa subito la tua Pedaltrain: puoi riceverla in regalo!
Da EMG due set passivi per Stratocaster senza saldature
Il fascino del DynaSonic senza fruscii da Lindy Fralin
I più commentati
Doyle Bramhall II, "Shades": splendida ruvidità e genuinità artistica.
L'incompresa Les Paul Classic
di Sykk
Inventa subito la tua Pedaltrain: puoi riceverla in regalo!
Maurizio Solieri, curiosando "Dentro e Fuori dal Rock'n' Roll"
Basso elettrico: studiare con il metronomo
I vostri articoli
L'incompresa Les Paul Classic
di Sykk
Altamira N200CE: una bella sorpresa
Com'è fatto e come stravolgere un Metal Zone
Una stratoide di nome Silver Sky
Seymour Duncan JB/'59: perfetti per rock anche spinto
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964