HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Improvvisazione: teoria & tempi composti
Improvvisazione: teoria & tempi composti
di [user #116] - pubblicato il

Abbiamo chiesto a Darran Charles, chitarrista della band progressive Godsticks, qualche consiglio per affrontare l’improvvisazione e la scrittura melodica su elementi caratteristici di questo genere: tempi composti e progressioni armoniche complesse.
Per rispondere alle nostre domande, Darran ci ha suonato e spiegato l’assolo del brano “Everdrive” dei Godsticks, canzone di cui avevamo già analizzato
la parte ritmica in questa lezione.

Improvvisazione: teoria & tempi composti

"Il groove che accompagna la parte solista di "Everdrive" è un 5/4. Molte delle parti ritmiche dei Godsticks si articolano e sviluppano attraverso tempi dispari.
Non c’è un’approccio troppo consapevole, non è una cosa voluta. Quando scrivo, registro una moltitudine di demo: semplici riff supportati da una traccia di click.
E solo successivamente analizzo in che tempo sono. E la stessa spontaneità e naturalezza cerco di mantenerla quando poi improvviso su queste parti, lavorando alla scrittura di un assolo. Non mi concentro su che tempo sia, non conto: cerco di appoggiarmi unicamente al riff, di sentirlo e assecondarlo. In questa maniera, mi pare il flusso melodico del mio solismo esca più naturale, spontaneamente appoggiato al respiro del groove, del riff.
L’assolo è costruito su una scala di C# Frigio ed enfatizza la nota caratteristica di questo modo, la 2b, in questo caso il D.

(Il C# Frigio è la scala costruita sul terzo grado della scala di A Maggiore. Le note che la compongono sono  C#, D, E, F#, G#, A, B).



La transizione tra la parte in C#m Frigio e la parte successiva in B major, viene enfatizzata proprio attraverso il ruolo della nona, che è minore sul C#m e maggiore sul B.
Quanto all’approccio teorico alla costruzione di un assolo, posso dire questo: io ho studiato parecchia teoria. Credo sia uno strumento formidabile per analizzare la musica, addentrarsi e comprendere cose che ci piacciono e scoprire ed esplorarne di nuove. Ma quando scrivo e improvviso non penso troppo alla teoria. Semmai la utilizzo a posteriori, per analizzare e codificare qualcosa che ho suonato con spontaneità e che mi piace. Così da capire e fissare degli aspetti che potranno diventare peculiari del mio modo di suonare."


darran charles godsticks lezioni
Link utili
Il sito dei Godsticks
Acquista "Faced with Rage" dei Godsticks
Altro da leggere
Pubblicità
Ripassiamo Eolio, Frigio & Locrio...
Bruce Bouillet: "Lo sweep più famoso dei Racer X"...
Paul Gilbert: le dimensioni, del pollice, contano...
Marty Friedman: un piccolo fraseggio in frigio maggiore...
Pubblicità
Frigio Maggiore: diteggiature, utilizzo & esercizi...
Non basta suonare bene...
Telesavalas, la principessina rosa della plettrata...
Jeff Loomis: Jason Becker e il suo vibrato...
Nick Jonston: legati su frigio, cromatismi e scale alterate...
Ralph Salati: pennata alternata medicina per il ritmo...
Alternata: Paul Gilbert Vs John Petrucci...
Pennata alterata: cromatismi e gruppi di sette note...
Nili Brosh: vivere da musicista...
Commenti
Al momento non è presente nessun commento
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Peppino D'Agostino: respirazione e meditazione prima del concerto
City of Guitars, Locarno si riempie di musica
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964