VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Vince Pastano:
Vince Pastano: "il suono è la chiave di tutto"
di [user #116] - pubblicato il

Guardare lo strumento fuori dagli schemi: Vince Pastano racconta il dualismo tra chitarrismo e produzione, in bilico tra Pink Floyd e suoni da synth.
Il background personale è ciò che delinea lo stile e le preferenze di un musicista. Gli ascolti giovanili, l’eredità di famiglia e le scelte lavorative che lo portano a vivere lo studio di registrazione, i grandi palchi o i festival segnano in maniera significativa il modo in cui un artista o anche un semplice appassionato si interfacceranno con i propri strumenti. Abbiamo già incontrato in studio Vince Pastano, dove abbiamo scoperto la sua passione per l’effettistica, le sonorità meno scontate e un debole per il mondo delle offset. Con la sua inseparabile G&L Doheny tra le braccia, abbiamo voluto andare più affondo e conoscere le radici dietro il suo stile.



Vince è noto al grande pubblico per i suoi lavori al fianco di artisti del calibro di Luca Carboni e Vasco Rossi, ma la sua formazione passa anche per la sala di registrazione, dove ha affinato il gusto per l’arrangiamento e la ricerca per le sonorità meno scontate. Così ci ha illustrato il suo originale approccio alla musica e allo strumento.

Vince Pastano: Da anni mi occupo di produzione, quindi il mio mondo della musica si divide in due. C’è sì la chitarra, ma poi c’è tutto un aspetto legato all’orchestrazione.
Già anni fa ho dimenticato quell’interesse verso lo strumento usato in maniera solistica, perché dopo un po’ rischia di diventare fine a se stesso. Invece godo molto quando c’è anche un semplice suono che possa portarmi una visione, verso un mondo parallelo. Quella è la chiave di tutto.

Vince Pastano: "il suono è la chiave di tutto"


Accordo: Passi con disinvoltura dal twang vintage alle modulazioni e alle distorsioni più estreme, sempre con una certa sperimentazione di fondo. In qualità di chitarrista, come definiresti te stesso?
Vince Pastano: Ho avuto la fortuna di suonare sia del rock, sia delle cose sperimentali, come nel pop con Luca Carboni. Sperimentali per un chitarrista, chiaramente, aspetti che ho portato anche da Vasco e nelle mie produzioni.
Penso di essere… alternative?

A: Alternativo a cosa?
VP: Alternativo al basico, non so, perché non riesco a imbrigliarmi. Per me il chitarrista basico è quello che riesco ascoltare solo nei dischi di quel preciso periodo storico. Posso ascoltare John Lee Hooker, Hendrix con un interesse incredibile, ma oggi suonare in quello stile mi sembra restrittivo.

A: Credi che avvalersi delle moderne tecnologie possa essere un buon modo per pensare fuori dagli schemi?
VP: Il digitale in questo aiuta, ti permette di giocare col suono in completa libertà e suonare con la chitarra delle parti proprie del mondo della tastiera. Può capitare di tirare fuori suoni neanche riconducibili a quelli soliti di una chitarra.
Mi capita, mentre sto suonando col tastierista alle spalle, che la gente possa credere che quelle parti le stia suonando lui. Cioè, io mi sto facendo un mazzo ottagonale, ho passato tre quarti della giornata a lavorare a quel preciso suono, che mi cadono tutti i capelli… figo, ma non se ne accorge mai nessuno!
Io ormai la prendo bene… In generale, credo che possa far bene a un chitarrista aprire leggermente i suoi orizzonti verso il mondo della produzione.
chitarre elettriche doheny g&l interviste musica e lavoro vince pastano
Link utili
La Doheny di Vince Pastano su Accordo
Sito Vince Pastano
Doheny sul sito G&L
Sito del distributore Aramini
Mostra commenti     20
Altro da leggere
La Epiphone Coronet diventa americana
Gibson Les Paul R0 BOTB
Malmsteen racconta la storia della Strat per le telecamere Fender
Acero, palissandro e versatilità a tutto tondo: Yamaha Pacifica Standard Plus in video
Dal thrash al funk in uno switch: Ibanez RGT1221PB in prova
La Doubleneck accessibile di Danelectro
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Gibson Les Paul R0 BOTB
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural
Pedaliere digitali con pedali analogici: perché no?!
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964