CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Zildjian: bacchette Signature per Roberto Gualdi
Zildjian: bacchette Signature per Roberto Gualdi
di [user #116] - pubblicato il

Zildijan lancia sul mercato un modello signature di bacchette dedicate a Roberto Gualdi. Ce le siamo fatte raccontare direttamente dall'interessato, approfittando dell'occasione per fare una piacevole e interessante chiacchierata generica su questo indispensabile tool musicale.
 
Ci descrivi le tue bacchette signature? 
La bacchetta è sostanzialmente il regolare Rock Model della Zildjian, bacchetta che uso ormai da tanti anni. È una bacchetta decisamente grossa e lunga ma non troppo pesante e la punta è rotonda.
 
Sembra bella tosta come bacchetta…
Sì, ma c’è una questione importante da chiarire: non ho scelto una bacchetta grossa per suonare più forte; uso questa bacchetta anche quando devo suonare dei pianissimo durante il concerto di Roberto Vecchioni. Ho la mano abbastanza grande e capitava che con bacchette più piccole non sentissi con naturalezza la presa. La punta rotonda mi piace moltissimo sui tamburi e per quanto riguarda il suono del press roll. Il paradosso è che con queste bacchette, lavorando in modo corretto con i movimenti, ottengo la pressione sonora desiderata spingendo molto meno e il suono risulta più rotondo. Ovviamente tutto questo vale per la mia mano, la mia tecnica ed il mio suono.
All'inizio ero un po’ perplesso, mi trovavo bene ma mi sembrava di aver scelto una bacchetta da “tamarro metallaro”, poi ho fatto un confronto con le signature di Gavin Harrison e mi sono rincuorato.

Zildjian: bacchette Signature per Roberto Gualdi

Ci fai una tua cronistoria delle bacchette, se esiste? 
Appena iniziato a suonare la bacchetta è stata “Quella Che Si Trova”!
Poi direi 5A per passare abbastanza velocemente alla 5B. Parecchi anni fa inizia ad usare Zildjian. Se non sbaglio quando nel 1999/2000 iniziai a suonare con Lucio Dalla usavo le Super Funk; poi negli anni successivi ho provato le Super 5A, poi ho suonato con vari modelli senza trovare la pace, compreso le bacchette Signature di Tony Williams che sono belle “importanti” ma che, se non sbaglio, sono uscite di catalogo. Finalmente mi sono imbattuto nelle Rock Model e, dopo un breve periodo di studio reciproco, ci siamo fidanzati.

Immaginiamo che un batterista sia impegnato in più contesti stilistici. Consiglieresti di cambiare le bacchette ogni volta, in base allo stile e al genere che deve affrontare; o gli suggeriresti di abituarsi a una bacchetta unica che sia il più versatile possibile? 
Qui ci sono proprio due scuole di pensiero differenti. Se per esempio guardiamo la borsa di un percussionista classico vedremo tanti battenti differenti e la regola è “Right tool for the right job.” Io, personalmente, sono invece dell’idea di usare sempre la stessa bacchetta perché penso sia molto importante mantenere la famigliarità con la presa e con il rimbalzo.
Preferisco usare le stesse bacchette anche sul pad. Ripeto: è una mia preferenza e va benissimo chi consiglia di usare bacchette più grosse sul pad. L'ho fatto anch’io e, infatti, poi ho scelto le bacchette che ho scelto perché quando tornavo a bacchette più piccole non mi tornavano più i conti. Un discorso diverso vale invece per il tipo di punta. Una punta grossa e rotonda come la mia non è sicuramente la prima scelta per un suono di Ride super jazzy con tanto ping. Insomma, se suonate con il Pat Metheny Group forse è meglio una punta differente.

Zildjian: bacchette Signature per Roberto Gualdi

E se qualcuno avesse bisogno proprio di quel tipo di suono?
Vi svelo un segreto. Ho portato alcune delle mie bacchette da un falegname e gli ho fatto fare “la punta” tipo matita e temperino. Così ho la consueta presa per me naturale ed il suono che mi serve. È una variazione di un trucco che mi aveva mostrato circa 30 anni fa Mauro Gherardi. Lui usava 5B punta in legno, prendeva anche alcune paia 5B punta in nylon e togliendo con morsa e pinze la punta rimanevano... senza punta come le matite.
 
Ci puoi fornire qualche criterio su come selezionare una bacchetta di buona fattura? 
Penso che la prima cosa debba essere la sensazione della bacchetta in mano. Devono diventare un prolungamento naturale delle mani, come un paio di scarpe particolarmente comode. Bisogna imparare a sentire la bacchetta in mano e avvertire se il tipo di bilanciamento (più in avanti o più indietro) sia quello giusto per noi.
Il tipo di legno sarà importante per il peso e il tipo di suono. Altro fattore è la finitura: lucida o naturale. Personalmente non amo la finitura troppo lucida: quando le mani sudano, percepisco le bacchette scivolose. Anni fa usavo delle bacchette che mi piacevano ma odiavo la finitura lucida e quindi passavo la carta vetrata nella zona della presa.
Il tipo di punta è molto importante soprattutto per quanto riguarda il suono sui piatti. Ovviamente, la bacchetta deve essere dritta, quindi basta fare rotolare sul banco del negozio la bacchetta per assicurarsi che non siano storte. Ultima cosa: prestate attenzione al fatto che peso e densità del legno siano uguali tra le due bacchette. Basta sentire il suono prodotto dalle bacchette suonandole tutte e due, con la stessa mano, su un pad e creare le coppie scegliendo quelle con lo stesso suono.
Devo dire che negli ultimi anni i controlli qualità delle varie marche sono cresciuti tantissimo; non ricordo di aver trovato bacchette storte o coppie male assortite.

In conclusione?
In conclusione ci tengo a ripetere che tutte queste scelte derivano da quello che sono io, dal mio percorso, da cosa cerco e da come sono fatto fisicamente.
Scegliete la bacchetta che sentite naturale per voi. Mi sento di aggiungere che la dinamica è figlia del movimento; bisogna studiare con cura le prese e i movimenti e mantenere sempre il relax. Il suono sarà migliore, il controllo sarà migliore e potremmo suonare a lungo senza tendiniti e acciacchi vari.
E ovviamente dopo tutto questo...alla fine scegliete le mie signature! 

Zildjian: bacchette Signature per Roberto Gualdi



ph di copertina Orazio Truglio
bacchette intervista roberto gualdi zildjian
ABBIAMO BISOGNO DI TE!

Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Competenze e lavoro per produrli comportano costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo difficile. Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere la qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
Link utili
Le bacchette Zildjian sul sito del distributore italiano, Mogar
Il sito di Roberto Gualdi
La pagina officiale di Roberto Gualdi
Il corso di batteria di Roberto Gualdi sul sito del CPM
Tama, la batteria di Roberto
In vendita su Shop
 
QUIKLOK CM/180- 4,5 BK CAVO PER MICROFONO XLR/XLR CANNON CANNON 4,5 MT
di Borsari Strumenti Musicali
 € 14,00 
 
Mapex BPML 4500LNTB
di Banana Music Store
 € 403,00 
 
TECH21 - BASS FLY RIG
di Music Works
 € 268,60 
 
FLORET 305 L SAX SASSOFONO SOPRANO LACCATO IN SIb 305L
di Borsari Strumenti Musicali
 € 399,00 
 
Meccaniche J05 6x Left Hand chrome-black
di Chitarre e componenti
 € 35,00 
 
Gallien Krueger Legacy 115
di Banana Music Store
 € 1.160,00 
 
CORT AF510M CHITARRA ACUSTICA IN MOGANO CUSTODIA GIG-BAG INCLUSA AF-510-M
di Borsari Strumenti Musicali
 € 179,00 
 
Dr Strings RDB-45
di Banana Music Store
 € 41,90 
Mostra commenti     1
Altro da leggere
Steve Vai dalla parte di un batterista
Simon Phillips: Suono & Accordatura
Simon Phillips: Paese che vai, tempo che trovi
Simon Phillips e gli ostinato
Come scegliere le bacchette
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
PFM: doppia batteria o batteria doppia?
Linear Fill: il metodo di batteria
Adam Deitch: batterista e produttore
Questione di resistenza
Roberto Gualdi: istinto, personalità & felicità
Virgil Donati: soundcheck e riscaldamento prima dello show
Roberto Gualdi: "Essere se stessi è l'unica vera ricchezza"
Roberto Gualdi sul palco di Vecchioni
Kenny Aronoff: qual è il segreto di un batterista di successo
I musicisti immodesti e permalosi restano a casa
Maurizio Dei Lazzaretti: scegliere i piatti
Concentrazione o non Distrazione?
Non suoni nel disco: lo dice Jeff Beck
Federico Paulovich: la musica è divertimento, riflessione e leggerezza
Spazio a chi vale. Non a chi ha amicizie importanti
Batteria: scegliere la bacchetta perfetta
Un batterista infaticabile
The Framers: il jazz contemporaneo racconta la pittura
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
CHARVEL PRO-MOD DK24
Visualizza l'annuncio
Blackstar HT-5R 5-Watt 1x12 Amplificatore chitarra elettrica
Visualizza l'annuncio
rastrelliera porta chitarre e basso
Seguici anche su:
Altro da leggere
La Made From Melbourne di Maton è costruita con pezzi di teatri austr...
Vuoi fare l’influencer? Spiacente: YouTube non paga
Lo streaming funziona, se sai cosa vendi
Non farti fregare: impara a leggere i numeri dei social
Le telecamere di The Scene al Grand Ole Opry
Il rock è reazionario
A Sanremo ha vinto il rock: e giù tutti a indignarsi
Una foto svela per errore la prima Silver Sky SE?
Steve Vai infortunato per “un accordo bizzarro"
Shure stravince al Music & Sound
La collezione di Tommy Emmanuel in vendita per beneficenza
Spotify: il brevetto “ascolta” il tuo stato d'animo
Bruce Springsteen: Jeep ritira lo spot pubblicitario dopo la notizia d...
Chick Corea è morto
USA: fermate chitarre false per quasi 160mila dollari




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964