DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Perché i commessi non ci odiano più
Perché i commessi non ci odiano più
di [user #50760] - pubblicato il

Amici abbiamo un bel problema: i commessi dei negozi di strumenti non sono più gli stronzi di una volta. E credetemi, non è un fatto positivo. Ci arriviamo, ma prima di tutto facciamo un tuffo nel passato.
Dunque, nel mio caso il salto temporale è di circa 25 anni. Concentriamoci insieme: state visualizzando voi stessi a 16 anni? Eccovi, siete proprio voi: è pomeriggio, in tasca avete diecimila lire, eppure anche oggi, come ogni sabato, siete lì. Se chiudete gli occhi riuscite ancora a sentire l’odore di quel grande negozio, quello da cui non sareste mai usciti, nonostante i commessi fossero, per dirla in modo gentile… respingenti. E che casino c’era, in quei negozi. Erano dei suq del chitarrismo, dei giardini zoologici in qualche modo democratici. Frequentazione? Eterogenea al massimo livello: dal maestro di jazz con la L5 attaccata al Roland che giocava con ostentata scioltezza su una scala bebop al death metaller in jeans elasticizzati che provava il Metal Zone per cinquanta minuti, violentando la B.C. Rich Warlock a colpi di palm muting. In mezzo, di tutto: il timidissimo alle prime armi, che “provava” una chitarra senza capire quanto fosse scordata, frastornato perché le bionde trecce e gli occhi azzurri l'altro giorno suonavano diversi; il fenomeno dalla camicia medievale a sbuffi che stampava sessantaquattresimi furibondi con odiosa e improbabile nonchalance; l'incontentabile con fidanzata al seguito in stile Magda che pretendeva di provare tutte le American Standard esposte per scegliere la migliore.

Perché i commessi non ci odiano più
Una delle scene mitiche di Fusi di Testa (Wayne's World) con uno strepitoso Mike Myers

Che fauna ragazzi, quant’era bello, non fosse stato per i commessi e per quei nostri modi troppo gentili che ci penalizzavano ogni singola volta: forse ci si leggeva negli occhi che anche quel giorno ce ne saremmo andati da lì avendo comprato solo qualche plettro e una muta di D'Addario in offerta. Lo so, suona sbilenco quello che sto dicendo: perché mai dovremmo rimpiangere quegli stronzi che non ci calcolavano, così palesemente assurdi da finire cristallizzati in film e fumetti? Il punto è che adesso hanno più bisogno loro di noi che noi di loro. Brutto a dirsi, mi rendo conto. Ma il giovane medio suona meno, molto meno: le nuove generazioni sono meno interessate delle precedenti alla chitarra, anche semplicemente e rusticamente a quel “fare un po’ di casino con la chitarra” che prima era considerato figo da ogni sedicenne e oggi, più di allora, soltanto una delle mille cose che un ragazzo può fare. E non la più sexy. E poi ci siamo noi, che magari qualcosa in tasca per comprare uno strumento ce l’abbiamo, ma che sempre più spesso compriamo online, magari non la sospirata custom shop ma quei prodotti “standard” che non richiedono prove: pedali, cavi, corde, strumenti entry level, custodie. È triste a dirsi, amici miei, e so che la mia è una semplificazione (giusto anche dire che qualche segnale pop per rendere cool le sei corde agli occhi dei giovani c’è, per esempio la celebrata scena di Eddie Munson che suona i Metallica nel Sottosopra in Stranger Things), ma il commesso affabile e carino è un inquietante segno dei tempi. Ci dice che i negozi sono più vuoti e infatti molti hanno chiuso i battenti negli ultimi dieci anni. Ci dice che a considerare un Santo Graal quella Les Paul ’59 eravamo tanti ieri ma siamo pochi oggi. Ci dice che certamente una riflessione profonda va fatta, ma vi chiedo ad aiutarmi a farla insieme perché la faccenda è complessa.

E voi che esperienze avete con i commessi dei negozi di strumenti? Rimpiangete i tempi in cui vi facevate defenestrare per aver accennato "Stairway To Heaven" e "Smoke On The Water"? Ma soprattutto, comprate ancora in negozio o vi siete buttati sull’online? Voglio sapere tutto nei commenti!
chitarre elettriche curiosità musica e lavoro
Link utili
La scena di Stranger Things
Mostra commenti     54
Altro da leggere
La Strat del ’78 e il delirio di un uomo comune
Usato: abbiamo perso la ragione?
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il viaggio infinito e la Top5 dei desideri
Guitar hero: la mia Top10
La Gibson che non sapevo di volere
Pantera: 30 anni di Vulgar Display Of Power
La straordinaria storia dei Pistole e Rose
Io, Vasco e le tribute band
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Versatilità e dubbi: l'ampli definitivo?
Amplificatori: abbiamo incasinato tutto?
SHG 2022 Vintage Vault: Isle Of Tone
Dubbi esistenziali: la chitarra più versatile?
Brian May e i Queen su Radiofreccia
Usato? Siete fuori di testa!
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964