VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Da Pete Townsend a Kurt Cobain: Sunn Amps sta per tornare
Da Pete Townsend a Kurt Cobain: Sunn Amps sta per tornare
di [user #116] - pubblicato il

Una squadra di veterani è pronta a rilanciare gli amplificatori per chitarra e basso che hanno sdoganato le tecnologie CMOS rivoluzionando il sound del doom e del grunge.
Il nome Sunn Amps potrebbe non emozionare come altri brand del passato, marchi boutique o firme che campeggiano in bella vista sui muri del suono nei grandi concerti rock, eppure il laboratorio dell’Oregon ha giocato un ruolo cardine nell’evoluzione sonora della chitarra elettrica, del basso e dell’amplificazione audio in generale.
I primi passi avvengono nell’amplificazione per basso a valvole, ma il sound distintivo arriva con la rivoluzione del CMOS che l’affermerà nel campo hi-fi e lo sdoganamento verso la chitarra elettrica in contesti ben più spinti di quelli che ne hanno accompagnato i primi vagiti.

Da Pete Townsend a Kurt Cobain: Sunn Amps sta per tornare

Sunn nasce nei primi anni ’60 e per quasi un decennio è tra le scelte dei musicisti più in voga all’epoca. È possibile adocchiarne negli studi e sui palchi di Jimi Hendrix, i The Who, i Kiss, i Queen e i Black Sabbath. Non diventeranno mai dei prodotti mainstream in senso stretto, ma raccoglieranno consensi anche decenni a seguire, quando tutto un filone musicale estremo ne riscoprirà il potenziale. In particolare i musicisti doom metal, punk e grunge ne adorano le distorsioni rombanti e sgranate, tanto che si notano degli amplificatori Sunn anche nelle produzioni dei Nirvana e quegli ampli sono oggi un oggetto del desiderio per molti rocker avvezzi alle sonorità sporche e fuzzose, che hanno ispirato anche la produzione di numerosi effetti a pedale in stile.
Tra gli attori principali nella storia di Sunn compare anche Fender, che ha acquisito l’azienda nel 1985 con l’idea di rilanciare gli amplificatori e sfruttare gli stabilimenti per espandere la produzione dei modelli a nome Fender, ma le cose non decollano mai davvero. Così, all’inizio degli anni 2000, Sunn esce definitivamente di scena.

Da Pete Townsend a Kurt Cobain: Sunn Amps sta per tornare

Avanti veloce e venti anni più tardi una squadra di appassionati, oggi riuniti nel marchio Mission Engineering, entra in contatto con Fender e propone di condurre la rinascita degli amplificatori Sunn.
Sono progettisti elettronici, costruttori, tutti con svariati anni di esperienza nel campo degli strumenti musicali. Tra loro ingegneri Intel, progettisti BOSE e costruttori Charvel di lunga data, persino alcuni dipendenti storici della stessa Sunn. Non gli ultimi arrivati, insomma.
Fender accoglie l’idea con entusiasmo, e gli amplificatori Sunn si preparano a vedere di nuovo la luce per la fine del 2023.
Il progetto di Mission vuole essere un rilancio rispettoso della storia e della tradizione di casa, e i primi modelli annunciati rendono evidente l’intento mostrando all’appello circuiti storici come quelli dei valvolari 100S e 200S, ma anche gli amplificatori CMOS della serie Beta.
Per approfondimenti, si consiglia di tenere d’occhio il sito Sunn Amps a questo link.
amplificatori per basso amplificatori per chitarra sunn ultime dal mercato
Link utili
Sunn Amps
Nascondi commenti     6
Loggati per commentare

di tattoo [user #35346]
commento del 08/08/2023 ore 18:45:52
E pensare che a me piacciono per il loro clean 🤣
Rispondi
di Farloppo [user #27319]
commento del 08/08/2023 ore 19:32:51
Mi domando come mai non si veda la celeberrima model T. Comunque sono ampli stupendi..
Rispondi
di umanile [user #42324]
commento del 09/08/2023 ore 10:33:00
La Model T la resuscitarono nel 2010 circa, sempre marchiata Sunn, ma prodotta e distribuita da Fender.
Si trovano, usate, a carissimo prezzo su internet.

vai al link
Rispondi
Loggati per commentare

di Farloppo [user #27319]
commento del 09/08/2023 ore 13:34:22
se non sbaglio cambiava qualcosa nel circuito e nel numero di ingressi tra originale e reissue. Vabbeh, speravo in una nuova versione talebana (o almeno in un deprezzamento) ma niente...
Rispondi
di umanile [user #42324]
commento del 09/08/2023 ore 13:46:16
Nerd americani mi hanno detto che in realtà avevano solo aggiunto un condensatore per renderla più brillante e che tolto quello tornava al circuito originale. Rimane il prezzo esoso.
Rispondi
di musicman75 [user #15857]
commento del 09/08/2023 ore 15:35:02
Ma Pete Townshend in realtà è più noto per avere usato HiWatt (Dopo aver inizialmente utilizzato/contribuito a creare e migliorare/e poi abbandonato Marshall in seguito a uno scazzo con Jim Marshall in persona)
Rispondi
Altro da leggere
La Epiphone Coronet diventa americana
BOSS Katana alla terza generazione
LPB-3: il booster EHX delle origini all’ennesima potenza
Hot Chicken: pickup country hi-gain da Seymour Duncan
Wampler ingabbia e trasforma un classico anni ’90 nel Mofetta
La Doubleneck accessibile di Danelectro
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Gibson Les Paul R0 BOTB
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural
Pedaliere digitali con pedali analogici: perché no?!
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964