DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Restauro Marshall JCM 800 1987: l'estetica
Restauro Marshall JCM 800 1987: l'estetica
di [user #40183] - pubblicato il

Testata e cassa non si tengono in cantina, né gli si strappa tolex, grill cloth e altro. Quando il danno è fatto si corre ai ripari, ed è questa la prima fase del recupero di un JCM 800 scovato con un colpo di fortuna e riportato a nuovo con tanto olio di gomito.
Testata e cassa non si tengono in cantina, né gli si strappa tolex, grill cloth e altro. Quando il danno è fatto si corre ai ripari, ed è questa la prima fase del recupero di un JCM 800 scovato con un colpo di fortuna e riportato a nuovo con tanto olio di gomito.

Appena portato a casa, mi rendo conto che le condizioni estetiche dell’amplificatore sono peggiori di quelle notate nell’anfratto oscuro in cui era relegato: il tolex era parecchio ingrigito e sporco, due angolari sul retro della cassa mancavano all’appello, il pannello posteriore era stato brutalmente privato del suo tolex, ridotto a brandelli e coperto poi da un tappeto di stoffa fonoassorbente, e la grill cloth presentava uno strappo di alcuni centimetri che andava assolutamente riparato. Dato che non ho grandi competenze in materia elettronica, ho iniziato proprio da qui il restauro, ordinando da un rivenditore inglese gli angolari e il tolex, il tutto originale Marshall, e ho pazientemente atteso la consegna.
Il tolex adatto alle vecchie JCM è il cosiddetto “Elephant” grain, ovviamente nero.

Restauro Marshall JCM 800 1987: l'estetica

Mentre aspettavo l’arrivo del materiale ho lavorato al resto, riparando il danno sulla grill cloth e alcune sbucciature della cassa: lo scopo era quello di rimettere nelle migliori condizioni possibili il tutto senza però privare l’amplificatore della sua originalità e della sua patina. Siccome la grill cloth è fatta di carta intrecciata (come una specie di cesto di vimini, insomma) ho utilizzato della retina in carta di colore nero per chiudere il taglio, applicandola da dietro con colla vinilica diluita, dopo aver rimosso il cono. La parte interessata ora è ben solida, e non avrò da temere un peggioramento dello strappo, ormai saldamente ricucito.
Per il tolex vecchio e sporco sono bastati un po’ di acqua, sapone e un panno. Dopo tre passate a sfregare energicamente ha cominciato ad avere un aspetto finalmente pulito, ma era ancora opaco. Per ovviare a questo inconveniente ho usato un ravvivante per similpelle, di quelli che si usano per gli interni sintetici delle auto: il risultato è un amplificatore che dimostra ancora i suoi anni, ma che finalmente ha un aspetto curato e ordinato.
Per i piccoli strappi, invece, è bastata un po’ di vinilica: il tolex torna facilmente al suo posto una volta rincollato, risultato garantito.

Restauro Marshall JCM 800 1987: l'estetica

Per il resto non ho voluto esagerare: l’hardware metallico (maniglia della testata, griglia posteriore della testata) è stato semplicemente ripulito con il WD 40 per evitare ulteriore corrosione, ma ho deciso di lasciare il tutto assolutamente originale, per non privarlo del suo carattere e del suo valore storico.
Anche le ruote della cassa hanno necessitato di manutenzione: una volta smontate sono state ripulite accuratamente, lubrificate e rimesse in sede: niente più bloccaggi improvvisi e, regolando l’altezza delle singole ruote, ho anche eliminato l’effetto “ballerina” della cassa. Un altro lavoretto semplice ed efficace.
Anche i loghi e i pannelli della testata sono stati accuratamente ripuliti, dopodiché mi è toccato svolgere il lavoro più grosso e impegnativo: il pacco dall’Inghilterra, infatti, era giunto con il suo carico di tolex e angolari, e mi toccava montare il tutto.

Restauro Marshall JCM 800 1987: l'estetica

Per ripristinare il tolex sul pannello posteriore ho usato della colla da moquette, forte e facile da stendere, che ho steso sia sul tolex (preventivamente tagliato della misura esatta) sia sul pannello (ripulito dalla colla e dai brandelli del vecchio rivestimento). Dopo un giorno di asciugatura, il risultato è assolutamente impeccabile e, una volta rimontata la jack cup e la targa originale della cassa, il pannello sembra essere appena uscito dagli stabilimenti Marshall. Well done, anche questa è fatta.
Avrei avuto di che gongolare, dato l’ottimo risultato, ma il vecchio condensatore da radio e gli zoccoli del pre sventrati mi ricordavano che c’era ancora tanto da fare.
800 amplificatori fai da te gli articoli dei lettori jcm manutenzione marshall
Link utili
Leggi la prima parte
Mostra commenti     13
Altro da leggere
ChordPulse: una band con cui suonare in un attimo
Gibson ES 339 tra il Satin e il Gloss
Fender American Original '50s Stratocaster Inca Silver
Cambio superficiale: spunti per una finitura fai-da-te
Bloccare l'escursione ascendente del Tremolo Vintage
Amped 1 è l’amplificatore universale da pedaliera di Blackstar
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
GIBSON Les Paul Classic Premium Plus - CherrySunburst TOP AAA
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Seguici anche su:
Altro da leggere
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Versatilità e dubbi: l'ampli definitivo?
Amplificatori: abbiamo incasinato tutto?
SHG 2022 Vintage Vault: Isle Of Tone
Dubbi esistenziali: la chitarra più versatile?
Brian May e i Queen su Radiofreccia
Usato? Siete fuori di testa!
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964