HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Come si usa il bottleneck
di [user #27395] - pubblicato il (Modificato) 

Memorizziamo gli accordi e le scale pentatoniche :
Suonare con il bottleneck cambia radicalmente la nostra filosofia di approccio allo strumento, si abbandona la sicurezza dei tasti per avventurarsi in un viaggio verso la nota “pensata e cercata” che dipenderà soprattutto dal nostro “feel” e dal nostro orecchio musicale.
La sensibilità giusta nel dosare la pressione del bottleneck è difficile da acquisire, ricordate che lo strumento da utilizzare (specie in accordature aperte che richiedono tensioni minori) deve avere un action (la distanza delle corde dal manico) sufficiente per scivolare e “tenere il suono” senza toccare i tasti e deve montare corde non troppo sottili.
Superato l’impatto iniziale, la sensazione di suonare in libertà assoluta ci aiuterà a eseguire quello che la nostra “anima” esprime istintivamente e ad acquisire un grande orecchio musicale, in un mondo di sensazioni e di suoni insospettabili e bellissimi.
 
• Le accordatura aperte sono facili da affrontare con il bottleneck ma
disorientano il chitarrista abituato all’accordatura standard, in particolare gli accordi, che fanno parte di un bagaglio ormai consolidato per tutti noi, sono difficili da memorizzare. Per agevolare lo studio, utilizziamo quattro forme basate sulle triadi, costruite con tre note: la tonica (indicata dallo “smile”), che da il nome all’accordo, la terza e la quinta nota della scala; con queste quattro forme, costruiamo le posizioni principali degli accordi con poche memorizzazioni visive.
 
• Le quattro posizioni base (non le uniche) per le accordature Open E e Open D sono :
Come si usa il bottleneck
Da queste forme possiamo generare tutti gli altri accordi ( minori, 6, 7 ecc.)
Come si usa il bottleneck
Come si usa il bottleneckCome si usa il bottleneckAllego un video riassuntivo di quanto detto sopra, con alcuni esempi pratici, girato e realizzato grazie alla cortese e competente collaborazione con il progetto artistico “Saturno 9”  che ringrazio per l‘aiuto prezioso e per il costante impegno nella realizzazione di molti video a sfondo sociale ed educativo che vi consiglio di visionare. 


 
Dello stesso autore
Le quadriadi in Open D Tuning...
Come applicare il sistema CAGED in Open...
Chitarra slide: "Sleepwalk" di Santo &...
Pentatonica: cinque box in accordatura...
Il ritmo nelle mani e nei piedi...
Nuovo Cinema Paradiso in Bottleneck...
Commenti
di aleck [user #22654] - commento del 19/04/2017 ore 15:52:25
Che magnifica pagina di diario! Ci sarebbe da farci una serie di articoli. Oltre alla chitarra suono la tromba quindi so bene cosa significa "pensare e cercare una nota", ma lo slide mi è ancora ostico.
Rispondi
di sandroyoda [user #27395] - commento del 20/04/2017 ore 07:57:00
Grazie dell'apprezzamento, dietro queste righe c'è molta fatica e studio.
Mi fa piacere poter condividere tutto questo.

Buona musica
Rispondi
di maccarons [user #20216] - commento del 19/04/2017 ore 17:35:12
Io non centro niente con il bottleneck ,lo slide, accordature aperte e quant'altro, ma spero che questo post sia apprezzato per quello che vale cioè molto,finalmente si legge qualcosa che non sia
il distorsore tal dei tali o il fuzz al germanio o l'ampli valvolare delle meraviglie sotto i 150 Euro. :)
Chapeau!
Rispondi
di sandroyoda [user #27395] - commento del 20/04/2017 ore 07:58:22
Ti ringrazio, inoltre penso che il suono sia principalmente nelle dita e nell'ascolto, il resto è relativo anche se molto utile.

Ciao e grazie ancora
Rispondi
di Pietro [user #44778] - commento del 19/04/2017 ore 22:46:42
Bellissimo! Complimenti sforni sempre ottimi articoli ;-)
Rispondi
di sandroyoda [user #27395] - commento del 20/04/2017 ore 07:58:51
Ti ringrazio molto, alla prossima
Rispondi
di dantrooper [user #24557] - commento del 19/04/2017 ore 23:28:18
ottimo, complimenti!
fai qualche articolo al riguardo, se puoi, per favore
Rispondi
di sandroyoda [user #27395] - commento del 20/04/2017 ore 07:59:56
Grazie, molto volentieri, vedrò di proporre qualche cosa sulle quadriadi in accordatura aperta.

Buona musica
Rispondi
di LordAxel [user #32439] - commento del 20/04/2017 ore 08:24:23
Un articolo spettacolare, illustrato con una grafica magnifica. Grazie, davvero utilissimo.
Mi aggrego alla richiesta di chi ti ha esortato a continuare con questi articoli.
Rispondi
di sandroyoda [user #27395] - commento del 20/04/2017 ore 10:48:13
Grazie, lo apprezzo molto e lo prendo come un incitamento sincero a continuare, cosa che cercherò di fare al più presto.

Buona musica
Rispondi
di Ivan56 [user #36558] - commento del 20/04/2017 ore 11:52:50
Questi regali che ci fai sono molto belli.
Sei un grande !
Grazie :-)
Rispondi
di sandroyoda [user #27395] - commento del 20/04/2017 ore 12:04:13
Grazie, troppo buono :-)
Rispondi
di chikensteven [user #45729] - commento del 20/04/2017 ore 11:54:53
ciao, sei così ipnotico sia quando parli sia quando suoni, che rimarrei ad ascoltare la tua voce e chitarra per ore, inoltre lo usi così naturale e magnificamente quel pezzo di vetro, che mi chiedo: ma chi me lo fa fare di prendere una chitarra assettarla per far tutto ciò, che tanto ci sei tu che lo fai in un modo così incantevole! preferisco a questo punto ascoltare te, sperando che posterai ancora cose così belle, grazie di cuore per avere allietato la mia mattinata, ciao:)
Rispondi
di sandroyoda [user #27395] - commento del 20/04/2017 ore 12:07:13
Grazie a te, sono veramente felice di riscontri come il tuo che sento sinceri e carichi di grande trasporto, la musica d'altronde, va vissuta con tutta l'emotività possibile per restituirci grandi emozioni, a chi suona e a chi ascolta.

Grazie ancora di cuore e buona musica.
Rispondi
di stefano58 [user #23807] - commento del 20/04/2017 ore 13:05:07
Grande Sandro , come sempre d'altronde...riascolto sempre volentieri la nostra collaborazione con la tua slide che irrompe in territori celtici , che tempi !!!!! Un abbraccio
Rispondi
di sandroyoda [user #27395] - commento del 20/04/2017 ore 14:37:12
Ciao Stefano, che bei ricordi, sicuramente una collaborazione insolita ma ben riuscita !! tempi eroici, Un abbraccio anche a te fratello irlandese ;-)
Rispondi
di sidale [user #29948] - commento del 20/04/2017 ore 19:40:05
Grazie per la condivisione,complimenti.
Rispondi
di sandroyoda [user #27395] - commento del 21/04/2017 ore 07:44:42
Grazie a te :-)
Rispondi
di Pearly Gates [user #12346] - commento del 20/04/2017 ore 20:28:26
Bella e Chiara spiegazione.
Ottimo
Grazie
Rispondi
di sandroyoda [user #27395] - commento del 21/04/2017 ore 07:45:07
Grazie Pearly :-)
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





Le vostre esibizioni
Happy 2017!!
Rockabye!!...anche se non molto rock... :)
I'm On Fire
Capriccio n. 20 con GKG R36
Breve impro su "How Insensitive"...
di luvi
I vostri articoli
Fender Stratocaster FSR '60 Japan
Un'acustica made in Texas: Jamie Kinscherff High Noon
Quattro effetti per rubare il lavoro al tuo tastierista
di aleZ
DiMarzio Chopper S
Le chitarre di Keith Richards al No Filter Tour 2017
I compleanni di oggi
Lukie
GrossaGrana
tf211059
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964