HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Il boost dei Meshuggah cambia anche canale
Il boost dei Meshuggah cambia anche canale
di [user #116] - pubblicato il

Mike Fortin e Fredrik Thordendal dei Meshuggah progettano il Fortin 33, clean boost capace di spingere l'ampli e cambiargli canale in un colpo solo.
Insieme ai Meshuggah, Fredrik Thordendal è tra i chitarristi che hanno contribuito a delineare il sound del metal moderno. Fredrik è anche uno strenuo sostenitore del suono semplice e diretto di un amplificatore ben suonante tirato al massimo. Mike Fortin è un'istituzione nel campo dell'amplificazione hi-gain e, insieme, i due hanno messo a punto un pedale capace di estremizzare la loro visione di suono metal proveniente dritto dall'amplificatore. Il Fortin 33, signature di Fredrik Thordendal, è un boost pulito e lineare, con 22dB di incremento per portare qualunque amplificatore oltre la sua naturale soglia di saturazione, spingendo ben oltre il livello raggiungibile con il solo output di una chitarra. Ciò che distingue il 33 dalla folta schiera di ottimi booster presenti in commercio è la sua capacità di commutare canale dell'amplificatore nello stesso momento in cui si attiva l'effetto, con la sola pressione dello switch.

Il boost dei Meshuggah cambia anche canale

Il Fortin 33 è studiato per lavorare bene su amplificatori valvolari quanto su solid state e processori di amp modeling. Ha il compito di potenziare il livello del segnale senza colorarlo, in modo da restituire lo stesso suono che si aveva in origine, solo potenziato a dismisura da un gain violento impartito al preamplificatore dell'ampli.
A questo scopo, il pedale non ha un'interfaccia complessa, e conta solo su un potenziometro per gestire l'entità del guadagno. Nel video di presentazione, Ola Englund mostra fin da subito cosa il Fortin 33 è capace di fare con la manopola a fine corsa.



Su un fianco dello chassis, un jack addizionale riserva una funzione unica del 33. Collegando un cavo all'uscita footswitch dell'amplificatore, questo permette di cambiare il canale dell'ampli simultaneamente all'attivazione del boost. In questo modo si può ottenere che il pedale spinga solo il canale distorto dell'amplificatore e si disattivi quando si passa al pulito per un clean puro, o anche il contrario, per sporcare il clean con un input maggiore e lasciare il canale distorto nudo e crudo, senza l'influenza dello stompbox.

Ideale per il metal più spinto ma appetitoso anche per chi vuole trarre il meglio da un amplificatore già ben suonante in partenza e accrescerne la versatilità, il Fortin 33 può essere visto più da vicino sul sito ufficiale a questo link.
33 effetti e processori fortin fredrik thordendal
Link utili
Fortin 33 sul sito ufficiale
Altro da leggere
Pubblicità
GT1000: in prova l'ammiraglia Boss del 2018...
Il TonePrint che ha scandalizzato il web...
Bob Weir disegna il preamp acustico...
Albert Lee: la strumentazione del perfetto...
Pubblicità
Commenti
di dantrooper [user #24557] - commento del 06/08/2017 ore 11:48:04
direi che, a prescindere dal fatto che si suoni metal o meno, è un ottimo booster, soprattutto comodo per il channel switching quando si va in lead
Rispondi
di 7cordista [user #41040] - commento del 06/08/2017 ore 17:18:28
Per essere bello é bello (per quanto lo si possa giudicare solo attraverso un video), ma per i miei gusti non proprio regalato. Che sia costruito con materiali di ottima qualità ok, ma a quel prezzo...
Rispondi
di coprofilo [user #593] - commento del 07/08/2017 ore 17:58:23
Io ho il Grind, il prezzo è più o meno lo stesso. È caro ma il suono è molto bello. Deve piacere ovviamente, però se cerchi quei suoni non sbagli. Io lo uso con il fluid drive mode di una mesa stiletto, senza pedale è molto scuro e con un sacco di basse quasi fastidiose, buono per i soli ma non il top per le ritmiche. Col Grind cambia faccia, basse presenti ma controllate e molta più aggressività. Il 33 sembra simile, più grosso in basso ma il concetto è quello. Sono prodotti cari ma potrebbero essere definitivi, bisogna rischiare...
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
John 5 alle prese con la Troublemaker Tele
GT1000: in prova l'ammiraglia Boss del 2018
Chris Shiflett vende tutto: "ho troppe chitarre!"
Line 6 rimpicciolisce lo Spider V
Sterling St Vincent Signature
I più commentati
Ringo Starr & His All-Starr Band live a Lucca
Clapton and friends live at Hyde Park
GT1000: in prova l'ammiraglia Boss del 2018
John 5 alle prese con la Troublemaker Tele
Mimmo Langella: non mi piace vincere facile
I vostri articoli
Sterling St Vincent Signature
DV Mark Micro 50 M: piccola peste
Come sostituire un pickup sulla chitarra elettrica
Ibanez Pat Metheny Signature: non sempre ciò che cerchi è quello di cui hai bisogno
Modificare un pedale senza avere conoscenze di elettronica
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964