HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Omni Reverb: tre ambienti da impostare e dimenticare
Omni Reverb: tre ambienti da impostare e dimenticare
di [user #116] - pubblicato il

Il riverbero Keeley si basa sulla filosofia "set and forget". L'Omni Reverb ha tre impostazioni per ambienti Room, Spring e Plate, e solo due manopole.
Due manopole, tre sonorità per ricreare i riverberi più distintivi di sempre e nessun controllo complicato. L'Omni Reverb è l'effetto ambientale di Robert Keeley progettato con lo scopo di produrre sonorità sempre usabili, mai sgraziate o esagerate, da attivare e lasciare al proprio posto per tutta la durata del concerto o della registrazione.

Negli ultimi anni, il mercato dei riverberi a pedale ha visto una impennata notevole. Gli amplificatori valvolari si fanno più piccoli, rinunciano a effetti integrati e a pannelli dei controlli complessi, e al chitarrista viene lasciata la scelta di abbinare il proprio ambiente preferito. Keeley ha una vasta esperienza nel campo, nel catalogo è possibile trovare riverberi di ogni tipo, dagli spring tradizionali ai generatori di tappeti sonori dall'impronta più elettronica, e adesso l'Omni Reverb si fa carico di accontentare i patiti delle timbriche che hanno fatto la storia del riverbero da studio unendo al sound curato una particolare semplicità nei comandi.

Omni Reverb: tre ambienti da impostare e dimenticare

Il Keeley Omni Reverb è progettato per offrire tre riverberi tradizionali, già impostati di fabbrica per suonare equilibrati e pieni in ogni condizione.
Selezionabili attraverso un piccolo selettore in cima allo chassis grigio, sono Room, Spring e Plate.
Il primo è più corto e naturale, simile a quello che si avrebbe catturando l'ambiente di un piccolo studio. Spring è particolarmente colorato e aperto, e punta a offrire tutte le caratteristiche di un riverbero a molla. Il Plate è infine più delicato, con una coda lunga e mai troppo invasiva.

L'intervento richiesto al musicista è minimo. I suoni sono già pronti e ottimizzati, e le manopole sul pedale hanno il compito di gestire livelli e intensità per adattarsi ai mix del caso.
Level regola il volume dei riverberi, mentre Dwell ne gestisce l'intensità o la lunghezza a seconda dell'impostazione scelta con lo switch al centro. Con Room, gestisce la dimensione della stanza simulata. Con Spring imposta la lunghezza delle molle. Con Plate ricrea l'effetto di smorzamento caratteristico dei riverberi a piastra degli anni '60.
Un video ufficiale accompagna il lancio dell'Omni Reverb, con una prova insieme alla band e alcuni clip approfonditi con la sola chitarra.



Al momento, il Keeley Omni Reverb è un'esclusiva per lo store statunitense Sweetwater. Per maggiori informazioni e disponibilità in Italia, consigliamo di visitare la pagina sul sito ufficiale a questo link.
effetti e processori keeley omni reverb
Link utili
Omni Reverb sul sito Keeley
Altro da leggere
Pubblicità
GHS e Rocktron in Italia con Gold Music...
AC-Driver: più di una DI per chitarra...
Aeon: TC reinventa il sustainer...
Ernie Ball Expression Tremolo: 5 onde sotto...
Pubblicità
Commenti
Al momento non è presente nessun commento
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
S-Locks: Schaller reinventa lo strap lock
Aeon: TC reinventa il sustainer
Piccole, potenti e italiane: Raw Dawg EG
Le pedalboard RockBoard si fanno in Cinque
Cordoba C4-CE: una classica in mogano
I più commentati
Joe Bonamassa: tutti a lezione di British Blues
Piccole, potenti e italiane: Southern The Stalker
Piccole, potenti e italiane: Raw Dawg EG
Aeon: TC reinventa il sustainer
Ricky Portera: l'assolo di "Ayrton"
I vostri articoli
Piccole, potenti e italiane: Raw Dawg EG
Piccole, potenti e italiane: Southern The Stalker
ProCo Multi Rat fatto in casa
Arrogantia Pandora Vendetta 24 HH Trem: non omologarsi e vivere felici
Meris Mercury 7: il Nexus 6 dei riverberi a pedale
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964