CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

La vita del chitarrista "per passione"...prima puntata

di [user #37000] - pubblicato il
Buon giorno a tutti Accordiani, 
mi trovo oggi a riflettere sul mio percorso, su come questa passione per la sei corde sia nata, cresciuta, evoluta e forse maturata, ma sicuramente non ancora terminata, anzi!
Ho deciso perciò di condividere questa esperienza, che credo occuperà più di un post, anche solo per permettere anche ad altri di fare un tuffo nel passato, mel mare dei ricordi, prendendo confidenza con tutti i tasselli che hanno dato vita e fatto crescere questa passione comune fino al presente...

Iniziai ad avvicinarmi allo strumento in adolescenza, la mia prima chitarra fu una stratocaster entry level, sotto sotto marca (non ricordo il nome neanche!!!!). Fu un regalo di mia nonna, nonostante il parere discordante dei miei genitori che reputavano la chitarra elettrica uno strumento "disturbante", abitavamo d'altronde in un appartamento e ahimè avevo un'anima ROCK e oltre!!!
A quei tempi, siamo intorno ai primi anni '90, metallica, megadeth, guns, MR BIG etc..erano grandi punti di riferimento.
Essendo autodidatta e molto ignorante in materia ( a quei tempi ancora non c'erano recensioni o tutorial su youtube), il lato estetico era più che altro ciò che mi faceva desiderare una chitarra piuttosto che un'altra, sbavavo davanti alle varie signature che si potevano vedere nei video musicali, quei pochi che passavano in TV.
Così, pian piano, aspiravo ad Ibanez, Jackson, chitarre cattive ed accattivanti, rigorosamente con floyd Rose e leva! I pick-up? Ancora aggeggi misteriosi per me, senza reale importanza, quelli che montavano di serie andavano bene, il selettore? sempre al ponte, toni e volume? sempre al massimo!
Poi la svolta, mio cugino si comprò una RG550 nera con manico acero e floyd...me ne innamorai. Volevo a tutti costi un ibanez anche io!!
La prima occasione ghiotta fu al liceo, un ragazzo vendeva una  EX Rossa (ahimè senza Floyd ma solo con tremolo e senza blocca corde), un compromesso?  Purtroppo sì, ma era un affare ed era un ibanez e lì per lì per me contava solo quello!
Ibanez alla mano entrai anche nella mia prima band liceale ed a casa suonavo anche per 4 ore di fila per migliorare, imparare, studiare o solo cazzeggiare. Il suono purtroppo non si avvicinava minimamente a quello dei miei idoli, l'ampli che avevo era un modesto 5 watt yamaha a transistor, il distorsore era praticamente una radiolina!!
Alla prima occasione utile, come regalo del compleanno, mi feci perciò regalare un amplificatore più grosso. Vivendo sempre e comunque in appartamento, non potevo motivare ai miei genitori (ancora non troppo entusiasti) l'intenzione di questo upgrade in termini di "suono  grosso e potente", ma usai il pretesto della band e dei piccoli live in vista.
La scelta cadde su un Hughes & Kettner ATTAX 100  a transistor.
Essendo ancora alle prime armi, sognando Marshall ma non avendo soldi, andai un po' sulla fiducia, accogliendo la proposta del negoziante negoziante in base alle mie esigenze. Non me ne pentii... finalmente Enter Sandman aveva un senso anche suonata da me!
Purtroppo non passò troppo tempo che il desiderio FLOYD tornò a farsi insistente nella mia testa.
Decisi così di provare a permutare la mia ibanez. Mi recai in un negozio della zona, posando gli occhi su una Jackson con Floyd Rose e configurazione HSS (l'ibaneza veva due HB). Colore petrolio metallizzato.
Al momento, come di consueto in queste occasioni, pienamente soddisfatto della scelta me ne tornai a casa felice...ma ahimè il mio primo amore era ancora subdolamente incistato nella mia testa...la RG550 di mio cugino!!!

Continua...



 
Dello stesso autore
Problema con Ditto Looper
Consigli per piccola pedalboard versatile "blues hard rock" max 4 pedali in tutto...
La vita del chitarrista "per passione" Seconda Stagione - Seconda puntata
La vita del chitarrista "per passione" Seconda Stagione - Prima puntata
Il "Middle" della Strato...
La vita del chitarrista "per passione"...sesta puntata
La vita del chitarrista "per passione"...quinta puntata
La vita del chitarrista "per passione"...quarta puntata
Loggati per commentare

di Gasto [user #47138]
commento del 22/01/2018 ore 16:35:31
Bhè non so come va a finire la storia, ma se fossi in te, visto che Ibanez ha appena annunciato la Reissue della 550, non ci penserei due volte e mi toglierei lo sfizio....
Rispondi
di Mems81 [user #37000]
commento del 23/01/2018 ore 09:02:5
Purtroppo la storia è solo all'inizio e non voglio spoilerare ma credimi che più di qualche sfizio mi sono tolto...
Rispondi
di GiacominoPagina [user #25857]
commento del 22/01/2018 ore 22:38:09
Comprendo la tua situazione. Il mio sogno proibito è sempre stata la Jackson Randy Rhoads. Ho comprato e venduto diverse chitarre in 10 anni ma in realtà ho sempre pensato a lei. Pochi mesi fa mi sono finalmente deciso a comprarne una (usata perché nuove costano due occhi della testa). Morale della favola: non la uso praticamente mai!! È scomodissima e davvero poco versatile. Uso quasi sempre la Les Paul ma mi piace sapere di avere la RR qui sotto al letto. Ogni tanto apro la custodia e la contemplo senza suonarla...e mi rende felice.

Credo di avere bisogno di uno psicologo.
Rispondi
di Mems81 [user #37000]
commento del 23/01/2018 ore 09:01:40
Credo saremmo in tanti ad averne bisogno...anche perché questo era solo l'incipit della mia storia!
Rispondi
di fabrimix1 [user #43172]
commento del 23/01/2018 ore 09:34:26
Il mio primo amore è stata la Eko M24 del '72...ce l'ho avuta tra le mani per i primi anni, anche se non era mia...corpo in frassino, tastiera in ebano e dimarzio superdistortion...pesava più di un blocco di cemento e esteticamente sembrava più una fisarmonica, ma...dat sound! Puttanaeva come suonava!
Rispondi
di Mems81 [user #37000]
commento del 23/01/2018 ore 09:46:06
Gli amori per le chitarre, soprattutto all'inizio quando non si hanno ancora le idee chiare sullo strumento, ma in realtà anche "dopo" (me ne sto rendendo conto anche ora...), sono piuttosto volubili e non sempre è facile rimanere fedeli, ce ne sarà sempre una più "bella" che ti strizza l'occhio...fortunatamente non ci sono vincoli di matrimonio né esigenze di monogamia...
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
Fattoria Mendoza Boogia: l'overdrive distorsore definitivo?
Softube Console 1 SSL SL 4000 E Vs. British Class A Vs. American Class...
Kangra: fuzz e filter da Walrus per Jared Scharff
Gli AC/DC celebrano i 40 anni di "Highway To Hell"
Ronzio dagli amplificatori solo in appartamento
Max Cottafavi: non esistono assi nella manica
Blackstar amPlug2 FLY
Bose L1 Compact: tutto in 13kg
Daniel Kelly II è il vincitore del “Shure Drum Mastery 2019”
Brexit Guitar: dreadnought satirica da Martin
Quadriadi: sviluppi tecnici su coppie di due corde
Igor Nembrini, il guru dei Virtual Amp
Cool Gear Monday: la demo originale del primo Maestro Fuzz-Tone
Philosopher's Rock: Fuzz - Sustainer di Pigtronix
Eco a nastro: sono davvero un capitolo chiuso?

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964