HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Schecter: dalle Dream Machine delle origini a oggi
Schecter: dalle Dream Machine delle origini a oggi
di [user #3] - pubblicato il

Una Schecter anni '80 vista online è l'occasione per un po' di storia di un'azienda che da 40 anni propone strumenti in linea con un mercato in divenire.
Il nome Schecter non ha bisogno di presentazioni, tutti conoscono questo produttore di chitarre radicate nel rock, sinonimo di qualità e innovazione in un settore spesso aggrappato ai propri schemi. Forse però non tutti sanno che questa azienda ha una lunga tradizione di qualità, che nasce a fine anni '70, agli albori del rinascimento della chitarra.

Nella seconda metà degli anni '60 il successo enorme delle chitarre solid body attrae l'interesse di grandi investitori. I due principali brand (Gibson e Fender) entrati nell'orbita CMI (poi Norlin) e CBS rispondono alla richiesta di maggiori profitti con un progressivo calo qualitativo, che nel corso del decennio successivo avrà influenze importanti sulla loro storia e in generale su quella della chitarra.

Gibson e Fender perdono colpi (arriveranno a rischiare il fallimento, quasi in contemporanea, a metà anni '80), con due conseguenze. La prima è il fenomeno "vintage", con la crescita verticale dei prezzi delle chitarre costruite nell'epoca d'oro. La seconda è la nascita di aziende piccole e piccolissime, in gran parte a carattere artigianale, per rispondere alla domanda di qualità che proviene forte dai musicisti.

Tra questi nuovi imprenditori del settore c'è il liutaio californiano David Schecter, che apre nel 1976 un laboratorio a Van Nuys (California) per produrre manici, corpi e hardware destinati a migliorare le scadenti Fender dell'epoca. La sua piccola produzione ha una qualità altissima, i suoi legni esotici fanno colpo, finché alcuni tra i negozi di strumenti frequentati dalle rock star (Rudy's Music a New York, Strings & Things a Memphis, Rokin' Robin a Houston) cominciano ad assemblare chitarre Fender-style usando le sue parti.

Nel 1979 David Schecter - il cui catalogo conta oltre 400 articoli diversi - comincia a proporre chitarre già assemblate, raggiungendo un'enorme popolarità quando Mark Knopfler, Lou Reed e Pete Townshend salgono sul palco con le sue "Dream Machine", chitarre Strat e Tele style rigorosamente acquistate in negozio.

Sovrastato dall'enorme successo e da una domanda cui non riesce a far fronte, nel 1983 David accetta un'offerta vantaggiosa da parte di un gruppo di investitori texani che rilevano l'azienda, la portano in Texas e continuano a produrre strumenti di buona qualità, anche se una volta esaurite le scorte di materiale californiano è possibile che una parte dell'hardware venga commissionata a produttori orientali.

Schecter: dalle Dream Machine delle origini a oggi

La chitarra sbirciata su Reverb è di questa epoca. Si tratta di una splendida "Strat style" candy apple red del primo periodo texano. Con tutta probabilità è stata costruita con componentistica di origine Van Nuys. Tra le caratteristiche principali, il "contour body" molto sagomato (sexy!), con battipenna bianco e i classici pickup Monstertone neri col suono molto grosso. A differenza delle prime "dream machine" di Van Nuys che avevano tre microswitch, questa ha il classico selettore a tre posizioni. Il circuito è l'originale Schecter, con un volume e due controlli di tono molto particolari. Uno è un passa-alti, che avvicina il suono dei Monstertone a quello dei classici Fender, l'altro è un normale tono, ma calibrato per agire sulle frequenze molto alte, creando una simulazione molto credibile del suono di un classico humbucker Gibson. Tra le altre peculiarità delle Schecter originali c'è la paletta senza abbassacorde, sostituito dalle meccaniche tipo Kluson, ma con gli alberi di altezza diversa. Il capotasto in ottone di serie è una fissa ereditata da Dave Schecter. Il maple neck da 21 tasti ha un raggio da 9,5 (pare che questa sia stata una richiesta di Mark Knopfler direttamente a David a fine anni '70).

Schecter: dalle Dream Machine delle origini a oggi

Il periodo texano dura solo quattro anni: nel 1987 i texani decidono di sbarazzarsi del giocattolo, pare anche a causa delle azioni giudiziarie che la rinata Fender intenta a chi costruisce chitarre con paletta e forme Stratocaster e Telecaster. Finché Schecter produceva componenti Fender chiudeva un occhio, ma evidentemente Bill Schultz non accetta di vedere delle Stratocaster fatte e finite con un marchio sulla paletta diverso da Fender.

Il marchio passa a Hisatake Shibuya, un imprenditore giapponese già proprietario del Musician Institute e di ESP Guitars. La produzione torna in California e a distribuirla compare Aspen Pittman, fondatore di Groove Tubes. Viene avviata una produzione orientale che si affianca a quella californiana. Ancora per qualche anno le Schecter mantengono la paletta Fender. L'azienda si barcamena per qualche anno, fino al 1996, quando Hisatake Shibuya conosce Michael Ciaravolo, un brillante musicista che lavora presso uno dei pochi distributori Schecter, Sunset Custom Guitars. Il feeling è immediato e Michael diventa presidente della Schecter Guitar Research. Sarà lui a trasformare l'azienda, abbandonando la sudditanza progettuale nei confronti di Fender e avviando il processo di affermazione di design originali che ne decretano l'odierno successo.
chitarre elettriche lou reed mark knopfler pete townshend schecter
Link utili
La Schecter che ha ispirato l'articolo su Reverb (finché dura)
La storia Schecter su Wikipedia
Un forum sulle Schecter
Il sito Schecter oggi
Una bella intervista a Michael Ciravolo
Altro da leggere
Pubblicità
Aste: quotazioni di Prince alle stelle...
Le Schecter Extreme Legacy 2018 sono...
Solar aggiorna il catalogo per destrorsi e...
Ecco perché finirai per acquistare il...
Pubblicità
Commenti
di Ghesboro [user #47283] - commento del 14/02/2018 ore 07:53:58
Notare che, contrariamente a credenza popolare, non tutte le Dream Machine furono strumenti assolutamente ineccepibili, qualche esemplare meno desiderabile venne fuori anche lì, e così pure non tutte le Dallas erano dei cessi, anzi. Al netto che la produzione Custom odierna è di buon margine superiore al secondo periodo e se la cava piuttosto bene comparata al primo.
Rispondi
di MuddyWaters [user #47880] - commento del 14/02/2018 ore 09:16:21
Una volta feci una chitarra molto simile ad un fan di Mark Knopfler. Venne un bel lavoro.
Rispondi
di Luippo [user #44202] - commento del 17/02/2018 ore 01:32:08
Casa leggendaria, che tra le altre cose formo` Tom Anderson, inoltre Valley Arts e Pensa/Suhr almeno inizialmente costruivano solo superstrat su parti Schecter. La ESP produsse superstrat Schecter di gran qualita` per il mercato Giapponese nei primi anni 90, dopo vari cambi in questi tempi il brand sembra per lo piu` avere il nu-metal come target, come cambiano le cose
Rispondi
di Ghesboro [user #47283] - commento del 17/02/2018 ore 11:49:22
In realtà il target attuale è vario, si passa dal metal estremo al classic rock più blando
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Ecco perché finirai per acquistare il solito overdrive
RedSeven: sbirciamo dietro la griglia del nuovo hi-gain italiano
Cort fonde due miti vintage nella Sunset TC
Strymon Riverside: semplice ed efficace
Marshall Origin 20H: prime impressioni
I più commentati
Ecco perché finirai per acquistare il solito overdrive
Marshall Origin 20H: prime impressioni
Cort fonde due miti vintage nella Sunset TC
Solar aggiorna il catalogo per destrorsi e mancini
Sincero e scatenato
I vostri articoli
Marshall Origin 20H: prime impressioni
Zoom Guitar Lab 3.0: arriva l'editor
Di Pinto Galaxie IV: brillantini, modding e switch sbagliati
Customizzazione di un VHT Special 6 Ultra
Cosa determina davvero il suono di un pickup
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964