HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Come sostituire il trussrod
Come sostituire il trussrod
di [user #48165] - pubblicato il

Il trussrod di una chitarra può rovinarsi con l'usura, e con gli anni potrà essere necessario sostituirlo. Ecco come rimuovere un vecchio trussrod rovinato.
Scrivo per la prima volta su accordo per sperare in  qualche suggerimento riguardo la mia Fender Stratocaster del 2008.
Portata in negozio per sistemare il setup, dopo un paio di giorni mi chiamano dicendo che il dado del truss rod non è regolabile in quanto spanato e la brugola non ha più presa. Sgradita sorpresa, considerando il fatto che per la sostituzione del dado occorre, secondo loro, creare una scasso sul primo tasto e quindi un lavoro molto invasivo. Io a quel punto resto un po' perplesso in quanto il dado è fermato da un tappo in noce incollato, che credo sia la via più breve per raggiungere e tentare di allentare il dado. Fatta questa osservazione ribattono dicendo che questo metodo non garantirebbe il risultato, e che se fosse un truss rod a doppio effetto non riuscirei comunque a estrarlo. In rete ho visto parecchi video dove provetti liutai si cimentano in questa sostituzione passando dal tappo in noce. Considerando che col fai da te ho una certa confidenza, c'è qualcuno che mi saprebbe indicare la retta via senza disintegrare il manico?

Come sostituire il trussrod

Risponde Marco Omar Viola di MOV Guitars: ciao, l’estrazione del dado di regolazione del trussrod è un intervento banale sulla carta, ma che comporta diverse problematiche.
Solitamente, alla luce di una certa esperienza in merito a interventi del genere, l’operazione comporta pochi passaggi a patto che ci siano i presupposti giusti. Il primo fra tutti è che il dado e la chiave di regolazione abbiano un buon grip tra loro allo svitamento. Solitamente è più facile poter svitare il dado che avvitarlo, dato che la tendenza è di logorare le facce della brugola nello stringere il dado.
Procedi con l’incidere la vernice attorno alla goccia di noce. Infiltra dell’acqua e con un saldatore da stagno falla bollire all’interno del foro per far rapprendere la colla che la àncora al manico. A più riprese, svita il dado affinché spinga verso l’esterno il cilindro di noce. Ripetendo le operazioni più volte, il noce si scolla ed esce dalla sua sede. Con una pinza potrai estrarlo del tutto e liberare il dado di regolazione per la sostituzione.
Personalmente ti sconsiglio di farlo di persona e di affidarti alle cure di un tecnico capace. Gli imprevisti possono essere tanti e il rischio di far danni è sempre dietro l’angolo.
A presto
chitarre elettriche fai da te fender liuteria manutenzione stratocaster
Link utili
MOV Guitars
Altro da leggere
Pubblicità
Fender spiega la Jazzmaster...
Framus Pro Series The Stormbender Devin...
Nuove St Vincent per Music Man e Sterling...
Modificare un pedale senza avere conoscenze...
Pubblicità
Commenti
di FrankieBear [user #29169] - commento del 19/02/2018 ore 11:40:15
ciao!
un lavoro di questo genere quanto può costare? mi rendo conto che le variabili siano tante, ma giusto per avere un'idea della spesa..
grazie!
Rispondi
di mattia filippini [user #44329] - commento del 19/02/2018 ore 12:37:11
Ciao, mi sono trovato nella tua stessa situazione pochi mesi fa. Il mitico Bertoni di Liutart ha fatto la sostituzione del dado del truss rod passando dal tappo in noce.
Rispondi
di FrankieBear [user #29169] - commento del 19/02/2018 ore 12:41:29
quanto hai speso più o meno?
vado spesso anche io da liutart! mi sono sempre trovato benone!
Rispondi
di mattia filippini [user #44329] - commento del 19/02/2018 ore 13:13:08
Ti ho scritto in pvt ;)
Rispondi
di Fabbio [user #48165] - commento del 19/02/2018 ore 13:36:09
Ciao .
In quel negozio di Bologna mi hanno preventivato circa 200 euro, sconsigliandomi di farlo e suggerendo il cambio manico (più costoso ma risolutivo).Ma non so se la spesa elevata era più per liberarsi del problema che il reale costo di riparazione.
Rispondi
di FrankieBear [user #29169] - commento del 19/02/2018 ore 14:14:21
Grazie!
Rispondi
di dariothery [user #12896] - commento del 19/02/2018 ore 12:36:19
Ho avuto lo stessissimo problema sulla mia strato ed il mio liutaio ha risolto estraendo prima il "tappo" e poi installando la femmina del truss rod presa da un'altra chitarra.
Anche in quel caso vi era il problema legato al truss rod doppia azione. In seguito mi ha ricostruito il tappo di noce e la chitarra ora è perfetta
Rispondi
di franklinus [user #15063] - commento del 19/02/2018 ore 13:14:44
ho usato lo stesso metodo di mov guitars per una strato di un mio cliente anni fa,però ho iniettato con una siringa l'acqua bollente nel foro...dopo un'aspra tenzone durata un'ora il tappo è venuto fuori
Rispondi
di Fabbio [user #48165] - commento del 19/02/2018 ore 13:43:34
Grazie per i consigli.
Una menzione speciale a Mov guitars e franklinus che mi hanno acceso la lampadina .
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617] - commento del 19/02/2018 ore 14:20:
Nessuno ha menzionato la vite che si trova sotto il dot al 7mo tasto e che ha lo scopo di tenere curvata la TR, io sul manico di una Stratocaster Plus ce l'avevo....il buon Mehari mi ha sostiruito la TR con estarendola dal tacco con una piccola fresata ma e' stato necessario rimuovere la vite e rifare il dot

vai al link
Rispondi
di telecrok [user #37231] - commento del 19/02/2018 ore 14:38:10
E' una chitarra diciamo moderna, certo non nuova ma con pochi anni alle spalle, una 2008, non ci sono problemi in questo caso, la rimozione del dado si può fare in svariati modi e tutti efficaci, l'unica parte delicata è la rimozione del tappo in noce, puoi fare da te ma se non hai l'attrezzatura adeguata e non l'hai fatto almeno un paio di volte rivolgiti a un professionista.
E' un intervento da 50 Euro e sono anche tanti.
Se il tappo è rimosso senza danneggiare quello che gli sta intorno e non bisogna di conseguenza riverniciare la paletta ecc ecc.
Ok, è stato spiegato bene come rimuovere il tappo in noce in conseguenza dello svitamento, ma è proprio in questo caso che potrebbero esserci i veri problemi o per meglio dire il "problema dei problemi", il dado che non accetta più nessuna chiave, nel senso che irrimediabilmente spannato e non gira ne a svitare ne tanto meno ad avvitare.
E allora come si fa?
Prima di tutto allagare il vano di W40 e lasciare che faccia effetto, almeno 24 ore, al legno non farà nulla.
Poi si passa all'inevitabile rimozione del dado e qui si può fare in molti modi, tutti efficaci se fatti con cura, pensandoci bene e scegliere il più adatto.
Spero non sia questo il tuo caso e comunque il consiglio è sempre lo stesso: "rivolgiti ad un professionista".
Si lo hai detto, con cacciaviti e chiavi hai dimestichezza ma ci sono cose che probabilmente ignori, non le sai perchè non è il tuo mestiere, perciò se hai problemi di rimozione del dado stai ben attento a quello che fai anche se su una chitarra del 2008, comunque, almeno che non sia stata presa a mazzate, non dovrebbero esserci problemi, ma occorre scegliere il metodo adatto.
Mi sono sempre chiesto, perchè mettono dei dadi Trusrod di ferraccio molle facile all'arruginimento e alla spannatura ? Mah, chi lo sa.
Lo mettessero in acciaio temprato, è una parte importantissima della chitarra, un piccolissimo particolare che se no funziona a dovere rende l'intero strumento inservibile e poi, abolire la brugola, assolutamente inefficace e facile al deterioramento, un sano dado con taglio a croce profondo come quelli originali della Fender montati al tacco sono e restano i migliori, un dado così, è praticamente impossibile non rimuoverlo, ameno che non sia saldato all'asta, cosa probabile sulle vintage, ma il W40 fà miracoli e comunque un modo si trova sempre.
Pensare che è un particolare da pochi centesimi a fronte di binding faraonici in abalone, tasti in madreperla finissima, mogani eccelsi e poi ti trovi un dado in ferro, questo è il problema.
Acciaio inossidabile, taglio a croce e profondo, meglio ancora se in ottone duro.
Infine, fai come credi, ma ti sconsiglio il metodo svita e spingi il tappo a ritroso, potresti fare un guaio e portare via un pezzo di paletta, è corretto ma delicato come sistema, occorre occhio ed esperienza..
Rispondi
di Fabbio [user #48165] - commento del 19/02/2018 ore 14:58:18
Ciao.
Per w40 intendi il wd40 ,prodotto quasi "tutto fare"
Rispondi
di telecrok [user #37231] - commento del 19/02/2018 ore 15:41:32
Si il W40, il "tuttofare" usato da meccanici, idraulici, liutai sperimentatori, fantasisti e prestigiatori nonchè da mia suocera, che lo usa per sbloccare i lucchetti, sua grossa mania per occultare i suoi inestimabili gioielli.
Attento alla rimozione del "tappo", fai piano e con calma, il metodo che ti hanno suggerito è corretto ma occorre "leggere" quando e quanto "molla" o cede se prefrisci, se no ti porti via una scheggia di manico e poi occorre ricostruirlo. Ok?
Ricorda che fai forza lungo la vena del legno, se la colla fà ancora molta presa scheggi il manico.
Io farei diversamente, almeno per "saggiare" la tenuta della colla, ma poi bisogna vedere come sei messo, magari basta questo.
Fa attenzione.
Rispondi
di mehari [user #25169] - commento del 19/02/2018 ore 17:41:2
Ottima la spiegazione di Marco Viola... senza fare l'uccello del malaugurio faccio notare che possono sorgere diversi inconvenienti fuori programma e quindi il "banale lavoro da 50 euro" che tra l'altro comporta lo smontaggio totale di manico e meccaniche per fare un lavoro come si deve, oltre al successivo rimontaggio, non è proprio una passeggiata.
Rispondi
di telecrok [user #37231] - commento del 19/02/2018 ore 18:29:23
Ma certo, hai ragione, intendevo se và tutto liscio alla prima, senza danneggiamenti vari, il tappo viene via senza problemi e il dado risponde allo "svitamento", è ovvio, se no iniziano i guai e allora...., comunque se tutto procede ok, in un'ora si fà tutto con comodo ed un dado nuovo costa 1,50 - 2,00 Euro., rinfili il tappo dopo aver messo la colla ed il gioco è fatto.
Su una 2008 il vapore dovrebbe fare il suo lavoro pressochè immediatamente e se il dado risponde il gioco è fatto.
Non sò quanto metti tu a smontare corde e manico da una Strato, ma è roba di pochissimi minuti, intendo non più di 7-8. agendo con cura.
L'operazione a ritroso richiede solo qualche minuto in più, le corde sono già attaccate al corpo, è un'attimo rimetterle nelle meccaniche se hai dimestichezza, se occorre una muta nuova si può fare 60 Euro ma oltre sarebbe un furto, Ernie 10-46.
50 Euro mi sembrano più che sufficienti per un'operazione standard poi non sò, vedi tu e intendo tappo in noce o palissandro nuovo ovviamente.
Il settaggio, con action e messa a punto su una 2008 è uno scherzo se non ha altre magagne.
Rispondi
di MM [user #34535] - commento del 20/02/2018 ore 17:32:03
È un lavoro che non farei da solo neanche se mi pagano.
Se è necessario lo farei fare ad un esperto, e se mi chiede più di 50 euro lo considero onesto comunque.
Rispondi
di Cukoo [user #17731] - commento del 21/02/2018 ore 13:29:19
Io invece, grazie a questo post, ho deciso di farlo. Il dado era rovinato e non riuscivo più a raddrizzare il manico. Il tappo di noce si è sfilato facilmente col metodo descritto da Marco Viola. Per far uscire il dado ci ho messo un po' perché non fuoriusciva sufficientemente dal foro. Il tappo in noce non è più utilizzabile. Tra qualche giorno mi arriva il dado nuovo e completo l'operazione. Il tappo nuovo lo farò in noce o palissandro; a casa ho un po' dell'uno e dell'altro. Per sagomarlo userò qualcuna delle mie 25 sgorbie (!).
Per un lavoro ben fatto ci si impiega un'ora abbondante, e i 50€ ci stanno tutti se si va dal tecnico o dal liutaio.
Rispondi
di Fabbio [user #48165] - commento del 22/02/2018 ore 10:05:07
Grazie ai vari consigli sono riuscito a smontare il dado del truss rod .Alla fine purtroppo ho dovuto rompere il tappo di noce ma ,sorpresa , il dado non è spanato .Hanno usato talmente tanta colla per fermare il tutto al punto da riempire anche il buco per la brugola.
Rispondi
di waterdog [user #12638] - commento del 23/02/2018 ore 07:32:53
Non credo sia colla, ma vernice, che spesso cola dentro il foro e blocca il dado del truss. Io lo sblocco con una punta che mi sono costruito da applicare ad un grosso saldatore a stagno: lo tocchi con quella e la vernice si scioglie liberandolo dall'incollaggio involontario, è un'operazione delicata ma se ben fatta evita qualsiasi altro problema, compresa la rimozione del tappo di noce.
Rispondi
di Fabbio [user #48165] - commento del 23/02/2018 ore 08:46:0
Adesso mi chiedo se si trovano dei tappi in noce( visto che per estrarlo si è rovinato parecchio ), oppure devo andare da un liutaio ,cosa che vorrei cercare di evitare considerando che sono arrivato alla quasi soluzione del problema.Ho visto filmati di auto costruzione del tappo ,però considerando che è una strato la speranza è di trovarne già pronti.
Rispondi
di Cukoo [user #17731] - commento del 26/02/2018 ore 15:52:06
Comprane due qui.

vai al link

Una volta inserito il tappo, sagomalo con uno scalpello da 10 mm ben affilato o, meglio, con una sgorbia n.4 o 5 (sempre ben affilata) togliendo poco legno alla volta, altrimenti rompi il tappo. Proteggi la superficie della paletta con del nastro.
Io me lo sono fatto in palissandro.
Rispondi
di Fabbio [user #48165] - commento del 26/02/2018 ore 16:18:31
Perfetto grazie..acquisto subito.
Va usata anche della colla per garantire la tenuta?
Rispondi
di Cukoo [user #17731] - commento del 26/02/2018 ore 16:24:1
Metti un po' di colla in corrispondenza dei solchi. Va bene la Titebond ma anche Vinavil.
Rispondi
di Cukoo [user #17731] - commento del 26/02/2018 ore 16:27:54
Mi raccomando, usa lo scalpello con calma e affilalo bene!
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Michele Quaini e i suoni del Facchinetti Fogli Tour
Boss WL: trasmettitori smart per tutti i gusti
Modificare un pedale senza avere conoscenze di elettronica
La Ibanez AE510 estrae il preamp per preservare i legni
SL4X: Jackson Soloist si veste di mini-humbucker
I più commentati
Ampli artigianale per un vecchio Gibson: a little Red Frog story
La truffa delle chitarre online a prezzi bassissimi
La Ibanez AE510 estrae il preamp per preservare i legni
SL4X: Jackson Soloist si veste di mini-humbucker
Michele Quaini e i suoni del Facchinetti Fogli Tour
I vostri articoli
Modificare un pedale senza avere conoscenze di elettronica
Ampli artigianale per un vecchio Gibson: a little Red Frog story
Come creare true bypass, looper e footswitch
Analizzare e riparare un cavo difettoso
Sovtek Mig 50: britanniche dalla Russia
di Oleg
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964