CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
La mia prima Les Paul è giapponese
La mia prima Les Paul è giapponese
di [user #13581] - pubblicato il

Il fascino della single-cut colpisce anche i patiti della Strat. Il manico avvitato di una Greco d’altri tempi può gettare le basi per il colpo di fulmine.
Era da tempo che andavo in cerca di una Les Paul. A dire la verità non mi è mai piaciuta, mi son sempre trovato meglio con le stratoidi. Tuttavia, tornando a suonare in un gruppo dove l'altro chitarrista usa solo Stratocaster, mi sono trovato davanti all'opportunità di ampliare il mio parco chitarre con qualcosa che più si avvicinasse (almeno esteticamente) a una Les Paul.

Avevo cominciato a cercare tra le tribute Gibson, in particolare mi ispirava parecchio l'idea di avere una Goldtop con i P90.
La ricerca però si è arenata, un po' perché non trovavo quello che cercavo al prezzo giusto e in condizioni accettabili, un po' perché l'inizio della pandemia globale ha subito ucciso l'entusiasmo di una estate piena di live.
Tutto era sospeso: la ricerca di quel tipo di chitarra prima si era spostata sulle Gretsch cinesi (le Electromatic) che potevano sostituire l'idea iniziale di una Les Paul, poi sulle copie più o meno spudorate delle Gibson ma mantenendo un minimo di ricerca storica, tipo le Tokai.

Passano mesi e sono lì lì per far partire il bonifico per una Tokai di produzione recente, non giapponese, quando all'improvviso sul mercatino più conosciuto del web spunta una Greco anni '90. La curiosità mi spinge a fare ricerche, confrontare prezzi e scovare curiosità. Questa chitarra made in Japan poteva fare al caso mio.
Faccio una telefonata e l'affare è fatto: un paio di settimane e un parente che tornava dalle ferie nei luoghi di chi la vendeva mi ha recapitato questa Greco del 1992 direttamente a casa, risparmiando qualche decina di euro dei costi di spedizione.

La mia prima Les Paul è giapponese

Mi sono trovato nella situazione di aver comprato l'ennesima chitarra senza averla suonata e soprattutto senza averla visionata di persona: è pur sempre uno strumento che ha quasi trent'anni, quindi mi aspettavo qualcosa che dalle foto non potevo quantificare. E invece, dopo l'apertura dei ganci della custodia rigida (inclusa nell'acquisto), mi son trovato davanti a una chitarra che mi ha lasciato senza parole.
Sarà stata l'attesa, sarà stato il fatto che è una chitarra che seppur "copia" di un'originale ha il potere di rievocare i ricordi dei miei primi accordi sull'elettrica. Mi è tornato alla memoria quando avevo 17 anni e ascoltavo solo Led Zeppelin oppure i primi assolo di Kirk Hammett. Una bella senzazione davanti a una chitarra tenuta molto bene a prima vista, e questo lasciava ben sperare.

Il binding bianco è virato sull'avorio ingiallito, cosa che ricercavo in una Les Paul nera. Un rapido sguardo alla tastiera (in ebano) e ai tasti: tutto in ottimo stato, quasi fosse stata dimenticata in soffitta dopo l'acquisto.
Il giorno dopo l'ho passato a smontarla e lucidarla, rendendomi conto che non è tutto oro quel che luccica ma che mi abbia fatto soffrire.



In particolare, smontando i vani dei pickup e dell'elettronica mi son accorto che qualche intervento di manutenzione negli anni è stato fatto: non ho trovato i cavi schermati con la calza metallica tipica delle produzioni di quegli anni da parte della casa madre, come ho notato che i copri pickup son stati sostituiti. In effetti sembravano troppo nuovi per avere trent'anni. Tuttavia le meccaniche son marchiate Made in Japan così come i due pezzi del ponte Tune-o-Matic.
Sul retro dei pickup ci sono delle annotazioni in spagnolo: mi fa pensare che sia passata per di lì prima di arrivare al ragazzo che me l'ha ceduta.
Mi piace quindi pensare che questa Les Paul ha girato il mondo, passando da diversi chitarristi con diverse intenzioni, prima di arrivare qui.
Proseguo la pulizia e mi accorgo che una mascherina del pickup è crepata dove c'è una vite. Davvero una piccolezza.
Per il resto, dopo la lucidata, la Greco è come nuova: luccicante, accattivante, bellissima.



Strimpello un po' senza ampli e con grande sorpresa mi trovo un manico comodissimo, sia per curvatura posteriore sia scorrevolezza della tastiera. È pesante, ma l'avevo messo in preventivo.
Il passo successivo è stato provarla sul mio Bogner Alchemist che mi ha dato la conferma che non è la classica Les Paul che credevo. Me l'aspettavo più chiusa, cupa e ingolfata mentre sui clean l'ho trovata rotonda e intellegibile così come sui distorti precisi e molto dinamici. Merito dell'elettronica o della mia mano? Del manico avvitato o della fattura giapponese? Chissà. Fatto sta che imbracciare una chitarra con quella silhouette porta inevitabilmente ad approcciarsi in modo diverso al playing.
Vale quindi la pena per me - che dovevo avere una chitarra esteticamente simile a una Gibson - spendere di più per avere un'originale o mi basta questa Greco per sentirmi a mio agio e suonare? È quindi questo il mio primo approccio al vintage dei poveri che mi incuriosisce tanto: ridare dignità a strumenti che hanno girato il mondo e hanno suonato in luoghi e generi distanti dal mio, a prezzi abbordabili senza esagerare.
Magari un giorno passerò e capirò il gap qualitativo con quelle "vere" made in USA, ma per il momento mi godo questo gioiellino che apprezzo tanto, un po' per la mia propensione allo spendere il giusto, un po' perché a volte cambiare tipologia di strumento può portare ad aprire gli occhi su mondi nuovi per quanto riguarda acquisti, sonorità e attitudini.
chitarre elettriche gli articoli dei lettori greco
ABBIAMO BISOGNO DI TE!

Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Competenze e lavoro per produrli comportano costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo difficile. Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere la qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
In vendita su Shop
 
Buttarini Flametone Telecaster 60 3-Tone Sunburst
di Daniele Guido Cabibbe
 € 2.200,00 
 
Ibanez j.custom RGA8420-BTF Black Rutile Flat
di Gas Music Store
 € 2.199,00 
 
Silvertone 1478 RB
di Generalsound SRL
€ 549,99
 -22%  € 428,99
 
Cort G100HH
di Guitars & Co
 € 139,00 
 
Ibanez ART120QA-TKS Transparent Black Sunburst
di Centro della Musica
 € 309,00 
 
Charvel Desolation DC-1 FR Black EMG81 e 85. Sottocosto + Spedita Gratis
di Dream Music Studio
 € 598,00 
 
Fender American Professional II Telecaster Maple Fingerboard 3-Color Sunburst
di Music Island
€ 1.749,00
 -11%  € 1.556,61
 
Sterling by Music Man Cutlass HSS Stealth Black
di Le Note delle Stelle
 € 409,00 
Nascondi commenti     8
Loggati per commentare

di maccarons [user #20216]
commento del 07/07/2020 ore 12:15:36
Se suona per quanto è bella e considerando che è un acquisto al buio allora hai fatto bingo, però quel battipenna su un modello Les Paul non ci sta 😊🤟🎸👍👍👍
Rispondi
di Robland [user #53772]
commento del 07/07/2020 ore 12:34:18
Secondo me, hai fatto un gran bel ragionamento e ne è conseguito un ottimo acquisto, con quel pizzico di fortuna che serve a chi compra ogni tanto al buio.
Diecimila volte meglio "ridare dignità a strumenti che hanno girato il mondo" che comprare cineserie varie senza storia e senz'arte (dei "poveri" o meno), alla ricerca del massimo ribasso, come va di moda adesso.
Poi, se sei a Roma, magari il modo di colmare il gap - più psicologico che altro - con le made in Usa lo troviamo... ;) Te lo dico da possessore multiplo e fiero di Les Paul custom shop: ci facciamo troppe fisime su marchi e modelli. Per una gara di rally non ci si presenta con una Lamborghini. Una Autobianchi A112 Abarth sarà assai più appropriata.
Anche nella musica, le alchimie per ottenere quello che ci occorre e ci piace sono meno luccicanti di quello che crediamo.
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 07/07/2020 ore 17:58:2
In chiusura hai scritto una gran verità che condivido al 100%. Complimenti,
ciao
Rispondi
di nicolapax [user #27042]
commento del 07/07/2020 ore 12:41:29
Io ho una Greco dal 1983 copia esatta della LP Black Beauty (l’ho citata tante volte nei miei interventi), con il manico incollato, quindi esattamente come la Gibson. Ha due pick-up alnico V mai nemmeno revisionati se non l’ordinaria manutenzione. Suona magnificamente. Gioiello della “Lawsuit era” come le Burny, le Orville, le Aria, le Tokai, .... Di possedere una Gibson originale non ne ho mai sentito perciò l’esigenza. Ti dirò di più: alla fine della pandemia un mesetto fa ho acquistato proprio una Tokai giapponese Gold Top (la pensiamo esattamente allo stesso modo, ahaha ahaha ahaha), con gli humbucker. Confermo che anche questa è una splendida chitarra. Suona esattamente come speravo rispetta filologicamente l’originale anche timbricamente e costa un quarto rispetto all’americana. Cosa vogliamo di più? Hai tra le mani una perla di strumento, goditelo alla grande.
Rispondi
di Shoreline [user #20926]
commento del 07/07/2020 ore 13:47:36
Bella chitarra ma credo che sia il primo passo come hai detto tu di comprare un giorno una les paul vera e la differenza c’è..se ti capita prova una 56 coi P90 o una 58/59 o una Custom e la differenza c’è e si sente..
Rispondi
di Claes [user #29011]
commento del 07/07/2020 ore 17:38:49
1972 o giù di lì sono andato a vedere un concerto nella Terraferma di Venezia. Il chitarrista imbracciava una LP nera con AC30 - sound stellare! Dopo e dietro il palco lo ho complimentato simultaneamente accorgendomi che non c'era il logo Gibson in paletta. Ovvia la domanda. Mi ha risposto che era una Ibanez (marca allora mai sentita nominare)! L'info non era sul dietro della paletta - solo un numero di serie. Gli è stata portata a Venezia dal Giappone da un suo conoscente a cui aveva detto "comprami una bella chitarra". Molto dopo, mi sono reso conto che era una famigerata Lawsuit. Credo che la logica Giapponese dopoguerra sia stata di sfornare una super-chitarra come più tardi con le chitarre Midi. Vedasi la LP Roland con sistema synth monofonico pre-Midi - il possessore dice spesso "questa la uso quasi solo da Les Paul" - il look è quello!
Rispondi
di pelgas [user #50313]
commento del 07/07/2020 ore 17:39:16
di queste lawsuit ne ho sempre e soltanto sentito un gran bene.
una Burny gloriosa l'ho vista e sentita dal vivo semplicemente un incanto per gli occhi e per le orecchie.
alcune sono incollati altre sono avvitati, né so i pickup che montano, però sono del parere che i giapponesi, nonostante le due atomiche, abbiano poi avuto il fegato di innamorarsi delle chitarrine degli Yankee
Rispondi
di Zoso1974 [user #42646]
commento del 08/07/2020 ore 16:19:47
Non sapevo esistessero giapponesi col manico avvitato post anni 70... è la prima che vedo.
Rispondi
Altro da leggere
Guida di sopravvivenza AL chitarrista: i rapporti tra chitarristi all’interno della band
Fender Stratocaster American Professional II: tradizione nel terzo millennio
PRS SE Custom 24: la MIA chitarra
Ripetente di Fattoria Mendoza - delay artigianale in salsa vintage
Bugera V22 Infinium: eppure suona!
Brad Paisley Esquire: la Fender con... un segreto
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
Guitar Man: Joe Bonamassa in un documentario
I 5 acquirenti che non vorresti mai trovare
Lo sapevi che...? La nuova rubrica Instagram di Accordo.it
L’evoluzione inaspettata della mia pedalboard
Sfasciano la chitarra al busker: Jack White gli compra una Custom Shop...
Stompbox AmazonBasics: un grande punto interrogativo
La musica ha bisogno di te
10 frasi da non dire al fonico
Perché la buca a effe ha questa forma?
Il toro, l'orso e la chitarra in tempi di pandemia
Trovate chitarre rubate per 150mila euro (tra cui la Gibson di Elvis):...
Vendita record per la giapponese senza nome di Jimi Hendrix
Slingerland Songster 401 e Audiovox by Tutmarc: le prime chitarre elet...
The Ranch: pedale eco-friendly da Collision Devices
Musica live e distanziamento in epoca Covid-19




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964