CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
La storia delle Fender che non sono mai state, ma avrebbero dovuto
La storia delle Fender che non sono mai state, ma avrebbero dovuto
di [user #17844] - pubblicato il

Progetti mai portati a termine, ibridi imprevedibili e riedizioni filtrate dalle richieste del mercato moderno: quella di Pawn Shop, Parallel Universe e dintorni è una pagina della storia Fender tutta da scoprire.
“Chitarre che non sono mai state, ma che avrebbero dovuto” è lo slogan con cui Fender, nel 2011, ha annunciato la serie Pawn Shop. È una svolta per il catalogo californiano, da sempre vincolato alla necessità di rispettare la storicità del marchio, osando di tanto in tanto ma senza mai esagerare per non rischiare di deludere i fanatici del vintage, che vedono in Fender un baluardo dello “storicamente corretto”.
Da allora, diverse serie limitate si sono susseguite, dimostrando come sia possibile reinventarsi, pur continuando a fare tremendamente gola ai tradizionalisti.
È una porzione interessante della storia Fender, che ho voluto documentare tra le pagine aggiuntive della nuova edizione del libro “Fender - Cent’anni di uomini, chitarre, bassi, amplificatori”, scritto da Maurizio Piccoli, edito da Accordo e di recente tornato in stampa in una riedizione aggiornata e ampliata con le firme della redazione di Accordo.it.

La storia delle Fender che non sono mai state, ma avrebbero dovuto

La prima serie Pawn Shop nasce in un momento storico particolare per Fender.
La Cabronita è arrivata nel 2009 in qualità di edizione limitata del Custom Shop e, nel giro di pochi anni, ha dato il via a un’intera serie di chitarre e bassi.
Poco tempo prima la Squier ’51, ibrido tra una Stratocaster, una Telecaster e un Precision Bass, ha raccolto notevole consenso. Il modello sparirà presto dal catalogo, facendo schizzare le quotazioni sul mercato dell’usato alle stelle. Per una Squier, si intende.

Il pubblico sembra insomma pronto a lasciare andare i modelli classici, rinunciando all’originalità storica a tutti i costi in favore di un desiderio di rinnovamento che resta però fortemente legato alla tradizione. La ricetta è perfetta per dare vita a progetti inediti, sì, ma basati sugli elementi distintivi delle chitarre Fender più amate di ogni epoca, con un particolare accento sugli anni ’60 e dintorni.

La storia delle Fender che non sono mai state, ma avrebbero dovuto

Dopo un’anteprima nel 2011, il nome Pawn Shop entra ufficialmente nei cataloghi Fender del 2012 con tre chitarre e due amplificatori. I modelli elettrici saliranno a cinque nel 2013 e riceveranno una rinnovata collezione di valvolari l’anno successivo.
Poi la pausa.

Per qualche motivo, Fender decide che le Pawn Shop hanno fatto il loro tempo. Tuttavia, il desiderio di sperimentazione dei fan non si è esaurito e giustifica, nel 2018, l’arrivo di ben nove strumenti dal DNA simile a quello delle Pawn Shop, stavolta col titolo di Parallel Universe.
Arriveranno poi le Alternate Reality, più accessibili, e ancora una volta altre Parallel Universe. Siamo nel 2020, e anche Squier si unisce al coro con una sua divisione sperimentale: le promettenti Paranormal.

Sulla nuova edizione libro “Fender” aggiornata al 2021 trovate tutta la storia di questi singolari strumenti, con i dettagli di tutti gli amplificatori e delle 37 edizioni limitate tra chitarre e bassi, fino all’originale Tenor Tele.

Se volete scoprire l’epopea di Leo Fender, conoscere i dettagli dei suoi progetti storici, le particolarità degli esemplari più interessanti di ogni epoca, imparare a datare pezzi vintage e riconoscere i pregi di quelli moderni, è una lettura che non può mancare nella vostra libreria. Con l’aggiunta delle nuove pagine relative alla produzione dal 2009 al 2021, il tomo diventa davvero irrinunciabile.
Inoltre, e solo fino a esaurimento scorte, potete ordinare Fender su Shop e ricevere in regalo lo sticker commemorativo tra gli adesivi Sticker Mule di Accordo.
alternate reality amplificatori chitarre elettriche editoria fender libri parallel universe parallel universe ii paranormal pawn shop
SOSTIENI LA MUSICA

Dal 1992 ACCORDO si impegna a favore di chi fa musica, offrendo gratuitamente contenuti di alta qualità e servizi. Sostieni ACCORDO per sostenere la musica italiana nella sua stagione più difficile.

Dona adesso e usufruisci dei serviizi riservati ai sostenitori!
Link utili
Acquista il libro Fender
Adesivi Sticker Mule
In vendita su Shop
 
electro harmonix crying bass
di Scolopendra
 € 60,00 
 
roland d50
di Scolopendra
 € 150,00 
 
ROCKBAG RC20850B ASTUCCIO CUSTODIA SEMIRIGIDA PER UKULELE SOPRANO RC-20850-B
di Borsari Strumenti Musicali
 € 29,00 
 
Hohner Tremolo Sextet Kreuzwender
di Banana Music Store
 € 427,00 
 
Samson MCD2 PRO
di Banana Music Store
 € 121,00 
 
Josè Torres JTC-50
di Banana Music Store
 € 586,00 
 
VOX - V845 WHA WHA
di Music Works
 € 47,70 
 
YAMAHA - BB734A BASS
di Music Works
 € 596,20 
Nascondi commenti     13
Loggati per commentare

di Max Scarpanti [user #56093]
commento del 05/02/2021 ore 08:16:31
Interessanti, ma resto fedele alle mie gemme: Strato Am std e Tele '52 reissue.
Rispondi
di bobbe [user #36282]
commento del 05/02/2021 ore 11:50:27
Se "non sono mai state" ci sarà un motivo, sono orride
Rispondi
di Bob67 [user #33904]
commento del 05/02/2021 ore 12:36:07
Eeesatto 👍
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 05/02/2021 ore 12:41:32
Adesso arriva la sfilza di commenti negativi di chi non riesce ad andare oltre ciò a cui il suo cervello è assuefatto.
Rispondi
di Yago71 [user #55788]
commento del 05/02/2021 ore 13:23:47
Non è assolutamente vero che sono orride !!
Anzi
Ho avuto modo di vedere e provare sia la 51 pawn shop in colore butterscotch blonde,e la fighissima pawn shop '72 thinline surf green..
Intanto parliamo di made in Japan,quindi ottimamente costruite ! E molto comode da suonare
I suoni che ne escono a me sono piaciuti,come le modalità particolari per swicharli
Sono diverse dai soliti canoni Fender a cui siamo abituati..?
Si !!
Sono brutte...?
No
Mia personale opinione, è che toccherebbe andare almeno ogni tanto ,oltre i soliti stereotipi..
A volte resto perplesso,quando in un mondo,in cui l'innovazione è,o almeno dovrebbe essere uno dei capisaldi che lo fanno girare,leggere dei commenti così tranchant..
Che poi presumo si facciano solo sulla base di una foto vista su internet
Rispondi
di nls [user #39288]
commento del 05/02/2021 ore 15:17:10
Concordo su tutto, ma temo che quel che dici sull'innovazione e il mondo della chitarra abbia smesso di essere vero mooolti anni fa...

Passando ad argomenti meno pesanti ;) , come ti era sembrata la 51? Se avesse il tremolo sarebbe perfetta per me!
Rispondi
di Yago71 [user #55788]
commento del 05/02/2021 ore 15:40:16
Molto bella e comoda !!
Anche il sistema di switch era molto originale
Il suono direi .... aggressivo sull'humbucker
Buono sulle altre posizioni,in particolare sul manico
Indubbiamente un suono molto aperto,forse anche troppo sugli alti.
Per il tremolo ...che dire..
Io suono la tele..quindi ...
Però indubbiamente, avrebbe mischiato ancora di più le carte 😅😅😅
Rispondi
di ADayDrive [user #12502]
commento del 05/02/2021 ore 17:35:01
Sono mediamente orride, in effetti, ma qualcuna di carina c'è. E trovo demenziale che Fender non investa sula Meteora, considerando che è l'unico design originale che si vede da un bel po'...
Rispondi
di spillo91 [user #17528]
commento del 05/02/2021 ore 20:27:03
Secondo me sono splendide! Sarà che sono un estimatore delle chitarre offset e alternative. Unico appunto: avrei preferito che Fender sperimentasse di più anche a livello di elettronica (soprattutto con i pick-up), e andasse oltre a quei 6-7 (pur splendidi) modelli.
Rispondi
di Raziel84 [user #47850]
commento del 06/02/2021 ore 23:32:07
Concordo. Personalmente nella foto ho visto quella offset in stile tele che é davvero stupenda.
Rispondi
di brozio77 [user #10423]
commento del 07/02/2021 ore 13:04:47
la 51 e una gran chitarra. io ho ancora la prima serie del 2005 della squier
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 07/02/2021 ore 16:53:22
Bellissime tutte
Rispondi
di peppe80 [user #11779]
commento del 08/02/2021 ore 21:18:58
Ci sono aborti mai visti prima.. se alla fine dopo 50 anni le più richieste restano strato e tele un motivo ci sarà
Rispondi
Altro da leggere
Fender Stratocaster #30817 del 1958: il restauro ToneTeam
Tastiere a ventaglio su due Solar a sei e sette corde
La Telecaster di Hallelujah diventa criptoarte da 26mila euro
Violenza e stile firmati Marty Friedman: in prova la Jackson MF-1 Purple Mirror
Nel legno, su cornice o battipenna: cosa cambia per un pickup
La Slash Collection sbarca su Epiphone
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Fender Telecaster 1960 Relic - Master Built Yuriy Shishkov
Visualizza l'annuncio
Fender Stratocaster 69 Master Built Dennis Galuszka Real Gold 24K
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
Pickaso Guitar Bow: chitarra acustica ad arco
La Telecaster di Hallelujah diventa criptoarte da 26mila euro
Eric Clapton non suonerà per i soli vaccinati, ma non è un No Vax
I Radiohead remixano Creep per una versione “Very 2021”
Chibson USA Placebo Pedal: il pedale che fa… niente!
Cavi sessisti: no, non è uno scherzo
Living Electronics: un album che si ascolta solo su Game Boy?!
Fender Stratocaster #0689 dell'agosto 1954: il restauro ToneTeam
Se sei bravo ti basta una scopa con le corde? Sì, ma anche no
La Les Paul è davvero come la voleva Les Paul?
I sosia dei Måneskin su un cartellone in Lettonia? Significa più di ...
Fender Stratocaster #0018 del 1954: il restauro ToneTeam
E se il ritorno al rock passasse dalla realtà virtuale?
Che cos’è il blues? Il video
Un plotone di star per il vaccino con la chitarra dei Tenacious D




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964