CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
I grandi classici: La nascita del wah wah
I grandi classici: La nascita del wah wah
di [user #51340] - pubblicato il

Il wah wah è un effetto che ha fatto davvero la storia, finendo sotto i piedi di quasi tutti i chitarristi più famosi del mondo ma ha corso il rischio di non arrivare mai a essere collegato tra chitarra e ampli. Ecco spiegato perché.
Negli anni ’60 il wah wah era prerogativa di armonicisti, trombettisti e trombonisti. Ai primi bastavano le mani per creare un suono che potesse ricordare il fischio di un vecchio treno a vapore in avvicinamento. Agli altri serviva una sordina particolare, realizzata con un’economicissima ventosa da idraulico.

Nel ’66, però, alla Warwick Electronic Inc stavano lavorando sodo per trasformare in solid state gli amplificatori VOX per il mercato americano, in modo da renderli più resistenti e, soprattutto, economici. Fu proprio durante la progettazione di una versione semplificata del mid range boost di un Vox Ampliphonic Orchestra che il giovane ingegnere Brad Plunkett scoprì che utilizzando un potenziometro al posto di un selettore a più vie era possibile ottenere un effetto molto musicale.

Ai suoi colleghi piacque molto, soprattutto a Del Casher che insistette per renderlo un effetto a pedale per chitarra.

Al boss di Warwick la cosa non piacque poi molto, era convinto avrebbe avuto molto più successo come effetto per tromba, tanto che il pedale stesso fu dedicato a Clyde McCoy, celebre trombettista jazz.

La storia completa ve la raccontiamo nel video qui di seguito.



Se vi siete mai chiesti perché Fulltone decise di chiamare proprio Clyde Wah il suo più celebre wah wah, ecco la risposta. Si rifaceva proprio alla versione originale dell’effetto, che sul backplate riportava proprio la sagoma e la firma del trombettista che, però, con l’effetto non ebbe praticamente mai nulla a che fare.

Anche il Cry Baby, da tempo brand registrato dalla Dunlop, la più grande casa al mondo di effetti a pedale, nacque proprio da un’evoluzione dello stesso Vox V486, il pedale sviluppato da Plunkett e Casher intorno agli anni ’70.

Il wah wah è un effetto che agisce esclusivamente sull’equalizzazione, intervenendo con un filtro che sposta il picco di frequenze boostato man mano che si muove il pedale. Per questo trova il collocamento migliore all’inizio della catena. In questa maniera tutto ciò che viene dopo, distorsioni, boost, modulazioni e riverberi agiranno sul suono già onomatopeizzato, insomma, sul wah wah sound.

Se non ne avete ancora uno in pedaliera, potete leggere il nostro articolo sui cinque motivi per cui non potete assolutamente fare a meno di avere un wah wah.
effetti a pedale i grandi classici v486 vox wah wah
ABBIAMO BISOGNO DI TE!

Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Competenze e lavoro per produrli comportano costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo difficile. Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere la qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
Link utili
Perché ti serve un wah wah
Trova il wah wah giusto per te su SHOP
In vendita su Shop
 
LAA CUSTOM ITALIAN WAH
di Voodoo Factory
 € 239,00 
 
XOTIC XW-1 WAH
di Voodoo Factory
 € 299,00 
 
VOX V847 WAH MADE IN USa
di
 € 79,00 
 
DUNLOP ECB024C Potenziometro Per Wah 105Q
di
 € 44,00 
 
DUNLOP EVH95 Van Halen Signature Cry Baby Wah
di
 € 184,00 
 
DUNLOP KH95 Kirk Hammett Signature Cry Baby Wah
di
 € 185,00 
 
DUNLOP JH1D Jimi Hendrix Authentic Signature Cry Baby Wah
di
 € 162,00 
 
DUNLOP BG95 Buddy Guy Signature Cry Baby Wah
di
 € 201,00 
Nascondi commenti     3
Loggati per commentare

di TidalRace [user #16055]
commento del 23/02/2021 ore 08:29:41
Perdonami Denis, ma che io sappia gli amplificatori Vox per il mercato americano furono progettati dalla Thomas Organ e non da Warwick. La serie Ampliphonic era nata per gli strumenti a fiato con leggio incorporato nella struttura combo e si componeva di quattro modelli: dal piccolo Nova da 10W dotato di una forma standard, passando per il Satellite e il Galaxie, fino ad arrivare al maggiore Orbiter da 30W. I tre modelli maggiori disponevano di una forma inconsueta per un combo, ma necessaria per appoggiare sopra gli spartiti del musicista. Erano anche completati da un vero vibrato, per la modulazione del pitch della nota e dal classico riverbero a molle.
Rispondi
di Denis Buratto [user #16167]
commento del 23/02/2021 ore 08:45:24
Si certo che faceva parte di Warwick Electronic. Così almeno ho reperito io da diverse fonti. Thomas Organ è citata nel video, ma non so se l’hai visto.
Rispondi
di yasodanandana [user #699]
commento del 24/02/2021 ore 00:03:11
grazie, articolo e video interessantissimi ...
Rispondi
Altro da leggere
I Grandi Classici: il Tube Screamer Ibanez TS9
Vox Mini Go: ampli portatili fino a 50 watt
Vox VGH: cuffie per musicisti con simulazioni integrate
Bobcat: semiacustica retrò da Vox
Vox Valvenergy: overdrive nano-valvolari
L'ampli fischia quando uso pedali
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
EPIPHON LES PAUL CUSTOM NERA
Visualizza l'annuncio
Amplificatore Fender Super Reverb primi anni 60
Visualizza l'annuncio
Ovation Custom Legend 1719 30CM Commemorative - 2004
Seguici anche su:
Altro da leggere
La collezione di Tommy Emmanuel in vendita per beneficenza
Spotify: il brevetto “ascolta” il tuo stato d'animo
Bruce Springsteen: Jeep ritira lo spot pubblicitario dopo la notizia d...
Chick Corea è morto
USA: fermate chitarre false per quasi 160mila dollari
Gli sviluppi delle accuse di molestie sessuali a Marilyn Manson
Dodi Battaglia: dal 12 febbraio il nuovo singolo "Il coraggio di vince...
Foo Fighters: il nuovo album "Medicine At Midnight"
Claudio Baglioni: stasera ospite d'eccezione a Stories Live
Morto Phil Spector, inventore del Wall Of Sound
JHS vende il primo Centaur mai prodotto
Il NAMM non si fa, ma i costruttori ci sono tutti
Canzoni sbagliate!
Morto Alexi Laiho: fondatore dei Children of Bodom
Brand da tenere d’occhio nel 2021




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964