DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Pedale volume e perdite di segnale
Pedale volume e perdite di segnale
di [user #14552] - pubblicato il

Un pedale volume a inizio catena può essere un comodo sistema per tenere sotto controllo l'output della chitarra, passando dal clean al crunch al pieno distorto col tocco di un piede. Ma un elemento extra nella catena può mangiare molte frequenze. Come fare a preservare il timbro senza il peso di un carico in più sul segnale?
Da anni ormai combatto controllo un problema tanto banale quanto di difficile soluizione: il pedale volume.
L’uso che ne faccio io è quello meno tipico: non lo utilizzo per controllare il master volume finale ma per dosare il segnale in ingresso e, utilizzando tutto il range della sua escursione, per passare da pulito a crunch a full drive. In pratica è in tutto e per tutto un alter ego del potenziometro del volume che già è sulla chitarra.
Voi mi direte: "se già ne hai uno sulla chitarra, perché aggiungere un ulteriore elemento in catena?". Il fatto è la gestione tramite piede mi risulta incomparabilmente più comoda e mi permette un controllo del segnale di ingresso non eseguibile a mano con la stessa pulizia e linearità.

Vengo ora al mio problema: da anni utilizzo un Ernie Ball Jr, piazzato subito dopo la chitarra. Il pedale è fantastico per costruzione e utilizzo meccanico ma non ci sono santi che tengano: percepisco una perdita delle frequenze alte che mi disturba non poco.
Ormai le ho provate tutte (premetto subito che non utilizzo l’uscita tuner), gli ho cambiato posto in catena, ho provato sia quello da 250k (il più logico vista la posizione di utilizzo) sia quello da 25k che una volta utilizzavo prima del delay nel s/r (poco sensato perché le mie chitarre sono tutte passive, ma nella disperazione...), gli ho messo davanti anche dei buffer (Ghost FX e MXR CAE MC401) ma il problema viene solo mitigato.
Ora, io capisco che mettere un elemento in catena inevitabilmente comporta un'alterazione al segnale, ma questo scurimento sonoro mi sembra davvero eccessivo per ritenerlo un compromesso accettabile.

La pedaliera è cablata con George L’s ed è così composta:
chitarra > wah Dunlop 535Q > TC Eletronic Mini Polytune > POG2 > Mooer Buff Fuzz > Empress Multidrive, nel send return Subdecay Quasar DLX > Strymon Timenline > Strymon Blue Skye.
Se levo gli Ernie Ball il problema sparisce non arrivando a percepire una differenza sostanzialmente udibile tra il passare nella pedalboard o l’andare direttamente nell’ampli, se il pedale lo utilizzo nel send return il problema praticamente sparisce.

Ho provato a fare ricerche in lungo e in largo sul web e pare non esserci un soluzione definitiva, se non quella di passare a un pedale volume attivo tipo il Visual Sound Visual Volume, che però è veramente ciclopico, o adirittura al Goodrich, splendido ma 240$ di pedale volume.
Nel video girato da Accordo all’ultimo NAMM 2013 viene presentato allo stand Ernie Ball un pedale Volume denominato MVP, attivo e con le regolazioni di minimo e massimo (in pratica funge anche da boost). Il problema è che quel video è al momento l’unica informazione disponibile su tutto il web, sito Ernie Ball compreso. Non se ne riesce a sapere nulla di nulla tanto meno la data di rilascio.
Insomma brancolo nel buio, c’é qualcuno che abbia già affrontato il mio problema e l’abbia risolto senza ordinare 240$ di pedale dagli States?

Pedale volume e perdite di segnale

Risponde Marco Ferrari di Dreamaker: Il problema che ci descrivi è dovuto principalmente al fatto che quando si collega un pedale volume in uscita al circuito della chitarra questo finisce inevitabilmente in parallelo con esso, costituendo così un maggiore carico per il pickup e una conseguente perdita di alte frequenze.
Una soluzione probabilmente poco convenzionale ma efficace ed economica potrebbe essere quella di bypassare il potenziometro di volume della chitarra e inserire il pedale volume al primo posto della catena effetti. In questo modo non vi sarebbero differenze tra il circuito originale della chitarra e il nuovo ottenuto (se non quella di inserire qualche metro di cavo tra la chitarra e il controllo di volume) e l'equilibrio timbrico verrebbe così mantenuto. Ovviamente per un risultato ottimale il valore del potenziometro del pedale volume dovrebbe essere il più vicino possibile a quello del potenziometro originale della chitarra.
Per bypassare il controllo di volume della chitarra sarà sufficiente scollegare la massa del potenziometro e ponticellare il terminale di ingresso con quello d'uscita oppure in alternativa installare un dedicato interruttore per il bypass.
effetti e processori
Link utili
Dreamaker
Nascondi commenti     13
Loggati per commentare

NO!
di herrdoctor [user #18849]
commento del 19/03/2013 ore 08:45:57
Aspetta un attimo, come ti fanno notare,
un potenziometro da solo, rompe sul circuito della chitarra,
sopratutto se ha certi valori di resistenza
MA,
se metti un pedale buffer (attivo) tra la tua chitarra e il pedale in questione NON
PUOI assolutamente avere questa perdita frequenze (alti).

Sei sicuro che questo pedale non abbia un condensatore all'interno?
E' impossibile ma... meglio che verifichi...
Rispondi
Re: NO!
di _Spawn_ [user #14552]
commento del 19/03/2013 ore 08:59:35
Inanzi tutto grazie alla redazione per la pubblicazione della mia problematica e a voi per l'interessamento.
Purtroppo le ho provate quasi tutte, ho anche smontato il pedale per vedere se potessi integrare all'interno un circuito buffer, il circuito è di una semplicità disarmante: jack di input-jack di output montati su una scheda e da questa al pot, null'altro (a parte il jack splittato per l'uscita tuner)
Anche l'inserimento del buffer non è del tutto risolutivo, mitiga solo il problema. Non vorrei che fosse il tipo di buffer a non andare bene (si tratta di un Ghost Buffer della Fuzz FX) ma non sono certo un esperto in materia.
Se metto davanti un booster mC401 custom audio ACCESO il problema sparisce, immagino un po' perchè il pedale stesso funge da buffer e un po' per la innata tendenza di questo booster a pompare lievemente le alte, se lo spengo l'effetto è simile a quello del Ghost Buffer. Il fatto è che aggiungere un booster in catena solo per risolvere un problema che a sua volta è generato da un'altro pedale mi fa pensare che faccio prima a eliminare l'Ernie Ball e chiuderla li :-(.......
Rispondi
Re: NO!
di herrdoctor [user #18849]
commento del 19/03/2013 ore 09:25:58
C'è una cosa che mi incuriosisce visto che il problema lo verifichi sulla pedalboard e non vorrei che il problema sia doppio cioè in conseguenza ad un pedale non true bypass e che ti faccia qualche casino.

Se usi Chitarra->Ernie B Jr -> ampli, noti questo problema allo stesso modo?

PS. Se te lo fa, l'unica motivazione è che il potenziometro del pedale in questione stia mostrando un effetto capacitivo e quindi ti ammazza gli alti.
Rispondi
Re: NO!
di cucciolo1234 [user #23772]
commento del 12/11/2013 ore 13:44:37
Non devi smontare niente !! collega il pedale volume nel send return e non perderai alcun segnale. Fidati...
Rispondi
...aggiungo anche la mia....
di ParanoidAndrea utente non più registrato
commento del 19/03/2013 ore 09:38:32
capisco poco di elettronica...quindi probabilmente dico una cazzata....
ma un condensatore di compensazione, tipo i treble bleed che si possono mettere sulla chitarra??
Non so se possa funzionare, ma di sicuro costa poco provare...
A.
Rispondi
Treble Bleed
di DrKranio utente non più registrato
commento del 19/03/2013 ore 09:56:55
Quando si chiude il potenziometro del volume si può notare che alcune volte il suono ha una discreta perdita delle alte frequenze, fattore che diventa progressivamente sempre più accentuato.

Per migliorare il comportamento del potenziometro, in questi casi, si può inserire un "treble bleed", ovvero un condensatore ed una resistenza per attenuare il fenomeno.

E' un fenomeno tipico che già viene avvertito con il semplice pot. del volume della chitarra, aggiungendone ancora uno la cosa potrebbe essere amplificata.

vai al link stor.jpg
Rispondi
Devi anche ricordarti che anche ...
di Cannibal [user #36124]
commento del 19/03/2013 ore 10:47:5
Devi anche ricordarti che anche il l'impedenza in uscita varia al variare del potenziometro e lo wah è un pedale con un'impedenza di ingresso bassa, quindi l'ideale sarebbe avere input > buffer > potenziometro > buffer > output, in modo da isolare perfettamente il circuito da tutto ciò che lo precede e lo segue. Se sai saldare è facile farsi un piccolo buffer su millefori. Cerca su google "Klon buffer schematics" e replica la cosa due volte e non avrai più perdite di segnale.
Rispondi
casualmente...
di redfiesta utente non più registrato
commento del 19/03/2013 ore 14:08:18
...poco tempo addietro leggevo questo articolo: vai al link

Rispondi
La perdita di alte frequenze ...
di TidalRace [user #16055]
commento del 19/03/2013 ore 18:36:33
La perdita di alte frequenze che si verifica, dipende dall'ulteriore potenziometro del pedale passivo aggiunto al volume della chitarra che carica maggiormente i pickup passivi con evidente perdita di brillantezza. Immagino però che inserendo un buffer a inizio catena e con i due volumi chitarra e pedale al massimo non dovresti accusare perdite d'alti, ma eventualmente solo quando chiudi il volume del pedale e per molti chitarristi questo non è un difetto. Un probabile motivo è anche quello dell'aumento della lunghezza del cavo che avrai quando colleghi il pedale volume: collegamento chitarra-ampli un solo cavo, collegamento chitarra-pedale-ampli due cavi con ovvio taglio delle alte frequenze.
L'utilizzo di un buffer, seguito da un pedale volume passivo non risolve completamente il problema, poiché quando abbassi il volume dal pedale avviene il taglio delle alte frequenze.

Puoi risolverla così:

1) colleghi un buffer a inizio catena e il tuo pedale da 250K con la modifica del Treble-Bleed in modo da non incupire la timbrica
2) colleghi un buffer a inizio catena e un altro pedale-volume da 25K senza alcuna modifica
3) colleghi un pedale-volume attivo quindi con almeno un buffer in ingresso e potenziometro da 25K

La soluzione migliore è la 3, mentre la più economica la 1. Un saluto.
Rispondi
Re: La perdita di alte frequenze ...
di redfiesta utente non più registrato
commento del 19/03/2013 ore 18:44:11
Infatti non viene detto se la perdita si ha anche col volume aperto, se così fosse è spiegato nell'articolo di cui sopra, è una caratteristica di quel tipo di pedale e simili, quelli cioè che hanno anche l'uscita tuner ma anche gli split bypass tipo mxr, c'è quindi uno split che se avviene su un segnale delicato come quello ad alta impedenza questo comporta ma un buffer di solito rimedia abbastanza efficacemente abbassando appunto l'impedenza prima che avvenga lo split
Rispondi
Io ho risolto con questo ...
di DLC86 [user #22499]
commento del 19/03/2013 ore 18:48:31
Io ho risolto con questo circuitino direttamente dentro al pedale:
vai al link
Rispondi
Io uso il pedal volume ...
di FILO89 [user #31184]
commento del 20/03/2013 ore 09:29:03
Io uso il pedal volume nel tuo stesso modo, cioè per regolare il gain...e anche io ho avuto il tuo stesso problema!!Ho risolto cosi...basta mettere un pedale non true-bypass(quindi bufferizzato) prima del volume pedal...io ci ho piazzato il tu-3 della boss...fai una prova, sicuramente un tuo amico c'è la di sicuro un tu-2 o un tu-3...andrebbe bene qualsiasi altro pedale non bufferizzato ma ricordati che il circuito buffer è attivo solo quando il pedale è spento quindi non c'è niente di meglio di un tuner che quando viene usato di solito non si suona...ricapitolando, chitarra, pedale non true bypass(spento),volume pedale(250k) ,etc..)
altre soluzioni sono come hai già scritto volume pedal attivo...sinceramente pensavo funzionasse anche inserendo un buffer in catena(non mi ricordo se prima o dopo del VP), ma non lo mai provato!!
Provaci e fammi sapere
Rispondi
pedale volume
di cucciolo1234 [user #23772]
commento del 10/04/2013 ore 11:41:13
Metti in send return il pedale volume a fine della catena quindi vicino all'ampli per capirci meglio, e non perdi piu nulla.
Rispondi
Altro da leggere
Line 6 Helix: disponibile l’aggiornamento sonoro più grosso di sempre
Il trucco c'è ma non si vede
BOSS Loop Station: perché averne una e come sceglierla
NUX Mighty Plug Pro: uno studio in tasca
Two Notes ReVolt: amp sim analogico e valvolare con IR
AIRA Compact: strumenti Roland in tasca
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964