DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Steve Vai & David Lee Roth: troppo famosi per suonare
Steve Vai & David Lee Roth: troppo famosi per suonare
di [user #116] - pubblicato il

Steve Vai, Billy Sheehan e Gregg Bissonette decidono di riunirsi per festeggiare i trent’anni di “Eat’em and Smile”, disco imprescindibile dell’hard rock, che li consacrò virtuosi assoluti. E la calca di folla, fuori dalla venue del concerto a Hollywood, è tale da costringere i vigili del fuoco ad annullare lo show all’ultimo minuto.

“Eat Em And Smile” è il primo disco solista di David Lee Roth ed è un lavoro eroico. Il cantante, infatti, lascia i Van Halen nel momento di massima popolarità: dopo una serie di album che hanno scalato le classifiche di tutto il mondo e dopo aver confezionato un singolo come “Jump” pezzo icona degli anni ’80, ancora oggi riempi pista in ogni festa che si rispecchi. (Senza aggiungere che "Jump" ha un assolo di chitarra che Dio in persona non avrebbe saputo scrivere e suonare meglio). 

Steve Vai & David Lee Roth: troppo famosi per suonare

Se la mossa sulla carta poteva sembrare un insensato Karakiri, pilotato da un ego indomabile, Lee Roth ha ragione e confeziona un disco perfetto: asfalta la critica, ammalia il pubblico e segna un nuovo - altissimo e circense - standard tecnico e di produzione per un disco hard rock. Lee Roth riesce ad assemblare una band fenomenale, assoldando tre veri alieni: Billy Sheehan al basso, Gregg Bissonette alla batteria e l’unica sei corde al mondo in grado di far passare, probabilmente, qualche notte insonne a Eddie Van Halen: Steve Vai.
Proprio Steve Vai ha recentemente dichiarato:
"Sapevo che l'esperienza con Lee Roth sarebbe stato un momento fugace della mia storia musicale. La musica che avevo in testa, che volevo fare era diversa. Ma suonare in quel gruppo fu fantastico. Ero giovane, fuori di testa ed eravamo vere e proprie rock star. In tournee con un personaggio come Lee Roth succedevano cose inimmaginabili, irripetibili. Un bordello, un inferno! David aveva scelto i migliori musicisti in circolazione!"


Oggi, a trent’anni dalle registrazioni di quel capolavoro, i tre fenomenali strumentisti decidono di riunirsi per uno spettacolo commemorativo. Inizialmente non è nemmeno prevista la presenza di David Lee Roth che però, a sorpresa, è annunciato poco prima dello show. Ci sono tanti ospiti coinvolti in scaletta, su tutti Michael Starr degli Steel Panther che – prima dell’apparizione di Lee Roth – avrebbe dovuto essere il cantante principale delle serata.
Ma lo show viene annullato dai vigili del fuoco, poco prima dell’inizio: la folla che si accalca dentro e fuori dal locale è troppa. Mentre Sheehan twitta che il concerto è saltato perché c’è troppa gente, quel furbetto di Lee Roth già inizia a rilasciare dichiarazioni accattivanti: “Sembra che siamo troppo famosi! Perché non pensare a venue più capienti?”
Francamente,  il sospetto che si tratti di una trovata pubblicitaria, spudorata e plateale come lo erano i suoni, gli arrangiamenti e i colori della David Lee Roth band, c'è. E pure bello forte. 
Ma la cosa non ci dispiace affatto.  Se sulla carta siamo sempre pronti a dire a dire che le reunion dei vecchi dinosauri del rock'nroll sono tristi, poi,  quando capita l’occasione di vederteli finalmente di nuovo sul palco assieme, è sempre uno spasso. Tanto più, che se suoni una chitarra con un floyd e un humbucker, Eat 'em and Smile con gran probabilità, è il disco che ti ha cambiato la vita! E allora, non puoi che saltare sulla sedia per l’eccitazione.
Vi aspettiamo, dal vivo, in Italia nel 2016, ShyBoy!




billy sheehan david lee roth steve vai
Link utili
Il sito di Steve Vai
Il sito di Billy Sheehan
Nascondi commenti     86
Loggati per commentare

di Iconoclast76 [user #43596]
commento del 29/11/2015 ore 10:51:1
per carita , solo in america succedono ste cose,ma sti vecchietti non ne hanno avuto abbastanza cecano ancora successo? soldi? notorieta? dai... vai 30 anni fa magari era uno dei migliori sulla piazza ma è anche vero che 30 anni fa quasi nessuno sapeva suonare, oggi prendi un 15enne sconosciuto sul tubo e ti suona piu innovativo con idee fresche che a steve vai lo fa sembrare un principiante
Che si godessero le loro pensioni in santa pace io non le sopporto le reuninon mi spiace cioe non sopporto proprio sta gente dello spettacolo figuriamoci le loro reunion, dovrei esultare che 4 miliardari annoiati e vecchi han deciso di farsi mostrare con la dentiera nuova e i capelli tinti con riporto? andatevene a casaaaaaaaaaaaaaaaaa e lasciate spazio ai giovaniiiiiiiiiiii
Rispondi
di joerocker [user #11075]
commento del 29/11/2015 ore 11:27:21
Non mi è mai piaciuta questa attitudine "andate a casa, lasciate spazio ai giovani". Da che mondo è mondo, i giovani si sono sempre presi il loro spazio da soli, in passato non è che "i vecchi" si facessero amichevolmente da parte. Se ci sono tutte queste reunion, è anche perchè non c'è stato nessun "giovane" che ha saputo riscrivere o innovare.
Detto questo, il 15enne che fa sembrare Vai un principiante, linkalo per favore, e ne riparliamo!
Rispondi
di Iconoclast76 [user #43596]
commento del 29/11/2015 ore 11:42:51
se i giovani non riescono ad essere originali è perche quando un giovane viene preso dalle case discografiche viene costretto a fare la musica che dicono loro altrimenti a casa e nessuno rischia con musica innovativa per loro la musica è solo un modo per fare soldi ma basta perdere un po di tempo e navigare sul tubo, non chiedetemi link perche non salvo mai niente ma in questi ultimi 5 anni ho vi sto robe allucinanti fatte da gente totalmente sconosciuta e alle volte erano appena dei ragazzini
Rispondi
di yasodanandana [user #699]
commento del 30/11/2015 ore 18:56:35
==perche quando un giovane viene preso dalle case discografiche viene costretto a fare la musica che dicono loro altrimenti a casa ==

sono cose che succedevano nel secolo scorso..
Rispondi
di f.n [user #3760]
commento del 29/11/2015 ore 12:19:
Che presunzione, supponenza e taciamo altro in questo tuo commento.
Rispondi
di dfatwork utente non più registrato
commento del 29/11/2015 ore 12:37:2
coscritto, forse dovresti ascoltare cosa sta facendo Vai a proposito di innovazione, se mi trovi un 15enne con la stessa sensibilità (sempre musicalmente parlano e senza sminuire nessuno)... sia chiaro che a me Vai sta sulle palle, buona musica!
;-D
Rispondi
di TheTrooper utente non più registrato
commento del 29/11/2015 ore 12:44:04
HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH
AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA
HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA

Senti, smettila di scrivere cazzate e usa accenti e virgole perchè dare un senso ai periodi che scrivi è veramente un'impresa.
Poi cosa parli di "giovani" che minimo minimo sei nel bel mezzo della crisi di mezza età.....
Parli di musicisti leggendari come se fossero tua madre e tua sorella.
Fai una bella cosa:

JUMP! (dal grattacielo)
Rispondi
di Guycho [user #2802]
commento del 29/11/2015 ore 12:46:37
" prendi un 15enne sconosciuto sul tubo e ti suona piu innovativo con idee fresche che a steve vai lo fa sembrare un principiante"

Sul tubo? lo voglio vedere su un palco.

p.s. veramente un pessimo intervento il tuo, non ne hai azzeccata una...
Rispondi
di Gpaolo58 [user #22822]
commento del 29/11/2015 ore 15:35:21
........i quindicenni di cui parli sono quelli di Amici della De Filippi? Capisco allora che non ti vada a genio Steve Vai ti manda in confusione i neuroni!!
Rispondi
di 5maggio2001 [user #36501]
commento del 03/12/2015 ore 11:43:08
stiamo parlando probabilmente di uno dei 10 dischi più belli della storia, e comunque loro per l'appunto non hanno fatto 100 album insieme, ne hanno fatti 2 stupendi e poi basta, non sono certo una band che insiste a sfornare dischi perchè ne è venuto bene
Rispondi
di Giampy63 [user #17238]
commento del 29/11/2015 ore 11:20:34
quindi per te c'è un'età precisa oltre la quale è matematico che non si possa produrre buona musica....bravo,complimenti!!questi quattro musicisti sono ancora capaci di incantare platee e di entusiasmare..e non solo per il loro passato.Non è che poi abbiamo 80 anni..
Rispondi
di Iconoclast76 [user #43596]
commento del 29/11/2015 ore 11:43:31
ma lo hai ascoltato l'ultimo disco di vai? fa pieta dice solamente una cosa: è un artista finito
Rispondi
di Gianni Rojatti [user #17404]
commento del 29/11/2015 ore 11:21:41
Ma quanto acidume in questo commento. Perchè?
Mica si parla di band rivelazione dell'anno.
Solo il piacere di ascoltare assieme quattro maestri che hanno scritto la storia del rock.

p.s. Il 15 enne su youtube che fanno sembrare Steve Vai un principiante era una battuta?
Rispondi
di Iconoclast76 [user #43596]
commento del 29/11/2015 ore 11:46:34
Ripeto io in questi ultimi 5 anni ho visto tanti video di gente totalmente sconosciuta dai 15 enni fino ai 40enni sentendo roba mai sentita prima e di difficile esecuzione, davvero esistono cosi tanti musicisti di livelo soconosciuti o quasi che steve vai oggi mi fa venire da ridere basta guardarlo fare un tapping che lo fa ancra in modo basilare della serie che lo impari in 2 giorni ahahah
Rispondi
di pg667 [user #40129]
commento del 29/11/2015 ore 12:46:24
mah, praticamente ogni commento che fai è una critica.
se sei tanto bravo perchè non ci fa vedere/sentire quanto sei bravo tu?
Rispondi
di Skadex [user #27312]
commento del 29/11/2015 ore 17:53:46
Non discuto di gusti perchè di cattivo gusto... ma se mi dici che esistono miriadi di "acrobati da circo" della chitarra ne convengo ma Vai quella fase l'ha abbondonata più o meno nel periodo descritto dall'articolo. Oggi Vai adotta quelle tecniche per fare qualcosa con un gusto ed uno stile incredibile (può piacere o no, sia chiaro, anche a me l'ultimo e non solo non è piaciuto per niente) e a suonare come lui, con la stessa padronanza anzi il termino giusto è dominio dello strumento, io non ne ho visto neanche uno. Ma davvero neanche uno fino ad adesso.
In quanto alla reunon è solo gusto del divertimento, un pò come una cena di classe dei tempi andati. Non ruba posto a nessuno e anzi forse qualche giovane potrebbe appunto imparare che certe techiche sono superate se fini a sè stesse.
Rispondi
di rickyfigoli [user #36535]
commento del 30/11/2015 ore 08:43:44
Ma questi fenomeni del tubo, le cose fenomenali che dici le fanno con chitarre da professionisti o con quelle che le aziende vendono per non far diventare la gente comune brava come i professionisti? Ma soprattutto, le case discografiche dovrebbero smetterla di dare visibilità a queste cariatidi tenendo i fenomeni sul tubo, secondo me ci sono le case discografiche dietro alle scie kimike, il quale fine ultimo è quello di mantenere in vita i musicisti cariatide a discapito dei quindicenni fenomeni del tubo...
Rispondi
di pg667 [user #40129]
commento del 30/11/2015 ore 09:06:52
miglior commento, hai vinto!

chissà come mai non risponde più, forse ha troppe notifiche di commenti.
Rispondi
di blues65 utente non più registrato
commento del 30/11/2015 ore 13:35:41
Scusami Iconoclast76, ma il tapping che fa Vai sarà anche basilare, ma lui lo fa e tu lo impari in 2 giorni!!! E' tutta lì la differenza tra Vai e i 15enni che sono su youtube... Lui suona e gli altri copiano...
Rispondi
di joerocker [user #11075]
commento del 29/11/2015 ore 11:28:53
Purtroppo credo che al massimo organizzeranno un altro concerto a Los Angeles, ma con gli impegni di Vai e Sheehan non penso ci sarà un tour, PURTROPPO!
Detto questo, sono l'unico essere umano a cui l'assolo di Jump non piace? Ahahah...
Rispondi
di Skadex [user #27312]
commento del 29/11/2015 ore 17:55:1
Anche a me, però adoro quello alla tastiera: non so se sia difficle o no ma nel contestp della canzone funziona alla grande.
Rispondi
di SysOper [user #10963]
commento del 30/11/2015 ore 15:11:08
Anch'io mi sono sempre chiesto cosa ci trovassero tutti in un raptus di tecnica poco coerente con il pezzo nel quale viene collocato, come l'assolo di "Jump"...
Rispondi
di Deadwing utente non più registrato
commento del 29/11/2015 ore 11:50:46
io di tutta questa storia mia son fermato a karakiri...ma non si scriveva harakiri?:P
Rispondi
di catoblepa utente non più registrato
commento del 29/11/2015 ore 12:10:51
eh va beh iconoclast76 (?) ... allora si può dire e scrivere di tutto ...
dopo il tuo commento che Vai sarebbe un principiante ... non sò più che dire!
verò ci sono sul tubo 15/20enni anche bravi ma a quel che vedo io ... scimmiottano tutti Vai Satriani e compagnia briscola! :-)
la reunion riguarda 'miliardari annoiati' (cazzo mancherebbe il buon Eddie) ehh va beh ... c'è qualcuno che ti obbliga a comprare il biglietto? ... e allora di che parliamo?
ciao e buona musica
Rispondi
di catoblepa utente non più registrato
commento del 29/11/2015 ore 12:16:52
a proposito Gianni (Rojatti) ... facceli vedere lentamente quei giochetti :)
ciao Jana e buona musica
Rispondi
di Guycho [user #2802]
commento del 29/11/2015 ore 12:50:48
Eat'em and Smile lo comprai appena uscito. Lo misi sul piatto del mio Philips e dopo aver ascoltato il lato A, Van Halen era già un lontano ricordo.
Rispondi
di dale [user #2255]
commento del 29/11/2015 ore 14:03:09
Non è il mio genere ma...
Musicisti fantastici, ieri e oggi.
La reunion farebbe felici tante persone nel mondo, oltre ai musicisti (almeno al loro conto come minimo).
Commenti superflui e rosiconi, inadeguati e imbarazzanti?
Noiaaaaaaa!!!


:-)))))))
Rispondi
di Hank McAbrahams [user #34498]
commento del 29/11/2015 ore 15:08:48
Uhmmm...
Vai, un dilettante...
Ogni tanto, mi vien da pensare che certi commenti, siano scritti apposta per tirar giù qualche polemica.
Certo, Vai non sarà più l'innovatore di 30 anni fa, ci saranno quindicenni più bravi e più innovativi, ma da qui a farlo passare per un mediocre...
Per carità!
Oh, a me non piace!
Per me c'è molta ginnastica, ma diamine, come la fa bene!
Poi, se il quindicenne è bravissimo, suona con una sensibilità enorme, va velocissimo e soprattutto, avrà voglia di confrontarsi con qualcos'altro che non sia la sua webcam, prima o poi emergerà e porterà il suo sogno avanti fino al successo.
Sul fatto che poi questi distinti signori suonino ancora...
Ragazzi, ma per cosa si crede che si suoni, scusate?
I motivi di facciata, a parer mio, sono tanti (bisogno di esprimersi, egocentrismo, figa...)
Ma alla fine, suoniamo tutti perché, in realtà, speriamo ancora (sorvolando sull'età) di diventare qualcuno e di lasciare il nostro lavoro malpagato e poco apprezzato, per diventare una rockstar.
Se loro (Lee Roth, Vai, Sheehan e vari altri), alla faccia nostra, suonano ancora, si divertono e fanno divertire...
Beh, è il mercato Baby!
C'è posto per tutti!
I soldi, non fanno schifo a nessuno e dire il contrario è quantomeno ipocrita.

Oh, senza voler offendere nessuno, sia chiaro.
Rispondi
di Claudio80 [user #27043]
commento del 29/11/2015 ore 16:09:3
Odio essere volgare, ma perchè cazzo si deve sempre criticare e polemizzare tutto a prescindere? Mi fa incazzare!! BB King ha suonato fino a 89 anni di età, e suonava da DIO. Quanti chitarristi abbiamo visto fare i suoi vibrato?, o avere il suo gusto musicale??i!! Quando mai a 50 anni si è vecchi?Allora i Rolling Stones che ne hanno dai 70 in su? La musica, non deve avere nessuna barriera, tantomeno quella dell'età!!Ben vengano queste reunion, poi non credo che uno come Steve Vai debba dimostrare niente a nessuno, ha già dimostrato MOLTO, e comunque ha fatto storia nella musica; a 20 anni suonava con Frank Zappa....Godiamoci ancora la buona musica, e viviamo in pace!
Un saluto a tutti!
Rispondi
di ciun [user #15167]
commento del 29/11/2015 ore 17:29:24
C'è anche una contraddizione di fondo in tanti di questi commenti.
Si dice che sono miliardari annoiati e anche che comunque la mossa pubblicitaria porterá loro bei soldini alla faccia dei fans con la bava alla bocca.
Ma non può essere che anche alla loro etá bbiano semplicemente voglia di farsi una suonata insieme come facciamo noialtri mortali con la certezza (che per noi sovente è solo una speranza) di vedere la gente divertirsi sotto il palco?
Ci vuole sempre un secondo fine ?
Bisogna per forza dire sempre qualcosa di eclatante per volersi divertire in maniera eclatante?
La veritá è che piacerebbe a tutti essere talmente fuori dal comune (o anche solo esserlo stato) da fare il botto anche per un concerto non tenutosi, tanto da far dividere il mondo in due categorie : i rosiconi che criticano a prescindere e quelli che vorrebbero essere lì a partecipare a quel divertimento folle, senza gelosie.
La proporzione fra le due fazioni credo che non possa essere messa in discussione.
Rispondi
di Guycho [user #2802]
commento del 29/11/2015 ore 18:07:15
"Si dice che sono miliardari annoiati"

Vai, Bissonette e Sheehan ...miliardari? Una cavolata degna dei tempi di Cioè :)

Il bello è che se Gilmour (che davvero è miliardario) fa la reunion, tutti in visibilio.
Rispondi
di ciun [user #15167]
commento del 29/11/2015 ore 18:26:34
Puntualizzo : IO non credo che siano miliardari annoiati, riporto quello che ha scritto l'utente che ha scatenato il flame, evidenziando come nei vari commenti si passa dal definirli miliardari a speculatori che hanno bisogno delle reunion per pubblicizzare chissá quale imminente nuova uscita.
Loro tre (a differenza di David) certamente miliardari non lo sono, ma sono certo che vivano della loro musica ne più ne meno di come noialtri viviamo del nostro lavoro, quindi non ci vedo nulla di ingannevole nel proporre o riproporre quello per cui sono diventati famosi.
Un po' romanticamente credo che lo facciano anche per il gusto di farlo, non ci vedo nulla di losco. Se poi non ci piace quello che fanno non siamo obbligati ad andarli a vedere.
Rispondi
di Guycho [user #2802]
commento del 29/11/2015 ore 20:32:03
Ma certo ciun, non mi riferivo a te (c'era anche la faccina)...prendevo spunto dal tuo intervento perchè rispondere ancora al "provocatore" è come sparare sulla croce rossa ahaha.

Scusa se ti è sembrato altro.
Rispondi
di ciun [user #15167]
commento del 29/11/2015 ore 20:52:04
Nessun problema, in effetti quando rispondo (e cerco di non farlo) su argomenti che convertono in polemica temo sempre di non riuscire a dire la mia con luciditá.
Meno male che la maggior parte degli Accordiani riesce a uscire dal magma della polemica!
Rispondi
di kelino [user #5]
commento del 29/11/2015 ore 17:42:0
Steve Vai è il più grande chitarrista degli ultimi 30 anni.
Solo che lui e quelli come lui hanno rotto la fava.
Iconoclast nel suo essere così diretto, ha espresso un pensiero non del tutto assurdo.
Meditate prima di iniziare la vostra jihad (o come minchia si scrive) contro gli infedeli.
Rispondi
di Skadex [user #27312]
commento del 29/11/2015 ore 17:58:45
Perdonami ma dire "hanno rotto la fava" è lecito e nessuno inizierà una jihad per questo.
Dire che è uno fra tanti (e tu non lo stai dicendo sia chiaro) è semplicemente una falsità. Il suo livello al momento è fuori portata per tutti, semplicemente. Che poi non piaccia amen! A me fa schifo il blues vedi tu come sto messo...
Rispondi
di ciun [user #15167]
commento del 29/11/2015 ore 18:27:27
Grazie per avere espresso esattamente il mio pensiero.
Rispondi
di SuperAdrian utente non più registrato
commento del 29/11/2015 ore 19:01:52
Io di quel glamrock da battaglia non sono mai riuscito ad apprezzare nulla....forse è un mio limite.
Nel rock duro, per ritrovare emozioni vere e non preconfezionate, è stato necessario attendere il grunge.
E gente come Vai e Sheehan probabilmente non la hanno mai mandata giù.
Rispondi
di Guycho [user #2802]
commento del 29/11/2015 ore 20:37:06
Sono generi totalmente diversi, con finalità e linguaggi diversi. Fanno parte entrambi del grande circo del rock, e probabilmente senza l'uno non sarebbe stato l'altro.
Rispondi
di SuperAdrian utente non più registrato
commento del 29/11/2015 ore 22:30:33
La mia è solo una riflessione personale, non pretendo certo che sia condivisa.
Gli eccessi del movimento glam (in ogni ambito, sia tecnico-strumentale che a livello di contenuti e lifestyle) non mi hanno mai emozionato e nemmeno divertito. Troppa apparenza, troppa evidenza.
Molti musicisti degli eighties si sono spesso poi lamentati pubblicamente di come il grunge gli abbia quasi tolto il pane da mezzo ai denti. Magari è vero, ma analizziamo un pò perchè è successo.
Se prendo brani come Down in a hole degli Alice in Chains, Jeremy dei Pearl Jam, etc, sicuramente ho meno tecnica di un solo di Steve Vai, ma ho delle melodie e delle storie che arrivano dritte al cuore e mi emozionano profondamente, non ho canzoni che banalmente parlano più o meno velatamente di fare sesso con mille donne diverse o di farmi tutta la cocaina dello stato nel giro di una notte.
Ai tempi in cui venne fuori il grunge io stesso non lo capivo e non lo contestualizzavo, ero perso in Iron, Priest, Metallica, Slayer etc., un tipo di rock metal in cui comunque c'era parecchia più rabbia rispetto al glam rock, ottima come sfogo per un adolescente ribelle.
Col tempo però ho rivalutato profondamente non solo il valore musicale e storico ma anche la capacità di comunicare emozioni dei gruppi grunge....mentre della scena glam mi resta poco o nulla...ma insomma, a ognuno il suo. Peace.
Rispondi
di Guycho [user #2802]
commento del 29/11/2015 ore 22:52:00
La storia del rock è piena di contrasti e di inversioni di tendenza. Basti pensare a cosa è stato il punk per l'hard rock dei 70. A me piace tutto il rock and roll in ogni forma, non ho mai stigmatizzato o mitizzato troppo un filone rispetto ad un altro. Il brutto è quando c'è chi vuol dividere pure nel piacere della musica, e ha una cattiva parola per chi fa il suo lavoro onestamente, manco fosse obbligato ad ascoltarlo.
Rispondi
di ciun [user #15167]
commento del 30/11/2015 ore 12:02:31
Guycho!
Perché continui a togliermi le parole di bocca?

Io non vedo perché bisogna appioppare un lato "maledetto" a un filone musicale (e vale per qualsiasi arte!) per considerarlo valido o degno di ascolto.
Certo che raccontare una storia credibile, metterci dentro dei sentimenti, conferisce alla musica un valore aggiunto che spesso costituisce elemento trainante per un certo genere o un certo artista, ma alla lunga anche quello fa parte del marketing.
Ne' più ne' meno come fu l' estremismo dei testi del black metal, l' anticonformismo del punk, il machismo dei true-metallers, la sfrontatezza (e sfrenatezza) del glam ....
.... e il famigerato cuore che viene messo da duecento anni a questa parte nel blues.
Mi viene voglia di dire che il blues ha rotto le palle con le sue storie tristi, ma non lo faccio perché sono certo che a tanti piacciono.
Così il grunge alla fine è diventato niente di diverso dal glam, gruppi fotocopia di artisti maledetti, belli e dannati che mettevano nelle canzoni quello che vivevano sulla strada!
Ma dai, io sinceramente trovo musica bella e brutta anche dove non capisco una mazza dei testi, magari mi emoziona sapere che una certa canzone sia riferita a una situazione particolare, o che sia scaturita da un momento particolarmente carico di emotività, ma dopo che l' ho ascoltata 100 volte l' unica cosa che mi rimane in testa è se è un bel pezzo oppure no.
Rispondi
di team72filo [user #20000]
commento del 30/11/2015 ore 15:41:3
Francamente solo uno dei due generi mi sembrava facesse circo...poi è arrivato un Cobain qualunque e Puf...tutto è cambiato!
Rispondi
di lollofunky [user #15563]
commento del 30/11/2015 ore 02:01:49
ah qua devo commentare! azz ho il vinile! al primo ascolto Yankee Rose mi fulmino'! son passati 29 anni!! Steve Vai aveva 25 anni quando registro sto disco. di gente piu' brava ce ne sara' sempre! ma mr Vai su questo disco ha dato grande prova di gusto e versatilita'.
Rispondi
di fender64 [user #14522]
commento del 30/11/2015 ore 08:13:1
L'importante è che il rock non invecchiamai!! se lo spirito è veramente rock questo è il risultato. Si fa musica, si stà insieme fino alla fine dei tempi!!! viva il rock..viva la musica.
Rispondi
di BBSlow [user #41324]
commento del 30/11/2015 ore 10:12:03
Anche a me, come Ciun, piace credere che dietro tutte le azioni di tutti i musicisti, (professionisti famosi o dilettanti quindicenni su YT) ci sia sempre, come movente primario, la voglia di fare musica.
E' chiaro che se mi riunisco io con gli amici di trent'anni fa, e si riuniscono invece Vai e Roth, una qualche differenza c'è (ma -intendiamoci- è solo perchè io non ho mai messo video su YT... ;) ). Ma è bello pensare che, prima e dopo il concerto, le sensazioni mie e del mio amico Marco, e quelle di Vai e Roth, siano le stesse, che anche loro quando prendono microfono e chitarra pensano alle birre che hanno bevuto insieme prima, a quelle che berranno dopo, alle volte che hanno chiacchierato tra loro di musica e di donne e dei massimi sistemi mentre tornavano in macchina dalla sala prove, e a come trasformare in musica tutto questo.
Poi, certo ci sono i soldi. Ci sono i produttori, ci sono i manager(s), il pubblico, i critici, tutto il carrozzone. Il target, il prodotto, il marketing, il minkionazzing, lo stokazzing e tutto quello che sappiamo. E, nonostante il suo stato confusionale, ha ragione anche Iconoclast, quando dice che a un giovane -oggi più di ieri- un produttore chiede soprattutto di fare qualcosa che possa sembrare il prodotto di un "vecchio", fregandosene se magari ha qualche buona idea. Però, nonostante tutto, mi sembra che chi davvero ha "qualcosa" in più, ce la fa; magari con qualche difficoltà in più rispetto agli anni '70, ma ce la fa. E allora... gentlemen, play your guitars!!!

Rispondi
di darkfender [user #16554]
commento del 30/11/2015 ore 11:04:1
Normalmente odio le reunion.
Se hai qualcosa di nuovo da dire non hai bisogno di una reunion e se devi dire cose già dette puoi evitare.

Ma "Eat'em and smile" è un capolavoro che ha avuto fin troppo poca visibilità.
è stato il mio cd preferito di quand'ero bambino :) l'ho consumato letteralmente.

Anche se la mia traccia preferita era ladies night in buffalo.

Però ripensandoci ....nostalgia a parte... basta reunion fate qualcosa di nuovo....
Rispondi
di ciun [user #15167]
commento del 30/11/2015 ore 11:45:34
Mah, io non la metterei così sul categorico. Vero è che le reunion che vogliono riproporre la stessa minestra dei tempi andati non hanno motivo di andare avanti, ma non è sempre così.
In questo caso sembrerebbe addirittura che si tratti proprio di un evento isolato destinato a riproporre una tantum uno spettacolo dei tempi andati e finisce lì, una sorta di rimpatriata e non ci vedo nulla di male perché sarà divertente per loro e lo sarebbe per tutti quelli che possono andare a vederli, anzi sarebbe bello se ne nascesse un tour.
Le reunion "normali" possono portare anche qualcosa di buono, ci sono gruppi che probabilmente avevano ancora da dire, o i cui membri si sono evoluti singolarmente e la reunion potrebbe proporre cose interessanti, al di là che la giustificazione per l' avvio del progetto possa essere artistica o meramente di marketing.
A noi tutto sommato interessa il risultato, se è roba buona e interessante sarà premiata, diversamente cadrà nel dimenticatoio.
Ripeto, anche un progetto come questo, se pure fosse finalizzato solo a un minitour che può riportare per un attimo i fans indietro di vent' anni o far vedere a qualche giovane cosa si faceva in quel periodo, non mi sembra così malvagio, è talmente serio il mondo oggi che un po' di divertimento fine a se stesso non mi sembra una cattiva cosa.
Rispondi
di darkfender [user #16554]
commento del 30/11/2015 ore 14:11:44
siamo in un periodo musicale problematico.. Se devo scegliere tra dare soldi a Vai e company o andare ad ascoltare qualche nuovo gruppo emergente che propone qualcosa di nuovo scelgo la seconda però...e magari mentre ci vado posso riascoltarmi il cd eat em and smile :)

tanto separatamente li ho già visti.. e non è questa gran rimpatriata visto che sheehan Vai e forse anche bissonette hanno condiviso diversi progetti.
Rispondi
di ciun [user #15167]
commento del 30/11/2015 ore 17:22:13
E questo è un ragionamento sensato!
Rispondi
di THE_Luke [user #31235]
commento del 30/11/2015 ore 16:41:26
se le reunion fossero tutte di gente del genere, che fa musica del genere, ben vengano! anche se sarei curioso di vedere se con 30 primavere in più sul groppone sono ancora tutti cosi fuordimelone® come nell'85, quando con quell'album hanno alzato di molto l'asticella del possibile...
vorrei vedere (sentire) se nel frattempo son maturati, son diventati più riflessivi... e sentire cosa potrebbero avere da dire (secondo me, molto).
si, mi piacerebbe una reunion con un nuovo album, sicuramente lo comprerei.
Rispondi
di blues65 utente non più registrato
commento del 30/11/2015 ore 16:43:4
C'è sempre tanta acidità in qualche commento da parte di qualcuno che non so se lo faccia per animare il post o per invidia. Dal canto mio posso solo dire che ben vengano queste riunioni dove possiamo apprezzare "vecchi leoni" che ancora ruggiscono... tanto di meglio al giono d'oggi non c'è quindi ascoltiamoci questi che all'epoca fecero scalpore e ci fecero divertire moltissimo!!! Quanto alle sterili diatribe, glam, grunge ecc ecc... Queste sono fatte solo da chi, non potendo suonare a questi livelli rispolverano vecchie cose che non hanno senso... Certo che definire GLAM il sound di "Eat 'em and smile" significa non avere chiarezza della musica Hard & Metal...
Rispondi
di Gsus [user #43993]
commento del 30/11/2015 ore 17:04:43
"Certo che definire GLAM il sound di "Eat 'em and smile" significa non avere chiarezza della musica Hard & Metal..."

Posso stringerti la mano?
Penso sia la frase più sensata che io abbia mai letto in un commento di accordo.

Cosa ci trovate di Glam in EEAS?
Esce lacca e piovono capelli quando mettete su il disco?
A naso, dico che chiunque lo abbia definito Glam non ha mai ascoltato il disco.

Poi che è sta cosa "generi diversi, finalità diverse"?
Finalità?
NONSENSE: IT'S OVER 9000!
Rispondi
di blues65 utente non più registrato
commento del 30/11/2015 ore 18:01:12
Mano virtuale stretta... :)
Rispondi
di Guycho [user #2802]
commento del 30/11/2015 ore 21:09:30
Certo, finalità diverse. Che c'è di strano?

Ci sono canzoni che hanno come fine ultimo il farti divertire e ballare (o sballare) senza alcuna velleità artistica o letteraria. Ci sono invece generi che puntano a far pensare, oppure ispirano emozioni più intime. Che poi ci riescano, è un altro discorso.
Dave Lee Roth esprime nella musica le stesse cose che esprime Lou Reed?

E comunque Van Halen e quindi Dave Lee Roth fanno parte del filone Glam Metal, forse siete voi a non aver chiare alcune cose.

vai al link
Rispondi
di SuperAdrian utente non più registrato
commento del 30/11/2015 ore 21:28:12
Apprezzo il garbo con cui sei riuscito a rispondere.
Io mi astengo, l'ultima volta che mi sono infilato in discussioni del genere qui su accordo poi mi sono dovuto cancellare.
E' comunque la prima volta in trent'anni che ascolto tonnellate di hard rock ed heavy metal che mi sento dire che non ho ben chiaro il settore...e vabbè.
Rispondi
di elgaldil [user #22921]
commento del 30/11/2015 ore 22:22:56
Beh questa lista lascia il tempo che trova...c'è dentro un po' di tutto.
Passino gli Aerosmith, ma gli LA Guns, gli Halloween o i Mötley Crüe...
Rispondi
di pg667 [user #40129]
commento del 01/12/2015 ore 00:15:39
L.A. Guns e Motley Crue sono Glam Metal, Gli Halloween non so cosa faccianoma non sono gli Helloween tedeschi di Keeper...

prticamene tutti gli altri gruppi dell lista li conosco e se si eccettuano i Judas Priest di Turbo che non sono glam neanche per sbaglio e gli Ugly Kid Joe che sono più che altro funk, tutte le altre band sono glam o hanno avuto il loro periodo glam (pure gli Alice 'n Chains...)
Rispondi
di blues65 utente non più registrato
commento del 01/12/2015 ore 07:51:15
Non mi piace fare il "fumino" sui blog, ma quando si sentono simili sciocchezze non ce la faccio proprio a non rispondere!!! Questa lista è stata scritta da qualcuno che nè sa poco o niente di Hard e di Metal, ma del resto chiunque può scrivere su Wikipedia. Dico solo qualche nome dei tanti che potrei citare dalla fantomatica lista: Night Ranger, Krokus, Lita Ford, Little Caesar?!? Ma li avete mai ascoltati?!? Forse "L'AUTORE" di una simile sciocchezza si riferiva all'immagine dei gruppi non al sound, ma anche in questo caso quasi tutti i gruppi sono Glam, anche i Guns e anche i Pantera dei primi LP!!! Se parliamo di sound è tutto sbagliato. I Krokus che hanno sempre copiato pedissequamente gli AC/DC sono glam e allora gli AC/DC stessi sono glam... ma andiamo, non diciamo castronerie!!! PS: deve essere come dico io, glam per il vestiario, visto che ha inserito i Judas Priest di "Turbo", lì i Judas si presentarono tipo Motley Crue con tanto di bandana... Comunque, al di là del genere io ho sempre definito gli artisti e i gruppi per il loro sound, non per l'immagine che hanno... Ciao
Rispondi
di Guycho [user #2802]
commento del 01/12/2015 ore 08:42:17
"...al di là del genere io ho sempre definito..."

Appunto, TU hai sempre definito.
Al di là delle tue personali categorie, il Glam Metal è un "genere" definito più dagli atteggiamenti che dal sound, che comunque è sempre attinente. Lo dice la parola: "glam".
Se i Kiss non vestivano da Kiss, non erano glam.
I Krokus hanno un sound simile agli ACDC ma una immagine totalmente agli antipodi (almeno in quegli anni).

Resta il fatto che pur volendo disquisire su certe etichette, non si va a dire ad una persona che, se mette Eat'em and Smile nel glam-metal, allora non sa di cosa parla.
Rispondi
di blues65 utente non più registrato
commento del 01/12/2015 ore 08:54:20
Insisti sbagliando ancora!!! Dire che "Eat 'em and smile" è glam è sbagliatissimo perchè stiamo parlando di un disco che si ascolta, non si guarda. Se vogliamo dire che i David Lee Roth Band avevano un'immagine glam OK, ma sul disco non si discute. E siccome stiamo parlando di un disco non possiamo metterlo nel filone Glam perchè il suono di quel disco non è mai stato glam!!! Poi, tutto il resto sono chiacchiere e se tu insisti col dire che i Van Halen sono glam non fai altro che peggiorare il tuo discorso. Spero di essermi spiegato bene e ripeto, non mi va di far caciarate sul blog perchè comprendo che non tutti abbiamo le stesse idee... ma mi aspetto che da una discussione libera e cordiale non escano cavolate tipo citare fonti improprie o sentire che sento metal da 30 anni e qualcosa la capiro?!? Io ascolto musica da 50 anni (in particolare Hard & Heavy), ma non vado certo a vantarmi in giro di questo... Ciao
Rispondi
di Guycho [user #2802]
commento del 01/12/2015 ore 10:08:28
Ho capito, la band è glam ma la musica che fanno no.
Ora che mi ci fai arrivare, dev'essere swing (That's Life)...anzi no, rockblues (Tobacco Road). Ma che dico, è musica pop AOR (Going Crazy) o... jazz orchestra (I'm Easy)?

Grazie per avermi istruito, unica fonte propria.
Rispondi
di blues65 utente non più registrato
commento del 01/12/2015 ore 10:32:10
A questo punto depongo le armi per primo... come diceva qualcuno in TV è come parlare con una lavatrice...
Rispondi
di pg667 [user #40129]
commento del 01/12/2015 ore 10:10:05
mi sa che mi sfugge un'informazione: per capirsi, quali sono gruppi glam?

e quali sono le caratteristiche che te li fanno definire glam?
Rispondi
di blues65 utente non più registrato
commento del 01/12/2015 ore 10:33:
IDEM come sopra...
Rispondi
di pg667 [user #40129]
commento del 01/12/2015 ore 10:59:05
guarda che non era una provocazione la mia...
è una domanda lecita.
per quel che mi riguarda gli unici 2 gruppi definiti glam da tutte le persone che conosco sono i Poison, i Pretty Boy Floyd ed i Faster Pussycat.

solo che magari tu per glam intendi altro?

nella mia definizione Hair Metal e Glam Metal sono la stessa cosa con piccole sfaccettature diverse.
ciò che accomuna tutte queste band sono le capigliature ed il vestiario: e che piaccia o meno in quel periodo queste caratteristiche erano altrettanto importanti che la musica, spesso pure più della musica.
e questo è il motivo per cui il Grunge ha spazzato via tutto, il contenitore era diventato più importante del contenuto, le band venivano messe sotto contratto in base solo a come si presentavano (questa non è una mia opinione ma il racconto di un cantante della scena che l'ha vissuta sulla pelle questa esperienza).
poi per chiudere il cerchio pure il Grunge ha fatto la stessa fine, ma questa è un'altra storia...
Rispondi
di Guycho [user #2802]
commento del 01/12/2015 ore 11:54:43
Tutto vero. Ho vissuto quegli anni appieno (ho i miei annetti) e ricordo benissimo quanti compravano i dischi solo perchè piaceva la foto del gruppo in copertina o nel video (più che piaceva, scioccava!), ovviamente le ragazze di più.
Nel vinile di Van Halen c'era addirittura il poster di Dave (vai al link ) seminudo in posa arrapata, da poter attaccare al muro. E qui qualcuno mi dice che non era glam... mah!
Rispondi
di elgaldil [user #22921]
commento del 01/12/2015 ore 11:20:49
Ok...nn mi metto a fare polemica.
Certo che se penso sia ai Mötley che agli LA guns non ce li vedo proprio come "glam". È così per l'80% di quella lista...se poi basta aver suonato negli 80's coi capelli lunghi (meglio se cotonati) per essere considerato glam allora va bene anche Van Halen...
Io credo che la gran parte di noi leghi il glam al lavoro dei Bon Jovi, Poison, Cinderella, Europe, Kiss (almeno in parte). Poi vien da se che il glam aveva una cifra stilistica che spesso esulava dalla musica, dove in realtà diventa spesso difficile separarlo da cose come l'AOR o l'Arena Rock....quindi...

Fine OT

p.s. Gli Halloween sono (o erano, non saprei più) un gruppo heavy statunitense
Rispondi
di Guycho [user #2802]
commento del 01/12/2015 ore 11:46:30
Per "glam metal" si intende un tipo di rock derivativo del glamrock inglese anni 70, dove l'immagine e l'atteggiamento era importante quanto la musica. Con l'avvento di MTV negli '80, l'immagine diveniva, a volte, più importante del contenuto (che è ciò che contestava il grunge).
L'immagine glam ha caratteristiche di eccesso e teatralità, di forti richiami sessuali anche androgini, di look eccentrici e molto curati nel dettaglio, dai capelli al makeup allo stivale etc, di movenze (e testi) esagerati e spudorati.

Stare a disquisire chi è più o meno glam, o solo hair o altro, non ha importanza, anche perchè molte band hanno modificato atteggiamenti negli anni, spinti anche dalle mode.
Quello che proprio conta meno, nella definizione di questo genere, è il sound. Infatti, in una lista di band hairmetal, troviamo così tante sfaccettature musicali che è assurdo stare lì a sindacare (o perlomeno, io non ne ho voglia nè troppa competenza). Però se definisco Eat'em and Smile un album glam metal, non mi si può dire di aver sbagliato, perchè è il lavoro di una band glam. Magari possiamo sottolineare alcune particolarità sonore che lo differenziano, ma in questo caso dovremmo ammettere che, per la natura e il sound delle canzoni proposte, non appartiene a nessuno dei generi conosciuti, che spesso è la prerogativa dei grandi album rock. Soltanto rock.
Rispondi
di elgaldil [user #22921]
commento del 01/12/2015 ore 12:33:3
Eat'Em Smile rimane certamente un grande album rock... detto questo, vorrei uscire dalla polemica, però se mi citi la definizione di glam metal data da wikipedia, perchè (come per la suddetta lista) ti fidi della fonte, allora del pari vedrai che EEAS non è definito un album glam (wikipedia) e nemmeno il buon David viene citato come artista glam (ma genericamente hard rock, metal, pop metal)
Rispondi
di Guycho [user #2802]
commento del 01/12/2015 ore 14:42:47
Infatti sono tutti sottogeneri dell'hard rock (o metal, come preferisci).
Rispondi
di elgaldil [user #22921]
commento del 01/12/2015 ore 14:57:11
...esatto.. pero "Look What the Cat Dragged In" dei Poison (per dirne uno) viene esplicitamente definito un album hair/glam metal
Rispondi
di Guycho [user #2802]
commento del 01/12/2015 ore 15:33:03
Tutto quelo che vuoi, ma tutto nasce perchè qualcuno ha detto che non capiamo nulla di heavy rock o addirittura parliamo di un disco mai ascoltato.
Rispondi
di darkfender [user #16554]
commento del 01/12/2015 ore 09:48:1
"Certo che definire GLAM il sound di "Eat 'em and smile" significa non avere chiarezza della musica Hard & Metal..."

la voce, le tastiere e l'immagine ad esempio.
Poi che ci siano contaminazioni di altri stili dagli altri strumenti ci sta

Spero che mo' non diventi un termine dispregiativo pure il glam ._.
Rispondi
di blues65 utente non più registrato
commento del 01/12/2015 ore 10:00:53
Io non disprezzo il glam, anzi... ne vado pazzo!!! Ma "Eat 'em and smile" non è glam, punto. L'unica cosa glam di quel disco è la foto della band... :) Poi tu dici le tastiere... da quando in qua le tastiere sono glam?!? Allora YES, Dream Theater ecc ecc sono glam?!? La voce di David Lee Roth è glam?!? ... Ma li avete mai sentiti i cantanti glam?!? Allora pure Michael Jackson è glam, gli ABBA sono glam e siamo tutti glam... e facciamo una bella festa... così si scopa!!! :) ...
Rispondi
di elgaldil [user #22921]
commento del 01/12/2015 ore 11:31:53
L'immagine ok...ma allora la quasi totalità dei gruppi h'n'h anni 80 dovrebbero essere definiti glam...capelli lunghi e bandana non di negavano a nessuno...

Le tastiere bah. Mi sembra un filo riduttivo.
Come ho scritto in un commento sopra è difficoltoso definire stilisticamente (a livello musicare) il glam (o l'hair) anche perché, a seconda dell'area geografica e delle influenze, si fonde con elementi AOR o Arena... A volerci provare direi
-una costruzione armonica piuttosto riconoscibile (specie nei ritornelli)
-l'utilizzo di cori armonizzati molto presenti e ricchi
-un cantato fortemente melodico, voci "pulite" e non eccessivamente aggressive
-testi molto "pop", diremmo oggi

Ok è limitante, ma giusto per provarci...sennò si parla solo di aria (e capelli)
Rispondi
di Zango [user #42812]
commento del 01/12/2015 ore 14:00:
"... tanto di meglio al giorno d'oggi non c'è..."
Mi sembra molto più campata in aria questa affermazione che il fatto di mettere Eat 'em and smile nel genere glam.
Rispondi
di Meo (er Canfora) [user #7845]
commento del 01/12/2015 ore 08:24:16
non entro nella polemica (alcuni commenti sono talmente penosi che non riescono nemmeno a provocarmi) e nemmeno nei gusti personali della gente. però vorrei puntualizzare alcune cose che non sembrano chiare :

- non si tratta di una reunion vera e propria ma.semplicemente di un concerto memorativo. loro sono amici e volevano festeggiare. già diversi mesi fa avevano fatto una cena insieme da cui è nata l idea.
- mr. vai e mr..sheehan non sono miliardari. vivono da persone comuni e tutti i loro guadagni li hanno sempre re investiti nella musica. certo vivono.abbastanza agiatamente ma niente lussi
- mr. vai e mr. sheehan non sono annoiati di sicuro ma hanno già progetti (con contratti firmati) per svariati anni a seguire.

e poi aggiungo che steve mi ha detto personalmente almeno un paio di volte.che non prenderà mai parte a progetti con altri musicisti famosi (tipo quello che ha fatto satriani con purple e chickenfoot) in quanto ha talmente tanta musica sua in testa che ha paura di non aver tempo terreno sufficiente per crearla tutta.
Rispondi
di eugenio01 [user #39191]
commento del 03/12/2015 ore 12:45:3
----->vivono da persone comuni e tutti i loro guadagni li hanno sempre re investiti nella musica.
E per rendersene conto basta farsi un giretto nelle stanze di casa Vai. I musicisti vivono di e per la musica..per tanti soldi che possano fare non riusciranno mai a staccarsi da quella schiavitù dorata,,musica e solo musica. Le parole le facciamo noi..loro suonano.

vai al link

Steve Vai certo che è glam...è alto, con i capelli lunghi, le lucine addosso e sul palco è anche arrapante (mi dicono...)...se non è glam lui...però suona come una divinità scesa a miracolo mostrar e questo non è che sia tanto glam. Sei su un palco e suoni a mille all'ora davanti a fan scatenati..che altro devi fare..
Rispondi
di MrGi [user #33656]
commento del 01/12/2015 ore 09:33:53
la Charvel flame di Steve in Goin' Crazy è FANTASTICA!!! E' una di quelle cose esagerate che hanno un senso solo in mano a chi davvero sa suonare..io sarei ridicolo. lui no
Rispondi
di jdessi [user #27382]
commento del 01/12/2015 ore 14:51:09
Lasciando perdere le polemiche: In Eat 'em and smile ci sono alcuni tra i più begli assoli della storia del rock. Punto!
Rispondi
di nopairbaby [user #40212]
commento del 02/12/2015 ore 14:23:46
Si si Vai alieno ecc...ottimi musicisti gli altri ma a volte ringrazio il cielo che i guns n roses abbiano spazzato via tutto questo sound un pò "infinocchiato" (perdonatemi il termine)...
Rispondi
di yasodanandana [user #699]
commento del 03/12/2015 ore 12:49:14
non critico i tuoi gusti, ma personalmente avrei "spazzato via" i guns … :-)
Rispondi
di nopairbaby [user #40212]
commento del 03/12/2015 ore 13:39:35
A me i guns fanno schifo a dire il vero...ma la realtà oggettiva parla chiaro: i guns hanno oscurato questo modo di fare rock con un intenzione più verace e istintiva...
Rispondi
di yasodanandana [user #699]
commento del 03/12/2015 ore 18:01:32
non concordo con le tue valutazioni.. ma non c'è problema.. ciao :-)
Rispondi
di Baconevio [user #41610]
commento del 06/09/2016 ore 07:44:54
a me tutta 'sta fuffa del rock anni '80 ha sempre fatto sbadigliare. che ce posso fa'!
Rispondi
Altro da leggere
Super Shred per Super Strat!
Flex-Able, il debutto di Steve Vai
Album, la scappatella punk di Steve Vai
Lo stile di Jason Becker
Quando il Dio della chitarra andava a lezione - Intervista a Steve Vai
Steve Vai e la chitarra che suona da sola
Bruce Bouillet: vecchia scuola spacca denti
Giacomo Castellano: un riff tra Hendrix e Vai
Giacomo Castellano: Riff Raff Crunch
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
GIBSON Les Paul Classic Premium Plus - CherrySunburst TOP AAA
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Seguici anche su:
Altro da leggere
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Versatilità e dubbi: l'ampli definitivo?
Amplificatori: abbiamo incasinato tutto?
SHG 2022 Vintage Vault: Isle Of Tone
Dubbi esistenziali: la chitarra più versatile?
Brian May e i Queen su Radiofreccia
Usato? Siete fuori di testa!
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964