HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Rocket 88: il primo rock 'n' roll della storia
Rocket 88: il primo rock 'n' roll della storia
di [user #16167] - pubblicato il

Nei Memphis Recording Service di Sam Phillips (poi diventati Sun Records) ha avuto origine quello che tutti noi ora conosciamo come rock 'n' roll. Sono bastati un blues da dodici battute e un amplificatore rotto.
Dal mio viaggio negli States ho riportato un bel po’ di ricordi, qualche chilo in più e una valanga di foto. Tra tutte le cose che vi racconterò da qui ai prossimi mesi ho deciso di cominciare proprio da una curiosità, all’apparenza piccola, ma in grado di trasformare completamente la scena musicale degli anni ’50.

È il marzo del 1951, Jackie Brenston e i suoi Delta Cats stanno viaggiando dal Mississippi al Tennessee per raggiungere Sam Phillips nell’allora Memphis Recording Service dove avrebbero registrato il loro singolo "Rocket 88", un classico blues in 12 battute ispirato (ma allora non c’erano grossi problemi di plagio) a un brano del ’47 chiamato "Cadillac Boogie", inconsapevoli di portare con loro il satanico germe del diavolo. Una buca sulla Highway ‘61, una corda legata male e l’amplificatore di Kizart vola per terra riportando qualche rottura. La band prova a rimettere in sesto il povero Seranola con dei giornali arrotolati, ma il danno era pressoché irreparabile.
Questa però è solo una delle versioni giunte fino ai giorni nostre. Altre storie raccontano di un acquazzone che ha praticamente riempito il cassone del pickup su cui viaggiava la band danneggiando il povero combo. Altri uniscono entrambi i racconti e parlano di un amplificatore bagnato che cade mentre una gomma si buca. Insomma non sapremo mai com’è andata veramente, anche se la guida del Sun Studios afferma con convinzione che la storia del volo dal tetto dell’auto è la più plausibile.

Rocket 88: il primo rock 'n' roll della storia
(riproduzione dell'amplificatore danneggiato usato per registrare Rocket 88, Memphis, Sun Studio, pic by Burats)

Probabilmente non sapremo mai la vera storia che si nasconde dietro questo mistero, la realtà vuole che il sound scaturito dal cono malconcio piacque parecchio a Phillips, che da anni passava dischi di musica tanto bianca quanto nera nella radio per cui lavorava come DJ, la Wlay e già la sapeva lunga, pur non essendo ancora un produttore di grande fama.

Elvis, Johnny Cash, BB King non erano nemmeno nei suoi pensieri ancora, ma quel brano tanto semplice e diretto lo catturò fin da subito e non solo lui. Sotto l’etichetta Chess di Chicago, il singolo schizzò subito in cima alla classifica RnB arrivando al nono posto come singolo più venduto.

Ascoltando la canzone non potrete che riconoscere subito il sound scrocchiarello e un po’ fuzzoso che da li a poco sarebbe diventato l’anima del rock 'n' roll, opportunamente raffinato e levigato fino a raggiungere il sound brillante e scoppiettante di Scotty Moore, Luther Perkins e di tutti i grandi che hanno saputo portare il twang a livelli sopraffini diventando i capostipiti di intere generazioni di rocker.



Non tutti concordano nell’attribuire a "Rocket 88", un brano ispirato a un modello di Oldsmobile, la nascita del rock 'n' roll. Ike Turner stesso non crede che il brano da lui scritto e registrato assieme a Brenston sia rock, ma anzi, come disse in un’intervista a Holger Petersen: "credo che 'Rocket 88' sia un brano RnB, ma credo anche sia la causa scatenante del rock ’n’ roll". Molti critici come Bill Dahl, Michael Campbell e Paul Grushkin sono invece unanimi nel ritenere la chitarra distorta, il sassofono gracchiante e il pianoforte che saltella allegro (poi ripreso nota per nota da Little Richard in "Good Golly Miss Molly") siano vero e proprio indice di alto tasso di rock 'n' roll. Difficile stabilire con certezza da dove il genere musicale che ha cambiato la storia della musica sia nato esattamente, Rocket 88 però ha sicuramente contribuito in buona percentuale, e di questo siamo certi!
amplificatori chitarre elettriche curiosità tecniche di registrazione
Link utili

Altro da leggere
Pubblicità
Una Les Paul travestita da Duo Jet...
Esperimento microtonale: quale accordatura...
Roberto Pistolesi: il liutaio non liutaio...
Ibanez JS2480: Satriani va di Sustainiac...
Pubblicità
Commenti
di warburg [user #43590] - commento del 13/10/2016 ore 16:04:39
Dall'imperfezione nacque la bellezza di un qualcosa di nuovo e antico allo stesso tempo, fantastico grazie :)
Rispondi
di Claes [user #29011] - commento del 14/10/2016 ore 09:05:45
Vero! È un perfetto esempio di "pitch the glitch" - creare qualcosa di straordinario da una palese imperfezione.
Rispondi
di oscar1965 [user #19484] - commento del 13/10/2016 ore 17:47:39
Altri considerano Move It On Over di H. Williams del 1948 (anche se ha un sound piu' tradizionale)
Rispondi
di eugenio01 [user #39191] - commento del 13/10/2016 ore 19:26:27
O anche "shake that thing" Kokomo Arnold..1936
notevolissimo personaggio con in repertorio Sissy man blues...If you can't send me a woman, send me a sissy man -1934
Rispondi
di Grossoman [user #42524] - commento del 13/10/2016 ore 20:47:53
Secondo me il rock and roll è nato dall'evoluzione del Boogie Woogie.
Però penso che il passaggio fra i 2 generi sia stato graduale, non è facile trovare un vero e proprio iniziatore del rock and roll.
Rispondi
di BBSlow [user #41324] - commento del 14/10/2016 ore 09:28:20
Ovviamente è difficile segnare "un" momento di passaggio, "una" canzone che da il via a un genere nuovo: in musica (come in tutte le arti) si va per gradi progressivi, si ascolta quello che fanno gli altri, uno somma una cosa a un'altra, un altro ne prende altre due, e alla fine tutti stanno facendo qualcosa che non si faceva prima. Ma c'è bisogno di simboli e di eroi, e quindi va bene così. :)
Personalmente concordo con chi ritiene "Rocket 88" il primo r'n'r. Poi si può andare a scavare quanto si vuole nel cercare chi ha fatto prima cosa, ma quello è il primo pezzo in cui gli stilemi del r'n'r (ammesso che se ne possano identificare di definiti...) ci sono tutti.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
È ufficiale: Fender manda il palissandro in pensione
Roberto Pistolesi: il liutaio non liutaio
Costruisci la tua chitarra elettrica
Ibanez JS2480: Satriani va di Sustainiac
Nick Johnston sulla sua Schecter Atomic Green
I più commentati
5 motivi per suonare il liscio e 5 per non farlo
È ufficiale: Fender manda il palissandro in pensione
Bonamassa: pace con la chitarra acustica
Esperimento microtonale: quale accordatura suona meglio?
Arriva Adio: 50 watt portatili secondo Vox
I vostri articoli
Una Les Paul travestita da Duo Jet
JT Custom Teleste: la Telecaster che non c'era... e non cera
Stratocheap: il primo amore non si scorda mai
Fano Alt de Facto MG6
Brother & sister
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964