HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Nasce GUITAR DOC: il network per liuteria e manutenzione
Nasce GUITAR DOC: il network per liuteria e manutenzione
advertorial | di [user #3672] - pubblicato il

I professionisti dello strumento fanno squadra per assicurare servizi al top a chitarristi e bassisti con GUITAR DOC, il network di liuteria e manutenzione.
GUITAR DOC è il nuovo network che offre servizi di liuteria e manutenzione a chitarristi e bassisti con una formula pratica ed efficace, mirata a fornire un'assistenza certificata per i propri strumenti con la garanzia di un team esperto di professionisti alle spalle.

Il sistema prevede un package con un coupon che dà diritto a vari servizi di setup, manutenzione, personalizzazione e altri interventi presso una rete di professionisti selezionati.
I servizi vanno dalla manutenzione standard ai setup approfonditi per chitarra elettrica, acustica e basso passando per la sostituzione di parti elettroniche, hardware e refret delle tastiere. Inoltre, sarà presto disponibile un programma di coupon per la partecipazione a seminari formativi sulla manutenzione dello strumento.

Nasce GUITAR DOC: il network per liuteria e manutenzione

Il meccanismo alla base di GUITAR DOC vuole essere una garanzia di qualità e affidabilità per i professionisti ai quali si affidano i propri preziosi strumenti, oltre a rappresentare una perfetta idea regalo per qualsiasi musicista.

Sul sito ufficiale è possibile consultare l'offerta completa dei coupon, informarsi sui punti vendita abilitati e procedere all'acquisto per accedere alla lista delle strutture GUITAR DOC presso cui spendere i propri buoni.
guitar doc liuteria manutenzione
Link utili
Sito GUITAR DOC
Altro da leggere
Pubblicità
Analizzare e riparare un cavo difettoso...
Quando la rettifica non risolve i buzz...
Una chitarra snodata per studiare...
Il pickup va e viene...
Pubblicità
Commenti
di JFP73 [user #29480] - commento del 10/04/2018 ore 21:00:54
Il sito almeno nella versione mobile è inutilizzabile. Complimenti
Rispondi
di Musicgallery [user #61] - commento del 11/04/2018 ore 01:14:47
Ci spiace che lo trovi inutilizzabile, ma se rietiene di riprovare, ci faccia sapere come mai risulti inutilizzabile.
Lo stiamo regolarmente utilizzando anche da mobile, sia tablet che smartphone senza problema
Nella versione smatphone appare un menu ... a piccole righe...in alqto a sinistra che da accesso a condizoni, sho e altre aree.
Se riscontrasse problemi non esiti a farci sapere.
Rispondi
di pierinotarantino [user #29514] - commento del 12/04/2018 ore 08:35:50
Direi che comprare un servizio e non vedere dove poterne usufruire, non va benissimo. Se prendo un set up e poi scopro che per farlo, il primo lab lo trovo a 100km da casa, non mi conviene più. Direi sarebbe utile vedere gli affiliati.
Rispondi
di sand1975 [user #46451] - commento del 10/04/2018 ore 21:54:45
Mi sembra un pò caro... (ma giustamente quando allunghi la filiera aumenti i costi, deve guadagnare chi fa il lavoro ma anche chi gestisce l'ambaradam) e mancano le cose che non so fare io (sostituzione tasti) ma per chi non sa sostituire le corde può essere utile, ed è giusto che paghi, così impara! :)
Rispondi
di telecrok [user #37231] - commento del 11/04/2018 ore 09:50:12
pagare per imparare a sostituire le corde?
Rispondi
di sand1975 [user #46451] - commento del 11/04/2018 ore 09:58:07
Beh se paghi 15 euro per sostituire una muta di corde la volta dopo c’è la speranza che provi a farlo da solo. E impari. Chi non impara paga, giustamente.
Rispondi
di Musicgallery [user #61] - commento del 11/04/2018 ore 01:16:25
Abbiamo reputato che i servizi possibili da standardizzare fossero comunque da includere e sono inseirti anche i vari tipi di refret che sono disponibli sul sito.
Rispondi
di MarcoV [user #30371] - commento del 11/04/2018 ore 09:55:34
Interessante. Può essere davvero un bel servizio, soprattutto per conoscere qualche nuovo liutaio e per i neofiti (ormai pochi) che non sanno a chi rivolgersi. Mi sembra però che i prezzi siano o in media o superiori, anche di molto, rispetto a quelli di solito richiesti. Almeno rispetto ai prezzi che ci sono dalle mie parti. Ma avrete fatto la vostra analisi statistica, quindi.. In bocca al lupo!
Rispondi
di francesco72 [user #31226] - commento del 11/04/2018 ore 10:50:22
Bella l'idea, però effettivamente i prezzi per le attività "ordinarie" sono altini, comprendo che ci sono vari servizi, ma forse il problema è proprio questo. Mi limito alla mia esperienza: del pacchetto light set up il 90% me lo so e posso far da solo, tanto tra portare la chitarra al laboratorio e riprenderla ho già impiegato almeno la mezz'ora che serve per cambio corde, pulizia e verifiche di viti e meccaniche che poi se uno non sfascia le chitarre non mi pare essenziale, ma vabbe'. L'unica cosa che mi interesserebbe è la sistemazione del truss rod che preferisco sia fatta da un profesisonista, ma dovrei pagarla 50 euro che mi pare non poco. Magari una maggior possibilità di selezionare i servizi desiderati sarebbe un'idea.
Ciao
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Vox testa l’AC30 monocanale 1x12
Martin mostra in video la gamma 2018
Bitcrusher: come funziona
KODA: overdrive a triplo gain da Komet
Supa-Trem Jr: il tremolo Fulltone triplica
I più commentati
Vox testa l’AC30 monocanale 1x12
Salen: Strandberg sfida la tradizione californiana
Martin mostra in video la gamma 2018
Agostino Marangolo: come suonare "A me me piace o Blues"
'O Sole Mio
I vostri articoli
Fender Modern Player Telecaster Plus
DigiTech Obscura Altered Delay
Sterling St Vincent Signature
DV Mark Micro 50 M: piccola peste
Come sostituire un pickup sulla chitarra elettrica
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964