CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
di [user #116] - pubblicato il

Il Boss DS1 dorato realizzato in tiratura ultra-limitata per celebrare i 6 milioni di pedali venduti dal 1977 è in vendita: il prezzo è per veri fanatici.
Il mondo dell’effettistica per chitarra attrae molti collezionisti e patiti di pezzi rari di ogni epoca e provenienza. Se il Klon Centaur è divenuto un simbolo per le cifre folli che la ricercatezza di un circuito esclusivo è in grado di portare con sé, il Boss DS1 Golden Edition fa letteralmente impallidire i fan del centauro.

Il Boss DS1 Golden Edition è stato costruito il 28 febbraio 1998 per celebrare il raggiungimento dei 6 milioni di effetti venduti da Boss nel corso della sua storia.
Del tutto identico a un classico DS1 per quanto concerne componenti e sonorità, si distingue per lo chassis interamente dorato, con una placca commemorativa a fare da pulsante d’attivazione.
Anziché riportare le solite indicazioni di Input e Output in corrispondenza dei jack, il Golden Edition segnala l’ingresso per lo strumento con la data di fondazione Oct 1977 e l’uscita con Feb 1998, data di produzione dell’effetto simbolicamente proiettata verso il futuro.

In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei

Solo sei ne furono prodotti quell’anno e il prezzo a cui viene venduto l’esemplare che spunta ora in vendita non è di certo casuale: il venditore, portoghese, prende il nome di Rui’s Gear Bazaar e ha inserito un’inserzione su Reverb fissando la cifra a 6mila euro.

In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei

La vendita, qualora dovesse andare a buon fine, non segnerebbe comunque un record: un esemplare dello stesso pedale è stato venduto nel 2010 in Giappone per un 1,05 milioni di Yen, cifra vicina agli 8mila euro (paragone al cambio attuale).
boss curiosità ds1 effetti e processori
Link utili
DS1 1998 Golden Edition in vendita su Reverb
Nascondi commenti     14
Loggati per commentare

di matteo1982 [user #33974]
commento del 27/02/2019 ore 08:30:13
Collezionismo estremo: ha senso.
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 27/02/2019 ore 08:52:30
6 milioni in 42 anni
=
142.857 ogni anno
=
391 ogni giorno
=
Uno ogni 3'40"
...
Ammazza!
Rispondi
di ovinda [user #46688]
commento del 27/02/2019 ore 10:58:09
Ti sbagli, la Boss è nata nel 1977, nel 1998 si è prodotto il pedale dorato per festeggiare i 6 milioni di pezzi venduti, quindi gli anni sono 21 (dal 1977 al 1998).
Pertanto i pedali venduti sono 285.714 circa l'anno, cioè 782,77 unità circa al giorno, cioè circa 32,6 l'ora, cioè uno ogni 1'50" circa.
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 27/02/2019 ore 12:08:4
Ah, mi era sfuggito che fosse del 1998, accidenti che volume di affari hanno!
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 27/02/2019 ore 13:27:04
In realtà non son numeri fuori dal normale: considera, ad esempio, che solo in Italia nel 2017 Fiat ha immatricolato oltre 400.000 auto.
Inoltre il dato si riferisce a quel che Boss ha venduto, non a ciò che realmente è stato assorbito dal mercato: ci sono scatolotti che magari stanno a prendere la polvere sullo scaffale di un negozio per mesi o per anni. Comunque si tratta di numeri certamente importanti.
Ciao
Rispondi
di matteo1982 [user #33974]
commento del 27/02/2019 ore 14:12:3
...e io non ne ho ancora uno. Devo provvedere.
Rispondi
di DiPaolo [user #48659]
commento del 27/02/2019 ore 22:12:33
La Boss nasce nel '76 col Chorus CE-1, ha ancora la forma dei pedali Roland che fa pedali da metà anni '60, vedere il Fuzz BeeGee AF-60 simile al CE-1 ma marcato Roland di poco tempo prima, o andando indietro di alcuni anni vedere il mitico fuzz BeeBaa AF-100 che ha proprio la forma di una semplice scatola d'alluminio. Nel '76 la Roland ha costituito la Boss per la sola linea pedali. Nell' '85 Boss ha già festeggiato i 3 milioni di pedali venduti dal '76, ne ho uno con la fascetta commemorativa sulla scatola.
Chissà se questo DS-1 d'oro ha il mitico integrato Toshiba TA7136AP del primo modello del '78 montato fino al '94, su cui molti sbavano, probabilmente avrà il Rohm BA 728 M montato in quel periodo, anche la D sotto la I anziché sotto la T è identificativo del seconda serie, per cui i veri amatori lo rifuggiranno, ma i collezionisti al contrario … Saluti Paul.
Rispondi
di Johnny92 [user #43424]
commento del 27/02/2019 ore 13:48:02
Se fossi ricco non ci penserei due volte a prenderlo. È uno dei pochissimi distorsori che ha senso di esistere. Poi prenderne uno che è in edizione super-mega-iper limitata figuriamoci.
Non posseggo alcun distorsore nel mio "parco pedali", preferisco gli overdrive, ma quando un pedale era e continua ad essere punto di riferimento diventando pietra di paragone per tutti i produttori e per tutti i musicisti bisogna ammetterlo.
Sto solo aspettando che producano qualche edizione limitata dell'SD-1. Quello sarà mio ahaha
Rispondi
di KJ Midway [user #10754]
commento del 27/02/2019 ore 13:56:14
Bah il DS1 non è che sia mai stato sto gran pedale, ho una vecchia versione japan che ogni tanto spolvero e poi rimetto nel cassetto proprio perchè non suona poi così bene.

Riguardo invece al SD1 han fatto la Waza, non sarà limitata ma di meglio non trovi (parlando di SD1)
Rispondi
di Johnny92 [user #43424]
commento del 27/02/2019 ore 14:30:04
A me il DS-1 piace più di tanti altri distorsiori, e magari con la modifica Analogman è perfetto.
Per quanto riguarda l'SD-1 è uno dei miei overdrive preferiti, ne tengo 2, figurati un po', ma non mi piace il sound low end di Waza, preferisco la versione stock.
Comunque quando dicevo "edizione limitata" mi riferivo proprio a qualche ricorrenza particolare, tipo XY anniversary oppure XY million units.
Rispondi
di KJ Midway [user #10754]
commento del 27/02/2019 ore 16:43:07
Anche a me l'SD1 piace parecchio ho avuto una versione Japan una Taiwan e qualcosa più recente, la Japan mi aveva sostituito il TS9 in pedaliera a cui lo preferivo nell'uso con la LP.
il DS1 è stato il mio primo pedale preso però non mi hai entusiasmato enanche recentemente usat come boost ma non uso distorsori, son più da OD/Fuzz.
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 28/02/2019 ore 09:34:47
Mah, spinto dalla curiosità per come molti osannavano il pedale (DS1) ne ho acquistato uno usato e devo dire che non lo trovo così essenziale. Forse il suo punto di forza è quel suono "anonimo" che sta bene quasi con tutto, ma che a me proprio non serve. Quindi ora sta lì a prendere polvere mentre il MI audio crunch box è tornato titolare. Tutt'altro discorso per l'SD1 che trovo un validissimo overdrive, al pari del Tubescreamer.
Ciao
Rispondi
Loggati per commentare

di KJ Midway [user #10754]
commento del 27/02/2019 ore 14:01:40
Comunque ancora poco rispetto ai circa 8.000 che ci vogliono per prendersi un Ibanez OD9 versione per mercato francese dell'82. Non parlo del Tone Machine sempre Ibanez....
Rispondi
di Dinamite bla [user #35249]
commento del 01/03/2019 ore 09:31:22
Il Ds1 è uno dei più famosi per un semplice motivo... fino a 10-15 anni fa non esisteva altro...
Prima andavi nei negozi e in pochi sapevano cosa fossero dei pedali, in Italia giravano solo i Boss, qualche electro harmonix e poco altro.. (e altrove non era molto diverso)
Hanno venduto milioni di pezzi perchè sostanzialmente la concorrenza incredibile che c'è oggi e che sforna roba a volte super, a volte immondizia venduta a peso d'oro (ma questo è un altro discorso) non esisteva neanche lontanamente.
Mi è capitato svariate volte di provarlo in tutte le salse, mi ha sempre disgustato il ds1 e ho sempre pensato che il suo posto fosse il cesto dell'indifferenziato.
Sta moda poi ultimamente di uscire con edizioni superlimitate a prezzi folli o pedali fatti in collaborazione con Papa Francesco e Bin Laden ha un po' stufato
Rispondi
Altro da leggere
Rubber Soul: combo british in scatola
Preamplificatori da sogno: Rockett Revolver
Switchblade Pro: somma, commuta, inverti con uno switch
Looperboard: loop station avanzata da HeadRush
Slö: riverbero Multi Texture
Anche Way Huge nella guerra dei Klon
Seguici anche su:
News
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo
Morto Jim Dunlop: fondatore di Dunlop Manufacturing
Ha inizio la settimana del Namm 2019




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964