CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
A lezione di Storia con Thomas Lang
A lezione di Storia con Thomas Lang
di [user #116] - pubblicato il

Un'appassionante lezione di Storia con un insegnante d'eccezione, Thomas Lang. Il prodigioso batterista sale in cattedra per raccontarci la storia dell'Impugnatura Tradizionale, impostazione tecnica batteristica che affonda le radici in tempi lontani di marce e battaglie.
Recentemente abbiamo incontrato Thomas Lang per parlare del suo ultimo disco "ProgPop" L'occasione ci ha offerto il pretesto per coinvolgerlo in una serie di appuntamenti e lezioni esclusive qui su Accordo. Lang ha realizzato per noi un ricco e approfondito confronto tra "Traditional Grip Vs Matched Grip". Questa è la prima parte, interamente dedicata alla storia dell'impugnatura tradizionale.

"Vorrei parlare di impugnatura tradizionale e impugnatura Matched, dicendovi la mia a riguardo. Per fare un confronto sensato tra le due impugnature, credo sia necessario conoscere la genesi dell’impugnatura tradizionale; quindi, vi farò una breve vera e propria lezione di storia. In tempi antichi i batteristi erano una parte dell’esercito e avevano il compito di marciare a fianco alla fanteria. Con il rullo dei loro tamburi, incitavano e guidavano gli altri soldati nella battaglia!
Questi ragazzi portavano legati alle loro spalle dei tamburi molto grandi, oltre quaranta centimetri di diametro e altrettanti – se non di più – di profondità. Non erano molto pesanti ma erano davvero ingombranti. I tamburi sporgevano in avanti, tra le loro gambe, più o meno come il pad che ho io qui, in questo video. Quei ragazzi erano davvero goffi con quei giganteschi tamburi così appesi! Poi, finché si trattava di marciare su superfici piane, strade in buono stato tutto era sotto controllo; ma quando si iniziavano a dover affrontare strade in pendenza o il terreno accidentato di un campo di battaglia, iniziavano i guai! Immagina di dover camminare tra montagne colline, magari in un terreno fangoso con quel tamburo gigante al guinzaglio e, mentre cerchi di non cadere, dover stare anche concentrato a tenere il tempo!

A lezione di Storia con Thomas Lang

La soluzione fu cambiare la posizione del tamburo. Spostandolo lateralmente, sul fianco di destra, si riusciva a tenere sgombro il movimento delle gambe, rendendo più agevole la camminata. Così, si potevano affrontare nuovamente le salite, riuscendo al contempo a suonare.
Sorgeva però un altro inconveniente: il tamburo appoggiato sull’anca, costringeva i ragazzi a una continua torsione, una postura innaturale che dopo appena un’ora di marcia ed esecuzione musicale rendeva la loro spalla destra doloranti!
Ecco allora l’introduzione dell’impugnatura tradizionale: la bacchetta restava nello stesso punto ma ruotava il braccio che la reggeva. Il movimento percussivo della bacchetta, in questo modo, non era più affidato alla spalla, ma al solo polso e avambraccio. Anzi, a ben guardare, il movimento del braccio ora non era nemmeno più percussivo ma rotatorio. (GUARDA VIDEO)
Quindi, si garantiva relax totale alla spalla e si riusciva a marciare suonando, senza il rischio di affaticarsi troppo o, soprattutto, di inciampare e finire con la faccia nel fango!
Questa è la storia di come è nata l’impugnatura tradizionale. Un tipo di impostazione tecnica che quindi,  nasce dalla risoluzione disperata di un problema che oggi, per un batterista o musicista moderno è totalmente inimmaginabile: marciare e suonare contemporaneamente in un campo di battaglia!
Io ho utilizzato questa impugnatura per una vita, 35 anni. Quando ne avevo solo 4 il mio primo maestro di batteria mi insegnò a tenere le bacchette così e da allora ho imparato a suonare con questa impostazione e l’ho utilizzata per tutto quel tempo. Fino a quando, sono passato all’impugnatura Matched che ora utilizzo principalmente.  Mi capita ancora di suonare con l’impugnatura tradizionale e direi che tutti i miei chop sono in piena efficienza; certo, non li pratico molto ma credo di aver fatto così tanto esercizio in passato che i frutti di quel lavoro sono ancora saldi nel mio playing."

batteria acustica batteristi lezioni lezioni di batteria thomas lang
SOSTIENI LA MUSICA

Dal 1992 ACCORDO si impegna a favore di chi fa musica, offrendo gratuitamente contenuti di alta qualità e servizi. Sostieni ACCORDO per sostenere la musica italiana nella sua stagione più difficile.

Dona adesso e usufruisci dei serviizi riservati ai sostenitori!
Link utili
Il sito di Thomas Lang
Acquista l'ultimo Cd di Thomas Lang, "ProgPop"
In vendita su Shop
 
SENNHEISER IE40 PRO BK AURICOLARI PROFESSIONALI IN-EAR MONITOR CUFFIA MONITOR BLACK IE-40-PRO
di Borsari Strumenti Musicali
 € 95,00 
 
Mackie SRM350 V3
di Banana Music Store
 € 316,00 
 
Rico Plasticover Clarinetto Mib 2
di Banana Music Store
 € 14,90 
 
SENNHEISER XSW2865 SET VOCE E BAND RADIOMICROFONO WIRELESS XSW-2-865
di Borsari Strumenti Musicali
 € 489,00 
 
TC Electronic Flashback
di Banana Music Store
 € 156,00 
 
Samson AH7/QE E2
di Banana Music Store
 € 254,00 
 
Warm Audio WA-14
di Banana Music Store
 € 475,00 
 
REMO - AMBASSADOR CLEAR 20
di Music Works
 € 32,00 
Nascondi commenti     2
Loggati per commentare

di enricofra [user #29774]
commento del 24/07/2020 ore 09:24:
Suono per divertimento la batteria (autodidatta) ma nella mia profonda ignoranza ed inesperienza sono convinto che avere due impugnature diverse non sia utile, ottenere ad esempio due colpi uguali destro-sinistro usando due gruppi muscolari diversi già di per se è un controsenso e ti obbliga a svolgere un lavoro ed uno sforzo superiori alla norma .......infatti lo stesso autore sostanzialmente alla fine afferma la stessa cosa.
Rispondi
di theoneknownasdaniel [user #39186]
commento del 24/07/2020 ore 14:36:27
L'impugnatura matched permette di lavorare senza dover adattare la postura eretta ai pezzi della batteria, secondo me è l'ideale per questo strumento.
Rispondi
Altro da leggere
Marco Minnemann fa 13!
Marco Minnemann & i Tempi Dispari - Il 5/16
Simon Phillips: Suono & Accordatura
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Aaron Spears: sospensione & pulsazione
Aaron Spears: rullo alternato fra cassa e mani.
Agostino Marangolo e la batteria di "“Quanno Chiove” di Pino Daniele
Intervista a Dave Abbruzzese: da icona grunge a produttore
Linear con integrazione del doppio pedale
Linear Fill: il metodo di batteria
Adam Deitch: batterista e produttore
Virgil Donati: soundcheck e riscaldamento prima dello show
Dei Lazzaretti: chi non va a tempo, suona da solo
Agostino Marangolo: come suonare "A me me piace o Blues"
Roberto Gualdi: "Andare a tempo. Predisposizione o formazione?"
Virgil Donati: come nasce una canzone
Fondere stili per creare groove ibridi
Maurizio Dei Lazzaretti: lettura, ascolto e interpretazione
The Framers: il jazz contemporaneo racconta la pittura
Jeff Bowders: studiare in una scuola di musica
Thomas Lang: "La mia batteria? Un lupo travestito da pecora"
Fare musica non è una gara di precisione
The Framers: un groove sull'orlo del precipizio
Jeff Bowders: "Se ti piace: suonalo!"
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Multieffetto Zoom Ac-3
Visualizza l'annuncio
vox ac15c1
Visualizza l'annuncio
CHARVEL PRO-MOD DK24
Seguici anche su:
Altro da leggere
Fender Stratocaster #0018 del 1954: il restauro ToneTeam
E se il ritorno al rock passasse dalla realtà virtuale?
Che cos’è il blues? Il video
Un plotone di star per il vaccino con la chitarra dei Tenacious D
Il fenomeno Maneskin
La posizione del pickup al manico tra mito e scienza
Fender a 21 o 22 fret: cosa cambia?
La Made From Melbourne di Maton è costruita con pezzi di teatri austr...
Vuoi fare l’influencer? Spiacente: YouTube non paga
Lo streaming funziona, se sai cosa vendi
Non farti fregare: impara a leggere i numeri dei social
Le telecamere di The Scene al Grand Ole Opry
Il rock è reazionario
A Sanremo ha vinto il rock: e giù tutti a indignarsi
Una foto svela per errore la prima Silver Sky SE?




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964