DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Vendita record per la giapponese senza nome di Jimi Hendrix
Vendita record per la giapponese senza nome di Jimi Hendrix
di [user #116] - pubblicato il

La chitarra elettrica senza marca che ha accompagnato Jimi Hendrix agli esordi è stata battuta all’asta per oltre 200mila dollari.
Nell’immaginario generale, la figura di Jimi Hendrix non può che essere associata a una Fender Stratocaster. Tuttavia, nel corso della sua carriera, il prodigio di Seattle ha imbracciato numerosi strumenti più e meno pregiati. Tra questi, la più misteriosa è senza dubbio la chitarra elettrica di produzione giapponese priva di marchio sulla paletta con cui ha mosso i primi passi nella scena americana e che ora spunta dalla sua vecchia custodia per essere battuta all’asta a una cifra record.

L’asta, tenutasi presso GWS Auctions, si è conclusa l’8 agosto 2020 e ha registrato un’offerta vincente di 180mila dollari, a cui si sommano i diritti d’asta raggiungendo così una cifra di 216mila dollari: il quadruplo rispetto alla base d’asta fissata a 50mila dollari.

Vendita record per la giapponese senza nome di Jimi Hendrix

La precisa provenienza della chitarra è tuttora un mistero. Priva di firme o marchi, riporta solo l’incisione “Japan” sulla placca che fissa il manico al corpo.
Tutt’altro che un’opera di alta liuteria, si tratta di una double cut dal profilo leggermente asimmetrico con un netto contour per l’avambraccio e un deciso sunburst a tre toni.
Un grosso battipenna tartarugato ospita due single coil non standard, dalla scocca rettangolare e con viti regolabili in cima. Compaiono anche due piccoli interruttori, presumibilmente per l’attivazione individuale dei pickup. I potenziometri di volume e tono sono montati su una placca in metallo, insieme al jack d’uscita.

Sei meccaniche in linea si susseguono su una paletta dai richiami stratoidi e un grosso abbassacorde aumenta la pressione sul capotasto, o quello che ne resta.
Nelle foto non compare il ponte, apparentemente un modello in stile tune-o-matic avvitato direttamente nel legno in due punti e abbinato a un sistema vibrato simile a quello di una Fender Jazzmaster.

Vendita record per la giapponese senza nome di Jimi Hendrix

Secondo GWS, Hendrix cominciò a suonare lo strumento in oggetto poco dopo essere rientrato dall’esercito nel 1962. In quel periodo, Jimi si trasferì a Clarksville, nel Tennessee, dove affiancò musicisti come Wilson Pickett, Slim Harpo, Sam Cooke, Jackie Wilson, Ike e Tina Turner, prima di spostarsi verso Harlem nel 1964.
Quando, nel 1966, si trasferì a Londra, lasciò la chitarra al suo amico Mike Quashie. Questi, prima di morire nel 2019, ha provveduto a documentare l’autenticità dello strumento.

La chitarra arriva al 2020 in un buono stato di conservazione, ma venduta senza corde per preservarne l’autenticità al 100%.
Sul sito GWS a questo link è possibile vederla più da vicino in una dettagliata gallery fotografica e leggerne la storia completa.
chitarre elettriche curiosità jimi hendrix
Link utili
La chitarra all’asta su GWS Auctions
Mostra commenti     0
Altro da leggere
Un amore che non tramonta mai: cara mia Stratocaster
La Music Man Kaizen di Tosin Abasi in video
Jeff Beck e la Fender Strat 1957 in video
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Versatilità e dubbi: l'ampli definitivo?
Amplificatori: abbiamo incasinato tutto?
SHG 2022 Vintage Vault: Isle Of Tone
Dubbi esistenziali: la chitarra più versatile?
Brian May e i Queen su Radiofreccia
Usato? Siete fuori di testa!
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964