CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Vendita record per la giapponese senza nome di Jimi Hendrix
Vendita record per la giapponese senza nome di Jimi Hendrix
di [user #116] - pubblicato il

La chitarra elettrica senza marca che ha accompagnato Jimi Hendrix agli esordi è stata battuta all’asta per oltre 200mila dollari.
Nell’immaginario generale, la figura di Jimi Hendrix non può che essere associata a una Fender Stratocaster. Tuttavia, nel corso della sua carriera, il prodigio di Seattle ha imbracciato numerosi strumenti più e meno pregiati. Tra questi, la più misteriosa è senza dubbio la chitarra elettrica di produzione giapponese priva di marchio sulla paletta con cui ha mosso i primi passi nella scena americana e che ora spunta dalla sua vecchia custodia per essere battuta all’asta a una cifra record.

L’asta, tenutasi presso GWS Auctions, si è conclusa l’8 agosto 2020 e ha registrato un’offerta vincente di 180mila dollari, a cui si sommano i diritti d’asta raggiungendo così una cifra di 216mila dollari: il quadruplo rispetto alla base d’asta fissata a 50mila dollari.

Vendita record per la giapponese senza nome di Jimi Hendrix

La precisa provenienza della chitarra è tuttora un mistero. Priva di firme o marchi, riporta solo l’incisione “Japan” sulla placca che fissa il manico al corpo.
Tutt’altro che un’opera di alta liuteria, si tratta di una double cut dal profilo leggermente asimmetrico con un netto contour per l’avambraccio e un deciso sunburst a tre toni.
Un grosso battipenna tartarugato ospita due single coil non standard, dalla scocca rettangolare e con viti regolabili in cima. Compaiono anche due piccoli interruttori, presumibilmente per l’attivazione individuale dei pickup. I potenziometri di volume e tono sono montati su una placca in metallo, insieme al jack d’uscita.

Sei meccaniche in linea si susseguono su una paletta dai richiami stratoidi e un grosso abbassacorde aumenta la pressione sul capotasto, o quello che ne resta.
Nelle foto non compare il ponte, apparentemente un modello in stile tune-o-matic avvitato direttamente nel legno in due punti e abbinato a un sistema vibrato simile a quello di una Fender Jazzmaster.

Vendita record per la giapponese senza nome di Jimi Hendrix

Secondo GWS, Hendrix cominciò a suonare lo strumento in oggetto poco dopo essere rientrato dall’esercito nel 1962. In quel periodo, Jimi si trasferì a Clarksville, nel Tennessee, dove affiancò musicisti come Wilson Pickett, Slim Harpo, Sam Cooke, Jackie Wilson, Ike e Tina Turner, prima di spostarsi verso Harlem nel 1964.
Quando, nel 1966, si trasferì a Londra, lasciò la chitarra al suo amico Mike Quashie. Questi, prima di morire nel 2019, ha provveduto a documentare l’autenticità dello strumento.

La chitarra arriva al 2020 in un buono stato di conservazione, ma venduta senza corde per preservarne l’autenticità al 100%.
Sul sito GWS a questo link è possibile vederla più da vicino in una dettagliata gallery fotografica e leggerne la storia completa.
chitarre elettriche curiosità jimi hendrix
SOSTIENI LA MUSICA

Dal 1992 ACCORDO si impegna a favore di chi fa musica, offrendo gratuitamente contenuti di alta qualità e servizi. Sostieni ACCORDO per sostenere la musica italiana nella sua stagione più difficile.

Dona adesso e usufruisci dei serviizi riservati ai sostenitori!
Link utili
La chitarra all’asta su GWS Auctions
In vendita su Shop
 
DUNLOP 83CN TRIGGER ACOUSTIC CURVED NICKEL CAPOTASTO CURVO PER CHITARRA ACUSTICA ED ELETTRICA
di Borsari Strumenti Musicali
 € 25,00 
 
FENDER AMERICAN PERFORMER STRATOCASTER HSS CHITARRA ELETTRICA BLACK NERA
di Borsari Strumenti Musicali
 € 1.199,00 
 
Zildjian 14" A Stadium Medium
di Banana Music Store
 € 399,00 
 
Pelle Remo Emperor Suede da 16
di Centro della Musica
 € 17,50 
 
Soundsation DAB-10
di Banana Music Store
 € 27,00 
 
Condensatori CZMX-2 0,047
di Chitarre e componenti
 € 12,00 
 
Schlagwerk CP150
di Banana Music Store
 € 115,00 
 
MARKBASS Traveler 151P CASSA PER BASSO 1X15 400W
di Borsari Strumenti Musicali
 € 549,00 
Nascondi commenti     0
Loggati per commentare

Al momento non è presente nessun commento
Altro da leggere
Jackson Soloist SLX DX: leggenda in total black
Fender Stratocaster #0018 del 1954: il restauro ToneTeam
Ibanez amplia le Iron Label con ancora più violenza
Migliorare l’accordatura con Tune-o-matic e Bigsby
Da Nashville a Perugia: restauro di una Telecaster del 1952
La Classic che non ti aspetti
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
Fender Stratocaster #0018 del 1954: il restauro ToneTeam
E se il ritorno al rock passasse dalla realtà virtuale?
Che cos’è il blues? Il video
Un plotone di star per il vaccino con la chitarra dei Tenacious D
Il fenomeno Maneskin
La posizione del pickup al manico tra mito e scienza
Fender a 21 o 22 fret: cosa cambia?
La Made From Melbourne di Maton è costruita con pezzi di teatri austr...
Vuoi fare l’influencer? Spiacente: YouTube non paga
Lo streaming funziona, se sai cosa vendi
Non farti fregare: impara a leggere i numeri dei social
Le telecamere di The Scene al Grand Ole Opry
Il rock è reazionario
A Sanremo ha vinto il rock: e giù tutti a indignarsi
Una foto svela per errore la prima Silver Sky SE?




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964