CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Il toro, l'orso e la chitarra in tempi di pandemia
Il toro, l'orso e la chitarra in tempi di pandemia
di [user #3] - pubblicato il

Tra il 2007 e il 2017 il mercato della chitarra ha subito un calo di vendite tale da far ipotizzare che la storia delle sei corde fosse arrivata al capolinea. Ma solo un paio d’anni dopo, quasi all’improvviso, ecco la pandemia a rimettere una voglia matta di comprare strumenti e suonarli.

Toro e orso sono le due immagini che per gli economisti indicano rispettivamente crescita solida del mercato (la carica impetuosa del toro) contrapposta a stagnazione e calo (il letargo durante il quale l’orso dimagrisce). Tra il 2007 e il 2017 il mercato della chitarra visse un letargo tanto importante - calo di oltre il 30% del fatturato - da indurre il Washington Post a pubblicare l’articoloWhy my guitar gently weeps: The slow, secret death of the six-string electric” (“la morte lenta e segreta della sei-corde”), che sembrò segnare il tramonto definitivo dello strumento.

Il toro, l'orso e la chitarra in tempi di pandemia

La realtà fu meno drammatica del previsto, perché il calo aveva toccato il fondo. Seguirono un paio d’anni di lieve ripresa, poi, all’improvviso, ecco la pandemia a ribaltare la situazione, sfatando il terrore del lockdown e innescando una ripartenza tanto energica quanto inaspettata.

«Abbiamo battuto ogni record - dice Andy Mooney, CEO di Fender Musical Instruments Corporation in un’intervista rilasciata al New York Times dal titolo significativo “Guitars are back, baby! - e se me l’avessero detto a marzo non ci avrei mai creduto». Confermano anche Gibson, Martin, Taylor e altri grandi produttori di chitarre, stupiti dai picchi di vendite in lockdown. La frase di un commesso di Sweetwater, citata nello stesso articolo, riassume la situazione come meglio non si potrebbe: «È come se ogni giorno fosse Black Friday».
Ma un altro dato su questa assurda primavera 2020 è ancora più confortante della musica dei registratori di cassa: a quanto dicono i report, la formidabile crescita è generata per oltre il 50% da principianti, in gran parte giovani e donne. Il 20% dei nuovi adepti alla chitarra ha meno di 24 anni, il 70% meno di 45 anni e il 45% è di sesso femminile (un dato quasi raddoppiato rispetto a dieci anni prima). Insomma, va benissimo: la maledetta pandemia sta dimostrando che vabbé la Playstation, vabbé l’iPad, vabbé Netflix, ma quando il gioco si fa duro i duri cominciano a suonare e fare musica diventa il miglior passatempo del mondo.

Il toro, l'orso e la chitarra in tempi di pandemia

Che se poi cominci con impegno, finisce che non smetti più: se fino al 2018 il 90% dei nuovi arrivati mollava dopo un anno, nel 2020 i dropout sono scesi al 65%, in costante calo. Una rinata voglia di fare musica che ha prodotto anche una crescita verticale degli accessi ai siti di didattica: la piattaforma Fender tra marzo e giugno è passata da 150mila a quasi un milione di iscritti e anche i siti indipendenti nel mondo, tra cui Accordo con la sua Didattica, hanno fatto registrare impennate di accessi senza precedenti. 
Ma questa magnifica botta di vita della chitarra apre anche una questione spinosa: quanto di questa rinata passione andrà a vantaggio dei negozi tradizionali? Perché se è vero che si sta vendendo un sacco, è altrettanto vero che le vendite sul territorio, nei negozi fisici, sono particolarmente importanti ai fini della buona salute del mercato.

Il toro, l'orso e la chitarra in tempi di pandemia

Ne è convinto anche Andy Mooney, il quale pensa che i negozi di strumenti musicali indipendenti siano destinati a vivere a lungo, almeno fino a quando esisterà la chitarra. E che siano molto importanti per tutto il settore, tanto che Fender sta mettendo in campo nuove strategie per sostenerli. «Oggi i nostri prodotti si vendono ancora per oltre il 50% in negozi tradizionali indipendenti - dice Mooney -. I musicisti vogliono esaminare lo strumento, toccarlo, valutarne il feel, sentire come sta in mano e come suona nel loro amplificatore preferito. Ed è importante che i negozianti migliorino l’esperienza del cliente quando entra in negozio, adeguandola al nuovo key-target di consumatori e alle loro nuove aspettative. Chi non saprà adeguarsi rischia di perdere una straordinaria opportunità. Questo però ancora non è chiaro a tutti: vedo qualche cambiamento, ma c’è ancora molto da fare e i negozianti devono sbrigarsi, anche perché l’industria sa muoversi in fretta».
Un tema su tutti sta a cuore al CEO di Fender: «servono venditori di sesso femminile. Molti negozianti pensano che non ci siano donne che suonano perché non ne vedono tra i loro clienti. In realtà una nostra recente ricerca di mercato dice che il numero di donne che suona la chitarra è in crescita da almeno tre anni, ma che i loro acquisti avvengono quasi esclusivamente online, perché le donne non si sentono a proprio agio a causa della connotazione profondamente maschile dei negozi.»

Il toro, l'orso e la chitarra in tempi di pandemia

Michael Amkreutz, è vicepresidente esecutivo di Guitar Center, quasi 300 negozi negli Stati Uniti per un 80% di fatturato a fronte del 20% generato dal sito. Dopo il rischio di fallimento anche a causa del lockdown, GC ha ripreso energia grazie a un’emissione di bond per far fronte ai debiti. Oggi le vendite stanno riprendendo i ritmi di un tempo e il futuro del colosso americano è meno incerto. Amkreutz, egli stesso musicista e regista del progetto di ripartenza di Guitar Center, in una recente intervista rilasciata a Forbes suggerisce le cinque strategie che un negozio “mortar and bricks” (“calce e cemento”) deve adottare per cogliere le opportunità del nuovo mercato globale, indubbiamente competitivo, ma anche vivo e attivo. I concetti sono ovviamente riferiti al mercato americano, ma alcuni spunti possono essere interessanti anche per l’Europa.

Il toro, l'orso e la chitarra in tempi di pandemia

1 - Conosci i tuoi clienti, scopri i loro desideri. Segui le star che mettono la chitarra al centro della loro musica, studiane i linguaggi. Impara da Ed Sheeran o Taylor Swift, che parlano a Millennials e Generazione Z, il tuo target primario oggi.
2 - Ogni acquisto è favorito se lo stato d’animo è positivo. Rendi gradevole l’esperienza dei tuoi clienti da quando entrano, invitali a suonare senza che sentano pressione ad acquistare. Domandati quale atmosfera li può mettere a proprio agio. E prova a stupirli.  
3 - Offri comodità. La scienza del marketing dice che tanto più la loro esperienza di acquisto è agile e confortevole, tanto più i clienti sono indotti ad apprezzare il negozio e a dargli fiducia per i propri acquisti. 
4 - Aggiungi valore alla merce che vendi. Ad assistenza senza compromessi e difficoltà aggiungi opportunità culturali e di intrattenimento. Showcase, mini concerti, lezioni, workshop sono attività determinanti per fidelizzare i clienti. 
5 - La vendita “omnichannel” garantisce al cliente un’esperienza completa e soddisfacente. Oltre ad accoglierli in negozio, mantieni il contatto online, con un sito accattivante e aggiornamenti. Invitali a venirti a trovare se partecipi alle manifestazioni sul territorio.

Il toro, l'orso e la chitarra in tempi di pandemia

Ecco. In estrema sintesi, questa pappardella serve ad affermare che: (1) il lockdown è stato un disastro, ma ha lasciato anche del buono, perché tante persone hanno avuto voglia di fare musica e hanno acquistato strumenti musicali. (2) Tra tutti i negozi reali sul territorio, quelli di strumenti musicali sono tra i più importanti grazie alla relazione particolare che si instaura tra musicista e strumento, una relazione molto fisica appunto. Quindi c’è un futuro complesso ma luminoso per chi vende chitarre tra quattro mura. (3) I negozi sul territorio non possono pensare di battere le grandi organizzazioni di vendita online  in una guerra dei prezzi, né facendo pressioni sui fornitori perché penalizzino chi non rispetta i cosiddetti "prezzi imposti" (un’azione che oltretutto è illegale in Europa), ma migliorando l’esperienza dei loro clienti, che è un'azione molto meno difficile di quanto possa sembrare. E infine (4): ci sono un sacco di donne là fuori che già comprano strumenti e suonano, ma non si sentono a proprio agio quando entrano in un negozio. È ora di fare in modo che cambino idea.
curiosità guitar center musica e lavoro
ABBIAMO BISOGNO DI TE!

Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Competenze e lavoro per produrli comportano costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo difficile. Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere la qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
Link utili
Washington Post 2017: The slow, secret death of the six-string electric
New York Times 2019: Guitars are back baby!
Accordo - Didattica
Guitar Center
Omnichannel marketing: cos’è
The importance of knowing your customer
RPM: divieto di prezzi imposti in Europa
In vendita su Shop
 
Gibson 1989 Chet Atkins Country Gentleman
di Daniele Guido Cabibbe
 € 3.500,00 
 
MOOER WOODVERB
di SLIDE
 € 79,00 
 
Zildjian 14" A CUSTOM EFX , Nuovo Imballato , Spedizione Inclusa
di Dream Music Studio
 € 195,00 
 
Blackstar Id Core 10 v2
di Banana Music Store
 € 108,00 
 
Fender Chrome Steel Slide
di Music Island
 € 10,00 
 
Beta Aivin BEQ1
di Generalsound SRL
€ 51,00
 -20%  € 40,80
 
BOSS BR 1180CD Studio di registrazione digitale
di Musicanova
 € 249,00 
 
wilkinson wv2 series
di Scolopendra
 € 35,00 
Mostra commenti     27
Altro da leggere
JHS vende il primo Centaur mai prodotto
Il NAMM non si fa, ma i costruttori ci sono tutti
Canzoni sbagliate!
Morto Alexi Laiho: fondatore dei Children of Bodom
Brand da tenere d’occhio nel 2021
No: questo non è lo schema del chip Covid-19
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
SOLDANO HOT ROD 100 PLUS
Visualizza l'annuncio
NUX Mighty Plug - Come Nuovo, in garanzia
Visualizza l'annuncio
Jad Freer Groan Chorus
Seguici anche su:
Altro da leggere
JHS vende il primo Centaur mai prodotto
Il NAMM non si fa, ma i costruttori ci sono tutti
Canzoni sbagliate!
Morto Alexi Laiho: fondatore dei Children of Bodom
Brand da tenere d’occhio nel 2021
No: questo non è lo schema del chip Covid-19
Sotto l'albero del chitarrista: una guida disinteressata
Il Natale del Baby Boomer
Un plettro da 4,5 miliardi di anni
Ti annoi? Satchel ti insegna i versi degli animali sulla chitarra
L’Octavia di Band Of Gypsys battuto per 70mila dollari
Guitar Man: Joe Bonamassa in un documentario
I 5 acquirenti che non vorresti mai trovare
Lo sapevi che...? La nuova rubrica Instagram di Accordo.it
L’evoluzione inaspettata della mia pedalboard




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964