CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Dario Giordano e le chitarre classiche orchestrali
Dario Giordano e le chitarre classiche orchestrali
di [user #116] - pubblicato il

Dario Giordano chitarrista e didatta di lungo corso ha rivolto parte del suo lavoro come docente alle ensemble chitarristiche, formate da giovani studenti di chitarra classica. Per ottenere il meglio da questi gruppi ha scelto di utilizzare strumenti particolari, le chitarre classiche orchestrali: baritone, contralti e contrabbasse. L'abbiamo raggiunto per un'intervista per approfondire proprio l'utilizzo di questi strumenti.
Da cosa si parte per creare un ensemble di chitarre? Pensi prima ai brani, oppure parti dal materiale umano con cui ti trovi a lavorare?

Dobbiamo distinguere due scenari: Quello professionale e quello didattico. Se si lavora con professionisti sicuramente parto dal repertorio che voglio realizzare. Molto più complesso e variegato è lo scenario didattico. In Accademia con alunni piccoli si inizia col realizzare brani dove la parte melodica è dominante rispetto a quella armonica e di accompagnamento. Alle scuole ad indirizzo musicale cambia notevolmente lo scenario. La platea degli alunni è molto variegata, si va dall’alunno dal talento limpido all’alunno poco studioso o addirittura con palesi difficoltà di esecuzione. Oggi si parla tanto di didattica inclusiva. Io cerco sempre, nel limite del possibile, di includere tutti nell’organico, avendo cura di affidare le parti più complesse a quegli alunni che possono sostenerle e semplificando il materiale per gli altri. L’importante è fare parte della squadra ed eseguire sempre con rigore il compito affidato qualunque esso sia. Non ci sono ruoli più importanti o più difficili, è solo questione di responsabilità, ognuno avrà quella che riesce a gestire al meglio. Dal punto di vista musicale nessun alunno deve trovarsi in condizioni di disagio e deve poter portare a termine il suo compito con impegno ma senza traumi.

La chitarra classica è spesso vista come uno strumento solista, anzi a volte anche solitario. Quanto è importante la dimensione di gruppo invece?

Per me è fondamentale rompere l’isolamento nel quale il musicista si trova per sua stessa natura catapultato. Tutta la mia didattica è protesa verso la dimensione del suonare insieme. Nel percorso della scuola ad Indirizzo Musicale non faccio mai lezioni singole, e dai primi esercizi sulle corde a vuoto faccio suonare simultaneamente gli alunni, con accompagnamento musicale. Cerco di creare fin da subito una forma mentis orchestrale, quindi rigore ritmico, capacità di lettura estemporanea e abitudine all’ascolto reciproco, a partire dagli esercizi tecnici ai brani di repertorio che spesso gli alunni, per divertimento, mi chiedono di suonare insieme.

Come ti muovi per l'arrangiamento dei pezzi per sole chitarre nylon strings?

Come dicevo prima se si tratta di bambini piccoli do maggiora importanza all’evento melodico lasciando la parte armonica o di accompagnamento ad alunni di corso più avanzato. Poi molto dipende dalla natura del brano, comunque cerco sempre di avere parti di accompagnamento chiare e chitarristiche, e far muovere le altre chitarre in maniera polifonica, ognuno con la propria individualità come avveniva nella polifonia rinascimentale. Non mi piace molto la tendenza moderna di suddividere le note dell’accordo tra diverse chitarre. Sicuramente è più semplice lavorare cosi: un basso, tre chitarre che eseguono la parte accordale suddivisa ed una che fa la melodia. Per me tutto ciò è molto riduttivo e poco rispettoso della natura melodica della chitarra ma anche delle stesse capacità degli alunni che si motivano se posti di fronte a parti musicali più complesse ma non banali. Questo risolve anche le tensioni tra gli stessi alunni che interpretano l’assegnazione della melodia come un attestato di merito alle proprie capacità, mentre l’assegnazione delle altre parti di accompagnamento viene vista come una bocciatura essendo prive di interesse musicale. Creare un tessuto polifonico più ricco ed interessante diviene da stimolo per tutti gli alunni, anche quelli meno dotati.  Questa è la mia filosofia anche quando scrivo per tutta l’Orchestra scolaresca, ognuno ha il proprio compito mai banale ma creato su misura come un abito sartoriale. Poi quando posso cerco di usare materiale originale per orchestra di chitarre che nasce appositamente per lo strumento e quindi sfrutta al meglio le sue possibilità. 

La possibilità di avere a che fare con strumenti con estensioni diverse invece immagino ti faciliti molto in questo frangente. 

Sicuramente apre nuovi scenari, sia dal punto di vista dell’estensione di note da poter utilizzare, ma sopratutto dal punto di vista timbrico, usando strumenti che hanno una loro identità.



Ci parli un po' di questi strumenti diversi? 

La linea di chitarre orchestrali di Salvador Cortez mette a disposizione di noi docenti di chitarra tre magnifici strumenti dalle fatture molto professionali, con foderi su misura di grande qualità, e sopratutto in una fascia di prezzo impensabile per tale categoria di strumenti mai prodotti  prima su scala industriale ma solamente artigianale. 
La chitarra contrabbasso CS60CB e una chitarra dalla scala maggiorata ed accordata esattamente un ottava sotto le normali chitarre classiche. Ha un suono potente e profondo che viaggia molto. Non è un basso acustico strumento spesso utilizzato in sostituzione, ma di natura timbrica totalmente diversa perché con corde di metallo e che in genere necessita di amplificazione facendo spesso saltare gli equilibri musicali. La chitarra contrabbasso Cortez monta sei corde in nylon rivestite ed ha il timbro della chitarra e la sua sonorità. Chiaramente l’utilizzo immediato e quello di affidarle un ruolo di basso, ma si può lavorare molto per scoprire e sfruttare appieno la sua natura polifonica. La chitarra contralto Cortez CC60AL e uno strumento dalla scala ridotta e con una piccola rientranza nella spalla inferiore della cassa che consente il libero accesso a tutti i tasti. E’ accordata una quarta sopra le normali chitarre, ha una natura marcatamente melodica dando la possibilità di estendere la tessitura verso l’alto di molte note visto la confortevole accessibilità fino agli ultimi tasti. Ha un timbro chiaro ma corposo allo stesso tempo, non è un ukulele o un mandolino, ma una chitarra a tutti gli effetti che può anche trovare utilizzo in maniera polifonica e accordale. Lo strumento più enigmatico ma allo stesso tempo più affascinante e pieno di risorse è la chitarra baritono Cortez CC60BA. Monta corde in nylon rivestito ed è accordata una quinta al di sotto delle normali chitarre. Io l’o utilizzata molto in maniera melodica dove da il meglio di se sulla 3, 4 e 5 corda. Va a ricoprire il ruolo dei violoncelli in orchestra dando corpo e profondità a quei temi musicali che nella tessitura bassa di una normale chitarra non avrebbero la  stessa efficacia. Ma tutta da scoprire è la sua natura polifonica e come strumento di accompagnamento a se stante, anche in contesti diversi come il folk, il pop.

Su cosa stai lavorando in questo periodo su fronte guitar ensemble?

Purtroppo in questo drammatico momento con le scuole chiuse e la Didattica a Distanza è molto difficile fare una programmazione, però il mio impegno in futuro è proteso sempre più verso la ricerca di materiale orchestrale originale sia pubblicato che inedito, cercando di coinvolgere anche i giovani compositori  delle classi di composizione dei conservatori.

Cosa ti senti di suggerire a un insegnante che volesse creare un ensemble?

Impostare da subito una didattica che sia protesa verso il suonare insieme con particolare attenzione alla scelta del repertorio di studio che deve contenere in se gia tutte quelle informazioni tecniche, musicali, di gestione accordale, polifonica e melodica, che gli alunni troveranno successivamente nel repertorio orchestrale in modo da non rimanere disorientati quando verra proposta loro questa  attività. 
Link utili
L'accademia di Dario Giordano
Le chitarra classiche orchestrali

Nascondi commenti     10
Loggati per commentare

di FBASS [user #22255]
commento del 24/03/2021 ore 20:32:20
Ai miei tempi, parlo di oltre 41 anni fa, la chitarra che ti facevano comprare quando iniziavi lo studio della chitarra classica (io e molti altri avevamo alle spalle già 14 anni di strimpellamenti su chitarre elettriche e anche circa lo stesso periodo su chitarre basso), era la Di Giorgio Signorina 16, che ancora posseggo, poi sono passate alle classiche amplificate e dato che preferisco la tavola armonica in abete e non in cedro, comperai 18 anni fa la Takamine EG124C e non il TOP che era all'epoca la EG132C, poi per esibirmi in brani che suonavo già con la mia Gibson SG Standard e la mia Fender Stratocaster, comperai poco dopo la classica solid body Washburn SBC20N dotata anch'essa di corde in nylon ma con 22 tasti e tastiera livemente bombata, chitarre che ancora posseggo anche se la spalla mancante è un colpo al cuore per i veri chitarristi classici, FBASS.
Rispondi
di Gigibagigi [user #49591]
commento del 25/03/2021 ore 10:12:54
vai al link
Rispondi
Loggati per commentare

di scorrazzo [user #37353]
commento del 25/03/2021 ore 13:46:45
La aquila corde
Produce set particolari proprio per questi utilizzi
Quelle che trasformano il range un'ottava sotto lo standard sono una vera goduria,io le ho usate per fare il ruolo del basso con un altro chitarrista strimpellando canzoni da spiaggia senza ampli.
Top
Rispondi
di FBASS [user #22255]
commento del 25/03/2021 ore 20:15:39
Le corde Aquila Thundergut al silicone bianco le ho montate sul mio Ukulele Basso della IKI-Bass, modello MB4-N, strumento che in soli 21 pollici di diapason e 16 frets mi rende un suono simile al contrabasso (infatti non uso quasi più ormai il mio basso acustico Takamine EG512C), ed ho sentito parlare bene di queste corde un'ottava sotto, mi sai dire il modello, grazie; invece sulla classica da anni uso le tre basse cordate Savarez tiraggio forte e le tre Galli nylon nere per i tre cantini, ma ho sempre qualche set completo di Augustine pronte per un'eventuale sostituzione e mi trovo pure qualche Di Giorgio in nylon, FBASS.
Rispondi
di scorrazzo [user #37353]
commento del 25/03/2021 ore 21:21:09
Sono le:Low E Tuning
Link allo shop aquila:

vai al link

Devi selezionare opzione MI grave.
Di seguito un articolo che ne parla

vai al link

Guarda bene istruzioni sul Sito x montaggio del MI grave,io son riuscito a rimediare ma x la fretta l'ho rotto e mi stavo mangiando le mani.
Usa un accordatore
Rispondi
di FBASS [user #22255]
commento del 26/03/2021 ore 07:31:58
Grazie, in quanto agli accordatori ho un Korg Cromatico con commutatore a 12 posizioni comprato 40 anni fa che uso per accordare il mio Piano Elettrico Rhodes 88 Mark I ed un Roland un po' meno anzinotto che è esteso per 6 ottave e 1/2, comunque per la classica sono abituato ad usare il diapason a percussione ma ho pure un accordatore digitale a pinza, ciao e buona musica da FBASS.
Rispondi
di Giordario [user #57049]
commento del 27/03/2021 ore 21:05:17
Sicuramente le corde Aquila sono un bene molto prezioso, però questi strumenti speciali sono creati appositamente e hanno chiaramente dei diapason diversi, quindi la resa sonora è tutta nuova.sono strumenti con una loro personalità e non solo strumenti accordati in maniera diversa.
Rispondi
di scorrazzo [user #37353]
commento del 26/03/2021 ore 14:28:28
Se si cerca su Youtube
chitarra contrabbasso CS60CB
Si trova il video dell'articolo nella cui descrizione si può selezionare i punti dove distinguere le voci delle varie accordature.
Peccato che fosse già disponibile un hanno fa e leggerne solo ora.
Le implicazioni al di fuori dell'ambiente classico sarebbero da sfruttare ed incentivare
Rispondi
di scorrazzo [user #37353]
commento del 26/03/2021 ore 15:16:2
Questo è l'unico video che ho trovato,fino a quando non ne farò uno pietoso io😁,in cui si fa un uso pop e non nella musica classica della chitarra contrabbasso

vai al link

Con la muta di cui parlo il rapporto tra le corde rimane lo stesso della chitarra però un'ottava sotto lo standard della chitarra.

Perciò si avrà l'estensione del basso ed oltre
Mettendo un capotasto mobile al quinto tasto l'equivalente di una chitarra baritono.
Suonando dal dodicesimo tasto si avrà lo standard della chitarra.
Rispondi
di scorrazzo [user #37353]
commento del 26/03/2021 ore 21:54:58
Ecco un video scadente fatto da me
vai al link
Rispondi
Altro da leggere
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio
Greeny: la Gibson Les Paul del 1959 è tornata
California Player Series: restyling per le acustiche Fender accessibili
Fralin’Tron: il Filter’Tron moderno di Lindy Fralin
Intervista a Mark Lettieri, Snarky Puppy
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio
L’asta per la White Falcon dei Foo Fighters surclassa le previsioni
Il primo BOSS CE-1 mai prodotto è in vendita
Gibson sostiene l'Ucraina
Guarda Tommy Emmanuel suonare la Ibanez Jem di Steve Vai
La chitarra elettrica fatta con mobili Ikea
Pantera reunion: gli strumenti di Dimebag Darrell sul palco con Zakk W...
In video dal vivo il prototipo della PRS Robben Ford Signature
Dean non ci sta: in appello contro Gibson
“Fulltone chiude”: il comunicato
In vendita la Gretsch White Falcon dei Foo Fighters
TAD Redbase: valvole contro la crisi
La straordinaria storia dei Pistole e Rose
I mini-robot Yamaha duettano con la tua musica




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964