DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Dean non ci sta: in appello contro Gibson
Dean non ci sta: in appello contro Gibson
di [user #116] - pubblicato il

Armadillo ricorre in appello contro il tribunale che ha riconosciuto a Gibson la paternità e i diritti dello shape della Flying V.
Ci sono nuovi sviluppi nella vicenda che ha visto Gibson e Dean Guitars darsi battaglia in tribunale per la Flying V.
Tutto ha inizio nel 2019, quando Gibson cita Armadillo - proprietario di Dean Guitars - per contraffazione: l’accusa riguarda - tra le altre - la forma della Flying V, shape utilizzato anche da Dean per alcuni dei suoi modelli più celebri.
Un rapido salto in avanti, e nel 2022 arriva la sentenza. Il tribunale dà ragione a Gibson: le chitarre Dean copiano la Flying V, e l’azienda dovrà versare una cifra in forma di risarcimento.

Nel momento stesso in cui la notizia viene diffusa, Armadillo dichiara l’intenzione di far valere le proprie ragioni, rifiutando la sentenza. Ora la reazione è ufficiale e il gruppo proprietario di Dean Guitars contrattacca in sede legale, come riporta Guitar.com.

Dean non ci sta: in appello contro Gibson

Un nuovo documento formulato da Armadillo esprime la volontà di rivalersi sulla decisione del giudice nelle sedi opportune, con la convinzione di poter ribaltare la sentenza.

In un primo momento, la giuria aveva quantificato il risarcimento dovuto in favore di Gibson in soli 4mila dollari a fronte di una richiesta iniziale di alcuni milioni di dollari. Il tutto sembrava essersi ridotto a una questione di principio ma, quando è stata confermata la decisione che le spese legali dovessero essere a carico di Armadillo, la cifra ha raggiunto la ragguardevole somma di 330mila dollari, che Dean non sembra affatto disposta a sborsare.
Alla luce delle recenti decisioni dei giudici, ricorrere in appello potrebbe essere una mossa rischiosa per Dean Guitars e i suoi partner. Col protrarsi della diatriba infatti le spese legali continueranno a crescere e, se Armadillo non giocherà bene le sue carte e la sentenza venisse riconfermata in appello, il pericolo che venga condannata a risarcire una somma tale da mettere l’azienda in difficoltà è concreto.
chitarre elettriche curiosità dean gibson
Link utili
Gibson cita Dean per contraffazione
Il giudice dà ragione a Gibson
Dean si appella contro Gibson
Nascondi commenti     9
Loggati per commentare

di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 30/08/2022 ore 15:20:50
Occhio Dean...
Rispondi
di MAURIZIO [user #49375]
commento del 30/08/2022 ore 22:45:37
Non capisco. In Cina (Indonesia, e chissà dove ancora) decine di fabbriche sfornano copie di Gibson, Fender, Gretsch, Ibanez, PRS, persino con logo contraffatto, vendute online senza battere ciglio. Eppure nessun processo, nessuna citazione, nessuna richiesta di risarcimento. L'importante è invece farci la guerra fra noi (occidentali) in casa mentre il cinese gode.
Esattamente ciò che succede qui sul suolo italico. Vedo controlli serissimi sulle nostre aziende in tema di sicurezza, tributi, assunzioni, orari. Ma dieci metri più in là il negozietto gestito da stranieri agisce al di fuori di ogni regola, impunito. E non dite che è un luogo comune.
Rispondi
di Pietro Paolo Falco [user #17844]
commento del 31/08/2022 ore 10:35:36
Quelle sono copie illegali, né più né meno delle borse fasulle che trovi sulle bancarelle ma che, ovviamente, non possono essere vendute nei negozi né pubblicizzate o prodotte "in chiaro": i siti che le vendono si suddividono tra siti che chiuderanno presto (aprendo poi un altro dominio con qualche sotterfugio), siti che si nascondono dietro un dito non mostrando le foto del prodotto effettivo e senza citare mai il brand, o siti fraudolenti che fingono di vendere chitarre con marchi noti sulla paletta ma che in realtà vogliono solo la tua carta di credito.
Rispondi
di MAURIZIO [user #49375]
commento del 31/08/2022 ore 10:51:03
D'accordo sulle copie illegali, ovviamente siamo alla frode. Però copie identiche, ad esempio, alla Strato ne vediamo a bizzeffe dove l'unica differenza è il marchio sulla paletta. Cito a caso: Eko, Roling's, Harley Benton, Vintage, Suhr... Tutti in tribunale?
Rispondi
Loggati per commentare

di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 31/08/2022 ore 14:43:59
gli shape di strato e tele sono gia' state riconosciute come standard e quindi non protette da copyright, diverso e' il discorso per la "V"
Rispondi
di chitarra-meccanica [user #11261]
commento del 01/09/2022 ore 11:01:4
Si, perché capirai quale grande designer ha creato la forma a v! Gibson cerca soldi, non a caso vende gli strumenti a prezzi obiettivamente troppo elevati per quello che sono, è questo il problema. Il mondo ormai è saturo di prodotti più o meno tutti uguali... queste sono trovate pubblicitarie nel mero tentativo di recuperare credito.
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 03/09/2022 ore 12:43:39
e' un design realizzato nel 57 ed e' stato realizzato per una chitarra....non e' tanto per la forma in se' stessa quanto per l'applicazione di quella forma ad una chitarra
Rispondi
di Oreande utente non più registrato
commento del 02/09/2022 ore 04:57:35
Su questo hai ragione, ma io ci vedo altro, ma e' solo un sentore, percio' potrei sbagliarmi. La causa e' stata persa da Dean che doveva risarcire 4mila Dollari piu' o meno, ma poco dopo salta fuori la storia che pero' ci sono le spese legali che anmmontano circa a 350mila dollari, e a questo punto Dean non ci sta e decide di rincalzare. Ok, sarebbe una follia, ma mi chiedo, quanto costa pubblicizzare un brand del genere negli Stati Uniti ? stando larghi, dai 150mila ai 450-500mila Dollari ,( Super Bowl a parte. ) ma questo nell'ambito musicale sarebbe un evento mediale di molto risalto, e qui mi viene il dubbio: e se fosse combinata ? Un accordo che a livello visivo di Marketing potrebbe giovare a tutti e due i brand. In fondo, se ne sono fatti di inciuci nel corso dei tempi, e sempre ad insaputa di tanti, perche' allora non approfittarne... soprattutto in un periodo in cui i prezzi degli strumenti giocano al rialzo ? In ultimo, rimane il fatto, che con la causa persa, in teoria Dean dovrebbe cancellare la produzione delle V , ma anche qui, nulla vieta di venirsi in contro alla fine, sempre se di marketing accordato si tratta.. Tu che ne pensi ? Un saluto ;-)
Rispondi
di redfive [user #41826]
commento del 01/09/2022 ore 13:31:09
La prossima mossa sarà far causa a Yamaha e Ibanez per la 355......
Rispondi
Altro da leggere
La Music Man Kaizen di Tosin Abasi in video
Jeff Beck e la Fender Strat 1957 in video
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
SHG 2022 Vintage Vault: il mito di Wandrè
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Visualizza l'annuncio
Gibson Les Paul Slash Signature November Burst NAMM 2020
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Versatilità e dubbi: l'ampli definitivo?
Amplificatori: abbiamo incasinato tutto?
SHG 2022 Vintage Vault: Isle Of Tone
Dubbi esistenziali: la chitarra più versatile?
Brian May e i Queen su Radiofreccia
Usato? Siete fuori di testa!
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964