VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Brian May per Gibson: una Red Special senza precedenti è all’orizzonte?
Brian May per Gibson: una Red Special senza precedenti è all’orizzonte?
di [user #116] - pubblicato il

Il chitarrista dei Queen ha annunciato la collaborazione in occasione di un evento speciale al Gibson Garage di Londra. Con lui anche Jimmy Page e Tony Iommi.
Il Gibson Garage, negozio e punto di riferimento per i fan londinesi, è stato di recente teatro di un appuntamento con tre big delle sei-corde. Due tra loro hanno sempre gravitato intorno all’universo Gibson, ma la presenza di un guitar hero in particolare stupisce il pubblico. 

All’evento, insieme a due giganti della chitarra da sempre vicini al mondo Gibson come Tony Iommi e Jimmi Page, compare un inaspettato Brian May con la promessa di grandi novità in una collaborazione con Gibson appena annunciata.

Brian May per Gibson: una Red Special senza precedenti è all’orizzonte?

Tony Iommi aveva già collaborato in passato con Gibson per la nascita della Monkey, ispirata alla SG che ha scritto i riff più celebri dei Black Sabbath.

Con Page, le strade si erano già incontrate per mettere a punto alcune edizioni limitatissime delle sue Les Paul più celebri a opera del Custom Shop. Ora sembra chiaro che, sotto i riflettori, ci finirà la sua EDS-1275, la chitarra a doppio manico di “Stairway to Heaven”.



Più fumose sono le prospettive di Brian May, su cui Gibson non si sbilancia ancora.
Il pensiero dei fan corre subito alla sua Red Special, oggetto del desiderio divenuta un vero e proprio brand con cui Brian costruisce chitarre da un paio di decenni a questa parte nonché protagonista di repliche di terze parti su ogni fascia di prezzo.

La potenza di fuoco di un’azienda come Gibson potrebbe dare il “La” per strutturare la produzione in una serie intera, più concorrenziale, organizzata e presente sul mercato in maniera più intensiva. Si tratta però di supposizioni e non è dato sapere se la collaborazione verterà su nuove edizioni e interpretazioni della sua creazione originale o se sul tavolo ci saranno modelli più classici per il marchio maricano.
Il chitarrista dei Queen ha in effetti imbracciato alcune Gibson nel corso della sua carriera, tra cui Les Paul, SG e Flying V, oltre a una nylon-string Chet Atkins SE.
Qualche contatto c’era già stato in passato, e May aveva già offerto il suo supporto nel progetto Guitars For Peace di Gibson, firmando una Les Paul personalizzata per promuovere la pace in Ucraina.

Certo è che vedere una replica fedele e storicamente corretta della Red Special originale affidata alle sapienti mani del Murphy Lab, con tutta la competenza che il laboratorio dimostra nella ricostruzione di dettagli d’usura e segni del tempo, preannuncerebbe un gran bel pezzo da collezione.
brian may gibson jimmy page tony iommi
Link utili
La SG Monkey di Tony Iommi
Brian May Guitars su Accordo
Nascondi commenti     12
Loggati per commentare

di claude77 [user #35724]
commento del 23/02/2024 ore 12:08:36
Avevo già letto la notizia su Guitar World. Sinceramente continuo a non capire tutta questa frenesia per le chitarre special e la ricerca maniacale di riprodurre uno strumento identico anche nei difetti a quello del guitar hero di turno.
Capisco il relic che anche su me ha fascino, ad oggi mai ho comprato una chitarra reliccata, ma qui si sfiora l'assurdo. Prodotti fatti per chi ha le tribute band?
Vabbè, se lo fanno avranno i loro torna conto, ma su me come chitarrista e potenziale acquirente questa roba ha zero interesse.

Detto questo potrebbe anche essere che se ne escono con una Les Paul o SG fatta su particolari specifiche di Brian May chissà. Vedremo
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 23/02/2024 ore 13:32:50
Sono d'accordo, un conto sono le signature come la wolfgang, che portano innovazioni potenzialmente utili a tutti i rocker.
Ma la Red Special o suoni i Queen o la prendi da collezione.
Rispondi
di Johnny92 [user #43424]
commento del 23/02/2024 ore 18:44:30
Esatto. Se non hai almeno 2 Vox AC30 collegati in stereo che montano alnico blue (in realtà dovrebbero essere tre, ma ce ne facciamo bastare 2), treble booster e chorus ed impari a suonare con una monetina, non te ne fai nulla della Red Special. Io ne ho avuta una, poi rivenduta dopo 2 annetti.

Anche secondo me se ne usciranno con una Flying o una SG o qualche altro modello loro, magari con i 3 pickups in stile tri-sonic.
Rispondi
di Oliver [user #910]
commento del 23/02/2024 ore 13:51:02
Ecco, appunto. Da collezione.
Fatta da Gibson costerà una follia ma, come al solito, se la contenderanno (ben prima che sia prodotta) quei pochi collezionisti facoltosi che poi probabilmente non la suoneranno neanche.
Rispondi
di elguitarron [user #8109]
commento del 23/02/2024 ore 17:04:26
Certo che Gibson martella continuamente con queste Murphy Lab, su Youtube le vedo in mano a quasi tutti...come se le "standard" fossero relegate a entry level (da quasi 3000€!). A parer mio stanno esagerando.
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 23/02/2024 ore 17:29:34
20 anni fa (avevo 20 anni) c'era più voglia di cercare il proprio suono tra i vari marchi.
Ultimamente i brand storici sembrano un must have per tutti, si vede che questa strategia per Gibson funziona.
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 24/02/2024 ore 20:32:12
Gibson non fa altro che assecondare un mercato che è sempre in crescita...vai a vedere a quanto si vendono tra privati le signature, se poi sono Aged o addirittura Aged & Signed le valutazioni passano abbondantemente il valore di molte vintage...per farti un esempio la 1st Slash 58 Aged & Signed non la trovi a meno di 35 - 40K, la Jimmy Page, la Joe Perry, la Knopfler, la Billy Gibbons stanno a ruota....non è Gibson, sono i collezionisti, le Murphy Lab sono una sorta di classe intermedia, leggermente più bassa delle Collector's choice....la cosa buffa è che per tutti queste serie di modelli la selezione dei legni e le lavorazioni che precedono le fasi di relic sono esattamente le stesse delle "comuni" Custom Shop da 5000Euro (per la 59 che è la più venduta)
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 23/02/2024 ore 18:37:09
E' bello vedere che Gibson sostiene le nuove leve: i tre della foto fanno poco più di 230 anni, insieme.
Ciao
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 24/02/2024 ore 20:33:4
e chi ci devono mettere? Noel Gallagher???
Questi tre ragazzotti han fatto buona parte della storia della musica rock
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 26/02/2024 ore 08:45:59
Voglio sperare che ci sia ancora qualche ragazzotto meno attempato che continuerà a fare storia: Jared James Nichols ha 35 anni e non è proprio l'ultimo degli scarponi, come hanno arruolato lui (o, prima, Bonamassa) potranno buttare un orecchio al mercato e scegliere qualcuno che abbia meno di 70 anni, no? Altrimenti mi sembra come il mercato del Milan di qualche anno fa: comprare solo vecchie glorie (per vendere le magliette), poi, però, i campionati li vince qualcun altro.
Ciao
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617]
commento del 03/03/2024 ore 14:18:0
Mi rifaccio alla risposta di Oliver qui sotto: Jared James Nichols è un grande, mi piace tantissimo, fuori da ogni dubbio ma come Phil X: quanti sanno chi è?
Rispondi
di Oliver [user #910]
commento del 25/02/2024 ore 09:09:56
L'iniziativa è fatta per sostenere Gibson, non le nuove leve :)))
Volenti o nolenti, lo si amo o lo si odi, Gibson è un marchio storico e leggendario.
E' fisiologico che si associ a musicisti altrettanto iconici.
Non si limita a questo, ci sono molti endorsers giovani ed apprezzabili, ma semplicemente non possono competere, non fanno altrettanto notizia. Vedo citato ad esempio in questi giorni Phil X -che per inciso mi piace tantissimo- ma quanti sanno chi è?
Rispondi
Altro da leggere
Chitarre appartenute ai grandi? Noel Gallagher ci sputa sopra, letteralmente
Theodore Standard: la Gibson perduta di Ted McCarty diventa realtà
I main highlight del catalogo Epiphone 2024
La EDS-1275 di Jimmy Page è realtà (e inarrivabile)
Le grandi donne dietro grandi chitarre
The Vintage Gibson Summit: un giorno dedicato alla storia del marchio americano
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural
Pedaliere digitali con pedali analogici: perché no?!
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964